Home » Bollettino Europa »Rubriche » Glifosato: il tempo passa ma l’Europa non decide:

Glifosato: il tempo passa ma l’Europa non decide

giugno 13, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Sul gliofosato sembra che l’Europa stia scegliendo di non decidere. Senza prendere una posizione pubblica che decreti o meno la potenziale nocività del più utilizzato erbicida del mondo la burocrazia farà silenziosamente il suo corso. Ma cosa succederà in concreto? Se l’autorizzazione non verrà rinnovata l’impiego del diserbante sul suolo del Vecchio Continente cesserà?

Non è ancora chiaro, in questo momento, se questo stallo si possa configurare come una vittoria delle istanze ambientaliste o l’ennesima crisi di identità e paralisi decisionale dell’UE. Ripercorriamo brevemente la storia.

L’autorizzazione UE per il glifosato era già scaduta alla fine di giugno del 2012 ed è stata prorogata due volte. La Commissione, dopo non essere riuscita a rinnovare l’autorizzazione per 15 anni, ha proposto infatti un “rinnovo parziale”, per 12-18 mesi, ovvero fino alla fine del 2017, quando è previsto che l’ECHA (l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche) completi la valutazione degli effetti del glifosato sulla salute umana e l’ambiente.

Quando poi la scorsa settimana la palla è passata nelle mani del Consiglio, i 28 Stati Membri dell’Unione Europea hanno deciso di rinviare il voto sul rinnovo dell’autorizzazione all’uso dell’erbicida, perché non tutti si sono trovati in linea con quanto richiesto dalla Commissione Europea, che proponeva appunto di rinnovare l’autorizzazione (per un massimo di 18 mesi) del principio attivo contenuto nel Roundup della Monsanto, sospettato di essere cancerogeno. A pesare, al momento del voto sul rinnovo dell’autorizzazione, sono state le astensioni di sette Paesi, fra cui l’Italia, insieme a Francia e Germania, poi Austria, Grecia, Portogallo e Lussemburgo. Malta è stato l’unico Paese a votare contro, mentre gli altri 20 Stati UE hanno votato a favore.

I 28 hanno così deciso di non scegliere. Secondo la procedura, la stessa adoperata altre volte nell’autorizzazione all’import di organismi geneticamente modificati, in presenza di una ‘non decisione’ da parte dei Paesi UE, la Commissione Europea può ricorrere ad un ‘Comitato d’Appello’ chiedendo una nuova votazione e in caso di un ulteriore stallo, dare autonomamente il via libera alla propria proposta. Ma da indiscrezioni non sembra la strada che ha intenzione di seguire l’Esecutivo di Bruxelles dopo il 30 giugno, quando scadrà ufficialmente l’autorizzazione attuale all’uso del glifosato nell’Unione Europea. Nel caso in cui l’esecutivo UE, visto lo stallo dei governi dei 28, decida invece di non rinnovare il permesso per altri 18 mesi, gli Stati Membri avranno un massimo di 6 mesi per esaurire le scorte ancora in vendita e un massimo di 18 mesi, in totale, per fare uso di quelle già acquistate.

Tuttavia, anche il mondo scientifico è diviso. Secondo lo IARC, agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, è una sostanza probabilmente cancerogena, ma per l’EFSA (
European Food Safety Authority), per OMS e FAO è invece “improbabile” che possa causare tumori. Qualche settimana fa questi tre soggetti hanno, infatti, diramato un comunicato per sostenere che è “improbabile che l’assunzione di glifosato attraverso la dieta sia cancerogena per l’uomo”. La coalizione Stop Glifosato ha fatto però prontamente notare il sospetto “voltafaccia” dell’OMS che qualche tempo prima aveva messo in guardia circa gli effetti collaterali per la salute del glifosato.

“È scandaloso, ma purtroppo non così insolito per la Commissione tenere sul mercato pesticidi pericolosi dopo la scadenza della licenza. La Commissione ha prorogato l’autorizzazione per sostanze che l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha individuato come altamente dannose per la nostra salute. La novità è che i governi hanno smesso di avallare acriticamente le proposte della Commissione”. Greenpeace ricorda infatti che, solo quest’anno, la Commissione ha già esteso le licenze di altri 37 pesticidi, comprese sostanze che la l’ECHA ha classificato come “seria minaccia per la salute”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende