Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Il Genius loci di Hella Haasse:

Il Genius loci di Hella Haasse

agosto 2, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro “Genius Loci”, di Hella S. Haasse edito da Iperborea (pag. 64, euro 9.50).

Quando comprarono il terreno non era così sicura che il posto le piacesse realmente. C’era qualcosa nell’aria che la turbava. Benché affascinata, incantata, aveva come l’impressione di violare un luogo proibito. Sacer era la parola che senza volerlo le veniva in mente: sacro e maledetto insieme.

Doveva ammettere che la posizione – sul versante sudovest di una collina coperta di folta vegetazione, residuo di un bosco antichissimo – era un luogo ideale per una casa di campagna. Suo marito dichiarò fin dalla prima visita che avevano trovato quel che cercavano. Era lì che si sarebbero rifugiati ogni estate, lontani ben due frontiere dalla città dove vivevano.

La casa fu costruita nel giro di pochi mesi, sobria e funzionale per le stagioni calde. Un paio di volte fecero il viaggio dal loro paese per vedere come procedeva la costruzione. Mentre lui parlava dei dettagli tecnici con gli operai, lei girovagava nei dintorni, tuttora in preda alla sensazione ambigua cui non sapeva dare un nome, ma che la assaliva non appena lasciavano l’autostrada e si addentravano nel bosco.

Quando furono eretti i muri e posizionate le travi del tetto, varcò per la prima volta la soglia della futura abitazione. Dietro i vani spalancati di finestre e porte, e oltre lo scheletro di travi sopra la sua testa, vedeva gli alberi del bosco.

Le gemme si aprivano, una foschia verde aleggiava tra i rami. Nel bosco aveva raccolto dei narcisi selvatici, i primi fiori dell’anno, che lì crescevano in abbondanza. Depose il mazzetto sul pavimento di cemento.

Il marito non poté non sorridere di quel gesto: un sacrificio espiatorio al genius loci perché abbiamo invaso il suo territorio?

Impossibile raccontargli che a volte aveva come la sensazione di essere seguita da qualcuno sul sentiero nel bosco, o spiata tra i cespugli. Non c’era niente di minaccioso in quella presenza invisibile, non provava paura, solo una vaga inquietudine. Qualcuno aspettava qualcosa da lei, ma non sapeva cosa.

In quella prima estate le capitò più volte di rimanere sola per giorni interi, quando il marito, prima e dopo le ferie ufficiali, si assentava per impegni di lavoro. Era allora che si rendeva conto di quanto fosse isolata la loro casa. Certi giorni non vedeva altro essere umano che il postino, quando arrivava col suo furgone giallo a consegnare lettere e giornali. I corrispondenti si stupivano dello strano indirizzo: Le Puits Renaud, comune di Vy. Lei si costringeva a dedicarsi ad attività di routine, risistemava stanze già in ordine o lavorava in giardino, un terrapieno arricchito di fertile terriccio nero intorno alla casa, dove aveva piantato cespugli e fiori che si rifiutavano di crescere sul terreno povero del bosco.

Finché rimaneva in casa, o entro il cerchio formato da giardino e terrazza, si sentiva a suo perfetto agio, anche se ogni tanto le capitava di interrompere le sue attività per scrutare l’alta barriera di alberi oltre lo steccato. Lì iniziava il bosco. Sempre, anche quando c’era poco vento, il fogliame pareva mosso da un alito, si sentivano fruscii, schianti sommessi, canti di uccelli, tutta la gamma dal semplice cinguettio a misteriose serie di suoni. Un cuculo lanciava il suo richiamo, le tortore tubavano. Quel che più la affascinava era il gioco perennemente mutevole di luci e ombre sulle innumerevoli sfumature di verde, indescrivibili. Al calare della sera, quando il riflesso infuocato del sole basso tingeva di rosso i tronchi e bordava d’oro i rami, gli alberi che delimitavano il suo giardino formavano una rete luminosa contro l’ombra profonda del bosco.

Si accorgeva di essere più che mai consapevole dei propri stati d’animo e pensieri. Una mattina si svegliò con la sensazione che la sua vita fosse trascorsa senza che lei l’avesse realmente vissuta. Era ancora a letto; dalla finestra poteva vedere le chiome dalle forme bizzarre di alcuni pini marittimi che si stagliavano scuri contro il cielo del mattino. Vi riconosceva profili con il naso a punta e gli occhi sporgenti di marionette wayang: volti demoniaci agitati dal vento, che scuotevano la testa cambiando quasi impercettibilmente espressione. Squarci nel tetto di foglie attraverso i quali appariva il cielo luminoso erano come occhi lucenti, denti smaglianti.

Hella S. Haasse*

©1993, Hella S. Haasse (Genius loci); ©2011, iperborea S.r.l.

*Nata a Batavia, l’attuale Giacarta, nel 1918, è considerata una delle più interessanti scrittrici olandesi contemporanee. A vent’anni si trasferisce in Olanda dove studia letteratura e recitazione e pubblica Oeroeg, il suo primo romanzo di successo, impregnato di quel senso di lacerazione che le ha dato la Guerra di Secessione delle Indie olandesi, in quel tempo ancora in corso. Resa famosa dai suoi romanzi storici, come Vagando per una selva oscura Il profumo di mandorle amare e per le sue opere legate ai ricordi d’infanzia nelle colonie olandesi, affronta nella sua vastissima opera anche temi più personali e intimi legati al mondo contemporaneo, come nellaFonte nascosta, in Di passaggio o nelle Vie dell’immaginazione.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende