Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Grassano: inceneritore addio, filtri dell’olio riciclati al 97%:

Grassano: inceneritore addio, filtri dell’olio riciclati al 97%

aprile 23, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Quali sono secondo voi le componenti più facilmente riciclabili di un’auto? Sicuramente, tra quelle che vi vengono in mente non c’è il filtro dell’olio: composto di diversi materiali, pieno di residui metallici e oleosi. Uno di quegli oggetti che a fine vita comportano non pochi problemi di smaltimento. Ma il termovalorizzatore non è più l’unica strada: dal 2012, a Pedrone, in provincia di Alessandria, è attivo un impianto – unico in Italia e uno tra i pochi in Europa – per il trattamento e il riciclo dei filtri dell’olio motore di automezzi, in grado di recuperare il 97% dei materiali presenti nel rifiuto. Ad aprirlo è stata la società Grassano, già attiva nel settore della raccolta e recupero degli oli esausti e parte, insieme a Riccoboni e Tecnoambiente della Riccoboni Holding, attiva nei settori della bonifica e del trattamento, trasporto e smaltimento dei rifiuti industriali.

La Grassano, fondata nel 1957 dalla famiglia omonima, è attiva nei settori della raccolta degli oli e delle emulsioni esauste, dei filtri e delle batterie da trazione, e concessionaria dei consorzi che operano in questi diversi settori (COOU, COBAT, CONOE). Entrata nel 2004 a far parte del gruppo parmense, ha sviluppato nel 2006 un impianto per il recupero degli oli esausti e, sei anni dopo, anche quello per il recupero anche dei filtri. “L’aumento del valore economico delle materie prime, insieme alla volontà di privilegiare il recupero, ove possibile aumentando la qualità e le performance del trattamento, ha indotto la nostra società ad effettuare un investimento in un impianto tecnologicamente avanzato che potesse trasformare la maggior parte del rifiuto in materia prima, riducendo al minimo il quantitativo di materiale da smaltire. L’impianto si è così sviluppato coniugando quanto di meglio il mercato potesse offrire, sia dalla scelta dei singoli componenti di impianto che dalle scelte impiantistiche complessive strutturali”, spiega Angelo Riccoboni, ad della holding. L’investimento per realizzare l’impianto, spiega il direttore dello stabilimento di Pedrosa Enrico Bosi, è stato di circa 3 milioni di euro: “E’ stata necessaria una lunga attività di ricerca e progettazione, a cui si è aggiunto l’iter autorizzativo durato un anno e mezzo”.

Ma come avviene di preciso il riciclo di un filtro dell’olio? Dopo una fase di selezione per eliminare dal processo industriale materiali estranei e pericolosi, si passa alla triturazione, con l’obiettivo di ottenere il massimo livello possibile di purezza dei materiali. “I filtri – continua Riccoboni – vengono triturati in pezzi grandi al massimo 3 centimetri e sottoposti alla fase di centrifugazione, nella quale si separa l’olio dal triturato solido. Nei successivi passaggi di separazione il triturato viene diviso in tre componenti: metalli ferrosi, metalli non ferrosi e carta”.

I primi, selezionati attraverso un magnete permanente, rappresentano almeno la metà dei materiali recuperabili, pari nel complesso al 97% del rifiuto, e vengono riciclati nelle acciaierie. L‘alluminio, recuperato attraverso un separatore a correnti indotte, rappresenta circa il 2% e viene anch’esso reimmesso nell’industria. A questi si aggiungono la carta, pari al 34% del totale, che, essendo sporca di olio non può essere riciclata in cartiera e viene quindi utilizzata come combustibile alternativo nei termovalorizzatori. Dai filtri viene anche estratto e recuperato l’olio: pari al 15% del rifiuto totale, viene rigenerato e diventa la base per nuovo olio motore, riducendo quindi l’uso di nuovo petrolio.

L’impianto della Grassano, per il quale la Riccoboni Holding ha ricevuto l’anno scorso una menzione speciale nell’ambito del Premio per lo Sviluppo sostenibile, permette di gestire quasi 5.000 tonnellate all’anno di filtri olio delle automobili, ovvero quasi un terzo della produzione nazionale (16.000 tonnellate). Aggiungendo un’altra centrifuga, la sua capacità può essere raddoppiata. Dimensioni grazie alle quali lo stabilimento può soddisfare potenzialmente il mercato di tutto il nord e centro Italia. La crisi economica ha però fatto diminuire il materiale da avviare al riciclo: “Negli ultimi anni – riflette Bosi – c’è stata una contrazione del 20% sui quantitativi dei filtri. L’industria automobilistica è in difficoltà e le famiglie cambiano la macchina più raramente e riducono interventi di manutenzione come il cambio del filtro dell’olio”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

ottobre 19, 2017

Arte e cambiamenti climatici: a Venezia una conferenza e opere d’ispirazione scientifica

Il 27 ottobre a Venezia inaugurerà Climate 04 – Sea Level Rise, progetto d’arte pubblica sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare in Laguna, che trae ispirazione dai recenti studi sull’innalzamento del livello medio del mare, le onde estreme, e il ruolo delle piante costiere e di barena per l’ecosistema lagunare. L’iniziativa prevede [...]

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

ottobre 18, 2017

I RAEE nell’economia circolare. I risultati dello studio IEFE Bocconi per Remedia

Un incremento dell’immesso al consumo dei prodotti pari a circa 1.330.000 tonnellate (rispetto alle 875.000 tonnellate di AEE – apparecchiature elettriche ed elettroniche – domestiche e professionali immesse nel sistema attuale) oltre a un aumento del numero di produttori coinvolti nel sistema RAEE, tra i 6.000 e i 9.000 in più (rispetto agli attuali 6.000/7.000 mila): sono [...]

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

ottobre 17, 2017

Il CdM approva il “Bonus Verde”: detrazioni fiscali del 36% per la sistemazione di giardini e terrazzi

Dopo quasi tre anni di lavoro di sensibilizzazione, promozione, cultura e networking, il CNFFP – Coordinamento Nazionale Filiera del Florovivaismo e del Paesaggio annuncia l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del cosiddetto “Bonus Verde”, ovvero la nuova detrazione fiscale del 36% per la cura del verde privato. Annunciato ieri dal Ministro delle Politiche Agricole, [...]

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

ottobre 16, 2017

Hyundai IONIQ riceve il “Green Gold Award 2018″ per la tripla alimentazione

È Hyundai IONIQ la vincitrice del titolo “Green Gold Award 2018”, assegnato dall’Unione Italiana Giornalisti Automotive (UIGA) martedì scorso a Frascati (Roma). Il premio rappresenta un importante riconoscimento alla triplice tecnologia sviluppata da Hyundai sulla gamma IONIQ, prima auto di serie al mondo disponibile in versione Hybrid, Electric oppure Plug-in Hybrid. IONIQ avvicina così le [...]

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

ottobre 13, 2017

MiMoto, il primo scooter sharing elettrico senza stazioni

Nasce a Milano MiMoto, il primo ed unico servizio di scooter sharing elettrico ed ecosostenibile della città. Un’idea semplice che unisce in sé rispetto per l’ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza. MiMoto oltre a essere una start up innovativa, è un servizio che ha l’obiettivo primario di offrire ai propri clienti finali [...]

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

ottobre 13, 2017

Copernicus: il programma europeo sbarca in Emilia Romagna a sostegno dell’agricoltura sostenibile

Sbarca in Italia Copernicus, il programma di osservazione della Terra sviluppato dalla Commissione Europea. C3S – Copernicus Climate Change Service è costituito da un insieme complesso di dati provenienti da più fonti (satelliti di osservazione, stazioni di terra, sensori in mare e aerei) che possono fornire informazioni affidabili e aggiornate su ambiente e sicurezza, aiutando a [...]

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

ottobre 12, 2017

Il 14 ottobre si celebra la 1° Giornata Mondiale dell’educazione ambientale

Il 14 ottobre 2017 si celebrerà la prima Giornata mondiale dell’Educazione Ambientale, a 40 anni dalla Conferenza ONU di Tbilisi (capitale della Georgia), in cui si svolse – il 14 ottobre del 1977 – la Conferenza intergovernativa delle Nazioni Unite sull’educazione ambientale, organizzata da UNESCO e UNEP, che si concluse il 26 ottobre con una Dichiarazione [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende