Home » Rubriche »Very Important Planet » Gianumberto Accinelli, l’entomologo che insegna la natura alle aziende: “Il vero dream team è quello delle api”:

Gianumberto Accinelli, l’entomologo che insegna la natura alle aziende: “Il vero dream team è quello delle api”

maggio 19, 2017 Rubriche, Very Important Planet

Dalle pagine dei libri, dai microfoni della radio, nei laboratori con le scuole, nelle lezioni in azienda ma pure dai banchi della sua classe. Sempre il meraviglioso mondo della natura in primo piano. E’ la mission di Gianumberto Accinelli, entomologo, scrittore, divulgatore, creatore della start-up Eugea e professore di liceo. Nato a Bologna, il 3 febbraio 1969, ma conosciuto in tutta Italia per la sua capacità di raccontare in modo accattivante gli infiniti segreti del mondo animale e vegetale. A iniziare dalle farfalle e dalle api a cui ha dedicato “La meravigliosa vita delle farfalle”“La meravigliosa vita delle api”, ma non ha esitato a interpretare le pagine di un romanziere decisamente non facile nel libro “Proust e la Natura ritrovata”. La sua ultima fatica è “I fili invisibili della natura” dedicato ai “pasticci” combinati dagli uomini contro l’ecosistema. Storia e storie  che ci racconta in quest’intervista…

D) Gianumberto siamo tutti legati da infinite relazioni, ma l’uomo si sta specializzando nel tagliare questi preziosi fili come scrivi e denunci nel tuo ultimo libro. Ci racconti questi misfatti?

R) Sono 18 storie realmente accadute e dove si sono resi visibili i fili della natura  il cui primo principio è che tutti gli organismi sono collegati tramite connessioni che normalmente non vediamo. Io racconto dei fatti dove, a causa dell’uomo, questi fili si sono recisi e sono successe cose paradossali. Faccio un esempio: colpisco la zanzara del Borneo, cadono tutte le case, esplode il tifo e si paracadutano nell’isola 15 mila gatti…. E’ una catena di eventi tutti collegati tra loro. Come in quest’altra storia: porto la mucca in Australia, produce sterco ma non viene processato perché manca un animale dedicato a questo processo. Sono sommersi dalla…… Il territorio australiano non hai fili per recuperare e bisogna ricucire, qui entra in scena un entomologo di origini polacche che va in  giro per il mondo e trova questo stercorario sudafricano abituato a a smantellare quello dell’elefante e riesce a liberare l’Australia. Sono storie vere che spiegano i pericoli che corre il nostro pianeta.

D) Il complesso sistema della natura con l’uomo che fa opera di sabotaggio? E gli effetti?

R) Sono incalcolabili. Questi fili non si vedono, ma ci sono. Alla fine del libro chiudo con questo monito: attenzione a semplificare troppo, a tagliare questi fili perché non conosciamo tutti gli effetti di questo agire.

D) Si parla tanto dei pericoli  che corrono le api a causa dell’inquinamento. Al simpatico ed utile insetto hai dedicato un libro…

R) La mia chiave di lettura dell’ambiente è narrativa, ho una formazione scientifica, laureato in agraria e poi dottorato, ma racconto la natura sotto forma di storia e storie che ho usato, abbondantemente, per  ”La meravigliosa vita delle api“. L’idea è far scoprire il rispetto della natura, la sua salvaguardia.  L’ultimo capitolo  l’ho dedicato alla scomparsa delle api. In quello precedente alle farfalle, stesso discorso. Sono entrambe in pericolo…

D) Fai comunicazione sui media, ma ti piace anche progettare laboratori, giochi, letture con i bambini, escursioni come “a spasso con l’entomologo”. Una cassetta ricca di attrezzi del mestiere di narratore. Cosa cambia con i più piccoli?

R) Quello che faccio con i bambini, ma pure con gli adulti, è far vedere che la natura ha una specie di alfabeto, delle voci, che bisogna interpretare. Vado in giro con loro e mostro cosa ci dice la natura. La faccio parlare, presto la mia voce. Con i laboratori di eco narrazione dopo aver prestato la voce invito i partecipanti  a raccontarla. Io utilizzo il linguaggio della scienza e della scrittura, le persone  possono raccontarla come vogliono.

D) Parli di natura anche nelle aziende, cosa gli racconti e gli  insegni?

R) Svelo come comunica la natura. Lei  non perde tempo, non manda doppi messaggi,  anzi  sono diretti e molto chiari, massima coerenza con l’interlocutore, non c’è ambiguità. Nel nostro linguaggio dico bianco e intendo nero, la natura è chiara, palese. Bianco uguale bianco. E’ anche estremamente creativa. Un prato fiorito ha tanti colori e forme, ma  lancia  lo stesso messaggio: qui c’è del nettare, cibo per voi. L’espressività della natura è veramente sorprendente. Nelle aziende faccio vedere come l’essere diretti è molto efficace. Uso come metafora il linguaggio all’interno dell’alveare dove si fanno cose straordinarie e si comunica bene. L’ape non ha niente di straordinario, ma sa comunicare. Il dream team per eccellenza perché parla bene!

D) Subisci il fascino della radio, partecipi e dai il tuo contributo a diversi programmi. in onda con lezioni di entomologia?

R) Ora sono impegnato con il  “Volo del Mattino”, su  Radio DeeJay con Fabio Volo,  e l’intento dei nostri 10 minuti è quello di far sorridere e divertire  le persone, spero in modo non banale, con una vera lezione, raccontando come è fatta la natura. Vorrei ispirare dei pensieri e dei ragionamenti.

D) Gianumberto quali sono, secondo te, le priorità ambientali del pianeta?

R) Difficile ordinare una scala di priorità. Il meteorologo indicherà l’ effetto serra e il cambiamento climatico, l’ecologo  la rottura di questi fili quindi della biodiversità. Secondo me la priorità è conoscere: c’è poca conoscenza della natura e la si interpreta in modo consumistico. Chiaro che ci deve dare delle risorse, la nostra è una domanda lecita. Forse è meno lecito considerarla una fabbrica quindi chiedere una produttività esagerata che alla fine si ritorce contro. La priorità  ambientale è di tipo culturale, dobbiamo cambiare le nostre logiche ed obbedire ad un realismo oggettivo: usare quello che la natura ci può veramente dare. Ci piacerebbe che un campo di grano potesse produrre tonnellate e tonnellate di frumento, ma non è così…

D) Tu cosa fai concretamente e quotidianamente per la tutela dell’ambiente?

R) Credo di essere eco-coscienzioso. A livello culturale faccio tante cose, cerco di contagiare più persone  e portarle ad una visione più ampia. Sono viscerale in questo. A livello imprenditoriale ho creato Eugea che vuole incidere sulla realtà, seminando buone pratiche. Personalmente non uso la macchina, preferisco la bici. Con la mia famiglia scegliamo vacanze sostenibili, aderiamo e facciamo la spesa nei GAS. Cerchiamo di fare del nostro meglio….

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende