Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gabriele Diamanti, il designer del “dissalatore solare” open source:

Gabriele Diamanti, il designer del “dissalatore solare” open source

dicembre 5, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

La bravura del designer non è solo il magico tocco estetico e la massima funzionalità donata all’oggetto ideato, ma saperlo concepire anche secondo necessità sociali e ambientali. E’questo lo sforzo di Gabriele Diamanti, designer milanese, 38 anni, percorso accademico al Politecnico di Milano e poi Berlino e infine due anni in studio con il creativo giapponese Makio Hasuike, prima di aprire lo studio DDP con Lorenzo De Bartolomeis e Filippo Poli.

Diamanti, tra le altre cose, ha disegnato e realizzato “Eliodomestico“, il prototipo di un dissalatore ad energia solare, con un funzionamento abbastanza semplice basato sull’accumulazione di calore dal sole che fa evaporare l’acqua di mare ed ottenere così acqua distillata. “Sono stato sostenuto dalla Fondazione Hermes – ci racconta – e sono entrato in finale nel premio. Il contributo mi ha permesso di realizzare dei prototipi, ma il cerchio non è chiuso. Devo fare ancora dei test, validare il funzionamento, fare i disegni e rilasciarli con le istruzioni di montaggio”.

Affinare il lavoro e poi dare il dissalatore al mondo, a chi lo vuole realizzare. Niente brevetto né produzione industriale: “E’ un lavoro open source, in modo che chi vuole lo possa realizzare. Si deve fare in modo artigianale, con dei materiali locali e secondo le esigenze. Se uno abita a Los Angeles è meglio che si colleghi al web e si compri uno strumento da 100 euro”. Per farla breve è stato pensato per zone con carenza di acqua, assettate e povere.

L’approccio alla tecnologia del professionista milanese ricordala teoria del sociologo Ivan Illich: il caso, per esempio, del telefono pubblico nel villaggio sperduto, che svolge più funzioni oltre la comunicazione personale. Allo stesso modo il dissalatore rappresenta una tecnologia a basso costo, si possono utilizzare materiali diversi per la sua costruzione, è tarata sulle esigenze reali e concrete della piccola comunità. Una tecnologia sociale. “Quando vi ho lavorato avevo in mente uno scenario d’uso rurale a basso reddito – ci spiega Diamanti - La tecnologia per la dissalazione dell’acqua è un mondo vastissimo e ci sono metodi più efficienti. Ma spesso richiedono investimenti e risorse che non si hanno a disposizione. Questo oggetto, invece, ognuno può usarlo, ma lo immagino costruito con materiali del luogo nelle zone più sperdute del pianeta“. In altri termini è adattivo al contesto ambientale, economico e sociale.

Un altro progetto interessante di Diamanti, sempre legato alla tutela e valorizzazione della risorsa idrica, è “Bevetenetutti“. Qui la progettazione ha una finalità simbolica e politica più che applicativa. Si tratta di una serie di tubi collegati che captano l’acqua pubblica e la ridistribuiscono per diversi usi alla comunità. “L’ho realizzata con Lorenzo De BartolomeisFilippo Poli, soci nello studio DDP, ed è stato il nostro lavoro inaugurale. Risale al 2010 ed è un’installazione urbana temporanea che utilizzava l’acqua potabile dalle tubature per poi renderla disponibile a chiunque”. Per capire meglio serve una contestualizzazione storica: “Eravamo nel periodo in cui si discuteva dell’esito del referendum dedicato all’acqua pubblica. Il nostro è stato un gesto dimostrativo con una funzione estetica più ascrivibile ad un’installazione artistica che ad un prodotto industriale. L’operazione è durata una decina di giorni, ci è stata richiesta altre due volte, a iniziare dal Milano Film Festival”.

Per chiudere c’è Calla ovvero un dissuasore del traffico con un vaso integrato. Una barriera gentile, floreale, naturale. “Purtroppo l’azienda per cui l’ho progettata è fallita. Un vero peccato, potrei proporla ad un’altra azienda… Ha una grande potenzialità”. Ma Diamanti, nel suo lavoro quotidiano di designer, ha anche un altro asso nella manica “green”: sta lavorando su fornelli ad alta efficienza dove si ottimizza il consumo delle risorse. Sono le infinite strade dell’ecodesign, che può offrire tante (belle) soluzioni ai problemi ambientali migliorando l’efficienza e l’efficacia dei nostri sistemi di produzione e consumo.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende