Home » Bollettino Europa »Rubriche » Glifosato: UE autorizza la proroga di 18 mesi per l’erbicida totale. ONG sul piede di guerra:

Glifosato: UE autorizza la proroga di 18 mesi per l’erbicida totale. ONG sul piede di guerra

luglio 4, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Seguiamo gli obblighi di legge”, dice il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitas.“E’ una scelta assurda!”, ribatte l’eurodeputato socialista belga Marc Tarabella. Basta questo scambio di battute per rendere l’idea dell’ennesima confusione, in seno all’Unione Europea, sull’affare glifosato, che da mesi tiene banco a Bruxelles.

Alla fine la Commissione UE ha deciso di prolungare di altri 18 mesi, in via “provvisoria”, l’autorizzazione per l’uso dell’erbicida totale (ovvero non selettivo, fitotossico per tutte le piante) più famoso al mondo, sospettato di essere cancerogeno già da tempo. Una decisione che dribbla il principio di precauzione e ricade ovviamente sulla salute dei cittadini.

Il glifosato (noto ai chimici come N-(fosfonometil)glicina o, nella sua formula molecolare, C3H8NO5P) è stato sintetizzato nel 1950 in Svizzera, ed è entrato nel mercato nel 1974. Presente come molecola in oltre 750 prodotti per l’agricoltura, dal 2001 è di libera produzione - essendo scaduto il brevetto di produzione – ma il più noto prodotto resta il Roundup della Monsanto.

La sua vicenda di autorizzazione burocratica è lunga e tortuosa e trae un paradossale beneficio dal complesso sistema decisionale dell’Unione Europea. Anche se, a dirla tutta, più che degli “eurocrati” di Bruxelles (troppo spesso usati come capro espiatorio dai più scaltri governanti nazionali) la colpa potrebbe essere, in questo caso, degli Stati Membri. I Paesi UE infatti, nonostante due successive riunioni, non sono riusciti a pronunciarsi in maniera decisiva – a favore o contro – sul dossier del glifosato. A favore della proposta di rinnovo si sono schierati 19 stati membri; altri 7, tra i quali l’Italia, si sono astenuti, mentre Malta e Francia hanno votato contro. Proprio la Francia è infatti un esplicito oppositore, tanto che già nel 2011 aveva classificato il diserbante come “pertubatore endocrino”, ossia una sostanza che altera la funzionalità del sistema endocrino.

Nel rinnovo dell’autorizzazione, la Commissione ha giocato un tecnicismo proponendo agli Stati Membri di restringere l’utilizzo del glifosato, eliminando l’ammina di sego etossilata (un tensioattivo contenuto nei prodotti a base di glifosato), rafforzando i controlli e riducendo la quantità nei parchi pubblici e campi da gioco. Ha poi chiesto ai Paesi di ritrovarsi di nuovo a luglio per proseguire con il dialogo e trovare, finalmente, la maggioranza necessaria. Anche riesumando, eventualmente, il principio di precauzione. Inoltre, entro la fine del 2017, come sottolineato da Andriukaitis, è comunque atteso il parere dell’Agenzia per la Chimica Europea (Echa), che si pronuncerà (senza fretta) sulla pericolosità del prodotto.

Per quanto riguarda i pareri scientifici è bene ricordare che il componente è già stato dichiarato “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” nel marzo 2015 dall’Associazione di Ricerca sul Cancro (AIRC), che lo ha classificato nei fattori di rischio del gruppo 2A, dimostrando tra l’altro una correlazione tra l’uso del pesticida e il sorgere di linfomi di tipo non-Hodgkin. L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), invece, ha sostenuto il contrario, ossia che è “improbabile” che il glifosato rappresenti una minaccia di tumore per l’uomo. C’è però ricerca e ricerca: quella dell’EFSA è stata bollata come “scarsamente indipendente”, considerato che alcuni attivisti hanno dimostrato il coinvolgimento di alcune corporation del farmaco, che avrebbero, in maniera del tutto strumentale, pilotato lo studio e i dati.

Le associazioni ambientaliste e le ONG si aspettavano, all’ultimo giro europeo, un’inversione di rotta a favore di politiche ambientali più attente alla salute e alla sicurezza dei cittadini europei. Ma così non è avvenuto. E Gaetano Pascale, Presidente di Slow Food, è andato giù a muso duro, accusando l’esecutivo europeo di ignorare i pareri della Comunità scientifica e la voce dei cittadini e ricordando che oltre 2 milioni di europei si sono schierati contro l’uso della sostanza, sottoscrivendo una petizione popolare. Indignata anche la Coalizione italiana #Stopglifosato, che ha chiesto un incontro chiarificatore con i ministri Martina, Galletti e Lorenzin.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende