Home » Rubriche »Very Important Planet » Giuseppe La Spada, il sublime stupore dell’acqua:

Giuseppe La Spada, il sublime stupore dell’acqua

dicembre 4, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Siciliano, classe 1974, Giuseppe La Spada è ritenuto uno degli “artisti digitali” italiani più sensibili alla questione ambientale. Vive e lavora a Milano occupandosi di progetti che hanno come comune denominatore l’acqua. Sublimis è il suo ultimo lavoro, esposto alla Triennale di Milano lo scorso ottobre, che ha visto la partecipazione di grandi nomi della musica come Ruychi Sakamoto e Christian Fennesz.

D) Giuseppe, com’è nata l’idea di Sublimis?

R) I miei progetti nascono sempre dall’osservazione del mondo circostante, in questo caso direi da una serie di considerazioni. La prima naturalmente l’emergenza ambientale, la seconda la constatazione del fatto che viviamo in un’epoca in cui le immagini, le informazioni nascono e muoiono velocemente e forse poco resta nel percepito. L’ultima, ma non la meno importante, che la ricerca artistica per me oggi deve assolutamente avere una finalità sociale e di sostenibilità. Per cui è nata la voglia di un progetto costantemente in fieri, che si ingrandisse ad ogni rappresentazione nel contenuto e nella forma.

D) Hai collaborato con musicisti prestigiosi, qual è stato il codice comune che avete condiviso?

R) Sicuramente la sensibilità e l’impegno ad utilizzare un driver così importante a livello emotivo per coinvolgere le persone su un tema importante e, a volte, considerato “noioso”, soprattutto dalle nuove generazioni…

D) Perché l’acqua ti affascina così tanto?

R) Perchè per me è la chiave di tutto, l’elemento indecifrabile, è la vita con il suo fluire e le sue contraddizioni. Lavoro con questo elemento da una decina di anni e non mi stanca mai,ho sempre la sensazione di non riuscire a comprenderlo. Per questo ho deciso di affrontare questo viaggio accanto a scienziati, pensatori, ecc.

D) Quale sarà il tuo prossimo progetto? continuerai a mettere al centro la natura?

R) Il mio prossimo progetto è Sublimis 2.0 ancora più coinvolgente, con più contenuti, con la possibilità di migliorarlo nelle sfumature ma soprattutto di renderlo sempre più efficace nell’obiettivo di far cambiare l’approccio all’elemento Natura.

D) Qual è il tuo rapporto personale con l’ambiente?

R) Di immersione, distensione ed evasione, vivendo in città per me è un momento di grande contatto con qualcosa che mi stupisce costantemente. Mi ritengo molto fortunato quando passo una giornata di lavoro in mezzo alla natura.

D) Come definiresti natura e ambiente?

R) Qualcosa di cui facciamo parte integrante e che spesso consideriamo solo come una risorsa da sfruttare. La definirei, invece, la prima risorsa per salvarci da questo declino.

D) La citazione “La bellezza salverà il mondo” pensi possa essere calzante per il rapporto fra arte e ambiente? Credi che sia un mezzo per costruire una coscienza ambientale?

R) Credo che il mondo stia diventando sempre più artificiale ed artefatto. L’ascolto, anche visivo, e quindi lo stupore per la magnificenza di qualcosa che spesso viviamo come solo rappresentato, saranno la chiave per riappropriaci della nostra natura di essere umano. Molte volte mi stupisco di come immagini semplici destino una grande impressione e fascino. Questo è l’inizio della presa di coscienza, di un nuovo ciclo. Credo si debba lavorare molto sulle nuove generazioni.

D) Tu sei siciliano, che rapporto hai con la tua terra di origine? Come è vissuta la tematica ambientale nei tuoi luoghi di nascita?

R) Il rapporto è viscerale. Una terra di estreme contraddizioni, che forse non è conscia della propria magnificenza e di come tale patrimonio, proprio perchè unico, debba essere tutelato oggi più che mai. Il patrimonio ambientale siciliano è una risorsa attrattiva unica al mondo, così come quello italiano in generale. Il fatalismo spesso ci impone un’accettazione di fronte agli accadimenti, ma soprattutto gli ultimi che toccano la sopravvivenza, stanno smuovendo la necessità di un nuovo approccio, almeno lo spero.

D) Quale secondo te è l’urgenza ambientale che meriterebbe soluzione immediata e perché?

R) L’accesso all’acqua potabile per tutti. Oggi una persona su sette non lo ha. Ben 1.000 bambini al giorno muoiono per malattie conseguenti a questo problema.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende