Home » Rubriche »Very Important Planet » Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”:

Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”

giugno 10, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Recita in teatro, televisione e al cinema, compone musica, produce e cura la regia di film e cortometraggi (l’ultimo si intitola “Lo chiamavano Jeeg Robot”). Ha studiato cinema tra Roma e New York e fatto il pieno di riconoscimenti ai David di Donatello (7), Ciak d’Oro (4), conquistando anche il Globo d’Oro come miglior film. Stiamo parlando di Gabriele Mainetti, il regista che con il documentarista Daniele Segre è responsabile del progetto Edison for Nature, cinema collettivo a tema ambientale.

D) Gabriele, stai per presentare “Edison for Nature”, ci racconti meglio il  progetto?

R) Il tema è il rapporto tra uomo, ambiente e energia e tocca argomenti attuali come la valorizzazione della sostenibilità attraverso i comportamenti quotidiani, l’utilizzo dell’energia rinnovabile come energia del futuro e i mestieri dell’energia. In concreto sarà creata una piattaforma su www.edisonfornature.it dove le persone potranno postare delle storie, non necessariamente scritte sotto forma di testo ma anche video, foto, disegni, fumetti, messaggi audio. Materiale da cui è possibile trarre una storia e scrivere una sceneggiatura. Noi poi li aiuteremo – dopo aver selezionato le 10 idee che saranno valutate per dare sostegno produttivo a 10 docu-corti. Ci sarà anche una troupe che penserà a tradurre tecnicamente le idee. L’obiettivo è la produzione di un mediometraggio  di 50/60 minuti.

D) Un cinema collettivo dunque, non un progetto per professionisti?

R) Mi piace molto il termine collettivo, io penso che la cultura si produce attraverso il confronto, per questo al progetto possono partecipare tutti, nessuno escluso. Conta l’idea, poi ben vengano anche i ragazzi che studiano cinema, ma le porte restano aperte a tutti. Sono molto curioso di ascoltare e vedere le proposte, di conoscere lo sguardo delle persone sull’ambiente. Mi entusiasma e mi stimola molto il fine, l’obiettivo di questo lavoro.

D) Uno degli obiettivi del progetto è sensibilizzare le persone a rispettare l’ambiente. Si intende sia in città che in campagna?

R) Si questo è un obiettivo. In campagna sicuramente l’ambiente è più rispettato rispetto alla città. Penso a Roma dove il centro è molto violentato, con Claudio Santamaria (attore protagonista di “Lo chiamavano Jeeg Robot“, NdR) abbiamo fatto una piccola ripresa a Colle Oppio, a due passi dal Colosseo, dove abbiamo scoperto centinaia di bottiglie abbandonate per terra… Sono cose che fanno male.

D) L’ambiente è normalmente presente nei tuoi film?

R) C’è la città, una città, in particolare la periferia, che soffre per l’ambiente. Questo progetto mi serve per prendere aria, anche se per raccontare la nevrosi urbana bisogna viverla. Io abito in una grande metropoli che amo e odio fortemente, Roma è una città sporca, che cade a pezzi, non siamo educati a rispettarla e mi spiace, eppure ha dei grandi e bellissimi parchi urbani.

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani rispettosi dell’ambiente?

R) Sono molto attento all’utilizzo dell’acqua, per evitare gli sprechi, ho e utilizzo un’auto ibrida, cerco di utilizzare i mezzi pubblici quando servono veramente. Per esempio durante il mio ultimo film a Cinecittà raggiungevo il set in metro, lasciando l’auto a casa, anche se a Roma non permette di raggiungere tutti i luoghi, come invece a New York, che conosco bene. Poi non sporco mai per terra, mai. Questo è un insegnamento che ho appreso dalla mia famiglia.

D) E’ possibile, secondo te, una produzione cinematografica veramente “eco-sostenibile”?

R) Sì, certo, per il mio prossimo film sto pensando di utilizzare un modulo strutturato e messo a disposizione da Edison, l’ Edison Green Movie, per ridurre l’impatto energetico durante la lavorazione del film. Nel set vi è un dispendio di energia importante che si deve limitare. Per esempio voglio sensibilizzare gli attori perché utilizzino l’auto in modo condiviso, così da impiegare meno mezzi. E’ necessario responsabilizzare le persone per avere comportamenti rispettosi dell’ambiente.

D) Qual è l’emergenza ambientale che reputi più pericolosa?

R) Ce ne sono talmente tante…forse l’ignoranza!

D) … E il disinteresse. Ma la nuda realtà dei problemi ambientali può avere audience?

Si inserisce nell’intervista il documentarista Daniele Segre, in compagnia di Mainetti (e anche lui responsabile di Edison for Nature), che risponde alla domanda:

R) Penso che anche il linguaggio del reale possa essere onirico, far volare e piangere oltre la realtà. In questo progetto cerchiamo storie che non conosciamo, i protagonisti devono essere persone capaci di recitare, di trasmettere emozioni. Non è sufficiente il dato giornalistico dell’idea, questa deve essere in grado di diventare cinema, di avere una forza narrativa, di andare oltre la realtà…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende