Home » Rubriche »Very Important Planet » Giovanni Soldini: la vela, maestra d”ambiente:

Giovanni Soldini: la vela, maestra d”ambiente

dicembre 13, 2013 Rubriche, Very Important Planet

“Guardò il mare e capì fino a che punto era solo, adesso”. Esiste una dismisura che gli uomini percepiscono sempre in rapporto alla natura, soprattutto quando la vivono in solitudine: è la stessa sproporzione che anima Santiago, il vecchio pescatore solitario – nato dalla penna e dal genio di Ernest Hemingway – che naviga, coraggioso, in mare aperto. Senso di sfida, tenacia, coraggio, sentimento di panico: il velista Giovanni Soldini – protagonista della rubrica V.I.P – Very Important Planet di Greenews.info questa settimana – racconta di tutto questo: la potente percezione, provata durante le regate oceaniche, di grande fusione con la natura in cui era immerso.

Vent’anni di navigazione alle spalle, due giri del mondo in solitario, più di trenta regate transoceaniche, l’ultima impresa di Soldini è stata quella di percorrere la mitica Rotta dell’Oro, New York-San Francisco, passando per Capo Horn. Questa volta, lo ha fatto a bordo del Maserati VOR 70, insieme a un equipaggio internazionale (nove persone compreso lui): ci ha impiegato 47 giorni, attraversato due oceani per un totale di 13.225 miglia, aggiudicandosi un nuovo record della Rotta dell’Oro che batte di ben dieci giorni il primato precedente.

La cronaca di questa navigazione è tutta contenuta in una sorta di “diario di bordo”, per immagini e parole, appena pubblicato per i tipi di Longanesi. Un libro fotografico, quello “Sulla Rotta dell’Oro”, di cui il velista milanese trapiantato nella spezzino, ci parla in occasione della sua presentazione romana.

D) A proposito del suo grande amico e maestro, Ernest Emingway, Fernanda Pivano scrisse “L’uomo non trionfa mai del tutto, ma anche quando la sconfitta è totale quello che importa è lo sforzo per affrontare il destino e soltanto nella misura di questo sforzo si può raggiungere la vittoria nella sconfitta”. Sfida dell’uomo con se stesso, desiderio di avventura, tensione di misurarsi con la forza della natura. Nel tuo caso, tutto questo è rappresentato dal mare che attraversi?

R) Il mare è il protagonista delle mie imprese: ho fatto in solitario due giri del mondo e un sacco di transoceaniche, con Maserati l’esperienza è stata nuova. Essere soli in mezzo al mare, solcarlo per giorni senza nessuno accanto, aumenta moltissimo la soglia della tua ricettività verso l’esterno, la natura che ti circonda e che in parte stai sfidando, ma anche verso la barca stessa: ne ascolti i rumori, dialoghi con “lei”, mentre se navighi insieme a un equipaggio, inevitabilmente, si crea un rapporto con le altre persone, vivi tutto in relazione a loro. Quando, dopo giorni di navigazione, scorgi un albatros che ti vola a pochi metri, e sei solo, vivi quest’incontro in un modo totalmente diverso da come lo vivresti se sei in compagnia. D’altra parte, è anche vero che, se passi Capo Horn insieme a un equipaggio di otto persone, la loro felicità è quasi tutto, anche più della tua.

D) Qual è il tuo rapporto con la natura se dovessi descriverlo in poche parole? Lasciamo da parte l’idea romantica di natura, parliamo di rapporto esperienziale, concreto, soprattutto considerato lo sport che hai scelto di praticare, a bassissimo impatto ambientale…

R) Il bello della barca a vela è che è molto libera da questo punto di vista perché puoi andare dall’altra parte del mondo con duecento litri di gasolio: tieni presente che abbiamo percorso quasi quattordicimila miglia – che è quasi un giro del mondo completo (circa 25mila). Sicuramente, l’esperienza di vivere il mare come lo vivo io, ti cala in una dimensione umana più reale, meno alterata da altri fattori, posticci, secondari, in buona sostanza, finti.

D) Tra uomo e natura, dunque, vince la natura… E’ banale?

R) L’uomo moderno si sente forte, pensa di comandare, costruisce satelliti, va sulla Luna, ma la verità è che non potrà mai vincere sulla natura, è destinato a soccombere. Nonostante la tecnologia. A chi non naviga, non prova la durezza di un’esperienza come quella di stare in mare per giorni, occorre un terremoto per ricordare la forza, anche devastatrice della natura. Io non posso dimenticarla: è sempre sotto i miei occhi.

D) In che senso ti definiresti ambientalista?

R) Una vita come la mia ti spinge, inevitabilmente a rimettere l’uomo nella sua dimensione. La barca è un piccolo mondo, quando sei con altre otto persone su un mondo lungo più o meno venti metri, tutti i problemi che viviamo normalmente vengono fuori, tutti insieme: pattumiera, energia, acqua, tutto quello che serve. Per l’energia abbiamo fatto un sacco di studi e posto molta attenzione ai consumi, in modo da abbatterli: se non avessimo dato importanza a questo aspetto di risparmio energetico, conquistare un record del genere, con una barca che pesa circa 12mila chili, avremmo consumato oltre 1.000/1.500 chili di gasolio. Invece, curando tutti questi aspetti, dalle lampadine utilizzate all’enorme impianto di pannelli solari che abbiamo fatto realizzare sullo scafo, siamo riusciti a consumare solo 200 litri di gasolio.

D) Com’è Soldini quando non naviga?

R) Questi temi, del rapporto con l’ambiente e con la natura e dell’attenzione per entrambi, sono temi di tutta una vita. Io odio gli sprechi e faccio quello che posso per evitarli: la mia casa è molto ecosostenibile, energeticamente autonoma. Ho montato un impianto di pannelli fotovoltaici, ho collegato la lavatrice a un boiler d’acqua calda per consumare meno: ecco, penso che si possano fare tante piccole scelte quotidiane che consentono di vivere in modo più rispettoso per l’ambiente, senza rinunciare a tante comodità a cui siamo oramai tutti abituati. Io vivo a Santo Stefano di Magra, a cinque chilometri dalla centrale Enel di La Spezia: una orribile città nella città. L’Enel ha due bruciatori a gas che non usa perché il carbone costa molto meno. Peccato, però, che provochi molti più danni alla salute: quello che l’Enel – che è una azienda pubblica – risparmia, lo spende lo Stato, dunque, la Sanità pubblica, in cure e assistenza ai cittadini che si ammalano. Una perversione, un modo ottuso di stare a questo mondo…

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende