Home » Campioni d'Italia »Rubriche » GAI Pride, il successo del gruppo d’acquisto per le auto sostenibili:

GAI Pride, il successo del gruppo d’acquisto per le auto sostenibili

aprile 15, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Dici gruppo d’acquisto e pensi a cassette di verdure, pane a lievitazione naturale, formaggi genuini. Ma se questo modello funziona per la spesa – si sono detti Gianalfredo Furini e Luca Dal Sillaro – perché non usarlo anche per acquistare auto (per di più se si tratta di mezzi sostenibili: ibridi, elettrici, a metano, ancora troppo cari per il grande pubblico)?

L’idea, nata un po’ per caso, ha funzionato e oggi attraverso il GAI (Gruppo d’acquisto ibrido) sono già state acquistate da famiglie e professionisti 333 auto ibride e 4 elettriche. “Io e Luca ci siamo conosciuti nel 2012 su un forum on line dedicato alle auto ibride. Entrambi volevamo comprare una macchina di questo tipo e parlando a Luca, che già faceva parte di un gas, è venuta l’idea di sperimentare questa formula anche per l’auto”, racconta Gianalfredo. Così, i due contattano i concessionari, mettono insieme altre persone interessate e alla fine dimostrano che l’idea funziona: “Acquistammo 16 auto ibride con uno sconto del 20%. Nel 2013 poi abbiamo messo insieme un secondo gruppo, per un totale di circa 50 auto acquistate”. A cui se ne aggiungono altri nel 2014, per un totale di otto gruppi già chiusi.

Le scommesse più recenti riguardano le auto elettriche e quelle a metano. “Le prime per adesso sono poco richieste perché hanno un’autonomia ridotta e in giro ci sono poche colonnine di ricarica. Per le auto a metano, invece, abbiamo in lista 500 persone: stiamo lavorando per portare a termine il primo acquisto. Inoltre, stiamo anche mettendo a punto un’iniziativa sulle biciclette elettriche su richiesta di un sindaco della Liguria”.

Il funzionamento del GAI è semplice: “Dopo l’iscrizione al gruppo, chiediamo alle persone di inviarci le informazioni su quale auto vogliono comprare – modello, allestimenti, colore – e sull’auto che desiderano dare eventualmente in permuta. Noi scegliamo solo la casa automobilistica sulle base di criteri di qualità, mentre ognuno è libero di optare per il modello che preferisce. Iniziamo poi a chiedere preventivi ai concessionari: fino ad oggi abbiamo avuto contatti con una ventina e lavorato con sette o otto. Non accettiamo mai sconti inferiori a quelli praticati al gruppo precedente, ma allo stesso tempo ci teniamo ad acquistare dai concessionari: è un periodo di difficoltà per molti di loro, questa iniziativa può dare una boccata d’ossigeno. All’inizio non conoscevano il meccanismo ed erano un po’ diffidenti, ma poi hanno capito che con questo modello c’è un beneficio per tutti”. Di solito, in due mesi e mezzo dall’iscrizione si può tornare a casa al volante della nuova auto, con un risparmio che può arrivare a 6-7.000 euro, sconti su gomme e accessori, e una guida a minor impatto ambientale. Il GAI non ha ancora fatto stime ufficiali, ma secondo la Toyota, per esempio, una Yaris ibrida su 10.000 chilometri percorsi emette circa 300 chili di CO2 in meno rispetto a una Yaris a benzina.

Finora, al GAI hanno partecipato persone di tutti i tipi: “Giovani famiglie, anziani, persone desiderose di risparmiare, automobilisti attenti al rispetto dell’ambiente. Molte sono persone già iscritte a un gas tradizionale. Sul nostro sito c’è anche un’area social dedicata alla nostra community, e ogni anno organizziamo un evento dedicato a loro. Lo abbiamo chiamato GAI pride, con un gioco di parole: il clou è la gara tra auto ibride, dove vince chi consuma di meno, ma ci sono anche momenti di socializzazione e divertimento”.

Per Gianalfredo, ex impiegato, e Luca, insegnante, la gestione del gruppo d’acquisto si è presto trasformata in un lavoro: “Ci siamo costituiti come associazione culturale: le attività del GAI si sostengono attraverso il tesseramento dei soci. Il nostro lavoro invece è ripagato grazie alle provvigioni che riceviamo dai concessionari, pari all’1-2% del costo di ogni auto”. Oggi il GAI cura gruppi d’acquisto per Jacopo Fo e il suo progetto Alcatraz, per l’associazione Altroconsumo e per aziende interessate a offrire questa possibilità ai dipendenti. “In futuro vorremmo lavorare di più con le imprese: alcune ci hanno contattato per l’acquisto delle flotte aziendali. Lo stesso lavoro potremmo farlo con gli enti pubblici locali. Tra i nuovi mezzi su cui vorremmo provare a lavorare, ci sono gli scooter elettrici, interessanti per chi si muove in città”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende