Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Giralog: l’energia recuperata degli acquedotti:

Giralog: l’energia recuperata degli acquedotti

maggio 6, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Energia da produrre utilizzando le fonti rinnovabili, energia da risparmiare, ma anche energia da recuperare. Se ne parla poco, eppure forse sarebbe, delle tre, la cosa più semplice: imbrigliare quell’energia già presente nei nostri impianti e sistemi e utilizzarla per scaldarci e alimentare case, macchinari, illuminazione. Eros Bridi, ingegnere trentino con esperienza anche nel settore dell’energia idroelettrica, aveva in mente questo concetto quando sette anni fa ha messo insieme le idee e fatto il primo disegno di Giralog sul suo tecnigrafo.

“L’idea mi è venuta quando mi trovavo per lavoro in una centrale idroelettrica vicino a Graz, in Austria. Parlando con i tecnici dell’impianto, ci confrontammo su come sfruttare la pressione dell’acqua”, spiega Bridi. Lo schizzo è diventato poi un prototipo in collaborazione con un’officina specializzata e nel 2012 è nata la società NextEnergy. “Giralog è nata in Italia in mezzo alle montagne, ed è lì che secondo me trova la sua prima applicazione. Questo sistema, oggi coperto da un brevetto europeo, permette di sfruttare la pressione dell’acqua in arrivo e in uscita dagli acquedotti per produrre energia elettrica, ottimizzando allo stesso tempo il funzionamento della rete idrica e alimentando in modo autonomo i campionatori per la sicurezza dell’acqua”.

Ecco come funziona: “L’acqua scende a valle ed entra in pressione attraverso le tubature nelle vasche di decantazione dell’acquedotto. Sfruttando l’energia cinetica, ossia la forza dell’acqua in entrata, si innesca il moto della turbina di Giralog, che girando produce elettricità. Questa viene trasformata da speciali inverter per la vendita in rete, oppure resa disponibile per alimentare utenze e macchinari direttamente sul posto. A questo punto l’acqua corre lungo altre tubazioni tramite la rete di distribuzione, fino alle nostre case. Di norma, essendoci un eccesso di pressione, all’ingresso dei centri abitati vengono installati dei riduttori di pressione: il nostro macchinario è facilmente installabile prima di questi dissipatori”. In questo modo, Giralog produce energia ininterrottamente, e migliora la gestione dell’acquedotto: “Di solito, al raggiungimento del livello massimo previsto, viene interrotto l’afflusso dell’acqua nelle vasche di decantazione. Queste aperture e chiusure causano variazioni di pressione, che alla lunga portano alla rottura di tubazioni. Consentendo di uniformare la pressione e l’afflusso, Giralog permette di raggiungere una situazione di equilibrio, e di ridurre così indirettamente i costi di manutenzione della rete”.

Non solo: attraverso dei sensori, rende anche possibile il controllo della rete idrica da remoto: “E’ possibile monitorare quanta acqua passa e quanta energia si produce, ma anche analizzare l’acqua e chiudere in automatico un ramo dell’acquedotto in casi di Ph alterato”.

I benefici sono ambientali, perché si recupera un’energia già disponibile, ed economici: “Un Comune può ricavare dalla vendita di energia circa 5.000 euro all’anno, con un tempo di rientro dell’investimento che non supera i sei anni. Inoltre, si riducono le spese per la manutenzione, non trascurabili: ogni rottura di un tubo, infatti, comporta costi per circa 3.500 euro”.

Oggi Giralog è già installata in due piccoli comuni trentini, Vattaro e Canal San Bovo, anche se le difficoltà sono state molte: “Ho incontrato diversi ostacoli burocratici, perché i tecnici degli uffici del territorio non sono abituati ad avere a che fare con innovazioni come la mia, non hanno le competenze. Inoltre, il mio sistema è anche un fattore di disturbo per molti, perché rompe quel business delle manutenzioni che vale svariati milioni di euro. Ma indietro non posso tornare: in Giralog ho investito molto, tutto di tasca mia: posso andare solo avanti”.

Per far conoscere Giralog, NextEnergy ha deciso di puntare sui tecnici: “Organizziamo visite guidate e corsi, anche il collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri, per far conoscere i vantaggi della nostra tecnologia. Inoltre, stiamo collaborando con l’Ispra per divulgare i risultati ottenuti nella gestione delle reti idriche”. Anche l’Università di Trento e il Politecnico di Milano si sono già detti pronti a collaborare con la società.

Per il futuro Bridi sta anche lavorando a nuove declinazioni del suo sistema: “Mi sto concentrando sugli impianti industriali, dove passano grosse quantità di acqua, e sugli edifici molto alti, in cui c’è bisogno di ridurre la pressione dell’acqua in caduta dai piani superiori. In entrambi i casi, Giralog permetterebbe di produrre energia”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende