Home » Bollettino Europa »Rubriche » Green Week 2012: una settimana per salvare le risorse idriche europee:

Green Week 2012: una settimana per salvare le risorse idriche europee

maggio 28, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

“Qual è l’insegnamento che abbiamo tratto dalla Green Week quest’anno? Sicuramente il fatto che davanti a noi abbiamo una grande sfida da affrontare: quella della salvaguardia delle risorse idriche, e che la deadline del 2015 per l’implementazione della Water Framework Directive è dietro l’angolo”. Sono le parole con cui il Commissario Europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, ha concluso la Green Week europea, che quest’anno ha seguito il motto “La sfida dell’acqua, ogni goccia conta”.

La tutela delle risorse idriche è stato il filo conduttore dell’evento che si è svolto a Bruxelles dal 22 al 25 maggio e che ha visto la partecipazione di circa 3.000 partecipanti, ONG, rappresentanti governativi e funzionari dell’UE, ma anche numerosi “eventi satellite” nei diversi Stati membri. Tutti accomunati dalla volontà di individuare soluzioni ai principali problemi, come la disponibilità di acqua di buona qualità a fronte di un rapido incremento della popolazione e di un ancora più evidente cambiamento climatico. Secondo uno spirito di conciliazione tra sostenibilità ambientale e business, che ha dato la possibilità a 52 imprese e organizzazioni europee di presentare i propri prodotti e le migliori pratiche ambientali presenti sul mercato all’interno di altrettanti stand negli edifici della Commissione Europea.

La Settimana Verde, in quanto parte del processo preparatorio del piano per la salvaguardia delle risorse idriche europee (previsto dall’esecutivo UE entro novembre di quest’anno), ha ospitato anche la Terza Conferenza Europea sull’Acqua, che ha funzionato da piattaforma di consulenza e dibattito fra gli stakehoders del settore idrico, gli Stati membri e la Commissione. Potočnik ha infatti sottolineato che “l’acqua è una risorsa vitale su cui le attività umane incidono in modo estremamente rilevante. Nel corso della Settimana Verde le centinaia di esperti e di parti interessate qui riunite sono riuscite a sviluppare sia le strategie esistenti, sia nuove idee, con l’obiettivo di tutelare questa risorsa così preziosa per tutti noi”.

Una recente indagine della Commissione mostra del resto che sette cittadini europei su dieci ritengono che le questioni legate all’acqua rappresentino “un’importante fonte di preoccupazione”. L’inquinamento di origine puntuale o diffusa, l’eccessiva estrazione di acqua e l’alterazione di fiumi e laghi mettono a repentaglio gli sforzi compiuti per conseguire entro il 2015 - termine di implementazione delle Direttiva – un buono stato di salute delle acque europee. Le catastrofi naturali come la siccità e le inondazioni sono inoltre diventate più frequenti e gravi su ampie zone del continente europeo e, secondo lo studio, la loro gravità e frequenza sono destinate ad aumentare in conseguenza dei cambiamenti climatici e dell’uso inappropriato dei suoli.

La Green Week ha dunque aiutato a consolidare una visione d’insieme delle politiche dell’UE sull’acqua e comprendere come queste debbano evolvere per far fronte alle sfide più urgenti. Prima fra tutte, quella dell’uso efficiente delle risorse. Lo strumento più importante sarebbe, in questo caso, la Direttiva 2000/60/EC sulle politiche europee riguardanti l’acqua. Una direttiva quadro sulle acque, adottata nel 2000, che prevede un obbligo giuridico alla protezione e al ripristino della qualità delle risorse idriche in Europa, indicando il 2015 come l’anno entro il quale raggiungere un “buono stato ecologico e chimico”. Entro quell’anno gli Stati membri sono tenuti a garantire la piena operatività delle misure, mentre il secondo ciclo di piani di gestione dovrà essere completato, sempre entro quella data, con i primi piani di gestione del rischio da inondazione.

Secondo gli esperti la Direttiva provvederebbe ad assicurare gli incentivi adeguati per ridurre lo spreco di acqua, ma ovviamente la Direttiva, da sola, non basta. Ed è per questo che nella Green Week si è tornati a discutere di pratiche quotidiane per l’uso efficiente dell’acqua e del suo risparmio, anche a livello individuale. Come dire: la legge è importante, ma le buone azioni dei singoli non meno. Nei settori agricolo e industriale si potrebbe ottenere un risparmio fino al 40% grazie a nuove tecnologie, migliore gestione delle pratiche di irrigazione, colture resistenti alla siccità e sistemi di riciclo dell’acqua, mentre agendo sulle perdite delle reti pubbliche di approvvigionamento si potrebbe risparmiare fino al 50%. Ma poichè circa un terzo dell’acqua per uso domestico finisce, letteralmente, nello scarico, è importante anche l’azione individuale. A partire dall’utilizzo del getto ridotto, la doccia al posto della vasca da bagno, non lasciar scorrere l’acqua quando si lavano i denti, non riempire completamente il bollitore ma immettervi solo la quantità di acqua necessaria, utilizzare il ciclo economico di lavatrice e lavastoviglie, e solo a pieno carico. Senza dimenticare che raccogliere l’acqua piovana per innaffiare e lavare l’auto fa risparmiare fino al 50% del consumo domestico di acqua.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende