Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianmarco “Fraska”: la musica e la terra delle Marche:

Gianmarco “Fraska”: la musica e la terra delle Marche

gennaio 17, 2014 Rubriche, Very Important Planet

«La musica è il mio rifugio anche nei momenti meno felici, per questo le sono grato e non la abbandonerò mai». E’evidente il legame indissolubile tra Gianmarco Frascaroli (in arte “Fraska) e la musica. Ma leggendo la sua biografia salta all’occhio un altro legame profondo. Quello con la sua terra, le Marche. Una volta esauriti gli impegni di lavoro, che lo portano spesso nella Capitale, il cantautore decide sempre di tornare nella sua casa di Sirolo, nella riviera del Conero. «Un luogo a contatto con la natura» che aiuta Fraska a “rigenerarsi” dopo essere stato nella grande città.

D) “Fraska”, il legame con le Marche è presente anche nella sua attività musicale?

R) Le Marche sono presenti nei video dei miei brani ma indirettamente anche nei testi delle canzoni. I testi delle canzoni li sviluppo e li scrivo dove vivo attualmente: a Sirolo, nella riviera del Conero. Si tratta di un luogo a contatto con la natura. Quando torno a casa dopo essere stato in una grande città avverto sempre il distacco da questo luogo ed ho la necessità di andare a “rigenerarmi” a contatto con la natura. L’elemento naturale credo sia una componente fondamentale per testi che si legano bene ai sentimenti e alle emozioni che una persona vive. Il Conero è un luogo molto particolare che spezza in due la pianeggiante riviera del medio-alto Adriatico. La sua peculiarità è di essere a picco sul mare. Un luogo che cerco di far conoscere non solamente attraverso le canzoni ma anche attraverso i miei canali web e social.

D) Il legame con la sua regione è stato riconosciuto pubblicamente…

R) Il 17 agosto 2013 alla Rotonda a mare di Senigallia ho ricevuto il premio “Marche ambassador of the year” per i meriti conseguiti nel promuovere l’immagine del territorio. Pochi giorni dopo al Teatro Cortesi di Sirolo ho ricevuto il premio Franco Enriquez 2013 per l’impegno civile e sociale e per la migliore novità discografica. Si tratta di due riconoscimenti ottenuti nella mia terra, un luogo da cui non riesco a staccarmi. Le Marche sono, a mio avviso, una terra non molto conosciuta al grande pubblico. Tuttavia questo fattore credo che sia in parte l’arma vincente. Chi scopre le Marche senza fare programmi, vive un’emozione e una sorpresa ancora maggiore.

D) Tuttavia negli ultimi tempi è costretto a viaggiare molto per la sua attività musicale. Come si muove per i suo spostamenti?

R) Per lavoro mi sto recando spesso a Roma e cerco di andarci sempre in treno da Ancona. Amo viaggiare con questo mezzo. Credo che la ferrovia sia un mezzo di trasporto molto comodo e soprattutto ha un impatto ambientale ridotto. Inoltre, permette di apprezzare i paesaggi: nel caso della tratta Ancona-Roma posso ammirare dal treno gli splendidi panorami dell’Umbria.

D) Nella sua vita quotidiana come coniuga la sua attenzione verso la natura? La vita sul Conero aiuta ad adottare comportamenti più sostenibili?

R) Il Conero, essendo in collina, per certi versi limita l’utilizzo della bici per svolgere mansioni quotidiane come la spesa. Nella vita di tutti i giorni cerco, tuttavia, di andare a comprare presso aziende agricole locali, molto diffuse nella zona, che oltre a frutta e verdura, trattano anche carne e latticini. Il mio obiettivo è quello di acquistare prodotti sani, locali e a ridotto impatto ambientale.

D) Parlando invece della sua ultima novità musicale, il singolo dal titolo “Bella”, come sono state le prime risposte del pubblico?

R) Le risposte sono positive. Dopo essere stato al “Roxy Bar” di Red Ronnie tornerò prossimamente a Roma per promuovere il singolo: sarò ospite del programma di Nino Frassica su Radio2 e parteciperò ad una serata benefica sabato 18 gennaio a Palestrina. A breve andrò a presentare il videoclip all’Edicola di Fiorello. Per quanto riguarda il video, c’è stato in pochi giorni un grande riscontro di visualizzazioni on-line. Essendo, la canzone, un inno alla bellezza, è piaciuta molto la partecipazione di Rossella Brescia nel video. Oltre ad essere una brava ballerina, Rossella Brescia, è anche una donna che rappresenta alla perfezione la bellezza italiana e mediterranea. Una bellezza naturale che non ricorre ad artifizi chirurgici.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende