Home » Bollettino Europa »Rubriche » Green Cities, Happy People: intervista a Monica Frassoni:

Green Cities, Happy People: intervista a Monica Frassoni

febbraio 14, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

L'europarlamentare Monica Frassoni, Courtesy of Monicafrassoni.itEcopass e velocità controllate, targhe alterne e blocchi del traffico, ma lo smog non accenna a diminuire. L’impalpabile Pm10 fa tremare gli abitanti del Nord tanto quanto la tangibile monnezza il Sud. L’Italia è sotto l’occhio vigile e severo dell’Europa, che ora pensa alle sanzioni.

Per questo Monica Frassoni, Presidente del Partito Verde Europeo, giunta a Milano da Bruxelles per il convegno internazionale Green Cities, Happy People – organizzato dal comitato Milanosimuove in collaborazione con la rappresentanza della Commissione Europea - bacchetta, dal palco di Palazzo Marino, la politica ambientale del nostro Paese. “Parigi, Barcellona, Monaco e tante altre città europee hanno da tempo intrapreso la strada della sostenibilità – racconta la Frassoni – da noi manca una visione strategica che tuteli i diritti alla salute e metta al centro la persona”.

D) Seconda domenica a piedi appena archiviata, ma Milano resta avvolta da una cappa di smog che perdura da un mese, con picchi ripetuti oltre i 150 microgrammi al metro cubo di Pm10, tre volte oltre la soglia giornaliera di 50. Cosa c’entra la politica in tutto ciò?

R) Penso che ci sia un problema culturale e di incapacità di governo. In Lombardia, tra le zone più ricche, e in teoria, più sviluppate del nostro Paese, questo problema appare molto grave, per un’assoluta mancanza di volontà che si è protratta negli ultimi anni. Non si è capito che le politiche ambientali non servono solo per aumentare il consenso, visto che migliorano la qualità della vita dei cittadini, ma risolvono alcune questioni fondamentali. Dall’inquinamento all’eccesso di emissioni, dalla salute alla tutela della natura, sono problemi che qualsiasi governo, sia di destra che di sinistra, deve affrontare come priorità.

D) Siamo ancora in tempo per recuperare?

R) I dati di questo giorni su tutta la Pianura Padana ci dimostrano chiaramente che dobbiamo metterci urgentemente al passo con i tempi e avanzare delle proposte concrete e drastiche, prima che sia troppo tardi.

D) Ma dove sta il freno a partire?

R) In Italia dobbiamo spesso lottare sia contro un approccio conservatore che contro i numerosi interessi politici. A causa di tutto ciò non è mai stata attuata nessuna politica ambientale sistemica. Quindi si fa l’Ecopass, ma in un’area troppo ristretta; si dimenticano le piste ciclabili; si discute di un miglioramento del patrimonio abitativo, ma non si interviene sui vecchi stabili e per di più si continua a pensare che il centro commerciale, l’auto siano cose comunque immutabili.

D) Quali sono le città europee da prendere come esempio?

R) Ci sono tante città che hanno fatto delle scelte precise e forti in ambito ecologico. A Parigi sembrava impossibile, ma è stato ridotto lo spazio delle automobili. Il 30% in meno di macchine. Hanno limitato lo spazio della circolazione in modo tale che la mobilità sulle due ruote e il trasporto pubblico potessero realmente essere potenziati. I parigini all’inizio si sono opposti, poi hanno capito che si poteva vivere, forse anche meglio, senza auto. A Bruxelles risiedono una quantità enorme di istituzioni, uffici, enti e Evelyne Huytebroeck, Ministro per l’Ambiente, l’Energia e la Riqualificazione Urbana della Regione di Bruxelles – che porterà la sua testimonianza a questo tavolo - ha detto che, in pochi anni, vuole  trasformare tutti gli edifici pubblici in edifici ecocompatibili. Una soluzione fondamentale se pensiamo che il 40% delle emissioni deriva dalle abitazioni, il 30% dal traffico e solo il resto è di carattere industriale. A Monaco dal 1998 esiste un piano urbanistico che guarda all’ambiente. Una città disegnata per essere aperta, accogliente, come dev’essere una vera metropoli europea.

D) Blocchi del traffico a Milano, a Saronno auto  a 30  chilomteri all’ora la domenica, a Cremona riscaldamento giù fino a 18 gradi, a Brescia targhe alterne. In Italia troppa disomogeinità?

R) Come dicevo, non ci sono provvedimenti strutturali, ma solo soluzioni tampone, temporanee e senza lungimiranza. Le misure devono essere ragionate: se, per esempio, scelgo di limitare il traffico, devo ridurre la velocità, costruire più piste ciclabili, potenziare i mezzi pubblici, creare più aree pedonali e così via. E soprattutto bisogna pensare a un sistema che ruoti intorno alla sostenibilità. Quando io ho cambiato casa, a Bruxelles, dopo due settimane è arrivato un signore del Comune che mi ha detto “siamo venuti ad aiutarla a rendere più efficiente il suo riscaldamento”. Questo vuol dire creazione di nuovi posti di lavoro, nuove figure professionali e incentivi, naturalmente, per motivare le persone a consumare meno. L’approccio ecologico non può diopendere solo dalla mia buona volontà.

D) L’Italia è stata bacchettata dal Parlamento di Strasburgo per la monnezza campana e deferita dalla Corte di Giustizia Europea per non aver rispettato i limiti previsti dalle direttive del 1999 e del 2008 per il Pm 10. Cosa accadrà ora?

R) L’Italia, insieme a dieci altri Paesi, è stata portata davanti alla Corte perché non ha fatto nessun piano nazionale per la gestione dello smog. Questo è un obbligo che non è stato rispettato nonostante le continue sollecitazioni. Se l’Italia non risponderà a questo dovere, potrà essere condannata a pagare delle sanzioni giornaliere, molto pesanti, che toglieranno altre risorse che si sarebbero potute destinare all’ambiente.

D) Cosa bolle in pentola al Parlamento Europeo sulle questioni ambientali?

R) E’ in corso la discussione sull’applicazione delle regole per rispettare l’obiettivo del 20-20-20. Poi c’è la grossa spinta all’impegno per la riduzione delle emissioni del 30%, sta per uscire il Piano sull’efficienza energetica,  è uscito un grosso Action plan sull’energia e infine  ci sono una serie di grandi manovre per fare in modo che i sussudi alle rinnovabili vengano uniti a dei sussidi per altre tecnologie low carbon. Insomma siamo nel pieno della battaglia per realizzare gli obiettivi del pacchetto energia e per aumentare gli impegni, ma allo stesso tempo il nostro partito sta cercando di limitare i danni che le lobby del carbone e del nucleare rischiano di generare inserendo nuove norme e piccoli escamotage che, attraverso un cambio nella struttura dei sussidi, possano limitare la priorità concessa alle rinnovabili .

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende