Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita:

Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita

aprile 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Correva l’anno 2001. L’aria di Milano intrisa di veleno, il sindaco Gabriele Albertini consiglia di tenere dentro casa i bambini e le mamme si ribellano: sotto Palazzo Marino, la sede del Comune, con i passeggini a reclamare aria pulita e salute per i polmoni dei cittadini, a iniziare dai più piccoli. E’ questo l’atto di nascita dell’associazione Genitori Antismog, che in 15 anni sono diventati una piccola grande lobby civica, in senso positivo, che battaglia in tribunale, fa proposte, presenta progetti e  sensibilizza in nome del diritto all’aria pulita. Donne e uomini, Campioni d’Italia che una ne fanno e cento ne pensano pur di liberare la troposfera milanese da veleni e pericoli per i cittadini.

Il “business” sociale dell’ associazione ce lo  spiega Marco Ferrari, presidente uomo di un gruppo nato da donne, che sintetizza azioni e obiettivi dei genitori antismog – che sono di lotta e di governo o meglio ribelli e propositivi: “Elaboriamo progetti con proposte concrete per una sana mobilità scolastica, collaboriamo con le istituzioni e la società civile, portiamo avanti battaglie legali, attività di lobby e pressione politica”. Strumenti potenti per fini nobili e con tanti risultati da leggere e apprezzare nella contabilità dell’associazione “Siamo riusciti a far approvare alcune osservazioni sul  piano della mobilità urbana e fatto approvare il piano della qualità dell’aria regionale vincendo un ricorso al TAR  e il controricorso al Consiglio di Stato presentato dalla Regione Lombardia”. Una efficace spina nel fianco delle istituzioni, spiega Ferrari.

Oltre le battaglie, le azioni sul campo, anzi sulla strada, come Siamo Nati per camminare, che ha mobilitato oltre ventimila bambini milanesi. Tutti invitati a spostarsi con mezzi alternativi all’auto “andare a scuola a piedi, in bicicletta, skateboard, monopattino o con i mezzi pubblici”, racconta il presidente che coglie l’occasione per affrontare un altro problema: il diritto dei bambini ad andare a scuola in autonomia. “Io ci andavo, a piedi naturalmente. Ci sono studi che registrano che la percentuale di mobilità autonoma degli studenti italiani è la più bassa; altre ricerche scientifiche dimostrano che l’autonomia nella mobilità è correlata con il grado di apprendimento. In altri termini il bambino è più sveglio se si muove solo, si presentano, invece, problemi di apprendimento se viene trasportato come un pacco“. Un “gioco” a somma positiva, ci guadagniamo tutti: genitori, bambini e la collettività perché si liberano le strade dalle auto che inquinano.

Sul fronte della mobilità urbana le idee dell’associazione sono molto chiare: “Faccio l’esempio di Milano, città piatta e compatta e con una struttura urbanistica  ideale perché la mobilità si basi sui mezzi pubblici o le bici. Le città italiane sono già pronte, non serve fare chissà che cosa. Servono le corsie preferenziali, più che la metropolitana che spesso diventa un alibi con il ritornello: “non ci sono i soldi per costruirle”, ma possiamo viaggiare sui tram leggeri di superficie come avviene in tutto il Nord Europa. Noi siamo un po’ lenti a recepire le innovazioni”.

I Genitori non amano però lamentarsi e basta, sono pronti alle carte bollate, ma pure al confronto. Come dimostra l’ultima iniziativa lanciata in questi giorni: Negozi amici dell’aria, con un manifesto accolto da alcuni esercenti milanesi che in sintesi prevede: via libera a politiche di riduzione del traffico con pedonalizzazioni, zone 30, Ztl e congestion charge; riduzione sprechi ed emissioni con i limiti fissati per il riscaldamento e la chiusura delle porte dei negozi; sensibilizzazione dei  fornitori ad utilizzare mezzi a basso impatto ambientale; offrire a condizioni vantaggiose il servizio di consegna a domicilio tramite il bike messenger. Un decalogo accettato, “nonostante l’opposizione e le critiche delle associazioni dei commercianti, abbiamo stretto un’alleanza con i singoli che hanno capito che lo shopping non ha necessità di auto, chi la vuole usare fa la spesa al centro commerciale. Le proteste contro le pedonalizzazioni sono minoritarie, ma molto rumorose”. Le mamme e papà antismog però non si arrendono e continuano a rullare i tamburi: non basta vincere qualche battaglia, c’è da vincere la guerra per una città dove respirare a pieni polmoni.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende