Home » Bollettino Europa »Rubriche » Glifosato: prosegue l’iter di divieti e restrizioni. Ma l’erbicida continua ad essere utilizzato, anche in Italia:

Glifosato: prosegue l’iter di divieti e restrizioni. Ma l’erbicida continua ad essere utilizzato, anche in Italia

settembre 19, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La saga del glifosato continua e si arricchisce di una nuova scadenza italiana, quella del 20 settembre, data in cui il decreto dirigenziale del 9 agosto del Ministero della Salute prevede che i produttori del settore adottino ”ogni iniziativa, nei confronti degli utilizzatori, idonea ad assicurare un corretto impiego dei prodotti fitosanitari“, con particolare attenzione all’etichettatura e al divieto totale di utilizzo in alcuni contesti.

Ma cerchiamo di ricostruire gli ultimi passaggi, durante il periodo estivo, della vicenda europea che riguarda l’erbicida più diffuso al mondo, al centro della controversia scientifica internazionale sulla sua presunta cancerogenicità: considerata “probabile” dallo IARC (l’organismo scientifico al servizio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità), e “improbabile” dall’EFSA (l’Autorità UE di Sicurezza Alimentare, che ha sede a Parma).

La Commissione Europea, come avevamo già scritto a luglio, ha approvato una proroga di 18 mesi dell’autorizzazione, scaduta il 30 giugno scorso. “Dopo che gli Stati membri non sono riusciti ad assumersi le loro responsabilità riguardo alla decisione di prorogare l’autorizzazione del glifosato, la Commissione ha deciso di approvarlo per un periodo di tempo limitato, fino a quando l’Agenzia UE per i prodotti chimici (ECHA) pubblicherà la propria opinione, entro la fine del 2017 al più tardi”, dichiarava il portavoce della Commissione per l’Ambiente e la Sicurezza Alimentare, Enrico Brivio.

Mentre parallelamente, in Italia, il Ministro alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Maurizio Martina, in riferimento alla posizione dell’Italia, rivendicava ”l’iniziativa che l’Italia ha assunto insieme ad altri paesi europei, per fare in modo che si discuta approfonditamente sul tema”. “Fino a qualche settimana prima della scadenza del 30 giugno, infatti - ribadiva il ministro - la proroga dell’autorizzazione per parecchi anni sembrava scontata. Poi si è pensato di porre l’accento sui problemi legati alla sostenibilità di questa scelta e credo di poter dire che abbiamo ottenuto alcuni risultati”. E sul fatto che, alle ultime votazioni, il nostro Paese avesse spostato le proprie intenzioni di voto dalla posizione contraria all’astensione, aggiungeva: “Per quel che ci riguarda, il governo va avanti con l’obiettivo Glifosato Zero, da raggiungere entro i prossimi anni. Ci sono delle scelte a livello nazionale che possono essere prese a prescindere dall’autorizzazione europea”…

Successivamente, la Commissione Europea rilascia un ulteriore “regolamento di esecuzione (UE) n.1313 del 1° agosto 2016″, che modifica le condizioni di approvazione della sostanza attiva.

E arriviamo al 9 agosto, quando il Ministero della Salute emana il decreto dirigenziale (entrato in vigore il 22 agosto), il cosiddetto “Divieto del Glifosate, che regola l’impiego di prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva glifosate nelle aree frequentate dalla popolazione, in particolare da bambini ed anziani; come parchi, giardini, campi sportivi e aree ricreative, cortili e aree verdi all’interno di plessi scolastici, aree gioco per bambini e aree adiacenti alle strutture sanitarie. E introduce anche un divieto dell’impiego agricolo in pre-raccolta (una fase in cui si cerca, normalmente, di ottimizzare il raccolto e migliorare la trebbiatura).

Il decreto specifica inoltre che “entro il 5 settembre 2016 le imprese titolari delle autorizzazioni per prodotti fitosanitari sono tenute a presentare le etichette opportunamente modificate” ai fini della pubblicazione nella banca dati del Ministero della Salute, nonché a ri-etichettare, entro il 20 settembre 2016, i prodotti fitosanitari non ancora immessi in commercioe a fornire ai rivenditori un facsimile delle nuove etichette per le confezioni dei prodotti giacenti presso gli esercizi di vendita, al fine della loro consegna all’acquirente.

Ora quali saranno i prossimi passi? Il principio di precauzione, una delle conquiste della civiltà giuridica europea, verrà esteso ad altri contesti di utilizzo?

Francesca Sirico

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

novembre 23, 2017

Osservatorio Nimby Forum: anche energie rinnovabili e gestione rifiuti tra i progetti contestati

Energia e rifiuti: è questo il fulcro delle contestazioni secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum, il database nazionale che dal 2004 monitora in maniera puntuale la situazione delle opposizioni contro opere di “pubblica utilità” e insediamenti industriali in costruzione o ancora in progetto. Presentata il 21 novembre a Roma, la nuova edizione dell’Osservatorio [...]

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

novembre 23, 2017

Comuni Ricicloni all’EcoForum del Piemonte: Barone Canavese primo classificato

Una transizione completa a un’economia circolare in Europa potrebbe generare risparmi per circa 2.000 miliardi di euro entro il 2030; un aumento del 7% del PIL dell’UE, con un aumento dell’11% del potere d’acquisto delle famiglie e 3 milioni di nuovi posti di lavoro. Sono i dati da cui è partito ieri il primo EcoForum per [...]

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende