Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”:

Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”

ottobre 24, 2014 Rubriche, Very Important Planet

La voce calda del Piemonte. Gianmaria Testa, noto cantautore italiano (forse più noto in Francia), ha firmato diversi album dal 1995 a oggi, in collaborazione con alcuni dei musicisti più interessanti del panorama musicale europeo, oltre a scrivere opere pensate per il teatro. Recentemente ha anche realizzato una produzione per bambini: la canzone-favola Ninna Nanna dei sogni, del 2012, illustrata da Altan, e tradotta anche in francese. Del 2013 è poi la favola musicale 20 Mila leghe (in fondo al mare), illustrata da Marco Lorenzetti: una ballata dal testo allegorico sui temi della solidarietà e dell’unità contro ogni divisione. Biancaluna è il terzo lavoro editoriale tratto dall’omonima canzone, ancora dedicato ai bambini e nuovamente illustrato dalla mano di Altan. Greenews.info lo ha incontrato a Torino, in occasione della presentazione dei suoi audiolibri al polo culturale Lombroso 16.

D) Testa, cosa significa per lei il legame con il territorio?

R) Sapere dove stanno le radici. Avendo fatto fino a 20 anni il contadino con i miei genitori, penso che per chiunque metta le mani nella terra, poi le radici rimangano in quella terra… Mi stupisce molto che oggi si utilizzi il concetto della provenienza per creare divisioni. Io credo che chiunque abbia un legame profondo con un territorio non debba temere che la sua appartenenza venga inquinata dalle radici di qualcun altro.

D) Cosa le ha lasciato l’esperienza di contadino?

R) Quello che ho imparato del vivere l’ho imparato in quel periodo, in un cortile. Con la possibilità di vedere anche le cose più dure della vita, come la morte. Mi ha lasciato un rapporto con gli animali molto primigenio. È allora che ho imparato il vero valore di una stretta di mano. Mi ha lasciato una quantità di paesaggi e odori che sono le mie madeleine. Non c’è profumo più buono di quello dell’erba appena tagliata da un giorno, quando non è ancora fieno: ovunque lo senta mi riporta a casa.

D) Gli elementi naturali ricorrono spesso nei suoi lavori, l’ambiente è il filtro attraverso cui osserva la vita?

R) Sì, penso che nulla superi la meraviglia della natura. È molto difficile descrivere a parole la bellezza di una margherita, da lì nasce l’incanto ed è intorno a questo incanto che girano anche le vicende umane. Il punto di partenza è l’ineffabilità della natura.

D) Che rapporto ha con il mare?

R) Da orfano. Nel basso Piemonte, dove sono nato, ci sono i giorni di marin, quel vento ligure che porta il profumo del mare. Lo riconosci come un vento di un’altra terra. Sebbene sia nato e cresciuto circondato dalle montagne, mi sento legato al Mediterraneo in particolare. Perché penso che, nonostante ora viva questa tragica situazione di essere tomba di molti immigrati, il Mediterraneo sia la culla della civiltà Occidentale. È un mare diverso dagli altri, per questo il mio desiderio è di finire i miei giorni lì.

D) Qual è secondo lei il problema ambientale più urgente?

R) Sto provando a comporre delle canzoni intorno alla parola terra. Mi rendo conto che è molto difficile scrivere di una parola così usata e presente. Ma ho capito che non si deve cominciare dalla terra, bensì dagli uomini. Siamo arrivati al punto che, per interesse, siamo disposti all’autodistruzione. Stiamo vivendo paradossi giganteschi che in nessuna epoca si sono vissuti. Per questo auspico una sorta di neo umanesimo che ci permetta di uscire da questa epoca medioevale: abbiamo le guerre di religione in corso, abbiamo di nuovo i vassalli, valvassori e i servi della gleba. Ci illudiamo con questa finta libertà dei social network, dove in realtà la grande vittima è la verità. Siamo noi che facciamo i danni, dobbiamo partire da noi stessi.

D) Che fiducia ha nelle nuove generazioni dal punto di vista ambientale?

R) Nelle nuove generazioni ho fiducia massima, come tutti i genitori del resto, che sono obbligati a essere ottimisti nel futuro. Da adolescente immaginavo il mio futuro meglio del mio presente di allora: non è successo, ma il poterlo immaginare permetteva di avere un buon presente, di sentirsi parte di un qualcosa in miglioramento. I giovani di oggi no, sono preoccupatissimi del loro futuro. Questa è la più grave colpa della mia generazione.

D) Come cantautore pensa di poter contribuire alla costruzione di una coscienza ambientale?

R) Le canzoni non fanno le rivoluzioni. Credo che chiunque abbia acquisito qualche diritto di audience debba avere con questo diritto un rapporto doppiamente etico, facendo bene quello che sa fare, senza cadere in quella che il mio amico Gianbeppe Colombano chiama “la sindrome della chiave del cesso” che affligge tutto il mondo occidentale. Mi spiego: immagina un condominio con un solo bagno e la chiave è affidata a una sola persona, che può approfittare di questa condizione privilegiata. Ormai applichiamo questa logica a tutto. La normalità sarebbe la condivisione, non lo sfruttamento.

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettare l’ambiente?

R) Spegnere le luci dietro chi le lascia accese in casa. Chiudere l’acqua. Ad Alba abbiamo una raccolta differenziata molto precisa che seguiamo scrupolosamente. La quantità di sprechi rimane comunque enorme, viviamo al di sopra delle nostre possibilità, son ben cosciente di non fare abbastanza. Il mio sogno sarebbe vivere nel Mediterraneo e con una casa a emissioni zero.

D) Cosa ne pensa del cosiddetto downshifting?

R) Quando ero con i miei, anche se in povertà, i pasti non mancavano mai. Mia madre preparava una minestra con acqua, sale e pane raffermo per recuperare il pane rimasto lì, perché secondo lei non c’è nulla di più anticristiano che buttare via anche solo una briciola di pane. È questa la mentalità da recuperare, non si deve sprecare nulla.

D) Lei riflette spesso sull’importanza della fantasia. Quanto bisogno c’è di fantasia nell’ambiente?

R) Direi piuttosto di creatività… C’è bisogno di creatività ma anche di tanta unione fra le persone comuni, che dicano “ora basta!”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

ottobre 1, 2018

Future Mobility Week 2018. A Torino si immagina la “mobilità nuova”

Come sarà la mobilità di domani? È possibile sperimentarla già oggi? Future Mobility Week, dall’1 al 5 ottobre al Lingotto di Torino, cercherà di rispondere a queste domande attraverso una rassegna sull’hardware, il software e i servizi per la mobilità nuova, che cambia le abitudini, le infrastrutture, la città, la società e l’economia. Un occasione [...]

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

settembre 28, 2018

Pedalare in Sardegna. Un convegno a Nuoro fa il punto sul cicloturismo

Nell’ambito della 17° edizione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, l’associazione FIAB-Amicinbici organizza a Nuoro per  sabato 29 settembre 2018 un convegno dedicato a “Mobilità sostenibile in Sardegna – Cicloturismo e economia del territorio”. L’incontro, che si terrà  presso l’auditorium della Biblioteca Satta dalle ore 9, intende presentare un’ampia panoramica delle “buone pratiche” connesse all’utilizzo [...]

Aperta la “call for proposal” di Novamont per l’innovazione circolare

settembre 26, 2018

Aperta la “call for proposal” di Novamont per l’innovazione circolare

Oggi in Italia, quasi 1 kg di materia prima ogni 5 kg di materiali consumati viene dal riciclo. Il nostro Paese è al secondo posto in Europa nell’uso di materia proveniente da scarti: secondo l’indice di circolarità calcolato dalla Commissione Europea, l’Italia è a una percentuale del 18,5% contro il 26,7% del primo assoluto, l’Olanda, e si colloca [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende