Home » Rubriche »Very Important Planet » Gavino Murgia, un sax che suona tra grotte naturali e siti archeologici:

Gavino Murgia, un sax che suona tra grotte naturali e siti archeologici

dicembre 22, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Nato nel 1971 nell’”Atene sarda”, la città di Nuoro, così chiamata per aver dato i natali al premio Nobel Grazia Deledda e ad altri scrittori ed artisti, Gavino Murgia è un jazzista che inizia a suonare, all’età di dodici anni, il sax alto. Amore per la musica nutrito dalla fornitissima discoteca del padre, mentre a quindici anni inizia a suonare con vari gruppi pop e funky e a collaborare con alcune compagnie teatrali in Sardegna. Una grande immersione e tanto studio del jazz, senza dimenticare la musica tradizionale sarda, fino ad emergere nella scena nazionale ed internazionale. Ha collaborato con Bobby McFerrin, Rabih Abou Kalil, Al di Meola, Gianna Nannini. Vinicio Caposella, Piero Pelù e tantissimi altri artisti. Il 28 dicembre prossimo sarà sul palco della rassegna “Cinema Musica Società” a Dorgali, paese della costa orientale sarda, dove andrà in scena un progetto di memoria storica dedicato ai 30 anni del festival internazionale “Cala Gonone Jazz con le immagini, spesso inedite, dei maggiori jazzisti al mondo che hanno suonato su quel palco. Ecco cosa ha raccontato a Greenews.info…

D) Gavino, parlaci dei tuoi ultimi lavori…

R) Mi piace raccontare di “Officium Divinum” un progetto dedicato a Jan Garbarek, un omaggio al suo lavoro, con la Hilliard Ensemble,‘Officium Defuntorum’. E’ l’accostamento del jazz – ovvero del sax – che improvvisa con questa musica antica: i canti religiosi del Cantar Lontano Ensemble. Un repertorio che abbraccia un periodo che va dal 1200 fino al 1550. Voglio poi ricordare un altro lavoro:  Endless con il quartetto composto da me, Michel Godard, Luciano Biondini, Patrice Heral, dove si possono ascoltare diversi strumenti, alcuni molto originali come launeddas, tuba e percussioni nordafricane. Con loro ci sono in cantiere altri lavori ed è già pronto il disco con i Blast Quartet

D) Presto salirai invece sul palco della rassegna di Dorgali, dove ti si vedrà anche nelle immagini storiche di “Cala Gonone Jazz”. La serata del 29 dicembre a “Cinema e Musica” sarà dedicata ai 30 anni della rassegna, attraverso la colonna sonora e visiva delle immagini dei concerti e delle notti sotto le stelle. Lì hai suonato anche con Rabih Abou-Khalil, che ricordi hai?

R) Si tratta di un rapporto molto forte e di una collaborazione che continua ancora oggi. Lui è uno straordinario musicista libanese, forse il più importante. Ha venduto un milione di dischi!

D) Hai suonato in tanti Paesi nel mondo: dalla Finlandia allo Yemen, in diverse location, ma si dice che ami particolarmente quelle legate alla natura. E’ vero?

R) Sì certo,  ma amo anche i monumenti artistici, come le chiese antiche. Poi siti spesso legati ad un filo storico lunghissimo, con l’archeologia. Mi piace moltissimo suonare ed instaurare un rapporto stretto con l’ambiente in cui suono, cerco di avvicinarmi il più possibile al suo essere. Ho avuto la fortuna e l’opportunità di suonare in luoghi incantevoli. Per esempio Sana’a, la capitale dello Yemen, una delle città più antiche e più belle al mondo. Alle origini della civiltà… Emozionante anche suonare a Baalbek in Libano, non a caso dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Ma naturalmente non posso dimenticare la Sardegna e il suo ricco patrimonio archeologico, dove ho avuto modo di suonare in numerosi siti preistorici: dal villaggio nuragico di Serra OrriosSa Domu e s’Orcu,la tomba dei giganti della Giara di Siddi dove ho suonato con Paolo Fresu Bebo Ferra. Poi le grotte dove ho suonato: da quella di Ispinigoli a Dorgali a quelle di Frasassi nelle Marche che sono straordinarie. Sale naturali, che sembrano esposizioni di installazioni contemporanee. Suonare in questi posti ti influenza: c’è la risposta della musica, un feedback sonoro. Luoghi che ti consentono di giocare con il suono dell’ambiente.

D) Ambiente, appunto: qual è, secondo te, il pericolo maggiore che corre il pianeta dal punto di vista ambientale?

R) Tutto quello che leggiamo sui giornali mi spaventa moltissimo. Soprattutto leggere di questi (politici e amministratori, NdR) che non si mettono d’accordo per regolare uno sviluppo assurdo, insensato e che sta rovinando tutto!

D) Ma tu cosa fai nella vita quotidiana per tutelare l’ambiente?

R)   Io sto tanto fuori casa. Vivo spesso negli hotel e in genere mi affido al buon senso di queste strutture. A casa vige il regime di raccolta differenziata, credo che sia un’ottima soluzione. Almeno il primo passo per iniziare a cambiare qualcosa nei nostri stili di vita…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende