Home » Bollettino Europa »Rubriche » George Lyon, dalla Scozia per l’Europa: “Il cambiamento climatico non si ferma alle frontiere”:

George Lyon, dalla Scozia per l’Europa: “Il cambiamento climatico non si ferma alle frontiere”

maggio 16, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

 

George Lyon è l’unico scozzese che al Parlamento Europeo siede tra le fila del gruppo politico dell’ALDE, l’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa. Vicepresidente della potentissima Commissione per il Budget comunitario, Lyon fa anche parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale. È stato membro della Royal Agricultural Society e Presidente della National Farmers Union of Scotland. È, inoltre, dal 1972, agricoltore di un’azienda di 550 ettari nell’isola di Bute. Accanto ai suoi colleghi liberal democratici si batte per un’economia forte, per mantenere la Scozia nel Regno Unito e il Regno Unito al centro dell’Europa. Con Greenews.info ha parlato del fattore comunitario, fondamentale per affrontare anche le problematiche ambientali.

D) Onorevole Lyon, quali saranno, secondo lei, le sfide che attendono l’Unione Europea in campo ambientale durante i prossimi cinque anni?

R) Bisogna lavorare per creare un ambizioso programma verde per proteggere il nostro ambiente e creare posti di lavoro verdi. Il cambiamento climatico non si ferma alle frontiere e credo sia fondamentale lavorare con gli altri Paesi europei per tagliare le emissioni di carbonio, promuovere i green jobs, ridurre l’inquinamento e proteggere la biodiversità. Ai molti che vogliono il Regno Unito fuori dall’Unione Europea rispondo che i Liberal Democratici sono l’unica forza politica che in campagna elettorale è a favore di questa visione. Perché? Perché oltre 3 milioni di posti di lavoro britannici dipendono dalla nostra adesione all’UE. In parole povere, nell’Europa c’è il lavoro, abbiamo anche lanciato una petizione online per chi vuole sostenere questa idea. Al contrario lo UKIP – il Partito per l’Indipendenza del Regno Unito guidato da Nigel Farage – cercando di tirare la Gran Bretagna fuori dall’Europa, sta mettendo la nostra economia a rischio e sia i Laburisti che i Conservatori sono troppo spaventati per reagire.

D) La nuova PAC, la Politica Agricola Comune post 2013 rappresenta la voce principale del budget UE e ha un elevato impatto sociale – nonché profonde implicazioni economiche – in ogni Stato membro. Come considera la riforma appena varata?  Quali aspetti crede debbano essere migliorati in futuro?

R) Come portavoce del Gruppo parlamentare dell’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE) per quanto riguarda la Commissione Agricoltura, ho svolto un ruolo chiave nella riforma della Politica Agricola Comune. Ho, infatti, scritto il Rapporto Lyon sulla riforma della PAC – ho spinto per pagamenti diretti più mirati, per un focus sull’efficienza produttiva sostenibile, per maggiori incentivi alla ricerca, per raggiungere una crescita verde nelle aree rurali, per le misure a sostegno dei giovani agricoltori e per gli investimenti nelle fonti rinnovabili. La maggior parte degli aspetti sono stati accolti  nella proposta della Commissione: mi ritengo, quindi, soddisfatto.

D) E per quanto riguarda invece la Politica Comune della Pesca?

R) Il fulcro attorno al quale deve ruotare la Politica Comune della Pesca sono i rigetti in mare. Credo, inoltre, che l’Unione Europea debba delegare il potere alle comunità locali. Pescatori e scienziati di ogni Paese devono essere coinvolti nelle decisioni che li riguardano. In questo modo Bruxelles ha la possibilità di approvare piani personalizzati e specifici a seconda delle caratteristiche di ciascuna area. Nel settore è poi cruciale la difesa e la creazione di posti di lavoro per le generazioni a venire senza per questo dimenticare di incentivare gli stock ittici sostenibili.

D) In un’intervista con Europolitics, ha commenta i recenti tentativi da parte di alcuni Stati membri di far rivivere la proposta del 2010 della Commissione Europea sulle regole di autorizzazione per la coltivazione delle colture geneticamente modificate sul territorio dell’UE. È d’accordo con la proposta della Commissione di dare agli Stati membri la libertà di decidere se vogliono coltivare OGM o no?

R) Dopo le elezioni di maggio la Commissione cambierà. Così sembra molto improbabile che i negoziati si svolgeranno prima delle elezioni e la nomina dei nuovi Commissari. Inoltre, gli Stati membri restano divisi. Alcuni sono favorevoli, altri sono contro. Alcuni Paesi stanno cominciando a rendersi conto che può essere vantaggioso far crescere una nuova generazione di colture geneticamente modificate, con migliori performance sanitarie e ambientali – ad esempio riducendo l’uso di pesticidi. Io preferirei vedere una “soluzione europea”. Ma, se tale soluzione non può essere trovata, lasciare agli Stati membri la facoltà di decidere può essere l’unico modo per andare avanti. Dare ai consumatori la possibilità di scegliere attraverso l’etichettatura. Il mio unico desiderio è che le decisioni siano basate sulle evidenze scientifiche. Se ci allontaniamo dalla scienza rischiamo di perderci perché la questione sarebbe ancora più politicizzata rispetto a quanto non lo sia già.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende