Home » Rubriche »Very Important Planet » Ginevra Bompiani: attenzione, creme e cremucce non sono la vera ecologia:

Ginevra Bompiani: attenzione, creme e cremucce non sono la vera ecologia

 Ginevra Bompiani non è solo figlia d’arte nel mondo dell’editoria. Suo padre, Valentino Bompiani, fondò nel 1929 l’omonima casa editrice, ma nel 2002 è lei a dar vita alla Nottetempo, il marchio editoriale creato insieme a Roberta Einaudi (nipote di Giulio).

Donna di cultura profonda e di grande coscienza civile, la intervistiamo, mentre è impegnata a Parigi, anche nel ruolo di scrittrice, autrice di un libro per Sellerio dal titolo “La stazione termale”. Il non-luogo della bellezza, dove la naturalità è un’illusione, e tutto è un paradiso fallace dell’eterna giovinezza: i clienti curano artificialmente il corpo, ma non riescono a lenire le piaghe dell’anima.

D) Perché ha deciso di ambientare il suo racconto di personaggi e solitudini  proprio alle terme?

R) Non ho scelto una stazione termale qualsiasi, ma proprio quella stazione termale, che ho visitato di persona. Ci sono stata una settimana. Ho deciso che sarebbe stata perfetta per la storia che avevo in mente. Il senso che ha nel libro la stazione è proprio il contrario dell’ecologia: è un luogo di finzione commerciale, che promette di ridarti bellezza e giovinezza con acque rigeneranti e passeggiate, e invece dietro c’è un’officina di iniezioni, tagli, bruciature (che io chiamo torture), con cui effettivamente si cambiano i connotati alle persone.

D) Nottetempo, la sua casa editrice, ha sede a Roma. Che gliene pare della vita nella Capitale?

R) La delizia di Roma è il suo clima piacevole. Per il resto però, c’è da rilevare che in città la pressione atmosferica è molto bassa, molto pesante. Per questo i romani sono spesso assonnati, stanchi, hanno poca energia. La capitale è affondata nella cloaca massima, i cui effluvi sono ancora abbastanza potenti.

D) Meglio Parigi?

R) La capitale d’Oltralpe, come la Francia in generale, ha un’amministrazione che funziona, sono una civiltà superiore alla nostra. Se il clima è peggiore, freddo, piovoso (oggi per fortuna è primavera), quello culturale è certamente superiore. L’unico vantaggio che l’Italia ha rispetto alla Francia è il calore umano immediato con le persone. Per il resto qui la vita è migliore.

D) Tornando al mercato editoriale, è possibile introdurre politiche di produzione del libro a basso impatto ambientale? Che costi hanno? Perché, finora, le hanno adottate solo piccole case editrici indipendenti?

R) La vera ecologia della cultura riguarda il modo in cui la si fa. Le case editrici indipendenti hanno un’idea molto ecologica della scelta dei libri, che riguarda un certo modo di presentarli, la qualità del prodotto. Quanto alla cosa più concreta, prendiamo ad esempio la scelta di una carta riciclata per le nostre pubblicazioni: personalmente non mi ha mai convinto questa politica. E spiegherò perché: intanto ci sono diverse scuole di pensiero che dicono che per rendere il prodotto riciclato ad un buon livello si usano trattamenti assai poco ecologici, e poi perché la nostra scelta è quella di stampare libri su un supporto molto buono, chiaro, pulito, piacevole al tatto. Se troverò una carta che mi assicurano non avere controindicazioni la adotterò.

D) Ritiene che l’ecologia sia sufficientemente sostenuta dalla politica, in Italia?

R) Credo nella politica e nelle sue scelte. L’unico partito di cui ho fatto parte sono i Verdi. L’ecologia è il dato più importante del nostro tempo.

D) E del commercio di prodotti ecologici cosa pensa? Lei li acquista?

R) Non credo sia ecologia il piccolo commercio ecologico. Le cremucce, i prodotti carissimi, che hanno l’etichetta ambientalista ma con l’unico scopo di costare di più. E poi, in Italia si dà sempre la precedenza alla velocità, piuttosto che alla bellezza. E’ l’unica cosa che abbiamo, la bellezza. Ci vuole davvero poco per distruggerla e lo stiamo facendo.

D) Se dovesse scegliere un paesaggio italiano del cuore? E un ex paradiso, degradato dall’intervento dell’uomo?

R) Il mio luogo naturale è il mare. Il paradiso infernale è Lerici: trascorro lì le mie estati. Sta diventando uno scempio. Faranno dei lavori per fare entrare più navi nel golfo, e la rovineranno completamente. Era un luogo belissimo, i paradisi stanno cadendo un po’ uno dopo l’altro con pochissima resistenza, i residenti si oppongono al disastro quasi sempre da soli. Poi c’è il Sud Italia, per esempio le Puglie. Nella zona tra Otranto e Lecce ci sono ancora zone bellissime, spero non verranno distrutte. L’amministrazione pugliese mi sembra abbastanza rispettosa. Ci sarebbero ancora una miriade di luoghi segreti meravigliosi, ma meglio non svelarli, sennò iniziano a cementificarli!

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende