Home » Rubriche »Very Important Planet » Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”:

Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”

giugno 10, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Recita in teatro, televisione e al cinema, compone musica, produce e cura la regia di film e cortometraggi (l’ultimo si intitola “Lo chiamavano Jeeg Robot”). Ha studiato cinema tra Roma e New York e fatto il pieno di riconoscimenti ai David di Donatello (7), Ciak d’Oro (4), conquistando anche il Globo d’Oro come miglior film. Stiamo parlando di Gabriele Mainetti, il regista che con il documentarista Daniele Segre è responsabile del progetto Edison for Nature, cinema collettivo a tema ambientale.

D) Gabriele, stai per presentare “Edison for Nature”, ci racconti meglio il  progetto?

R) Il tema è il rapporto tra uomo, ambiente e energia e tocca argomenti attuali come la valorizzazione della sostenibilità attraverso i comportamenti quotidiani, l’utilizzo dell’energia rinnovabile come energia del futuro e i mestieri dell’energia. In concreto sarà creata una piattaforma su www.edisonfornature.it dove le persone potranno postare delle storie, non necessariamente scritte sotto forma di testo ma anche video, foto, disegni, fumetti, messaggi audio. Materiale da cui è possibile trarre una storia e scrivere una sceneggiatura. Noi poi li aiuteremo – dopo aver selezionato le 10 idee che saranno valutate per dare sostegno produttivo a 10 docu-corti. Ci sarà anche una troupe che penserà a tradurre tecnicamente le idee. L’obiettivo è la produzione di un mediometraggio  di 50/60 minuti.

D) Un cinema collettivo dunque, non un progetto per professionisti?

R) Mi piace molto il termine collettivo, io penso che la cultura si produce attraverso il confronto, per questo al progetto possono partecipare tutti, nessuno escluso. Conta l’idea, poi ben vengano anche i ragazzi che studiano cinema, ma le porte restano aperte a tutti. Sono molto curioso di ascoltare e vedere le proposte, di conoscere lo sguardo delle persone sull’ambiente. Mi entusiasma e mi stimola molto il fine, l’obiettivo di questo lavoro.

D) Uno degli obiettivi del progetto è sensibilizzare le persone a rispettare l’ambiente. Si intende sia in città che in campagna?

R) Si questo è un obiettivo. In campagna sicuramente l’ambiente è più rispettato rispetto alla città. Penso a Roma dove il centro è molto violentato, con Claudio Santamaria (attore protagonista di “Lo chiamavano Jeeg Robot“, NdR) abbiamo fatto una piccola ripresa a Colle Oppio, a due passi dal Colosseo, dove abbiamo scoperto centinaia di bottiglie abbandonate per terra… Sono cose che fanno male.

D) L’ambiente è normalmente presente nei tuoi film?

R) C’è la città, una città, in particolare la periferia, che soffre per l’ambiente. Questo progetto mi serve per prendere aria, anche se per raccontare la nevrosi urbana bisogna viverla. Io abito in una grande metropoli che amo e odio fortemente, Roma è una città sporca, che cade a pezzi, non siamo educati a rispettarla e mi spiace, eppure ha dei grandi e bellissimi parchi urbani.

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani rispettosi dell’ambiente?

R) Sono molto attento all’utilizzo dell’acqua, per evitare gli sprechi, ho e utilizzo un’auto ibrida, cerco di utilizzare i mezzi pubblici quando servono veramente. Per esempio durante il mio ultimo film a Cinecittà raggiungevo il set in metro, lasciando l’auto a casa, anche se a Roma non permette di raggiungere tutti i luoghi, come invece a New York, che conosco bene. Poi non sporco mai per terra, mai. Questo è un insegnamento che ho appreso dalla mia famiglia.

D) E’ possibile, secondo te, una produzione cinematografica veramente “eco-sostenibile”?

R) Sì, certo, per il mio prossimo film sto pensando di utilizzare un modulo strutturato e messo a disposizione da Edison, l’ Edison Green Movie, per ridurre l’impatto energetico durante la lavorazione del film. Nel set vi è un dispendio di energia importante che si deve limitare. Per esempio voglio sensibilizzare gli attori perché utilizzino l’auto in modo condiviso, così da impiegare meno mezzi. E’ necessario responsabilizzare le persone per avere comportamenti rispettosi dell’ambiente.

D) Qual è l’emergenza ambientale che reputi più pericolosa?

R) Ce ne sono talmente tante…forse l’ignoranza!

D) … E il disinteresse. Ma la nuda realtà dei problemi ambientali può avere audience?

Si inserisce nell’intervista il documentarista Daniele Segre, in compagnia di Mainetti (e anche lui responsabile di Edison for Nature), che risponde alla domanda:

R) Penso che anche il linguaggio del reale possa essere onirico, far volare e piangere oltre la realtà. In questo progetto cerchiamo storie che non conosciamo, i protagonisti devono essere persone capaci di recitare, di trasmettere emozioni. Non è sufficiente il dato giornalistico dell’idea, questa deve essere in grado di diventare cinema, di avere una forza narrativa, di andare oltre la realtà…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

marzo 26, 2020

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

In tempi di restrizioni alla mobilità delle persone e chiusure di esercizi commerciali dovute all’emergenza coronavirus, l’e-commerce sembra essere l’unica modalità per non bloccare totalmente l’economia e le vendite, soprattutto di prodotti non alimentari. Da qui l’idea di due società piemontesi di lanciare il primo “franchising online” in Italia, per offrire a studenti, famiglie e commercianti una [...]

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

marzo 25, 2020

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

Dopo il successo della prima edizione torna il Premio Mani Tese per il giornalismo investigativo e sociale, di cui sono ufficialmente aperte le candidature. Il Premio Mani Tese intende sostenere la produzione di inchieste originali su tematiche concernenti gli impatti dell’attività di impresa sui diritti umani e sull’ambiente, in Italia o nei Paesi terzi in cui [...]

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

marzo 18, 2020

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

La Giornata Mondiale del Riciclo del 18 marzo 2020 si apre con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti da imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro [...]

500 elettrica, la prima volta di Fiat

marzo 4, 2020

500 elettrica, la prima volta di Fiat

E’ stata presentata oggi a Milano, in anteprima mondiale, la Nuova 500, la prima vettura di FCA nata full electric, che si preannuncia per il marchio Fiat del gruppo, una nuova rivoluzione, dopo quella che negli anni Sessanta ha reso la mobilità a motore alla portata di tutti. Adesso però, spiegano dal quartier generale Fiat, “It’s [...]

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

marzo 3, 2020

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

L’edizione 2020 del Bando CONAI per l’eco-design degli imballaggi è stata annunciata lo scorso 28 febbraio, con l’obiettivo di stimolare una sfida verso una maggiore sostenibilità ambientale. Le aziende italiane si dovranno infatti confrontare a colpi di miglioramento dei propri imballaggi, rivisti in chiave di economia circolare. Nel 2019 i casi virtuosi presentati e ammessi sono [...]

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende