Home » Rubriche »Very Important Planet » Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”:

Gabriele Mainetti: il progetto di cinema collettivo “Edison for Nature”

giugno 10, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Recita in teatro, televisione e al cinema, compone musica, produce e cura la regia di film e cortometraggi (l’ultimo si intitola “Lo chiamavano Jeeg Robot”). Ha studiato cinema tra Roma e New York e fatto il pieno di riconoscimenti ai David di Donatello (7), Ciak d’Oro (4), conquistando anche il Globo d’Oro come miglior film. Stiamo parlando di Gabriele Mainetti, il regista che con il documentarista Daniele Segre è responsabile del progetto Edison for Nature, cinema collettivo a tema ambientale.

D) Gabriele, stai per presentare “Edison for Nature”, ci racconti meglio il  progetto?

R) Il tema è il rapporto tra uomo, ambiente e energia e tocca argomenti attuali come la valorizzazione della sostenibilità attraverso i comportamenti quotidiani, l’utilizzo dell’energia rinnovabile come energia del futuro e i mestieri dell’energia. In concreto sarà creata una piattaforma su www.edisonfornature.it dove le persone potranno postare delle storie, non necessariamente scritte sotto forma di testo ma anche video, foto, disegni, fumetti, messaggi audio. Materiale da cui è possibile trarre una storia e scrivere una sceneggiatura. Noi poi li aiuteremo – dopo aver selezionato le 10 idee che saranno valutate per dare sostegno produttivo a 10 docu-corti. Ci sarà anche una troupe che penserà a tradurre tecnicamente le idee. L’obiettivo è la produzione di un mediometraggio  di 50/60 minuti.

D) Un cinema collettivo dunque, non un progetto per professionisti?

R) Mi piace molto il termine collettivo, io penso che la cultura si produce attraverso il confronto, per questo al progetto possono partecipare tutti, nessuno escluso. Conta l’idea, poi ben vengano anche i ragazzi che studiano cinema, ma le porte restano aperte a tutti. Sono molto curioso di ascoltare e vedere le proposte, di conoscere lo sguardo delle persone sull’ambiente. Mi entusiasma e mi stimola molto il fine, l’obiettivo di questo lavoro.

D) Uno degli obiettivi del progetto è sensibilizzare le persone a rispettare l’ambiente. Si intende sia in città che in campagna?

R) Si questo è un obiettivo. In campagna sicuramente l’ambiente è più rispettato rispetto alla città. Penso a Roma dove il centro è molto violentato, con Claudio Santamaria (attore protagonista di “Lo chiamavano Jeeg Robot“, NdR) abbiamo fatto una piccola ripresa a Colle Oppio, a due passi dal Colosseo, dove abbiamo scoperto centinaia di bottiglie abbandonate per terra… Sono cose che fanno male.

D) L’ambiente è normalmente presente nei tuoi film?

R) C’è la città, una città, in particolare la periferia, che soffre per l’ambiente. Questo progetto mi serve per prendere aria, anche se per raccontare la nevrosi urbana bisogna viverla. Io abito in una grande metropoli che amo e odio fortemente, Roma è una città sporca, che cade a pezzi, non siamo educati a rispettarla e mi spiace, eppure ha dei grandi e bellissimi parchi urbani.

D) Quali sono i tuoi comportamenti quotidiani rispettosi dell’ambiente?

R) Sono molto attento all’utilizzo dell’acqua, per evitare gli sprechi, ho e utilizzo un’auto ibrida, cerco di utilizzare i mezzi pubblici quando servono veramente. Per esempio durante il mio ultimo film a Cinecittà raggiungevo il set in metro, lasciando l’auto a casa, anche se a Roma non permette di raggiungere tutti i luoghi, come invece a New York, che conosco bene. Poi non sporco mai per terra, mai. Questo è un insegnamento che ho appreso dalla mia famiglia.

D) E’ possibile, secondo te, una produzione cinematografica veramente “eco-sostenibile”?

R) Sì, certo, per il mio prossimo film sto pensando di utilizzare un modulo strutturato e messo a disposizione da Edison, l’ Edison Green Movie, per ridurre l’impatto energetico durante la lavorazione del film. Nel set vi è un dispendio di energia importante che si deve limitare. Per esempio voglio sensibilizzare gli attori perché utilizzino l’auto in modo condiviso, così da impiegare meno mezzi. E’ necessario responsabilizzare le persone per avere comportamenti rispettosi dell’ambiente.

D) Qual è l’emergenza ambientale che reputi più pericolosa?

R) Ce ne sono talmente tante…forse l’ignoranza!

D) … E il disinteresse. Ma la nuda realtà dei problemi ambientali può avere audience?

Si inserisce nell’intervista il documentarista Daniele Segre, in compagnia di Mainetti (e anche lui responsabile di Edison for Nature), che risponde alla domanda:

R) Penso che anche il linguaggio del reale possa essere onirico, far volare e piangere oltre la realtà. In questo progetto cerchiamo storie che non conosciamo, i protagonisti devono essere persone capaci di recitare, di trasmettere emozioni. Non è sufficiente il dato giornalistico dell’idea, questa deve essere in grado di diventare cinema, di avere una forza narrativa, di andare oltre la realtà…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende