Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Giralog: l’energia recuperata degli acquedotti:

Giralog: l’energia recuperata degli acquedotti

maggio 6, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Energia da produrre utilizzando le fonti rinnovabili, energia da risparmiare, ma anche energia da recuperare. Se ne parla poco, eppure forse sarebbe, delle tre, la cosa più semplice: imbrigliare quell’energia già presente nei nostri impianti e sistemi e utilizzarla per scaldarci e alimentare case, macchinari, illuminazione. Eros Bridi, ingegnere trentino con esperienza anche nel settore dell’energia idroelettrica, aveva in mente questo concetto quando sette anni fa ha messo insieme le idee e fatto il primo disegno di Giralog sul suo tecnigrafo.

“L’idea mi è venuta quando mi trovavo per lavoro in una centrale idroelettrica vicino a Graz, in Austria. Parlando con i tecnici dell’impianto, ci confrontammo su come sfruttare la pressione dell’acqua”, spiega Bridi. Lo schizzo è diventato poi un prototipo in collaborazione con un’officina specializzata e nel 2012 è nata la società NextEnergy. “Giralog è nata in Italia in mezzo alle montagne, ed è lì che secondo me trova la sua prima applicazione. Questo sistema, oggi coperto da un brevetto europeo, permette di sfruttare la pressione dell’acqua in arrivo e in uscita dagli acquedotti per produrre energia elettrica, ottimizzando allo stesso tempo il funzionamento della rete idrica e alimentando in modo autonomo i campionatori per la sicurezza dell’acqua”.

Ecco come funziona: “L’acqua scende a valle ed entra in pressione attraverso le tubature nelle vasche di decantazione dell’acquedotto. Sfruttando l’energia cinetica, ossia la forza dell’acqua in entrata, si innesca il moto della turbina di Giralog, che girando produce elettricità. Questa viene trasformata da speciali inverter per la vendita in rete, oppure resa disponibile per alimentare utenze e macchinari direttamente sul posto. A questo punto l’acqua corre lungo altre tubazioni tramite la rete di distribuzione, fino alle nostre case. Di norma, essendoci un eccesso di pressione, all’ingresso dei centri abitati vengono installati dei riduttori di pressione: il nostro macchinario è facilmente installabile prima di questi dissipatori”. In questo modo, Giralog produce energia ininterrottamente, e migliora la gestione dell’acquedotto: “Di solito, al raggiungimento del livello massimo previsto, viene interrotto l’afflusso dell’acqua nelle vasche di decantazione. Queste aperture e chiusure causano variazioni di pressione, che alla lunga portano alla rottura di tubazioni. Consentendo di uniformare la pressione e l’afflusso, Giralog permette di raggiungere una situazione di equilibrio, e di ridurre così indirettamente i costi di manutenzione della rete”.

Non solo: attraverso dei sensori, rende anche possibile il controllo della rete idrica da remoto: “E’ possibile monitorare quanta acqua passa e quanta energia si produce, ma anche analizzare l’acqua e chiudere in automatico un ramo dell’acquedotto in casi di Ph alterato”.

I benefici sono ambientali, perché si recupera un’energia già disponibile, ed economici: “Un Comune può ricavare dalla vendita di energia circa 5.000 euro all’anno, con un tempo di rientro dell’investimento che non supera i sei anni. Inoltre, si riducono le spese per la manutenzione, non trascurabili: ogni rottura di un tubo, infatti, comporta costi per circa 3.500 euro”.

Oggi Giralog è già installata in due piccoli comuni trentini, Vattaro e Canal San Bovo, anche se le difficoltà sono state molte: “Ho incontrato diversi ostacoli burocratici, perché i tecnici degli uffici del territorio non sono abituati ad avere a che fare con innovazioni come la mia, non hanno le competenze. Inoltre, il mio sistema è anche un fattore di disturbo per molti, perché rompe quel business delle manutenzioni che vale svariati milioni di euro. Ma indietro non posso tornare: in Giralog ho investito molto, tutto di tasca mia: posso andare solo avanti”.

Per far conoscere Giralog, NextEnergy ha deciso di puntare sui tecnici: “Organizziamo visite guidate e corsi, anche il collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri, per far conoscere i vantaggi della nostra tecnologia. Inoltre, stiamo collaborando con l’Ispra per divulgare i risultati ottenuti nella gestione delle reti idriche”. Anche l’Università di Trento e il Politecnico di Milano si sono già detti pronti a collaborare con la società.

Per il futuro Bridi sta anche lavorando a nuove declinazioni del suo sistema: “Mi sto concentrando sugli impianti industriali, dove passano grosse quantità di acqua, e sugli edifici molto alti, in cui c’è bisogno di ridurre la pressione dell’acqua in caduta dai piani superiori. In entrambi i casi, Giralog permetterebbe di produrre energia”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende