Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gabriele Diamanti, il designer del “dissalatore solare” open source:

Gabriele Diamanti, il designer del “dissalatore solare” open source

dicembre 5, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

La bravura del designer non è solo il magico tocco estetico e la massima funzionalità donata all’oggetto ideato, ma saperlo concepire anche secondo necessità sociali e ambientali. E’questo lo sforzo di Gabriele Diamanti, designer milanese, 38 anni, percorso accademico al Politecnico di Milano e poi Berlino e infine due anni in studio con il creativo giapponese Makio Hasuike, prima di aprire lo studio DDP con Lorenzo De Bartolomeis e Filippo Poli.

Diamanti, tra le altre cose, ha disegnato e realizzato “Eliodomestico“, il prototipo di un dissalatore ad energia solare, con un funzionamento abbastanza semplice basato sull’accumulazione di calore dal sole che fa evaporare l’acqua di mare ed ottenere così acqua distillata. “Sono stato sostenuto dalla Fondazione Hermes – ci racconta – e sono entrato in finale nel premio. Il contributo mi ha permesso di realizzare dei prototipi, ma il cerchio non è chiuso. Devo fare ancora dei test, validare il funzionamento, fare i disegni e rilasciarli con le istruzioni di montaggio”.

Affinare il lavoro e poi dare il dissalatore al mondo, a chi lo vuole realizzare. Niente brevetto né produzione industriale: “E’ un lavoro open source, in modo che chi vuole lo possa realizzare. Si deve fare in modo artigianale, con dei materiali locali e secondo le esigenze. Se uno abita a Los Angeles è meglio che si colleghi al web e si compri uno strumento da 100 euro”. Per farla breve è stato pensato per zone con carenza di acqua, assettate e povere.

L’approccio alla tecnologia del professionista milanese ricordala teoria del sociologo Ivan Illich: il caso, per esempio, del telefono pubblico nel villaggio sperduto, che svolge più funzioni oltre la comunicazione personale. Allo stesso modo il dissalatore rappresenta una tecnologia a basso costo, si possono utilizzare materiali diversi per la sua costruzione, è tarata sulle esigenze reali e concrete della piccola comunità. Una tecnologia sociale. “Quando vi ho lavorato avevo in mente uno scenario d’uso rurale a basso reddito – ci spiega Diamanti - La tecnologia per la dissalazione dell’acqua è un mondo vastissimo e ci sono metodi più efficienti. Ma spesso richiedono investimenti e risorse che non si hanno a disposizione. Questo oggetto, invece, ognuno può usarlo, ma lo immagino costruito con materiali del luogo nelle zone più sperdute del pianeta“. In altri termini è adattivo al contesto ambientale, economico e sociale.

Un altro progetto interessante di Diamanti, sempre legato alla tutela e valorizzazione della risorsa idrica, è “Bevetenetutti“. Qui la progettazione ha una finalità simbolica e politica più che applicativa. Si tratta di una serie di tubi collegati che captano l’acqua pubblica e la ridistribuiscono per diversi usi alla comunità. “L’ho realizzata con Lorenzo De BartolomeisFilippo Poli, soci nello studio DDP, ed è stato il nostro lavoro inaugurale. Risale al 2010 ed è un’installazione urbana temporanea che utilizzava l’acqua potabile dalle tubature per poi renderla disponibile a chiunque”. Per capire meglio serve una contestualizzazione storica: “Eravamo nel periodo in cui si discuteva dell’esito del referendum dedicato all’acqua pubblica. Il nostro è stato un gesto dimostrativo con una funzione estetica più ascrivibile ad un’installazione artistica che ad un prodotto industriale. L’operazione è durata una decina di giorni, ci è stata richiesta altre due volte, a iniziare dal Milano Film Festival”.

Per chiudere c’è Calla ovvero un dissuasore del traffico con un vaso integrato. Una barriera gentile, floreale, naturale. “Purtroppo l’azienda per cui l’ho progettata è fallita. Un vero peccato, potrei proporla ad un’altra azienda… Ha una grande potenzialità”. Ma Diamanti, nel suo lavoro quotidiano di designer, ha anche un altro asso nella manica “green”: sta lavorando su fornelli ad alta efficienza dove si ottimizza il consumo delle risorse. Sono le infinite strade dell’ecodesign, che può offrire tante (belle) soluzioni ai problemi ambientali migliorando l’efficienza e l’efficacia dei nostri sistemi di produzione e consumo.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende