Home » Bollettino Europa »Rubriche » Green Leaf e PASTA, le sfide europee per Siena e Roma:

Green Leaf e PASTA, le sfide europee per Siena e Roma

aprile 27, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Una nuova competizione tra città scalda gli animi dei cittadini europei. Si tratta dello European Greeen Leaf Award, il premio che – nell’ambito della tradizionale competizione per la Capitale Verde d’Europa -   riconosce gli sforzi ambientali dei centri urbani più piccoli, precisamente con una popolazione compresa tra 50 e 100mila abitanti. Con una particolare enfasi sugli sforzi compiuti nell’ambito della crescita verde e nella creazione di nuovi posti di lavoro.

Alla sua prima edizione, vede un solo nome italiano tra i finalisti: Siena. Il nostro Paese non ha spesso l’abitudine di vedere le sue città annoverate tra le migliori smart city. E invece la perla della Toscana si contenderà il trofeo – che verrà consegnato a giugno in occasione di una cerimonia che si terrà a Bristol, in Inghilterra – al fianco di Inverness (Scozia), Lappeenranta (Finlandia), Ludwigsburg (Germania), Mikkeli (Finlandia), Mollet del Vallès (Spagna), Strovolos (Cipro) e Torres Vedras (Portogallo).

Siena si è guadagnata la nomination grazie alla pianificazione di azioni virtuose nell’ambito della sostenibilità ambientale, della mobilità urbana, della tutela delle risorse idriche, della lotta agli sprechi e della difesa della biodiversità.

Il nuovo premio è la dimostrazione che le città più piccole dimostrano un eccellente approccio ambientale. È incoraggiante vedere la qualità dei candidati in questa prima edizione”. Ha commentato il Commissario UE per l’Ambiente, Karmenu Vella. Che ha continuato dicendo: “La mia speranza è che le finaliste siano modelli di ispirazione. Il sistema è come un albero: i piccoli centri sono le foglie, le capitali i rami e la Commissione Europea è il tronco“.

Tra gli indicatori secondo i quali il gruppo di esperti valuterà le concorrenti c’è, naturalmente anche la mobilità. Un tema al centro anche di PASTA, acronimo di Physical Activity through Sustainable Transport Approaches, il progetto di ricerca europeo che analizza le misure di trasporto urbano a sostegno della mobilità attiva. A piedi, in bicicletta e in combinazione con l’uso dei mezzi pubblici.

Tuttavia, l’originalità del progetto risiede nel fatto di valutare gli effetti che questo cambio di abitudine ha sull’attività fisica e le condizioni di salute dei cittadini. Oltre al rischio di infortuni e all’esposizione all’inquinamento. Il progetto finirà nel 2017 ed il consorzio comprende esperti dello sport, della pianificazione dei trasporti, della sicurezza stradale, della qualità dell’aria e naturalmente della salute.

Le città studio sono sette. Insieme a Roma ci sono Anversa, Barcellona, Londra, Vienna, Zurigo e Örebro. Ciascuna ha individuato un campione di 2.000 persone intenzionate a modificare e monitorare il proprio stile di vita, raccogliendo così i dati che verranno messi a disposizione del progetto ed opportunamente analizzati. I partecipanti saranno inizialmente chiamati a compilare un semplice test on line, poi periodicamente delle brevi schede a intervalli regolari, in modo da poter comporre un quadro di sintesi delle varie attività quotidiane. Oltre alla compilazione del questionario base, ogni due settimane verrà inviata una e-mail con un link per accedere a brevi questionari aggiuntivi, sulle abitudini di spostamento e sulle attività fisiche svolte. I questionari aggiuntivi includono anche un “diario di viaggio” e domande su eventi specifici legati alla sicurezza stradale o nel caso si rimanga coinvolti in un incidente, per comprenderne meglio le cause e le possibili conseguenze. I più fortunati avranno anche la possibilità di vincere 25 biciclette pieghevoli.

La capitale italiana ha un padrino d’eccezione: Andrea Manici, il tallonatore della nazionale di rugby. “Sai che andare a lavoro a piedi migliora le condizioni della salute?” con queste parole lo sportivo invita in un video a partecipare al progetto.

Molti studi scientifici dimostrano che chi si muove in città rinunciando ad auto e moto gode di una salute migliore. Ad avallare il progetto dell’Unione Europea la recente ricerca della London School of Hygiene & Tropical Medicine sul British Medical Journal. Che sottolinea come l’uso dei mezzi pubblici incida sul fisico a tal punto che gli effetti sul peso del corpo sono maggiori di quelli ottenuti tramite mortificanti diete o faticosi programmi di esercizio ginnico. Le donne che utilizzano bici, mezzi pubblici o si recano al lavoro a piedi, infatti, pesano 2,5 kg in meno rispetto a quelle che si spostano in auto. Gli uomini invece che scelgono un’alternativa all’automobile pesano 3 kg in meno.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende