Home » Rubriche »Very Important Planet » Ginevra Bompiani: attenzione, creme e cremucce non sono la vera ecologia:

Ginevra Bompiani: attenzione, creme e cremucce non sono la vera ecologia

 Ginevra Bompiani non è solo figlia d’arte nel mondo dell’editoria. Suo padre, Valentino Bompiani, fondò nel 1929 l’omonima casa editrice, ma nel 2002 è lei a dar vita alla Nottetempo, il marchio editoriale creato insieme a Roberta Einaudi (nipote di Giulio).

Donna di cultura profonda e di grande coscienza civile, la intervistiamo, mentre è impegnata a Parigi, anche nel ruolo di scrittrice, autrice di un libro per Sellerio dal titolo “La stazione termale”. Il non-luogo della bellezza, dove la naturalità è un’illusione, e tutto è un paradiso fallace dell’eterna giovinezza: i clienti curano artificialmente il corpo, ma non riescono a lenire le piaghe dell’anima.

D) Perché ha deciso di ambientare il suo racconto di personaggi e solitudini  proprio alle terme?

R) Non ho scelto una stazione termale qualsiasi, ma proprio quella stazione termale, che ho visitato di persona. Ci sono stata una settimana. Ho deciso che sarebbe stata perfetta per la storia che avevo in mente. Il senso che ha nel libro la stazione è proprio il contrario dell’ecologia: è un luogo di finzione commerciale, che promette di ridarti bellezza e giovinezza con acque rigeneranti e passeggiate, e invece dietro c’è un’officina di iniezioni, tagli, bruciature (che io chiamo torture), con cui effettivamente si cambiano i connotati alle persone.

D) Nottetempo, la sua casa editrice, ha sede a Roma. Che gliene pare della vita nella Capitale?

R) La delizia di Roma è il suo clima piacevole. Per il resto però, c’è da rilevare che in città la pressione atmosferica è molto bassa, molto pesante. Per questo i romani sono spesso assonnati, stanchi, hanno poca energia. La capitale è affondata nella cloaca massima, i cui effluvi sono ancora abbastanza potenti.

D) Meglio Parigi?

R) La capitale d’Oltralpe, come la Francia in generale, ha un’amministrazione che funziona, sono una civiltà superiore alla nostra. Se il clima è peggiore, freddo, piovoso (oggi per fortuna è primavera), quello culturale è certamente superiore. L’unico vantaggio che l’Italia ha rispetto alla Francia è il calore umano immediato con le persone. Per il resto qui la vita è migliore.

D) Tornando al mercato editoriale, è possibile introdurre politiche di produzione del libro a basso impatto ambientale? Che costi hanno? Perché, finora, le hanno adottate solo piccole case editrici indipendenti?

R) La vera ecologia della cultura riguarda il modo in cui la si fa. Le case editrici indipendenti hanno un’idea molto ecologica della scelta dei libri, che riguarda un certo modo di presentarli, la qualità del prodotto. Quanto alla cosa più concreta, prendiamo ad esempio la scelta di una carta riciclata per le nostre pubblicazioni: personalmente non mi ha mai convinto questa politica. E spiegherò perché: intanto ci sono diverse scuole di pensiero che dicono che per rendere il prodotto riciclato ad un buon livello si usano trattamenti assai poco ecologici, e poi perché la nostra scelta è quella di stampare libri su un supporto molto buono, chiaro, pulito, piacevole al tatto. Se troverò una carta che mi assicurano non avere controindicazioni la adotterò.

D) Ritiene che l’ecologia sia sufficientemente sostenuta dalla politica, in Italia?

R) Credo nella politica e nelle sue scelte. L’unico partito di cui ho fatto parte sono i Verdi. L’ecologia è il dato più importante del nostro tempo.

D) E del commercio di prodotti ecologici cosa pensa? Lei li acquista?

R) Non credo sia ecologia il piccolo commercio ecologico. Le cremucce, i prodotti carissimi, che hanno l’etichetta ambientalista ma con l’unico scopo di costare di più. E poi, in Italia si dà sempre la precedenza alla velocità, piuttosto che alla bellezza. E’ l’unica cosa che abbiamo, la bellezza. Ci vuole davvero poco per distruggerla e lo stiamo facendo.

D) Se dovesse scegliere un paesaggio italiano del cuore? E un ex paradiso, degradato dall’intervento dell’uomo?

R) Il mio luogo naturale è il mare. Il paradiso infernale è Lerici: trascorro lì le mie estati. Sta diventando uno scempio. Faranno dei lavori per fare entrare più navi nel golfo, e la rovineranno completamente. Era un luogo belissimo, i paradisi stanno cadendo un po’ uno dopo l’altro con pochissima resistenza, i residenti si oppongono al disastro quasi sempre da soli. Poi c’è il Sud Italia, per esempio le Puglie. Nella zona tra Otranto e Lecce ci sono ancora zone bellissime, spero non verranno distrutte. L’amministrazione pugliese mi sembra abbastanza rispettosa. Ci sarebbero ancora una miriade di luoghi segreti meravigliosi, ma meglio non svelarli, sennò iniziano a cementificarli!

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende