Home » Bollettino Europa »Rubriche » Green Cities, Happy People: intervista a Monica Frassoni:

Green Cities, Happy People: intervista a Monica Frassoni

febbraio 14, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

L'europarlamentare Monica Frassoni, Courtesy of Monicafrassoni.itEcopass e velocità controllate, targhe alterne e blocchi del traffico, ma lo smog non accenna a diminuire. L’impalpabile Pm10 fa tremare gli abitanti del Nord tanto quanto la tangibile monnezza il Sud. L’Italia è sotto l’occhio vigile e severo dell’Europa, che ora pensa alle sanzioni.

Per questo Monica Frassoni, Presidente del Partito Verde Europeo, giunta a Milano da Bruxelles per il convegno internazionale Green Cities, Happy People – organizzato dal comitato Milanosimuove in collaborazione con la rappresentanza della Commissione Europea - bacchetta, dal palco di Palazzo Marino, la politica ambientale del nostro Paese. “Parigi, Barcellona, Monaco e tante altre città europee hanno da tempo intrapreso la strada della sostenibilità – racconta la Frassoni – da noi manca una visione strategica che tuteli i diritti alla salute e metta al centro la persona”.

D) Seconda domenica a piedi appena archiviata, ma Milano resta avvolta da una cappa di smog che perdura da un mese, con picchi ripetuti oltre i 150 microgrammi al metro cubo di Pm10, tre volte oltre la soglia giornaliera di 50. Cosa c’entra la politica in tutto ciò?

R) Penso che ci sia un problema culturale e di incapacità di governo. In Lombardia, tra le zone più ricche, e in teoria, più sviluppate del nostro Paese, questo problema appare molto grave, per un’assoluta mancanza di volontà che si è protratta negli ultimi anni. Non si è capito che le politiche ambientali non servono solo per aumentare il consenso, visto che migliorano la qualità della vita dei cittadini, ma risolvono alcune questioni fondamentali. Dall’inquinamento all’eccesso di emissioni, dalla salute alla tutela della natura, sono problemi che qualsiasi governo, sia di destra che di sinistra, deve affrontare come priorità.

D) Siamo ancora in tempo per recuperare?

R) I dati di questo giorni su tutta la Pianura Padana ci dimostrano chiaramente che dobbiamo metterci urgentemente al passo con i tempi e avanzare delle proposte concrete e drastiche, prima che sia troppo tardi.

D) Ma dove sta il freno a partire?

R) In Italia dobbiamo spesso lottare sia contro un approccio conservatore che contro i numerosi interessi politici. A causa di tutto ciò non è mai stata attuata nessuna politica ambientale sistemica. Quindi si fa l’Ecopass, ma in un’area troppo ristretta; si dimenticano le piste ciclabili; si discute di un miglioramento del patrimonio abitativo, ma non si interviene sui vecchi stabili e per di più si continua a pensare che il centro commerciale, l’auto siano cose comunque immutabili.

D) Quali sono le città europee da prendere come esempio?

R) Ci sono tante città che hanno fatto delle scelte precise e forti in ambito ecologico. A Parigi sembrava impossibile, ma è stato ridotto lo spazio delle automobili. Il 30% in meno di macchine. Hanno limitato lo spazio della circolazione in modo tale che la mobilità sulle due ruote e il trasporto pubblico potessero realmente essere potenziati. I parigini all’inizio si sono opposti, poi hanno capito che si poteva vivere, forse anche meglio, senza auto. A Bruxelles risiedono una quantità enorme di istituzioni, uffici, enti e Evelyne Huytebroeck, Ministro per l’Ambiente, l’Energia e la Riqualificazione Urbana della Regione di Bruxelles – che porterà la sua testimonianza a questo tavolo - ha detto che, in pochi anni, vuole  trasformare tutti gli edifici pubblici in edifici ecocompatibili. Una soluzione fondamentale se pensiamo che il 40% delle emissioni deriva dalle abitazioni, il 30% dal traffico e solo il resto è di carattere industriale. A Monaco dal 1998 esiste un piano urbanistico che guarda all’ambiente. Una città disegnata per essere aperta, accogliente, come dev’essere una vera metropoli europea.

D) Blocchi del traffico a Milano, a Saronno auto  a 30  chilomteri all’ora la domenica, a Cremona riscaldamento giù fino a 18 gradi, a Brescia targhe alterne. In Italia troppa disomogeinità?

R) Come dicevo, non ci sono provvedimenti strutturali, ma solo soluzioni tampone, temporanee e senza lungimiranza. Le misure devono essere ragionate: se, per esempio, scelgo di limitare il traffico, devo ridurre la velocità, costruire più piste ciclabili, potenziare i mezzi pubblici, creare più aree pedonali e così via. E soprattutto bisogna pensare a un sistema che ruoti intorno alla sostenibilità. Quando io ho cambiato casa, a Bruxelles, dopo due settimane è arrivato un signore del Comune che mi ha detto “siamo venuti ad aiutarla a rendere più efficiente il suo riscaldamento”. Questo vuol dire creazione di nuovi posti di lavoro, nuove figure professionali e incentivi, naturalmente, per motivare le persone a consumare meno. L’approccio ecologico non può diopendere solo dalla mia buona volontà.

D) L’Italia è stata bacchettata dal Parlamento di Strasburgo per la monnezza campana e deferita dalla Corte di Giustizia Europea per non aver rispettato i limiti previsti dalle direttive del 1999 e del 2008 per il Pm 10. Cosa accadrà ora?

R) L’Italia, insieme a dieci altri Paesi, è stata portata davanti alla Corte perché non ha fatto nessun piano nazionale per la gestione dello smog. Questo è un obbligo che non è stato rispettato nonostante le continue sollecitazioni. Se l’Italia non risponderà a questo dovere, potrà essere condannata a pagare delle sanzioni giornaliere, molto pesanti, che toglieranno altre risorse che si sarebbero potute destinare all’ambiente.

D) Cosa bolle in pentola al Parlamento Europeo sulle questioni ambientali?

R) E’ in corso la discussione sull’applicazione delle regole per rispettare l’obiettivo del 20-20-20. Poi c’è la grossa spinta all’impegno per la riduzione delle emissioni del 30%, sta per uscire il Piano sull’efficienza energetica,  è uscito un grosso Action plan sull’energia e infine  ci sono una serie di grandi manovre per fare in modo che i sussudi alle rinnovabili vengano uniti a dei sussidi per altre tecnologie low carbon. Insomma siamo nel pieno della battaglia per realizzare gli obiettivi del pacchetto energia e per aumentare gli impegni, ma allo stesso tempo il nostro partito sta cercando di limitare i danni che le lobby del carbone e del nucleare rischiano di generare inserendo nuove norme e piccoli escamotage che, attraverso un cambio nella struttura dei sussidi, possano limitare la priorità concessa alle rinnovabili .

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende