Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Ghiaccio e carbone: in viaggio d’inverno sul Pamir:

Ghiaccio e carbone: in viaggio d’inverno sul Pamir

dicembre 9, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Un reportage di un viaggio lungo 27.500 km in cui si respira la libertà di chi ha scelto di essere viaggiatore, e non turista. La differenza è sostanziale. “Il turista ha molti soldi ma non ha il tempo per goderseli. Il viaggiatore ha tutto il tempo che vuole, ma finanze limitate. Il turista sa che la sua vita cambierà durante il suo viaggio. Il viaggiatore sa che il viaggio cambierà la sua vita. Per sempre”, spiega Mike Soppelsa, autore di “Visto Viaggiare“, da poco pubblicato da DBS Zanetti. Mike Soppelsa è tornato in Italia da Singapore senza staccarsi dal suolo, percorrendo in autostop l’alto-piano himalayano, osservando da un treno sovraffollato le parti più remote della Cina, entrando nei villaggi rurali dell’Asia Centrale, passando per l’Afghanistan e per l’Iran, campeggiando nei villaggi della Turchia e dei Balcani. Un’esperienza meravigliosa che questo libro fa rivivere, tenendo il lettore con il fiato sospeso, facendolo immedesimare, ridere e riflettere con gli aneddoti del viaggio e accompagnandolo in giro per il mondo, lungo l’antica “Via della Seta”. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente”, pubblichiamo un estratto del libro in cui l’autore racconta la sua esperienza sull’Altopiano del Pamir.

Guardando i villaggi sparsi sull’altopiano del Pamir, viene da chiedersi cosa ci faccia la gente lì. Sono posti bellissimi ma non ci sono pascoli, non ci sono alberi; c’è solo qualche rado cespuglio.Vecchi e malandati camioncini trasportano il carbone dal Kirghizistan all’altopiano. Il carbone è l’unica fonte di combustibile reperibile per riscaldare le abitazioni.

Sono partito dal Kirghizistan e dopo una giornata di jeep sono arrivato al piccolo villaggio di Murgab, in Tajikistan, nel bel mezzo dell’altopiano del Pamir. Quando sono arrivato era buio. Nel villaggio non c’era corrente; qualche abitazione era illuminata dalla fioca luce delle lampade a olio. Alcuni avevano il lusso di possedere un piccolo gruppo elettrogeno con il quale alimentare qualche lampadina ed un televisore. Il rumore dei motori a scoppio rimbombava nella valle. L’autista che aveva portato me ed altri sei tagichi da Osh a Murgab, mi ha scaricato di fronte ad una guest house. Quello fra il Kirghizistan e il Tajikistan è stato un facile attraversamento di confine. Il bravo autista portava i miei documenti negli uffici doganali e pagava, senza batter ciglio, le tangenti che gli venivano richieste dai militari. Portare uno straniero è un grosso affare e anche i militari vogliono averne una parte.

Nella guest house mi hanno dato una camera molto accogliente. Il pavimento e il muro erano tappezzati con enormi tappeti persiani che davano un senso di calore solo a guardarli. La signora che gestiva il posto ha caricato con del carbone la piccola stufetta che c’era in camera e mi ha dato qualcosa da mangiare.

La mattina del giorno dopo mi sono svegliato presto, con un gran cerchio alla testa. In camera c’era un gran caldo. La stufetta a carbone aveva consumato tutto l’ossigeno che c’era nella stanza. Mi sono vestito e sono uscito a fare una passeggiata. Non so quanti gradi ci fossero, so che non ho mai sentito un freddo così forte in vita mia. I piedi mi si ghiacciavano dentro gli scarponi e le mani mi si intorpidivano nonostante avessi i guanti. Il vapore che usciva dalla mia bocca si condensava e si ghiacciava sui baffi. Ho resistito ed ho continuato a girare per il villaggio, cercando di non allontanarmi troppo dalla guest house. Il villaggio era congelato, si vedeva solo qualche rara persona di fronte alle piccole case con il tetto piano.

Il fumo del carbone usciva a stento dai comignoli delle abitazioni e sembrava non volesse lasciare il villaggio. Se ne stava lì, riluttante, senza voler alzarsi in cielo ed affrontare il grande freddo. Il villaggio era impregnato dell’odore catramoso e fossile del carbone. Sono rientrato nella guest house ed ho fatto colazione. Il sole sorge verso le otto del mattino. La gente comincia a uscire dalle case verso le dieci, quando il freddo è meno pungente. Sono andato nel piccolo mercato del paese. Volevo comprare dei fazzolettini di carta e del miele ma non ho trovato né l’uno, né l’altro.

Sono stato avvicinato da una ragazza che parlava un buon inglese. Mi ha detto che non aveva mai visto uno straniero in quei posti in pieno inverno. La ragazza, tutta entusiasta, mi ha portato a conoscere la maestra d’inglese del villaggio. La maestra stava pompando l’acqua da un pozzo. Mentre la ragazza l’aiutava a portare i secchi d’acqua, la maestra mi ha proposto di venire come ospite alla lezione che si teneva nel pomeriggio.[…]

Il giorno seguente, Soliboi è arrivato puntualissimo. Mi ha riservato il “posto d’onore” a lato guida. Siamo andati a prendere gli altri passeggeri e siamo partiti. Fra i bagagli dei passeggeri c’era anche un montone. L’hanno messo in un sacco, l’hanno inscatolato e l’hanno messo sul tetto della jeep. Il montone doveva esserci abituato; non ha opposto la minima resistenza. Doveva essere un montone viaggiatore tanto che si lamentava solo quando ci fermavamo per qualche sosta; mentre viaggiavamo se ne stava beato sul tetto della jeep ad osservare il paesaggio.

Quando siamo arrivati sul Passo di Koi-Tezek a quasi 4.300 metri di quota, ho finalmente capito perché il Pamir viene chiamato il “tetto del mondo”. L’impressione è proprio quello di trovarsi sopra al tetto di un’abitazione in una grande città. Le alte montagne circostanti sono come alti grattacieli e l’altopiano è come il tetto piano di una casa. Se si guarda oltre l’Altopiano, le profonde valli scavate dai ghiacciai e dai corsi d’acqua ricordano le strade e i viali di una città.Abbiamo passato due checkpoint. Soliboi, ad ogni posto di controllo, portava tutti i nostri documenti ed una forma di pane per ingraziarsi le guardie tagiche.

Siamo arrivati a Khorog verso sera. Soliboi mi ha accompagnato ad una guest house. Una delle più economiche e popolari di Khorog. Said, il gestore, mi ha detto che d’estate ospitano cinquanta, sessanta turisti provenienti da tutto il mondo. L’ultimo turista che avevano ospitato, però, era passato di lì un mese prima. Said, ancora incredulo, mi ha chiesto cosa ci facevo lì in pieno inverno. Ho cercato di spiegargli che io non sono un turista; sono un viaggiatore. Il viaggiatore non segue le stagioni; segue il suo cuore e il suo istinto.

Mike Soppelsa*

* Diplomatosi nel 2006 presso l’Istituto minerario di Agordo (Belluno), presto comincia a lavorare come minatore nelle gallerie dell’Alto Adige. Dopo cinque anni di lavoro, pensa che sia venuto il momento di rifarsi di quegli anni vissuti nel buio delle gallerie. Per questo decide di trasformare quello che aveva guadagnato in “luce”, attraverso nuove esperienze e nuove emozioni. L’investimento più ovvio era quello del viaggio.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende