Home » Rubriche »Very Important Planet » Ginny Vee: le mie passeggiate a Ecopark, lato verde di Hollywood:

Ginny Vee: le mie passeggiate a Ecopark, lato verde di Hollywood

ottobre 31, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Dopo il passaggio dal cinema e il tour con Radio Italia, Virginia Conti, in arte Ginny Vee, sta preparando il suo primo disco. L’ispirazione è venuta dal Pop anni ’80, ma le canzoni toccano vari stili e temi, dall’amore alla passione per la musica, fino a un messaggio di incoraggiamento per chi ha un sogno e cerca di realizzarlo. L’uscita è prevista per la prossima estate, mentre il primo video, diretto da Edmondo Angelelli, è già in arrivo. 29 anni, una passione per la musica trasmessa dalla nonna cantante lirica, l’artista toscana racconta a Greenews.info il suo rapporto con l’ambiente e il suo amore per la natura.

D) Ginny, hai partecipato alla campagna a favore dei trapianti, con lo slogan “Forse non salverò l’Amazzonia. Una vita sì”. Raccontaci qualcosa in più sul progetto.

R) Il messaggio è che non importa essere un supereroe per salvare una vita. Per farlo a volte basta anche un impegno piccolo, ma concreto, rispetto a un’impresa molto più difficile come quella di fermare la deforestazione in Amazzonia…

D) Anche quella però è una missione importante. Che rapporto hai con l’ambiente?

R) Ho un interesse che mi viene innanzitutto dalla mia famiglia. Mio padre ha un’azienda di macchinari per la pulizia delle spiagge, con lo scopo di evitare che infezioni pericolose possano colpire gli animali che vivono sulla sabbia. La sua società sta per lanciare un prodotto completamente naturale in grado di disgregare le molecole inquinanti: può essere usato per purificare le acque, ma anche per ripulire facciate di monumenti dai graffiti. Non contiene sostanze chimiche e può essere usato senza mascherina.

D) E personalmente, hai un approccio sostenibile alla vita di tutti i giorni?

R) La sostenibilità è un tema che mi appassiona. Da poco ho ristrutturato casa con il mio compagno, e abbiamo scelto diverse soluzioni per renderla il più possibile ecologica, a partire dall’installazione di un impianto fotovoltaico.

D) Hai vissuto in diverse città: come hai trovato un contatto diretto con la natura?

R) Nella mia vita ho vissuto in Toscana, poi negli Stati Uniti e in Svizzera. Mi piace stare nella natura e in tutte le città in cui mi sono trasferita ho sempre cercato una casa con un giardino o almeno un angolo di verde. A Los Angeles vivevo a Ecopark, vicino alla collina di Hollywood, e questo mi permetteva di fare delle lunghe passeggiate nella natura. In Svizzera ho abitato vicino a Lugano, in un’area con molto verde.

D) Tu viaggi molto per lavoro. Ci sono dei luoghi che ti hanno particolarmente colpito per la loro sostenibilità?

R) Quest’estate sono stata in India: mi ha colpito molto l’atmosfera di grande semplicità che si respira a Goa. Lì le persone vivono di quello che coltivano, in grande armonia, con l’ambiente.

D) Tu conosci bene sia la cultura italiana che quella statunitense. Cosa distingue l’approccio all’ambiente di questi due Paesi?

R) Sotto certi punti di vista, gli americani sono più sensibili, ma bisogna dire che, di fatto, in Italia si fa di più. Negli Stati Uniti, per esempio, non ci sono incentivi per ristrutturare le abitazioni e le tecnologie green che ho installato nella mia casa in Italia sono molto costose in America. Quindi l’amministrazione in Italia su questi temi è più impegnata, anche se poi i cittadini in America sono più attenti ai temi ambientali.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende