Home » Rubriche »Very Important Planet » “Gli amministratori locali sono più coraggiosi”. Intervista a Tessa Gelisio:

“Gli amministratori locali sono più coraggiosi”. Intervista a Tessa Gelisio

ottobre 21, 2011 Rubriche, Very Important Planet

Tessa Gelisio, 34 anni, giornalista e conduttrice tv, è l’ambasciatrice dell’ambiente sui media italiani. Suo il volto di trasmissioni come Oasi” (La7), “Pianeta mare”, “Lo spettacolo della natura” e “Life” (Rete4). Numerose anche le collaborazioni con la carta stampata, con servizi dall’Amazzonia per il Corriere della Sera e consigli e interviste rigorosamente in chiave “eco” per settimanali e riviste. Infine la creazione di “For planet onlus”, con cui raccoglie fondi per progetti di recupero di habitat a rischio.

D) Tessa, il tuo è un impegno per l’ambiente che parte da lontano.

R) Ho avuto la fortuna di crescere in campagna, vicino al mare: a Rosignano, nel Livornese, tra il giardino, l’orto e un bosco meraviglioso. Ho avuto una predisposizione naturale verso gli animali, e  dei genitori convinti ambientalisti, che mi hanno instillato amore per la natura.

D) Come sei riuscita a rendere una passione la tua professione?

R) Ho costruito il mio percorso attraverso il mondo dell’associazionismo e del volontariato sin da piccola (come iscritta al Wwf e militante in Legambiente, ndr) formandomi quindi delle competenze sul campo. Poi a Milano, quando all’università studiavo Scienze Ambientali e mi mantenevo facendo la modella, ho iniziato a scrivere. E da giornalista sono riuscita a occuparmi dei “miei” temi.

D) Hai incontrato difficoltà, agli inizi, ad ottenere spazi per trasmissioni sui temi dell’ambiente?

R) Lavorare costantemente dal 2001 è stata una fortuna, per cui non posso dire di aver incontrato difficoltà. Ma certo proporre e far nascere trasmissioni come le mie non è affatto scontato, perchè si tratta di programmi considerati ancora di nicchia. Con “Life” sono riuscita a riportare i documentari in prima serata su Mediaset, dopo tanti anni. Un programma di ecologia pura è ancora arduo per il grande pubblico. Ma ci sto lavorando.

D) Qual è stata l’esperienza che ritieni più significativa?

R) Umanamente e professionalmente ho avuto tantissimo grazie al mio lavoro e ai frequenti viaggi in Sud America. Tre anni fa sono stata in Amazzonia presso gli Indios Zo’e, che vivono iperprotetti dal governo brasiliano all’interno di una zona chiusa. Le visite alla riserva sono permesse con il contagocce, una decina l’anno, e ci si arriva avventurosamente. Si tratta di persone completamente fuori dall’evoluzione, praticamente al neolitico. E’ stata un’esperienza molto forte. Mi ha colpito che la prima cosa che ti chiedono è come ti chiami e chi siano tuo padre e tua madre. Hanno questi punti di riferimento,  non come noi, che nel far conoscenza chiediamo piuttosto che lavoro fai. Presso questi Indios non esiste proprietà privata. E infatti una bambina mi ha preso il marsupio, ha tirato fuori tutto, ma poi ha rimesso a posto e me lo ha ridato. Per loro è normale, voleva vedere questi oggetti, non prenderli.

D) A quali progetti stai lavorando con la tua associazione, “For planet onlus”?

R) I progetti di For Planet sono diversi, in Argentina, Brasile, Bolivia. Per seguirli vado almeno una volta l’anno in quei posti. In Brasile si trova ancora la vera foresta, come nella Riserva dello Xixuaù, duecentomila ettari di foresta primaria preservata, con caimani, scimmie e delfini rosa. Stiamo cercando di formare guardie forestali e raccogliere fondi perchè la comunità si autogestisca attraverso l’ecoturismo, quindi attraverso la conservazione. In Argentina abbiamo acquistato seicento ettari di terra per ampliare una zona protetta. In Bolivia abbiamo contribuito con un partner locale a costruire un ecoturismo e in un’altra comunità , dove una specie di pappagallo è in via d’estinzione,  stiamo lavorando a riforestare una zona e a costruire una scuola. Vogliamo incentivare le comunità locali a preservare attraverso uno sviluppo oculato, autogestendosi come un parco nazionale.

D) Tornando all’Italia, pensi che la politica faccia abbastanza per l’ambiente? Percepisci più sensibilità rispetto agli anni passati?

R) La politica nazionale è indietro anni luce, ma a livello locale è più avanti, più coraggiosa. Le politiche per l’ambiente sono state a lungo vittime dell’ideologia, per cui la proposta di uno schieramento era avversata a priori dallo schieramento opposto. Oggi c’è più trasversalità, ma il problema sono i tagli ai finanziamenti. Una classe politica anziana come la nostra ha forse meno conoscenze e meno sensibilità delle nuove generazioni.

D) I tuoi prossimi progetti?

R) Ho appena affiancato la trasmissione Cotto e mangiato a “Pianeta mare, mi basta così! Anche in cucina porterò l’ecologia, con prodotti biologici, di stagione, equosolidali, italiani. La cultura alimentare può rispettare ambiente e salute, con un occhio anche al risparmio energetico.

D) Milano, la tua città. Cosa ti piace e cosa cambieresti?

R) Mi piace l’accoglienza dei milanesi. Esteticamente è troppo grigia, con l’aria spesso pesante per il troppo cemento. Al nuovo sindaco chiederei più verde, piste ciclabili e in generale sostegno alla mobilità.

Cristina Gentile

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende