Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita:

Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita

aprile 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Correva l’anno 2001. L’aria di Milano intrisa di veleno, il sindaco Gabriele Albertini consiglia di tenere dentro casa i bambini e le mamme si ribellano: sotto Palazzo Marino, la sede del Comune, con i passeggini a reclamare aria pulita e salute per i polmoni dei cittadini, a iniziare dai più piccoli. E’ questo l’atto di nascita dell’associazione Genitori Antismog, che in 15 anni sono diventati una piccola grande lobby civica, in senso positivo, che battaglia in tribunale, fa proposte, presenta progetti e  sensibilizza in nome del diritto all’aria pulita. Donne e uomini, Campioni d’Italia che una ne fanno e cento ne pensano pur di liberare la troposfera milanese da veleni e pericoli per i cittadini.

Il “business” sociale dell’ associazione ce lo  spiega Marco Ferrari, presidente uomo di un gruppo nato da donne, che sintetizza azioni e obiettivi dei genitori antismog – che sono di lotta e di governo o meglio ribelli e propositivi: “Elaboriamo progetti con proposte concrete per una sana mobilità scolastica, collaboriamo con le istituzioni e la società civile, portiamo avanti battaglie legali, attività di lobby e pressione politica”. Strumenti potenti per fini nobili e con tanti risultati da leggere e apprezzare nella contabilità dell’associazione “Siamo riusciti a far approvare alcune osservazioni sul  piano della mobilità urbana e fatto approvare il piano della qualità dell’aria regionale vincendo un ricorso al TAR  e il controricorso al Consiglio di Stato presentato dalla Regione Lombardia”. Una efficace spina nel fianco delle istituzioni, spiega Ferrari.

Oltre le battaglie, le azioni sul campo, anzi sulla strada, come Siamo Nati per camminare, che ha mobilitato oltre ventimila bambini milanesi. Tutti invitati a spostarsi con mezzi alternativi all’auto “andare a scuola a piedi, in bicicletta, skateboard, monopattino o con i mezzi pubblici”, racconta il presidente che coglie l’occasione per affrontare un altro problema: il diritto dei bambini ad andare a scuola in autonomia. “Io ci andavo, a piedi naturalmente. Ci sono studi che registrano che la percentuale di mobilità autonoma degli studenti italiani è la più bassa; altre ricerche scientifiche dimostrano che l’autonomia nella mobilità è correlata con il grado di apprendimento. In altri termini il bambino è più sveglio se si muove solo, si presentano, invece, problemi di apprendimento se viene trasportato come un pacco“. Un “gioco” a somma positiva, ci guadagniamo tutti: genitori, bambini e la collettività perché si liberano le strade dalle auto che inquinano.

Sul fronte della mobilità urbana le idee dell’associazione sono molto chiare: “Faccio l’esempio di Milano, città piatta e compatta e con una struttura urbanistica  ideale perché la mobilità si basi sui mezzi pubblici o le bici. Le città italiane sono già pronte, non serve fare chissà che cosa. Servono le corsie preferenziali, più che la metropolitana che spesso diventa un alibi con il ritornello: “non ci sono i soldi per costruirle”, ma possiamo viaggiare sui tram leggeri di superficie come avviene in tutto il Nord Europa. Noi siamo un po’ lenti a recepire le innovazioni”.

I Genitori non amano però lamentarsi e basta, sono pronti alle carte bollate, ma pure al confronto. Come dimostra l’ultima iniziativa lanciata in questi giorni: Negozi amici dell’aria, con un manifesto accolto da alcuni esercenti milanesi che in sintesi prevede: via libera a politiche di riduzione del traffico con pedonalizzazioni, zone 30, Ztl e congestion charge; riduzione sprechi ed emissioni con i limiti fissati per il riscaldamento e la chiusura delle porte dei negozi; sensibilizzazione dei  fornitori ad utilizzare mezzi a basso impatto ambientale; offrire a condizioni vantaggiose il servizio di consegna a domicilio tramite il bike messenger. Un decalogo accettato, “nonostante l’opposizione e le critiche delle associazioni dei commercianti, abbiamo stretto un’alleanza con i singoli che hanno capito che lo shopping non ha necessità di auto, chi la vuole usare fa la spesa al centro commerciale. Le proteste contro le pedonalizzazioni sono minoritarie, ma molto rumorose”. Le mamme e papà antismog però non si arrendono e continuano a rullare i tamburi: non basta vincere qualche battaglia, c’è da vincere la guerra per una città dove respirare a pieni polmoni.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende