Home » Rubriche »Very Important Planet » Green Clouds: le fate della musica celtica, tra boschi incantati e caos romano:

Green Clouds: le fate della musica celtica, tra boschi incantati e caos romano

aprile 29, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Cinque ragazze innamorate della musica celtica che flirtano con l’elettronica per far sgorgare note di Keltronic (titolo del loro ultimo lavoro), genere originale tra tradizione ed innovazione generato da Grania (Graziana Giansante), Roisin (Marzia Ricciardi), Erin (Maurizia Reali), Eirwen (Cristina Patrizi) e Neala (Valentina Lauri). Sono loro le Green Clouds, il quintetto che dalla primavera del 2007 incanta le platee di mezza Europa, da un palco all’altro. A iniziare dal concerto di apertura del St Patrick’s Day Festival alla Guinnes Storehouse di Dublino. Musica e tanta natura, il loro nome è un programma, come nei loro video ambientati nei boschi. Le abbiamo incontrate per V.I.P. – Very Important Planet al termine del loro concerto al Villaggio della Terra, in occasione dell’Earth Day 2016.

D) Ragazze, nei vostri video e brani c’è sempre un forte riferimento alla natura, una fonte d’ispirazione quasi magica per la vostra musica…

R) Assolutamente si. A iniziare dal nostro nome, dall’ambientazione dei nostri video nei boschi – come in Trance Celtica – e dal nostro look in stile fantasy. Non a caso ci definiscono le fate della musica celtica, qualcuno anche streghe (e scoppia una risata… NdR). E’ chiaro anche il brano Green Joy, la gioia di vivere la natura. In un concept live al Teatro Brancaccio abbiamo proiettato dei video: il primo dedicato alla guerra, poi ai quattro elementi - fuocoariaacquaterra – per rappresentare l’equilibrio del mondo. La nostra musica è ispirata all’Irlanda, un’isola ricca di natura.

D) Musica celtica, suoni ancestrali, ma sposati all’elettronica come emerge nel vostro terzo album Keltronic…

R) Quando abbiamo iniziato, meglio quando siamo diventate operative, nel 2007, la scelta è stata quella acustica. Poi la formazione e la  musica si è molto evoluta. Lavoriamo con composizioni originali del maestro Francesco Marchetti e nonostante la partecipazione  a numerosi festival di musica celtica, siamo orgogliose di aver aperto il concerto di Hevia a Roma, condividiamo ambientazioni non di nicchia.

D) Amate la natura come è evidente dalla musica e dalle immagini che scegliete per i vostri video, pensate che esista una emergenza ambientale più pericolosa delle altre?

R) Il surriscaldamento del pianeta, le temperature che si alzano. Non c’è più una stabilità del clima e osserviamo sempre più fenomeni allarmanti come le alluvioni, le frane e non possiamo dimenticare il disboscamento di molte parti del pianeta. E’ una tristezza pensare a come stiamo distruggendo quotidianamente il mondo…

D) Qual è il vostro rapporto quotidiano con l’ambiente?

R) (Risponde Graziana in arte Grania, NdR). Io abito in campagna, ho sempre vissuto all’aria aperta, un fatto che conferma il mio amore per la natura, e ripudio il traffico. Siamo un gruppo romano e purtroppo conosciamo molto bene la situazione caotica della Capitale. Nel mio piccolo raccolgo sempre le cartacee per strada, è pieno anche in campagna, poi penso ad acquistare un’auto elettrica. Insegno musica in una scuola e ripeto ogni giorno in aula che bisogna rispettare l’ambiente, è necessario iniziare dai più piccoli perché con gli adulti si fa difficoltà a lavorare su questo tema. Io litigo spesso con i miei vicini che buttano le cicche per terra.

D) Grania hai accennato alla situazione ambientale di Roma. Cosa si può fare, secondo te, per migliorare la qualità della vita nella nostra Capitale?

R) In realtà io abito in provincia e ogni volta che vado a Roma mi sembra di stare in una discarica a cielo aperto, è sporca e si fa fatica a respirare nonostante ci siano tanti spazi verdi. Penso a Villa Borghese, un luogo splendido, quindi le potenzialità  non mancano, ci sono numerose opportunità, ma serve un lavoro fatto ad hoc, un’iniziativa che parta dall’alto. Ma sono convinta che non cambierà nulla, nessuno fa nulla. Il problema del traffico è comune a tante grandi città e sicuramente è difficile trovare una soluzione. A Roma puntano sul blocco del traffico ma sono azioni sporadiche, non so se veramente sono utili a risolvere il problema inquinamento. Si dovrebbe puntare a maggiori sanzioni, per esempio contro chi lascia il motore acceso.

D) Avete in cantiere qualche iniziativa ambientale ?

R) Oltre a quella dove abbiamo partecipato al Villaggio della Terra speriamo di essere invitate e dare il nostro contributo a numerosi eventi che permettano di sensibilizzare la popolazione su un tema fondamentale come quello ambientale.

D) Volete lanciare un messaggio ad alto contenuto “naturale” per i nostri lettori?

R9 Beh, la nostra musica si lega moltissimo alla natura, quindi consigliamo di ascoltarla davanti ad un paesaggio e pensare a come tenerlo pulito!

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende