Home » Rubriche »Very Important Planet » Gaia Maschi: Verdi di nome e di fatto:

Gaia Maschi: Verdi di nome e di fatto

maggio 23, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Pronipote del compositore Giuseppe Verdi, Gaia Maschi Verdi “applica” il suo cognome anche nella scelta politica e nello stile di vita quotidiano. Recentemente ha dichiarato che voterà Green Italia alle elezioni europee del prossimo 25 maggio. A Greenews.info ha spiegato che vorrebbe una politica ambientale “basata su tre E: Educazione Ecologia Etica”. E sulla poca attenzione all’ambiente nel nostro Paese ha spiegato: “Trovo strano che così pochi votino per una difesa dell’ambiente mentre i partiti, che fanno demagogia sui soldi e sul lavoro dipendente, vadano al potere. Forse si dovrebbe far capire che la tutela dell’ambiente crea lavoro e che una migliore qualità della vita non ha costi in denaro, ma una ricchezza in pace e benessere”.

D) Sig.ra Verdi, che rapporto ha con un cognome così importante?

R) In realtà il nome importante è Gaia, la Terra come organismo vivente, e ringrazio i  miei genitori di essere stati dei precursori. Era un nome molto originale per la mia generazione e molte persone che ho incontrato lo hanno dato alle figlie. Il cognome di Verdi era del ramo materno e mi è stato aggiunto dal Ministero dell’Interno.

D) Nomen omen... Come è nato il suo interesse per l’ambiente?

R) Da bambina andavo con mia nonna Cina Barezzi Verdi a visitare i campi dei contadini che aveva a mezzadria nelle terre della bassa parmense, vicino a Busseto. Anche con mio padre Pierluigi Maschi, medico condotto a Salsomaggiore Terme, ero spesso nelle case dei contadini che andava a visitare e poi lo pagavano con polli o salami. Ho sviluppato un amore per la terra e per la natura che mi è sempre rimasto come nostalgia.

D) Quali sono le azioni che compie quotidianamente per rispettare l’ambiente?

R) Leon, il mio cane, mi ha abituata ad andare due o tre volte al giorno al parco e mi ha cambiato la vita. Con un cane si esce per forza dalla dinamica del lavoro per entrare nella dimensione del tempo libero all’aria aperta. Nel nostro quartiere rispettiamo il parco, che è Villa Celimontana a Roma, come un nostro giardino e sono stata promotrice di una raccolta firme per creare un’area ludica per cani. Risparmio l’acqua domestica perché è un bene comune che rischia di esaurirsi: non la lascio scorrere a vuoto, ne ho fatto una battaglia antispreco con tutti i miei conoscenti. Ho molte piante in casa che mi danno ossigeno e ho un piccolo orto sul terrazzo. Come salutista rispetto il mio ambiente-corpo e quindi inquino poco quello esterno. Non fumo, non compro petrolio o carburanti fossili perché preferisco andare a piedi, non mangio quasi mai cadaveri di animali. Penso che essere ecologisti sia uno stile di vita, anzi un’etica di civiltà.

D) Recentemente ha dichiarato di essere un’ecologista e di avere l’intenzione di votare i Verdi Europei alle prossime elezioni del 25 maggio: qual è il dovere della politica in ambito ambientale secondo lei?

R) I problemi di energia, cibo e sanità sono primari e attraversano tutti i partiti o movimenti politici, di sinistra di destra e di centro. La coscienza collettiva che prima era un’entità astratta ora si può esprimere attraverso Internet e organizzarsi in una vera democrazia popolare. Il dovere del rappresentante politico eletto, per me, deve essere legale. Deve rispondere legalmente degli errori, delle promesse non mantenute, dei soldi guadagnati indirettamente e deve prendere uno stipendio basso. I politici vanno controllati nella loro attività di amministratori e hanno il dovere di investire risorse sui beni primari della collettività che sono ragione di vita. Dovere della politica è quindi investire sull’igiene dell’aria e dell’acqua.

D) Quali sono oggi i punti fondamentali di un programma politico orientato all’ambiente?

R) Migliore immagine e comunicazione della penisola Italiana all’estero come risorsa ambientale e culturale per attrarre viaggiatori e quindi incrementare l’indotto del turismo. Recupero del paesaggio e del patrimonio artistico, per nuove sinergie di lavoro autonomo, agricolo e artigianale a favore della collettività. Investire su una progressiva autonomia energetica con fonti rinnovabili che ci sollevi dalla costosissima importazione dall’estero e dalla schiavitù del gas e del petrolio. Prevenire e diminuire le spese della sanità pubblica con una migliore educazione alimentare e igiene di vita.

D) Cosa ne pensa della politica ambientale italiana?

R) La vorrei basata su tre E: Educazione Ecologia Etica. Vorrei che i Verdi avessero più potere in parlamento o che altri partiti non si appropriassero a vanvera della parola ecologia. Credo che nel DNA degli italiani ci siano le caratteristiche di un Paese mediterraneo e trovo strano che così pochi votino per una difesa dell’ambiente mentre i partiti, che fanno demagogia sui soldi e sul lavoro dipendente, vadano al potere. Forse si dovrebbe far capire che la tutela dell’ambiente crea lavoro e che una migliore qualità della vita non ha costi in denaro, ma una ricchezza in pace e benessere.

D) In un’altra intervista recente ha citato la frase di Giuseppe Verdi “tornate all’antico e sarà un progresso”. Pensa che questa riflessione possa valere anche per le tematiche ambientali?

R) Penso che oggi nella vita quotidiana si debba compensare il mondo virtuale con una maggiore attenzione alla realtà che ci circonda e che “tornare all’antico” voglia dire progredire in una riscoperta dell’ambiente nel quale respiriamo.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende