Home » Rubriche »Very Important Planet » Giuseppe La Spada, il sublime stupore dell’acqua:

Giuseppe La Spada, il sublime stupore dell’acqua

dicembre 4, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Siciliano, classe 1974, Giuseppe La Spada è ritenuto uno degli “artisti digitali” italiani più sensibili alla questione ambientale. Vive e lavora a Milano occupandosi di progetti che hanno come comune denominatore l’acqua. Sublimis è il suo ultimo lavoro, esposto alla Triennale di Milano lo scorso ottobre, che ha visto la partecipazione di grandi nomi della musica come Ruychi Sakamoto e Christian Fennesz.

D) Giuseppe, com’è nata l’idea di Sublimis?

R) I miei progetti nascono sempre dall’osservazione del mondo circostante, in questo caso direi da una serie di considerazioni. La prima naturalmente l’emergenza ambientale, la seconda la constatazione del fatto che viviamo in un’epoca in cui le immagini, le informazioni nascono e muoiono velocemente e forse poco resta nel percepito. L’ultima, ma non la meno importante, che la ricerca artistica per me oggi deve assolutamente avere una finalità sociale e di sostenibilità. Per cui è nata la voglia di un progetto costantemente in fieri, che si ingrandisse ad ogni rappresentazione nel contenuto e nella forma.

D) Hai collaborato con musicisti prestigiosi, qual è stato il codice comune che avete condiviso?

R) Sicuramente la sensibilità e l’impegno ad utilizzare un driver così importante a livello emotivo per coinvolgere le persone su un tema importante e, a volte, considerato “noioso”, soprattutto dalle nuove generazioni…

D) Perché l’acqua ti affascina così tanto?

R) Perchè per me è la chiave di tutto, l’elemento indecifrabile, è la vita con il suo fluire e le sue contraddizioni. Lavoro con questo elemento da una decina di anni e non mi stanca mai,ho sempre la sensazione di non riuscire a comprenderlo. Per questo ho deciso di affrontare questo viaggio accanto a scienziati, pensatori, ecc.

D) Quale sarà il tuo prossimo progetto? continuerai a mettere al centro la natura?

R) Il mio prossimo progetto è Sublimis 2.0 ancora più coinvolgente, con più contenuti, con la possibilità di migliorarlo nelle sfumature ma soprattutto di renderlo sempre più efficace nell’obiettivo di far cambiare l’approccio all’elemento Natura.

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente?

R) Di immersione, distensione ed evasione, vivendo in città per me è un momento di grande contatto con qualcosa che mi stupisce costantemente. Mi ritengo molto fortunato quando passo una giornata di lavoro in mezzo alla natura.

D) Come definiresti natura e ambiente?

R) Qualcosa di cui facciamo parte integrante e che spesso consideriamo solo come una risorsa da sfruttare. La definirei, invece, la prima risorsa per salvarci da questo declino.

D) La citazione “La bellezza salverà il mondo” pensi possa essere calzante per il rapporto fra arte e ambiente? Credi che sia un mezzo per costruire una coscienza ambientale?

R) Credo che il mondo stia diventando sempre più artificiale ed artefatto. L’ascolto, anche visivo, e quindi lo stupore per la magnificenza di qualcosa che spesso viviamo come solo rappresentato, saranno la chiave per riappropriaci della nostra natura di essere umano. Molte volte mi stupisco di come immagini semplici destino una grande impressione e fascino. Questo è l’inizio della presa di coscienza, di un nuovo ciclo. Credo si debba lavorare molto sulle nuove generazioni.

D) Tu sei siciliano, che rapporto hai con la tua terra di origine? Come è vissuta la tematica ambientale nei tuoi luoghi di nascita?

R) Il rapporto è viscerale. Una terra di estreme contraddizioni, che forse non è conscia della propria magnificenza e di come tale patrimonio, proprio perchè unico, debba essere tutelato oggi più che mai. Il patrimonio ambientale siciliano è una risorsa attrattiva unica al mondo, così come quello italiano in generale. Il fatalismo spesso ci impone un’accettazione di fronte agli accadimenti, ma soprattutto gli ultimi che toccano la sopravvivenza, stanno smuovendo la necessità di un nuovo approccio, almeno lo spero.

D) Quale secondo te è l’urgenza ambientale che meriterebbe soluzione immediata e perché?

R) L’accesso all’acqua potabile per tutti. Oggi una persona su sette non lo ha. Ben 1.000 bambini al giorno muoiono per malattie conseguenti a questo problema.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende