Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita:

Genitori Antismog, la lobby positiva che lotta per un’aria più pulita

aprile 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Correva l’anno 2001. L’aria di Milano intrisa di veleno, il sindaco Gabriele Albertini consiglia di tenere dentro casa i bambini e le mamme si ribellano: sotto Palazzo Marino, la sede del Comune, con i passeggini a reclamare aria pulita e salute per i polmoni dei cittadini, a iniziare dai più piccoli. E’ questo l’atto di nascita dell’associazione Genitori Antismog, che in 15 anni sono diventati una piccola grande lobby civica, in senso positivo, che battaglia in tribunale, fa proposte, presenta progetti e  sensibilizza in nome del diritto all’aria pulita. Donne e uomini, Campioni d’Italia che una ne fanno e cento ne pensano pur di liberare la troposfera milanese da veleni e pericoli per i cittadini.

Il “business” sociale dell’ associazione ce lo  spiega Marco Ferrari, presidente uomo di un gruppo nato da donne, che sintetizza azioni e obiettivi dei genitori antismog – che sono di lotta e di governo o meglio ribelli e propositivi: “Elaboriamo progetti con proposte concrete per una sana mobilità scolastica, collaboriamo con le istituzioni e la società civile, portiamo avanti battaglie legali, attività di lobby e pressione politica”. Strumenti potenti per fini nobili e con tanti risultati da leggere e apprezzare nella contabilità dell’associazione “Siamo riusciti a far approvare alcune osservazioni sul  piano della mobilità urbana e fatto approvare il piano della qualità dell’aria regionale vincendo un ricorso al TAR  e il controricorso al Consiglio di Stato presentato dalla Regione Lombardia”. Una efficace spina nel fianco delle istituzioni, spiega Ferrari.

Oltre le battaglie, le azioni sul campo, anzi sulla strada, come Siamo Nati per camminare, che ha mobilitato oltre ventimila bambini milanesi. Tutti invitati a spostarsi con mezzi alternativi all’auto “andare a scuola a piedi, in bicicletta, skateboard, monopattino o con i mezzi pubblici”, racconta il presidente che coglie l’occasione per affrontare un altro problema: il diritto dei bambini ad andare a scuola in autonomia. “Io ci andavo, a piedi naturalmente. Ci sono studi che registrano che la percentuale di mobilità autonoma degli studenti italiani è la più bassa; altre ricerche scientifiche dimostrano che l’autonomia nella mobilità è correlata con il grado di apprendimento. In altri termini il bambino è più sveglio se si muove solo, si presentano, invece, problemi di apprendimento se viene trasportato come un pacco“. Un “gioco” a somma positiva, ci guadagniamo tutti: genitori, bambini e la collettività perché si liberano le strade dalle auto che inquinano.

Sul fronte della mobilità urbana le idee dell’associazione sono molto chiare: “Faccio l’esempio di Milano, città piatta e compatta e con una struttura urbanistica  ideale perché la mobilità si basi sui mezzi pubblici o le bici. Le città italiane sono già pronte, non serve fare chissà che cosa. Servono le corsie preferenziali, più che la metropolitana che spesso diventa un alibi con il ritornello: “non ci sono i soldi per costruirle”, ma possiamo viaggiare sui tram leggeri di superficie come avviene in tutto il Nord Europa. Noi siamo un po’ lenti a recepire le innovazioni”.

I Genitori non amano però lamentarsi e basta, sono pronti alle carte bollate, ma pure al confronto. Come dimostra l’ultima iniziativa lanciata in questi giorni: Negozi amici dell’aria, con un manifesto accolto da alcuni esercenti milanesi che in sintesi prevede: via libera a politiche di riduzione del traffico con pedonalizzazioni, zone 30, Ztl e congestion charge; riduzione sprechi ed emissioni con i limiti fissati per il riscaldamento e la chiusura delle porte dei negozi; sensibilizzazione dei  fornitori ad utilizzare mezzi a basso impatto ambientale; offrire a condizioni vantaggiose il servizio di consegna a domicilio tramite il bike messenger. Un decalogo accettato, “nonostante l’opposizione e le critiche delle associazioni dei commercianti, abbiamo stretto un’alleanza con i singoli che hanno capito che lo shopping non ha necessità di auto, chi la vuole usare fa la spesa al centro commerciale. Le proteste contro le pedonalizzazioni sono minoritarie, ma molto rumorose”. Le mamme e papà antismog però non si arrendono e continuano a rullare i tamburi: non basta vincere qualche battaglia, c’è da vincere la guerra per una città dove respirare a pieni polmoni.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende