Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”:

Gianmaria Testa e la sindrome della chiave del cesso. “Ora basta!”

ottobre 24, 2014 Rubriche, Very Important Planet

La voce calda del Piemonte. Gianmaria Testa, noto cantautore italiano (forse più noto in Francia), ha firmato diversi album dal 1995 a oggi, in collaborazione con alcuni dei musicisti più interessanti del panorama musicale europeo, oltre a scrivere opere pensate per il teatro. Recentemente ha anche realizzato una produzione per bambini: la canzone-favola Ninna Nanna dei sogni, del 2012, illustrata da Altan, e tradotta anche in francese. Del 2013 è poi la favola musicale 20 Mila leghe (in fondo al mare), illustrata da Marco Lorenzetti: una ballata dal testo allegorico sui temi della solidarietà e dell’unità contro ogni divisione. Biancaluna è il terzo lavoro editoriale tratto dall’omonima canzone, ancora dedicato ai bambini e nuovamente illustrato dalla mano di Altan. Greenews.info lo ha incontrato a Torino, in occasione della presentazione dei suoi audiolibri al polo culturale Lombroso 16.

D) Testa, cosa significa per lei il legame con il territorio?

R) Sapere dove stanno le radici. Avendo fatto fino a 20 anni il contadino con i miei genitori, penso che per chiunque metta le mani nella terra, poi le radici rimangano in quella terra… Mi stupisce molto che oggi si utilizzi il concetto della provenienza per creare divisioni. Io credo che chiunque abbia un legame profondo con un territorio non debba temere che la sua appartenenza venga inquinata dalle radici di qualcun altro.

D) Cosa le ha lasciato l’esperienza di contadino?

R) Quello che ho imparato del vivere l’ho imparato in quel periodo, in un cortile. Con la possibilità di vedere anche le cose più dure della vita, come la morte. Mi ha lasciato un rapporto con gli animali molto primigenio. È allora che ho imparato il vero valore di una stretta di mano. Mi ha lasciato una quantità di paesaggi e odori che sono le mie madeleine. Non c’è profumo più buono di quello dell’erba appena tagliata da un giorno, quando non è ancora fieno: ovunque lo senta mi riporta a casa.

D) Gli elementi naturali ricorrono spesso nei suoi lavori, l’ambiente è il filtro attraverso cui osserva la vita?

R) Sì, penso che nulla superi la meraviglia della natura. È molto difficile descrivere a parole la bellezza di una margherita, da lì nasce l’incanto ed è intorno a questo incanto che girano anche le vicende umane. Il punto di partenza è l’ineffabilità della natura.

D) Che rapporto ha con il mare?

R) Da orfano. Nel basso Piemonte, dove sono nato, ci sono i giorni di marin, quel vento ligure che porta il profumo del mare. Lo riconosci come un vento di un’altra terra. Sebbene sia nato e cresciuto circondato dalle montagne, mi sento legato al Mediterraneo in particolare. Perché penso che, nonostante ora viva questa tragica situazione di essere tomba di molti immigrati, il Mediterraneo sia la culla della civiltà Occidentale. È un mare diverso dagli altri, per questo il mio desiderio è di finire i miei giorni lì.

D) Qual è secondo lei il problema ambientale più urgente?

R) Sto provando a comporre delle canzoni intorno alla parola terra. Mi rendo conto che è molto difficile scrivere di una parola così usata e presente. Ma ho capito che non si deve cominciare dalla terra, bensì dagli uomini. Siamo arrivati al punto che, per interesse, siamo disposti all’autodistruzione. Stiamo vivendo paradossi giganteschi che in nessuna epoca si sono vissuti. Per questo auspico una sorta di neo umanesimo che ci permetta di uscire da questa epoca medioevale: abbiamo le guerre di religione in corso, abbiamo di nuovo i vassalli, valvassori e i servi della gleba. Ci illudiamo con questa finta libertà dei social network, dove in realtà la grande vittima è la verità. Siamo noi che facciamo i danni, dobbiamo partire da noi stessi.

D) Che fiducia ha nelle nuove generazioni dal punto di vista ambientale?

R) Nelle nuove generazioni ho fiducia massima, come tutti i genitori del resto, che sono obbligati a essere ottimisti nel futuro. Da adolescente immaginavo il mio futuro meglio del mio presente di allora: non è successo, ma il poterlo immaginare permetteva di avere un buon presente, di sentirsi parte di un qualcosa in miglioramento. I giovani di oggi no, sono preoccupatissimi del loro futuro. Questa è la più grave colpa della mia generazione.

D) Come cantautore pensa di poter contribuire alla costruzione di una coscienza ambientale?

R) Le canzoni non fanno le rivoluzioni. Credo che chiunque abbia acquisito qualche diritto di audience debba avere con questo diritto un rapporto doppiamente etico, facendo bene quello che sa fare, senza cadere in quella che il mio amico Gianbeppe Colombano chiama “la sindrome della chiave del cesso” che affligge tutto il mondo occidentale. Mi spiego: immagina un condominio con un solo bagno e la chiave è affidata a una sola persona, che può approfittare di questa condizione privilegiata. Ormai applichiamo questa logica a tutto. La normalità sarebbe la condivisione, non lo sfruttamento.

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettare l’ambiente?

R) Spegnere le luci dietro chi le lascia accese in casa. Chiudere l’acqua. Ad Alba abbiamo una raccolta differenziata molto precisa che seguiamo scrupolosamente. La quantità di sprechi rimane comunque enorme, viviamo al di sopra delle nostre possibilità, son ben cosciente di non fare abbastanza. Il mio sogno sarebbe vivere nel Mediterraneo e con una casa a emissioni zero.

D) Cosa ne pensa del cosiddetto downshifting?

R) Quando ero con i miei, anche se in povertà, i pasti non mancavano mai. Mia madre preparava una minestra con acqua, sale e pane raffermo per recuperare il pane rimasto lì, perché secondo lei non c’è nulla di più anticristiano che buttare via anche solo una briciola di pane. È questa la mentalità da recuperare, non si deve sprecare nulla.

D) Lei riflette spesso sull’importanza della fantasia. Quanto bisogno c’è di fantasia nell’ambiente?

R) Direi piuttosto di creatività… C’è bisogno di creatività ma anche di tanta unione fra le persone comuni, che dicano “ora basta!”.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende