Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”:

Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”

ottobre 24, 2014 Rubriche, Very Important Planet

La voce calda del Piemonte. Gianmaria Testa, noto cantautore italiano (forse più noto in Francia), ha firmato diversi album dal 1995 a oggi, in collaborazione con alcuni dei musicisti più interessanti del panorama musicale europeo, oltre a scrivere opere pensate per il teatro. Recentemente ha anche realizzato una produzione per bambini: la canzone-favola Ninna Nanna dei sogni, del 2012, illustrata da Altan, e tradotta anche in francese. Del 2013 è poi la favola musicale 20 Mila leghe (in fondo al mare), illustrata da Marco Lorenzetti: una ballata dal testo allegorico sui temi della solidarietà e dell’unità contro ogni divisione. Biancaluna è il terzo lavoro editoriale tratto dall’omonima canzone, ancora dedicato ai bambini e nuovamente illustrato dalla mano di Altan. Greenews.info lo ha incontrato a Torino, in occasione della presentazione dei suoi audiolibri al polo culturale Lombroso 16.

D) Testa, cosa significa per lei il legame con il territorio?

R) Sapere dove stanno le radici. Avendo fatto fino a 20 anni il contadino con i miei genitori, penso che per chiunque metta le mani nella terra, poi le radici rimangano in quella terra… Mi stupisce molto che oggi si utilizzi il concetto della provenienza per creare divisioni. Io credo che chiunque abbia un legame profondo con un territorio non debba temere che la sua appartenenza venga inquinata dalle radici di qualcun altro.

D) Cosa le ha lasciato l’esperienza di contadino?

R) Quello che ho imparato del vivere l’ho imparato in quel periodo, in un cortile. Con la possibilità di vedere anche le cose più dure della vita, come la morte. Mi ha lasciato un rapporto con gli animali molto primigenio. È allora che ho imparato il vero valore di una stretta di mano. Mi ha lasciato una quantità di paesaggi e odori che sono le mie madeleine. Non c’è profumo più buono di quello dell’erba appena tagliata da un giorno, quando non è ancora fieno: ovunque lo senta mi riporta a casa.

D) Gli elementi naturali ricorrono spesso nei suoi lavori, l’ambiente è il filtro attraverso cui osserva la vita?

R) Sì, penso che nulla superi la meraviglia della natura. È molto difficile descrivere a parole la bellezza di una margherita, da lì nasce l’incanto ed è intorno a questo incanto che girano anche le vicende umane. Il punto di partenza è l’ineffabilità della natura.

D) Che rapporto ha con il mare?

R) Da orfano. Nel basso Piemonte, dove sono nato, ci sono i giorni di marin, quel vento ligure che porta il profumo del mare. Lo riconosci come un vento di un’altra terra. Sebbene sia nato e cresciuto circondato dalle montagne, mi sento legato al Mediterraneo in particolare. Perché penso che, nonostante ora viva questa tragica situazione di essere tomba di molti immigrati, il Mediterraneo sia la culla della civiltà Occidentale. È un mare diverso dagli altri, per questo il mio desiderio è di finire i miei giorni lì.

D) Qual è secondo lei il problema ambientale più urgente?

R) Sto provando a comporre delle canzoni intorno alla parola terra. Mi rendo conto che è molto difficile scrivere di una parola così usata e presente. Ma ho capito che non si deve cominciare dalla terra, bensì dagli uomini. Siamo arrivati al punto che, per interesse, siamo disposti all’autodistruzione. Stiamo vivendo paradossi giganteschi che in nessuna epoca si sono vissuti. Per questo auspico una sorta di neo umanesimo che ci permetta di uscire da questa epoca medioevale: abbiamo le guerre di religione in corso, abbiamo di nuovo i vassalli, valvassori e i servi della gleba. Ci illudiamo con questa finta libertà dei social network, dove in realtà la grande vittima è la verità. Siamo noi che facciamo i danni, dobbiamo partire da noi stessi.

D) Che fiducia ha nelle nuove generazioni dal punto di vista ambientale?

R) Nelle nuove generazioni ho fiducia massima, come tutti i genitori del resto, che sono obbligati a essere ottimisti nel futuro. Da adolescente immaginavo il mio futuro meglio del mio presente di allora: non è successo, ma il poterlo immaginare permetteva di avere un buon presente, di sentirsi parte di un qualcosa in miglioramento. I giovani di oggi no, sono preoccupatissimi del loro futuro. Questa è la più grave colpa della mia generazione.

D) Come cantautore pensa di poter contribuire alla costruzione di una coscienza ambientale?

R) Le canzoni non fanno le rivoluzioni. Credo che chiunque abbia acquisito qualche diritto di audience debba avere con questo diritto un rapporto doppiamente etico, facendo bene quello che sa fare, senza cadere in quella che il mio amico Gianbeppe Colombano chiama “la sindrome della chiave del cesso” che affligge tutto il mondo occidentale. Mi spiego: immagina un condominio con un solo bagno e la chiave è affidata a una sola persona, che può approfittare di questa condizione privilegiata. Ormai applichiamo questa logica a tutto. La normalità sarebbe la condivisione, non lo sfruttamento.

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettare l’ambiente?

R) Spegnere le luci dietro chi le lascia accese in casa. Chiudere l’acqua. Ad Alba abbiamo una raccolta differenziata molto precisa che seguiamo scrupolosamente. La quantità di sprechi rimane comunque enorme, viviamo al di sopra delle nostre possibilità, son ben cosciente di non fare abbastanza. Il mio sogno sarebbe vivere nel Mediterraneo e con una casa a emissioni zero.

D) Cosa ne pensa del cosiddetto downshifting?

R) Quando ero con i miei, anche se in povertà, i pasti non mancavano mai. Mia madre preparava una minestra con acqua, sale e pane raffermo per recuperare il pane rimasto lì, perché secondo lei non c’è nulla di più anticristiano che buttare via anche solo una briciola di pane. È questa la mentalità da recuperare, non si deve sprecare nulla.

D) Lei riflette spesso sull’importanza della fantasia. Quanto bisogno c’è di fantasia nell’ambiente?

R) Direi piuttosto di creatività… C’è bisogno di creatività ma anche di tanta unione fra le persone comuni, che dicano “ora basta!”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende