Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Grassano: inceneritore addio, filtri dell’olio riciclati al 97%:

Grassano: inceneritore addio, filtri dell’olio riciclati al 97%

aprile 23, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Quali sono secondo voi le componenti più facilmente riciclabili di un’auto? Sicuramente, tra quelle che vi vengono in mente non c’è il filtro dell’olio: composto di diversi materiali, pieno di residui metallici e oleosi. Uno di quegli oggetti che a fine vita comportano non pochi problemi di smaltimento. Ma il termovalorizzatore non è più l’unica strada: dal 2012, a Pedrone, in provincia di Alessandria, è attivo un impianto – unico in Italia e uno tra i pochi in Europa – per il trattamento e il riciclo dei filtri dell’olio motore di automezzi, in grado di recuperare il 97% dei materiali presenti nel rifiuto. Ad aprirlo è stata la società Grassano, già attiva nel settore della raccolta e recupero degli oli esausti e parte, insieme a Riccoboni e Tecnoambiente della Riccoboni Holding, attiva nei settori della bonifica e del trattamento, trasporto e smaltimento dei rifiuti industriali.

La Grassano, fondata nel 1957 dalla famiglia omonima, è attiva nei settori della raccolta degli oli e delle emulsioni esauste, dei filtri e delle batterie da trazione, e concessionaria dei consorzi che operano in questi diversi settori (COOU, COBAT, CONOE). Entrata nel 2004 a far parte del gruppo parmense, ha sviluppato nel 2006 un impianto per il recupero degli oli esausti e, sei anni dopo, anche quello per il recupero anche dei filtri. “L’aumento del valore economico delle materie prime, insieme alla volontà di privilegiare il recupero, ove possibile aumentando la qualità e le performance del trattamento, ha indotto la nostra società ad effettuare un investimento in un impianto tecnologicamente avanzato che potesse trasformare la maggior parte del rifiuto in materia prima, riducendo al minimo il quantitativo di materiale da smaltire. L’impianto si è così sviluppato coniugando quanto di meglio il mercato potesse offrire, sia dalla scelta dei singoli componenti di impianto che dalle scelte impiantistiche complessive strutturali”, spiega Angelo Riccoboni, ad della holding. L’investimento per realizzare l’impianto, spiega il direttore dello stabilimento di Pedrosa Enrico Bosi, è stato di circa 3 milioni di euro: “E’ stata necessaria una lunga attività di ricerca e progettazione, a cui si è aggiunto l’iter autorizzativo durato un anno e mezzo”.

Ma come avviene di preciso il riciclo di un filtro dell’olio? Dopo una fase di selezione per eliminare dal processo industriale materiali estranei e pericolosi, si passa alla triturazione, con l’obiettivo di ottenere il massimo livello possibile di purezza dei materiali. “I filtri – continua Riccoboni – vengono triturati in pezzi grandi al massimo 3 centimetri e sottoposti alla fase di centrifugazione, nella quale si separa l’olio dal triturato solido. Nei successivi passaggi di separazione il triturato viene diviso in tre componenti: metalli ferrosi, metalli non ferrosi e carta”.

I primi, selezionati attraverso un magnete permanente, rappresentano almeno la metà dei materiali recuperabili, pari nel complesso al 97% del rifiuto, e vengono riciclati nelle acciaierie. L‘alluminio, recuperato attraverso un separatore a correnti indotte, rappresenta circa il 2% e viene anch’esso reimmesso nell’industria. A questi si aggiungono la carta, pari al 34% del totale, che, essendo sporca di olio non può essere riciclata in cartiera e viene quindi utilizzata come combustibile alternativo nei termovalorizzatori. Dai filtri viene anche estratto e recuperato l’olio: pari al 15% del rifiuto totale, viene rigenerato e diventa la base per nuovo olio motore, riducendo quindi l’uso di nuovo petrolio.

L’impianto della Grassano, per il quale la Riccoboni Holding ha ricevuto l’anno scorso una menzione speciale nell’ambito del Premio per lo Sviluppo sostenibile, permette di gestire quasi 5.000 tonnellate all’anno di filtri olio delle automobili, ovvero quasi un terzo della produzione nazionale (16.000 tonnellate). Aggiungendo un’altra centrifuga, la sua capacità può essere raddoppiata. Dimensioni grazie alle quali lo stabilimento può soddisfare potenzialmente il mercato di tutto il nord e centro Italia. La crisi economica ha però fatto diminuire il materiale da avviare al riciclo: “Negli ultimi anni – riflette Bosi – c’è stata una contrazione del 20% sui quantitativi dei filtri. L’industria automobilistica è in difficoltà e le famiglie cambiano la macchina più raramente e riducono interventi di manutenzione come il cambio del filtro dell’olio”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende