Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gaetano Mura si prepara al “Solo Round the Globe Record”: cinque mesi in mare in solitario:

Gaetano Mura si prepara al “Solo Round the Globe Record”: cinque mesi in mare in solitario

agosto 3, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Se stai per mesi in pochi metri quadrati solo in mezzo agli oceani, lontano da terra,  l’arte e la tecnica dello sviluppo sostenibile diventano una necessità e un incredibile laboratorio di nuove pratiche di risparmio. Lo sa bene il navigatore Gaetano Mura che abituato a navigare in condizioni estreme ha sviluppato una sua teoria e molte azioni eco-sostenibili. Conoscenze e competenze che gli saranno utili ad ottobre, quando mollerà gli ormeggi da Cagliari per il Solo Round The Globe Record ovvero il giro del mondo in solitario, senza scalo e senza assistenza in class40, una barca a vela da regata di 12 metri, allestita ad hoc per questa impresa.

Una sfida sportiva per battere il record del cinese Guo Chuan, che ha portato a termine il giro in 137 giorni, ma pure medica, perché il velista di Cala Gonone, località marina che si affaccia sulla costa orientale della Sardegna, sarà monitorato, giorno dopo giorno,  da un gruppo di ricercatori del polo scientifico-ospedialiero di Cagliari, per studiare l’ alterazione delle concentrazioni ematiche e di importanti fattori essenziali per il funzionamento del sistema nervoso, la produzione di forza muscolare e della capacità contrattile del cuore, la frammentazione del sonno con aumento dei tempi di reazione a stimoli visivi, il sistema immunitario. Insomma capire le reazioni del corpo alle stimolazioni estreme. Nei cinque mesi dell’impresa Gaetano Mura utilizzerà la tecnica dei “microsonni”, ossia veglie di 2 ore alternate a sonni di 20 minuti. C’è infatti da stare svegli e ben attenti quando le raffiche di vento vanno oltre i 100 km orari e le onde superano abbondantemente i 10 metri, soprattutto se stai dentro pochi metri quadrati.

Ma un’altra sfida di rilievo è quella di gestire le risorse e ottimizzare i consumi perché durante Solo Round the Globe Record non c’è stazione di rifornimento dove fare il pieno di cibo, acqua ed energia. Un approccio “green” è dunque indispensabile: ”La barca è un microcosmo indipendente in cui la gestione delle risorse è fondamentale per sopravvivere – dice Mura - l’uso parsimonioso dell’energia e dell’acqua é obbligatorio ed è prezioso il cibo: non si butta via niente. Anche il semplice gesto di mangiare una mela equivale all’emozione che ci regalano le pietanze del più rinomato ristorante, in mezzo al mare il cibo si assapora in modo diverso, si percepiscono profumi e gusti mai sentiti prima“. Emozioni che il velista estremo conosce bene: “Quando ritorno a casa, dopo le privazioni della navigazione, l’abitudine scontata e quotidiana di aprire il rubinetto e vedere sgorgare l’acqua abbondante diventa magia. Sono gli effetti di un’esperienza dettata dalla necessità di non sprecare niente, neanche una piccola goccia d’acqua, e ti insegna a non consumare oltre il necessario”.

Nella circumnavigazione del globo Gaetano eviterà di buttare anche solo un grammo di plastica in mare: “piego e ripiego così riduco la poca plastica che ho a bordo e riporterò tutto a terra” – giura il velista, che utilizzerà energie rinnovabili con il pannello fotovoltaico SolbianFlex, che riesce a produrre energia anche in condizioni ambientali estreme. In cambusa troveranno posto i prodotti tipici sardi e di alcuni presidi Slow Food scelti dall’antropologa dell’ alimentazione Alessandra Guigoni. Per cuocere il cibo Mura utilizzerà  poi il SociaLOVEn, forno solare portatile in tessuto e dotato di tecnologia ‘cattura raggi solari’ . Un’innovazione che – spiega l’imprenditrice Daniela Ducato - “consente di cucinare in qualsiasi luogo senza bisogno di energia, se non quella solare, con una portabilità e leggerezza in tema con gli stili di vita contemporanei: attenti all’ambiente”.

Si punta, dunque, alla valorizzazione dei prodotti tipici dell’isola e non solo, come ha sottolineato l’assessore regionale al turismo Francesco Morandi durante la presentazione del progetto nella sede nazionale dell’ENIT, l’ente nazionale del turismo, che sostiene il progetto: “Gli sport del mare, parte consistente della nostra offerta di turismo attivo, sono uno straordinario attrattore di flussi turistici nel corso di tutto l’anno, così come sono uno straordinario veicolo di promozione gli eventi velici che vedono sardi e la Sardegna protagonisti. Attraverso appuntamenti affascinanti e di valore mondiale si crea interesse per la destinazione e si diversifica l’offerta turistica, si creano nuove motivazioni di viaggio e si accresce il ritorno d’immagine dell’isola”.

Durante il giro del mondo Mura effettuerà anche delle rilevazioni delle condizioni dei mari e degli oceani. Dati utili per la ricerca scientifica.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende