Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita:

Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita

aprile 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Correva l’anno 2001. L’aria di Milano intrisa di veleno, il sindaco Gabriele Albertini consiglia di tenere dentro casa i bambini e le mamme si ribellano: sotto Palazzo Marino, la sede del Comune, con i passeggini a reclamare aria pulita e salute per i polmoni dei cittadini, a iniziare dai più piccoli. E’ questo l’atto di nascita dell’associazione Genitori Antismog, che in 15 anni sono diventati una piccola grande lobby civica, in senso positivo, che battaglia in tribunale, fa proposte, presenta progetti e  sensibilizza in nome del diritto all’aria pulita. Donne e uomini, Campioni d’Italia che una ne fanno e cento ne pensano pur di liberare la troposfera milanese da veleni e pericoli per i cittadini.

Il “business” sociale dell’ associazione ce lo  spiega Marco Ferrari, presidente uomo di un gruppo nato da donne, che sintetizza azioni e obiettivi dei genitori antismog – che sono di lotta e di governo o meglio ribelli e propositivi: “Elaboriamo progetti con proposte concrete per una sana mobilità scolastica, collaboriamo con le istituzioni e la società civile, portiamo avanti battaglie legali, attività di lobby e pressione politica”. Strumenti potenti per fini nobili e con tanti risultati da leggere e apprezzare nella contabilità dell’associazione “Siamo riusciti a far approvare alcune osservazioni sul  piano della mobilità urbana e fatto approvare il piano della qualità dell’aria regionale vincendo un ricorso al TAR  e il controricorso al Consiglio di Stato presentato dalla Regione Lombardia”. Una efficace spina nel fianco delle istituzioni, spiega Ferrari.

Oltre le battaglie, le azioni sul campo, anzi sulla strada, come Siamo Nati per camminare, che ha mobilitato oltre ventimila bambini milanesi. Tutti invitati a spostarsi con mezzi alternativi all’auto “andare a scuola a piedi, in bicicletta, skateboard, monopattino o con i mezzi pubblici”, racconta il presidente che coglie l’occasione per affrontare un altro problema: il diritto dei bambini ad andare a scuola in autonomia. “Io ci andavo, a piedi naturalmente. Ci sono studi che registrano che la percentuale di mobilità autonoma degli studenti italiani è la più bassa; altre ricerche scientifiche dimostrano che l’autonomia nella mobilità è correlata con il grado di apprendimento. In altri termini il bambino è più sveglio se si muove solo, si presentano, invece, problemi di apprendimento se viene trasportato come un pacco“. Un “gioco” a somma positiva, ci guadagniamo tutti: genitori, bambini e la collettività perché si liberano le strade dalle auto che inquinano.

Sul fronte della mobilità urbana le idee dell’associazione sono molto chiare: “Faccio l’esempio di Milano, città piatta e compatta e con una struttura urbanistica  ideale perché la mobilità si basi sui mezzi pubblici o le bici. Le città italiane sono già pronte, non serve fare chissà che cosa. Servono le corsie preferenziali, più che la metropolitana che spesso diventa un alibi con il ritornello: “non ci sono i soldi per costruirle”, ma possiamo viaggiare sui tram leggeri di superficie come avviene in tutto il Nord Europa. Noi siamo un po’ lenti a recepire le innovazioni”.

I Genitori non amano però lamentarsi e basta, sono pronti alle carte bollate, ma pure al confronto. Come dimostra l’ultima iniziativa lanciata in questi giorni: Negozi amici dell’aria, con un manifesto accolto da alcuni esercenti milanesi che in sintesi prevede: via libera a politiche di riduzione del traffico con pedonalizzazioni, zone 30, Ztl e congestion charge; riduzione sprechi ed emissioni con i limiti fissati per il riscaldamento e la chiusura delle porte dei negozi; sensibilizzazione dei  fornitori ad utilizzare mezzi a basso impatto ambientale; offrire a condizioni vantaggiose il servizio di consegna a domicilio tramite il bike messenger. Un decalogo accettato, “nonostante l’opposizione e le critiche delle associazioni dei commercianti, abbiamo stretto un’alleanza con i singoli che hanno capito che lo shopping non ha necessità di auto, chi la vuole usare fa la spesa al centro commerciale. Le proteste contro le pedonalizzazioni sono minoritarie, ma molto rumorose”. Le mamme e papà antismog però non si arrendono e continuano a rullare i tamburi: non basta vincere qualche battaglia, c’è da vincere la guerra per una città dove respirare a pieni polmoni.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende