Home » Rubriche »Very Important Planet » Gavino Murgia, un sax che suona tra grotte naturali e siti archeologici:

Gavino Murgia, un sax che suona tra grotte naturali e siti archeologici

dicembre 22, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Nato nel 1971 nell’”Atene sarda”, la città di Nuoro, così chiamata per aver dato i natali al premio Nobel Grazia Deledda e ad altri scrittori ed artisti, Gavino Murgia è un jazzista che inizia a suonare, all’età di dodici anni, il sax alto. Amore per la musica nutrito dalla fornitissima discoteca del padre, mentre a quindici anni inizia a suonare con vari gruppi pop e funky e a collaborare con alcune compagnie teatrali in Sardegna. Una grande immersione e tanto studio del jazz, senza dimenticare la musica tradizionale sarda, fino ad emergere nella scena nazionale ed internazionale. Ha collaborato con Bobby McFerrin, Rabih Abou Kalil, Al di Meola, Gianna Nannini. Vinicio Caposella, Piero Pelù e tantissimi altri artisti. Il 28 dicembre prossimo sarà sul palco della rassegna “Cinema Musica Società” a Dorgali, paese della costa orientale sarda, dove andrà in scena un progetto di memoria storica dedicato ai 30 anni del festival internazionale “Cala Gonone Jazz con le immagini, spesso inedite, dei maggiori jazzisti al mondo che hanno suonato su quel palco. Ecco cosa ha raccontato a Greenews.info…

D) Gavino, parlaci dei tuoi ultimi lavori…

R) Mi piace raccontare di “Officium Divinum” un progetto dedicato a Jan Garbarek, un omaggio al suo lavoro, con la Hilliard Ensemble,‘Officium Defuntorum’. E’ l’accostamento del jazz – ovvero del sax – che improvvisa con questa musica antica: i canti religiosi del Cantar Lontano Ensemble. Un repertorio che abbraccia un periodo che va dal 1200 fino al 1550. Voglio poi ricordare un altro lavoro:  Endless con il quartetto composto da me, Michel Godard, Luciano Biondini, Patrice Heral, dove si possono ascoltare diversi strumenti, alcuni molto originali come launeddas, tuba e percussioni nordafricane. Con loro ci sono in cantiere altri lavori ed è già pronto il disco con i Blast Quartet

D) Presto salirai invece sul palco della rassegna di Dorgali, dove ti si vedrà anche nelle immagini storiche di “Cala Gonone Jazz”. La serata del 29 dicembre a “Cinema e Musica” sarà dedicata ai 30 anni della rassegna, attraverso la colonna sonora e visiva delle immagini dei concerti e delle notti sotto le stelle. Lì hai suonato anche con Rabih Abou-Khalil, che ricordi hai?

R) Si tratta di un rapporto molto forte e di una collaborazione che continua ancora oggi. Lui è uno straordinario musicista libanese, forse il più importante. Ha venduto un milione di dischi!

D) Hai suonato in tanti Paesi nel mondo: dalla Finlandia allo Yemen, in diverse location, ma si dice che ami particolarmente quelle legate alla natura. E’ vero?

R) Sì certo,  ma amo anche i monumenti artistici, come le chiese antiche. Poi siti spesso legati ad un filo storico lunghissimo, con l’archeologia. Mi piace moltissimo suonare ed instaurare un rapporto stretto con l’ambiente in cui suono, cerco di avvicinarmi il più possibile al suo essere. Ho avuto la fortuna e l’opportunità di suonare in luoghi incantevoli. Per esempio Sana’a, la capitale dello Yemen, una delle città più antiche e più belle al mondo. Alle origini della civiltà… Emozionante anche suonare a Baalbek in Libano, non a caso dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Ma naturalmente non posso dimenticare la Sardegna e il suo ricco patrimonio archeologico, dove ho avuto modo di suonare in numerosi siti preistorici: dal villaggio nuragico di Serra OrriosSa Domu e s’Orcu,la tomba dei giganti della Giara di Siddi dove ho suonato con Paolo Fresu Bebo Ferra. Poi le grotte dove ho suonato: da quella di Ispinigoli a Dorgali a quelle di Frasassi nelle Marche che sono straordinarie. Sale naturali, che sembrano esposizioni di installazioni contemporanee. Suonare in questi posti ti influenza: c’è la risposta della musica, un feedback sonoro. Luoghi che ti consentono di giocare con il suono dell’ambiente.

D) Ambiente, appunto: qual è, secondo te, il pericolo maggiore che corre il pianeta dal punto di vista ambientale?

R) Tutto quello che leggiamo sui giornali mi spaventa moltissimo. Soprattutto leggere di questi (politici e amministratori, NdR) che non si mettono d’accordo per regolare uno sviluppo assurdo, insensato e che sta rovinando tutto!

D) Ma tu cosa fai nella vita quotidiana per tutelare l’ambiente?

R)   Io sto tanto fuori casa. Vivo spesso negli hotel e in genere mi affido al buon senso di queste strutture. A casa vige il regime di raccolta differenziata, credo che sia un’ottima soluzione. Almeno il primo passo per iniziare a cambiare qualcosa nei nostri stili di vita…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende