Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Grande Saggio Albero:

Grande Saggio Albero

maggio 10, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Non è un bel nome, Pino. Mio zio si chiamava Pino. Ho sempre pensato che fosse un nome grigio, scialbo, di gente che si riempie di rughe nei primi anni di vita. Che poi è un diminutivo, di cosa non si sa bene, Giuseppe, Giuseppino, Pino, come l’evoluzione dalle amebe alle giraffe, solo che qui è un’evoluzione all’incontrario, perché va sempre peggio. Per questo mi piacciono di più gli abeti, per il nome. La differenza l’ho scoperta da poco, dipende dagli aghi, da quanti sono e da come si dispongono, una volta li distinguevo solamente perché gli abeti si addobbano a Natale e i pini restano spogli. Comunque, davanti a casa mia c’è un pino. Un grande pino. Un pino enorme. Mi sarebbe piaciuto fosse un abete, se lo dici ad alta voce è verde scuro, con un po’ di neve, e non ha niente a che fare con mio zio; forse è anche per questo che gli ho cambiato il nome.

Quando ero piccola andavo sempre da lui. Adesso parlerebbero di un amico immaginario, una fantasia che compensava solitudini. Direbbero che, crescendo, sono guarita. Io non credo. Mi manca parlargli, anche se era solo la mia mente a cambiare voce.

- Mamma, scendo.

- Dove vai?

- Da Grande Saggio Albero.

Non so di chi fosse stata l’idea, mamma mi assecondava sempre, in questi casi, perciò è probabile fosse stata sua. E poi io non sono mai stata brava a dare nomi. In ogni caso, per me è sempre stato Grande Saggio Albero con tre maiuscole e la corteccia argento. La gente prega gli angeli, a volte qualche dio. Io pregavo un albero. Era più alto di papà, più alto di casa mia. Aveva rami come tronchi, alla base, e se piangevo piangeva anche lui. Erano lacrime dense, ambrate e appiccicose, e se lo accarezzavo per consolarlo mi rimanevano attaccate alle dita. A volte anche ai capelli. Una volta mamma dovette tagliarmi ciocche intere talmente il suo pianto mi si era appiccicato addosso. Lo toccavo spesso, premevo il palmo sul suo ventre, sentivo che capiva, che mi regalava forza, un po’ della sua, immensa. Arrivava dal centro della terra, dove è tutto troppo pesante per poter volare, ma si irradiava fin nel cielo sotto forma di respiri verdi e azzurri.

- Mamma, scendo.

- Salutamelo.

Non ricordo quando è stata l’ultima volta che mi ha parlato. Forse non ha mai smesso, forse sono io che ho smesso di ascoltarlo. Lo vedo tutti i giorni dalla finestra. Quando c’è vento dondola, agita i rami. Se piove sembra quasi ti minacci, è arrabbiato perché nessuno va più a trovarlo.

Tempo fa un tizio ha detto che dovremmo potarlo, pende troppo verso destra. Ha cercato la luce, ha spostato i rami. Si è un po’ ingobbito, l’età.

Ma ancora non cade. Resiste, mi guarda crescere. E sarà ancora lì, quando io diventerò terra umida. Sarà lui a trasformarmi in respiri verdi e azzurri.

Anni fa abbiamo scoperto che, oltre a non essere un abete, non è nemmeno un pino. Un cedro, dicono. Si sbagliano anche loro. Grande Saggio Albero non ha nomi.

Lucia Gaiotto

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende