Home » Bollettino Europa »Rubriche » Glifosato: il tempo passa ma l’Europa non decide:

Glifosato: il tempo passa ma l’Europa non decide

giugno 13, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Sul gliofosato sembra che l’Europa stia scegliendo di non decidere. Senza prendere una posizione pubblica che decreti o meno la potenziale nocività del più utilizzato erbicida del mondo la burocrazia farà silenziosamente il suo corso. Ma cosa succederà in concreto? Se l’autorizzazione non verrà rinnovata l’impiego del diserbante sul suolo del Vecchio Continente cesserà?

Non è ancora chiaro, in questo momento, se questo stallo si possa configurare come una vittoria delle istanze ambientaliste o l’ennesima crisi di identità e paralisi decisionale dell’UE. Ripercorriamo brevemente la storia.

L’autorizzazione UE per il glifosato era già scaduta alla fine di giugno del 2012 ed è stata prorogata due volte. La Commissione, dopo non essere riuscita a rinnovare l’autorizzazione per 15 anni, ha proposto infatti un “rinnovo parziale”, per 12-18 mesi, ovvero fino alla fine del 2017, quando è previsto che l’ECHA (l’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche) completi la valutazione degli effetti del glifosato sulla salute umana e l’ambiente.

Quando poi la scorsa settimana la palla è passata nelle mani del Consiglio, i 28 Stati Membri dell’Unione Europea hanno deciso di rinviare il voto sul rinnovo dell’autorizzazione all’uso dell’erbicida, perché non tutti si sono trovati in linea con quanto richiesto dalla Commissione Europea, che proponeva appunto di rinnovare l’autorizzazione (per un massimo di 18 mesi) del principio attivo contenuto nel Roundup della Monsanto, sospettato di essere cancerogeno. A pesare, al momento del voto sul rinnovo dell’autorizzazione, sono state le astensioni di sette Paesi, fra cui l’Italia, insieme a Francia e Germania, poi Austria, Grecia, Portogallo e Lussemburgo. Malta è stato l’unico Paese a votare contro, mentre gli altri 20 Stati UE hanno votato a favore.

I 28 hanno così deciso di non scegliere. Secondo la procedura, la stessa adoperata altre volte nell’autorizzazione all’import di organismi geneticamente modificati, in presenza di una ‘non decisione’ da parte dei Paesi UE, la Commissione Europea può ricorrere ad un ‘Comitato d’Appello’ chiedendo una nuova votazione e in caso di un ulteriore stallo, dare autonomamente il via libera alla propria proposta. Ma da indiscrezioni non sembra la strada che ha intenzione di seguire l’Esecutivo di Bruxelles dopo il 30 giugno, quando scadrà ufficialmente l’autorizzazione attuale all’uso del glifosato nell’Unione Europea. Nel caso in cui l’esecutivo UE, visto lo stallo dei governi dei 28, decida invece di non rinnovare il permesso per altri 18 mesi, gli Stati Membri avranno un massimo di 6 mesi per esaurire le scorte ancora in vendita e un massimo di 18 mesi, in totale, per fare uso di quelle già acquistate.

Tuttavia, anche il mondo scientifico è diviso. Secondo lo IARC, agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, è una sostanza probabilmente cancerogena, ma per l’EFSA (
European Food Safety Authority), per OMS e FAO è invece “improbabile” che possa causare tumori. Qualche settimana fa questi tre soggetti hanno, infatti, diramato un comunicato per sostenere che è “improbabile che l’assunzione di glifosato attraverso la dieta sia cancerogena per l’uomo”. La coalizione Stop Glifosato ha fatto però prontamente notare il sospetto “voltafaccia” dell’OMS che qualche tempo prima aveva messo in guardia circa gli effetti collaterali per la salute del glifosato.

“È scandaloso, ma purtroppo non così insolito per la Commissione tenere sul mercato pesticidi pericolosi dopo la scadenza della licenza. La Commissione ha prorogato l’autorizzazione per sostanze che l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha individuato come altamente dannose per la nostra salute. La novità è che i governi hanno smesso di avallare acriticamente le proposte della Commissione”. Greenpeace ricorda infatti che, solo quest’anno, la Commissione ha già esteso le licenze di altri 37 pesticidi, comprese sostanze che la l’ECHA ha classificato come “seria minaccia per la salute”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende