Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Giardini globali”. Una filosofia dell’ambientalismo urbano:

“Giardini globali”. Una filosofia dell’ambientalismo urbano

giugno 16, 2015 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Quali benefici possono portare i giardini alla vita umana, e in particolar modo a quella di chi vive in città? Marcello Di Paola, un giovane filosofo, esperto di teoria e pratica di giardini, esplora le potenzialità dei giardini quali strumenti fronteggiare un significativo numero di problemi ambientali, in particolare la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico, integrando sostenibilità ecologica, efficienza economica e giustizia sociale. Il libro vuole sottolineare non solo il lato etico del lavoro in giardino – dove per etico si intende ciò che ha a che fare con il proprio carattere e con il proprio modo di vedere le cose, di agire e di vivere – ma anche il suo valore pubblico, morale e politico: dove per morale si intende ciò che riguarda il modo in cui trattiamo gli altri, e per politico ciò che riguarda i nostri modi di vivere insieme. Per la rubrica Racconti d’Ambiente pubblichiamo un estratto del cap. 4 del libro Giardini e virtù ambientali edito da Luiss Edizioni.

Lo stupore di fronte alla natura, ci dice Platone, è all’origine di ogni attività di conoscenza e dunque di ogni sapere umano. Ci stupiamo delle cose non solo perché non sappiamo cosa pensare di esse, ma anche perché non sappiamo come pensare a esse. Stupirsi vuol dire sapersi lasciare investire da ciò che è stupefacente senza preclusioni, ma vuole anche dire saper instaurare e mantenere un rapporto di coinvolgimento ravvicinato, quasi inquisitivo, verso di esso. In ciò lo stupore si mostra figlio di un atteggiamento creativamente ricettivo e differisce dallo sbalordimento, che ci vede invece meramente ricettivi.

La natura, dai gorghi spaziali al neutrino, è un immenso dispensario di stupore per chiunque sia disposto a farsi stupire. La capacità di stupirsi è un modo di porsi verso il mondo senza preconcetti, lasciando a esso la possibilità di affermarsi in tutta la sua complessità e il suo mistero senza banalizzarlo – e di lasciarsi attrarre da quel mistero, non abbandonandosi a esso ma cercando di leggerne i tratti, come un cieco riconosce i volti delle persone tastandoli leggermente con la punta delle dita. La capacità di stupirsi è stata considerata una virtù ambientale fondamentale fin da quando l’etica ambientale ha mosso i suoi primi passi: nel libro che diede vita alla disciplina, “Silent Spring” (1962), Rachel Carson descrisse la capacità di stupirsi come la virtù ambientale per eccellenza, suggerendo di «tornare alla terra e contemplarne la bellezza per conoscere stupore e umiltà», aprendosi così a sollecitazione spirituale e a gioia. Un individuo che non sappia lasciarsi andare allo stupore guarderà alla natura come a un qualcosa di semplicemente presente, laddove la capacità di stupirsi è fonte di gratitudine per ciò che è stupefacente, e chi trova certe cose stupefacenti difficilmente vorrà distruggerle (si veda Sandler, 2007, p. 50): piuttosto avrà un atteggiamento di rispetto verso di esse. Oltre a essere una virtù in sé, pertanto, la capacità di stupirsi è anche in grado attivare di altre virtù (gratitudine, rispetto), il che la rende una virtù ambientale fondamentale.

È ovvio che la capacità di stupirsi potrebbe anche essere sviluppata ed esercitata a contatto con la natura “incontaminata” – in Death Valley, ad esempio. In effetti, il paradigma della natura incontaminata conta molto sul fatto che la natura selvaggia, con la sua magnificente potenza e intricata complessità, ci stupirà profondamente se solo saremo disposti a essere stupefatti da essa. Ma la regolarità delle fioriture, la metamorfosi di un seme in esemplare, le geometrie delle forme botaniche, il travaglio delle formiche nella terra, la prima vegetazione dopo l’inverno, un’ibridazione spontanea, la forza distruttiva dei venti e persino la morte improvvisa di una pianta – tutto ciò e molto altro può ispirare stupore di fronte alla natura anche in giardino. Lo farà in modo meno grandioso di come può farlo il paesaggio della Death Valley, forse, ma questo sarà compensato dal fatto che potrà farlo molto più spesso e più facilmente di quanto non possa quest’ultimo, solo raramente disponibile alla maggior parte delle persone, come il resto della natura “incontaminata”. Se si dà per buona l’idea che la capacità di stupirsi è una virtù ambientale fondamentale, il cui sviluppo ed esercizio dovrebbero essere stimolati il più possibile, allora i giardini dovrebbero esserne il metodo. Non che il contatto con la natura selvaggia e lo stupore che essa suscita debbano essere in qualche modo scoraggiati: ma a meno che essi non siano reiterati e frequenti, piuttosto che isolati ed episodici, il modo più affidabile per sviluppare ed esercitare tale virtù fino a renderla un tratto profondo del proprio modo di guardare al mondo sarà lavorare in giardino. Far ciò mette l’individuo nella condizione di stupirsi di fronte alla natura in qualsiasi momento e gli dona il tempo di farlo, anche in città. Lavorare in giardino, in effetti, non solo abilita l’individuo allo stupore, ma gli richiede di stupirsi continuamente, anche di fronte al più infame dei parassiti e la più indomabile delle erbacce: di mantenere un atteggiamento ravvicinato e inquisitivo, mai banalizzante, per evitare di sottostimare la complessità delle entità/sistemi/processi naturali con cui egli è coinvolto.

Marcello Di Paola*

*Insegna Filosofia Politica e Sviluppo Sostenibile all’Università LUISS Guido Carli di Roma

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende