Home » Bollettino Europa »Rubriche » Glifosato: UE autorizza la proroga di 18 mesi per l’erbicida totale. ONG sul piede di guerra:

Glifosato: UE autorizza la proroga di 18 mesi per l’erbicida totale. ONG sul piede di guerra

luglio 4, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

Seguiamo gli obblighi di legge”, dice il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitas.“E’ una scelta assurda!”, ribatte l’eurodeputato socialista belga Marc Tarabella. Basta questo scambio di battute per rendere l’idea dell’ennesima confusione, in seno all’Unione Europea, sull’affare glifosato, che da mesi tiene banco a Bruxelles.

Alla fine la Commissione UE ha deciso di prolungare di altri 18 mesi, in via “provvisoria”, l’autorizzazione per l’uso dell’erbicida totale (ovvero non selettivo, fitotossico per tutte le piante) più famoso al mondo, sospettato di essere cancerogeno già da tempo. Una decisione che dribbla il principio di precauzione e ricade ovviamente sulla salute dei cittadini.

Il glifosato (noto ai chimici come N-(fosfonometil)glicina o, nella sua formula molecolare, C3H8NO5P) è stato sintetizzato nel 1950 in Svizzera, ed è entrato nel mercato nel 1974. Presente come molecola in oltre 750 prodotti per l’agricoltura, dal 2001 è di libera produzione - essendo scaduto il brevetto di produzione – ma il più noto prodotto resta il Roundup della Monsanto.

La sua vicenda di autorizzazione burocratica è lunga e tortuosa e trae un paradossale beneficio dal complesso sistema decisionale dell’Unione Europea. Anche se, a dirla tutta, più che degli “eurocrati” di Bruxelles (troppo spesso usati come capro espiatorio dai più scaltri governanti nazionali) la colpa potrebbe essere, in questo caso, degli Stati Membri. I Paesi UE infatti, nonostante due successive riunioni, non sono riusciti a pronunciarsi in maniera decisiva – a favore o contro – sul dossier del glifosato. A favore della proposta di rinnovo si sono schierati 19 stati membri; altri 7, tra i quali l’Italia, si sono astenuti, mentre Malta e Francia hanno votato contro. Proprio la Francia è infatti un esplicito oppositore, tanto che già nel 2011 aveva classificato il diserbante come “pertubatore endocrino”, ossia una sostanza che altera la funzionalità del sistema endocrino.

Nel rinnovo dell’autorizzazione, la Commissione ha giocato un tecnicismo proponendo agli Stati Membri di restringere l’utilizzo del glifosato, eliminando l’ammina di sego etossilata (un tensioattivo contenuto nei prodotti a base di glifosato), rafforzando i controlli e riducendo la quantità nei parchi pubblici e campi da gioco. Ha poi chiesto ai Paesi di ritrovarsi di nuovo a luglio per proseguire con il dialogo e trovare, finalmente, la maggioranza necessaria. Anche riesumando, eventualmente, il principio di precauzione. Inoltre, entro la fine del 2017, come sottolineato da Andriukaitis, è comunque atteso il parere dell’Agenzia per la Chimica Europea (Echa), che si pronuncerà (senza fretta) sulla pericolosità del prodotto.

Per quanto riguarda i pareri scientifici è bene ricordare che il componente è già stato dichiarato “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” nel marzo 2015 dall’Associazione di Ricerca sul Cancro (AIRC), che lo ha classificato nei fattori di rischio del gruppo 2A, dimostrando tra l’altro una correlazione tra l’uso del pesticida e il sorgere di linfomi di tipo non-Hodgkin. L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), invece, ha sostenuto il contrario, ossia che è “improbabile” che il glifosato rappresenti una minaccia di tumore per l’uomo. C’è però ricerca e ricerca: quella dell’EFSA è stata bollata come “scarsamente indipendente”, considerato che alcuni attivisti hanno dimostrato il coinvolgimento di alcune corporation del farmaco, che avrebbero, in maniera del tutto strumentale, pilotato lo studio e i dati.

Le associazioni ambientaliste e le ONG si aspettavano, all’ultimo giro europeo, un’inversione di rotta a favore di politiche ambientali più attente alla salute e alla sicurezza dei cittadini europei. Ma così non è avvenuto. E Gaetano Pascale, Presidente di Slow Food, è andato giù a muso duro, accusando l’esecutivo europeo di ignorare i pareri della Comunità scientifica e la voce dei cittadini e ricordando che oltre 2 milioni di europei si sono schierati contro l’uso della sostanza, sottoscrivendo una petizione popolare. Indignata anche la Coalizione italiana #Stopglifosato, che ha chiesto un incontro chiarificatore con i ministri Martina, Galletti e Lorenzin.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende