Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianumberto Accinelli, l’entomologo che insegna la natura alle aziende: “Il vero dream team è quello delle api”:

Gianumberto Accinelli, l’entomologo che insegna la natura alle aziende: “Il vero dream team è quello delle api”

maggio 19, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Dalle pagine dei libri, dai microfoni della radio, nei laboratori con le scuole, nelle lezioni in azienda ma pure dai banchi della sua classe. Sempre il meraviglioso mondo della natura in primo piano. E’ la mission di Gianumberto Accinelli, entomologo, scrittore, divulgatore, creatore della start-up Eugea e professore di liceo. Nato a Bologna, il 3 febbraio 1969, ma conosciuto in tutta Italia per la sua capacità di raccontare in modo accattivante gli infiniti segreti del mondo animale e vegetale. A iniziare dalle farfalle e dalle api a cui ha dedicato “La meravigliosa vita delle farfalle”“La meravigliosa vita delle api”, ma non ha esitato a interpretare le pagine di un romanziere decisamente non facile nel libro “Proust e la Natura ritrovata”. La sua ultima fatica è “I fili invisibili della natura” dedicato ai “pasticci” combinati dagli uomini contro l’ecosistema. Storia e storie  che ci racconta in quest’intervista…

D) Gianumberto siamo tutti legati da infinite relazioni, ma l’uomo si sta specializzando nel tagliare questi preziosi fili come scrivi e denunci nel tuo ultimo libro. Ci racconti questi misfatti?

R) Sono 18 storie realmente accadute e dove si sono resi visibili i fili della natura  il cui primo principio è che tutti gli organismi sono collegati tramite connessioni che normalmente non vediamo. Io racconto dei fatti dove, a causa dell’uomo, questi fili si sono recisi e sono successe cose paradossali. Faccio un esempio: colpisco la zanzara del Borneo, cadono tutte le case, esplode il tifo e si paracadutano nell’isola 15 mila gatti…. E’ una catena di eventi tutti collegati tra loro. Come in quest’altra storia: porto la mucca in Australia, produce sterco ma non viene processato perché manca un animale dedicato a questo processo. Sono sommersi dalla…… Il territorio australiano non hai fili per recuperare e bisogna ricucire, qui entra in scena un entomologo di origini polacche che va in  giro per il mondo e trova questo stercorario sudafricano abituato a a smantellare quello dell’elefante e riesce a liberare l’Australia. Sono storie vere che spiegano i pericoli che corre il nostro pianeta.

D) Il complesso sistema della natura con l’uomo che fa opera di sabotaggio? E gli effetti?

R) Sono incalcolabili. Questi fili non si vedono, ma ci sono. Alla fine del libro chiudo con questo monito: attenzione a semplificare troppo, a tagliare questi fili perché non conosciamo tutti gli effetti di questo agire.

D) Si parla tanto dei pericoli  che corrono le api a causa dell’inquinamento. Al simpatico ed utile insetto hai dedicato un libro…

R) La mia chiave di lettura dell’ambiente è narrativa, ho una formazione scientifica, laureato in agraria e poi dottorato, ma racconto la natura sotto forma di storia e storie che ho usato, abbondantemente, per  ”La meravigliosa vita delle api“. L’idea è far scoprire il rispetto della natura, la sua salvaguardia.  L’ultimo capitolo  l’ho dedicato alla scomparsa delle api. In quello precedente alle farfalle, stesso discorso. Sono entrambe in pericolo…

D) Fai comunicazione sui media, ma ti piace anche progettare laboratori, giochi, letture con i bambini, escursioni come “a spasso con l’entomologo”. Una cassetta ricca di attrezzi del mestiere di narratore. Cosa cambia con i più piccoli?

R) Quello che faccio con i bambini, ma pure con gli adulti, è far vedere che la natura ha una specie di alfabeto, delle voci, che bisogna interpretare. Vado in giro con loro e mostro cosa ci dice la natura. La faccio parlare, presto la mia voce. Con i laboratori di eco narrazione dopo aver prestato la voce invito i partecipanti  a raccontarla. Io utilizzo il linguaggio della scienza e della scrittura, le persone  possono raccontarla come vogliono.

D) Parli di natura anche nelle aziende, cosa gli racconti e gli  insegni?

R) Svelo come comunica la natura. Lei  non perde tempo, non manda doppi messaggi,  anzi  sono diretti e molto chiari, massima coerenza con l’interlocutore, non c’è ambiguità. Nel nostro linguaggio dico bianco e intendo nero, la natura è chiara, palese. Bianco uguale bianco. E’ anche estremamente creativa. Un prato fiorito ha tanti colori e forme, ma  lancia  lo stesso messaggio: qui c’è del nettare, cibo per voi. L’espressività della natura è veramente sorprendente. Nelle aziende faccio vedere come l’essere diretti è molto efficace. Uso come metafora il linguaggio all’interno dell’alveare dove si fanno cose straordinarie e si comunica bene. L’ape non ha niente di straordinario, ma sa comunicare. Il dream team per eccellenza perché parla bene!

D) Subisci il fascino della radio, partecipi e dai il tuo contributo a diversi programmi. in onda con lezioni di entomologia?

R) Ora sono impegnato con il  “Volo del Mattino”, su  Radio DeeJay con Fabio Volo,  e l’intento dei nostri 10 minuti è quello di far sorridere e divertire  le persone, spero in modo non banale, con una vera lezione, raccontando come è fatta la natura. Vorrei ispirare dei pensieri e dei ragionamenti.

D) Gianumberto quali sono, secondo te, le priorità ambientali del pianeta?

R) Difficile ordinare una scala di priorità. Il meteorologo indicherà l’ effetto serra e il cambiamento climatico, l’ecologo  la rottura di questi fili quindi della biodiversità. Secondo me la priorità è conoscere: c’è poca conoscenza della natura e la si interpreta in modo consumistico. Chiaro che ci deve dare delle risorse, la nostra è una domanda lecita. Forse è meno lecito considerarla una fabbrica quindi chiedere una produttività esagerata che alla fine si ritorce contro. La priorità  ambientale è di tipo culturale, dobbiamo cambiare le nostre logiche ed obbedire ad un realismo oggettivo: usare quello che la natura ci può veramente dare. Ci piacerebbe che un campo di grano potesse produrre tonnellate e tonnellate di frumento, ma non è così…

D) Tu cosa fai concretamente e quotidianamente per la tutela dell’ambiente?

R) Credo di essere eco-coscienzioso. A livello culturale faccio tante cose, cerco di contagiare più persone  e portarle ad una visione più ampia. Sono viscerale in questo. A livello imprenditoriale ho creato Eugea che vuole incidere sulla realtà, seminando buone pratiche. Personalmente non uso la macchina, preferisco la bici. Con la mia famiglia scegliamo vacanze sostenibili, aderiamo e facciamo la spesa nei GAS. Cerchiamo di fare del nostro meglio….

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende