Home » Bollettino Europa »Rubriche » Green Week 2012: una settimana per salvare le risorse idriche europee:

Green Week 2012: una settimana per salvare le risorse idriche europee

maggio 28, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

“Qual è l’insegnamento che abbiamo tratto dalla Green Week quest’anno? Sicuramente il fatto che davanti a noi abbiamo una grande sfida da affrontare: quella della salvaguardia delle risorse idriche, e che la deadline del 2015 per l’implementazione della Water Framework Directive è dietro l’angolo”. Sono le parole con cui il Commissario Europeo per l’Ambiente, Janez Potočnik, ha concluso la Green Week europea, che quest’anno ha seguito il motto “La sfida dell’acqua, ogni goccia conta”.

La tutela delle risorse idriche è stato il filo conduttore dell’evento che si è svolto a Bruxelles dal 22 al 25 maggio e che ha visto la partecipazione di circa 3.000 partecipanti, ONG, rappresentanti governativi e funzionari dell’UE, ma anche numerosi “eventi satellite” nei diversi Stati membri. Tutti accomunati dalla volontà di individuare soluzioni ai principali problemi, come la disponibilità di acqua di buona qualità a fronte di un rapido incremento della popolazione e di un ancora più evidente cambiamento climatico. Secondo uno spirito di conciliazione tra sostenibilità ambientale e business, che ha dato la possibilità a 52 imprese e organizzazioni europee di presentare i propri prodotti e le migliori pratiche ambientali presenti sul mercato all’interno di altrettanti stand negli edifici della Commissione Europea.

La Settimana Verde, in quanto parte del processo preparatorio del piano per la salvaguardia delle risorse idriche europee (previsto dall’esecutivo UE entro novembre di quest’anno), ha ospitato anche la Terza Conferenza Europea sull’Acqua, che ha funzionato da piattaforma di consulenza e dibattito fra gli stakehoders del settore idrico, gli Stati membri e la Commissione. Potočnik ha infatti sottolineato che “l’acqua è una risorsa vitale su cui le attività umane incidono in modo estremamente rilevante. Nel corso della Settimana Verde le centinaia di esperti e di parti interessate qui riunite sono riuscite a sviluppare sia le strategie esistenti, sia nuove idee, con l’obiettivo di tutelare questa risorsa così preziosa per tutti noi”.

Una recente indagine della Commissione mostra del resto che sette cittadini europei su dieci ritengono che le questioni legate all’acqua rappresentino “un’importante fonte di preoccupazione”. L’inquinamento di origine puntuale o diffusa, l’eccessiva estrazione di acqua e l’alterazione di fiumi e laghi mettono a repentaglio gli sforzi compiuti per conseguire entro il 2015 - termine di implementazione delle Direttiva – un buono stato di salute delle acque europee. Le catastrofi naturali come la siccità e le inondazioni sono inoltre diventate più frequenti e gravi su ampie zone del continente europeo e, secondo lo studio, la loro gravità e frequenza sono destinate ad aumentare in conseguenza dei cambiamenti climatici e dell’uso inappropriato dei suoli.

La Green Week ha dunque aiutato a consolidare una visione d’insieme delle politiche dell’UE sull’acqua e comprendere come queste debbano evolvere per far fronte alle sfide più urgenti. Prima fra tutte, quella dell’uso efficiente delle risorse. Lo strumento più importante sarebbe, in questo caso, la Direttiva 2000/60/EC sulle politiche europee riguardanti l’acqua. Una direttiva quadro sulle acque, adottata nel 2000, che prevede un obbligo giuridico alla protezione e al ripristino della qualità delle risorse idriche in Europa, indicando il 2015 come l’anno entro il quale raggiungere un “buono stato ecologico e chimico”. Entro quell’anno gli Stati membri sono tenuti a garantire la piena operatività delle misure, mentre il secondo ciclo di piani di gestione dovrà essere completato, sempre entro quella data, con i primi piani di gestione del rischio da inondazione.

Secondo gli esperti la Direttiva provvederebbe ad assicurare gli incentivi adeguati per ridurre lo spreco di acqua, ma ovviamente la Direttiva, da sola, non basta. Ed è per questo che nella Green Week si è tornati a discutere di pratiche quotidiane per l’uso efficiente dell’acqua e del suo risparmio, anche a livello individuale. Come dire: la legge è importante, ma le buone azioni dei singoli non meno. Nei settori agricolo e industriale si potrebbe ottenere un risparmio fino al 40% grazie a nuove tecnologie, migliore gestione delle pratiche di irrigazione, colture resistenti alla siccità e sistemi di riciclo dell’acqua, mentre agendo sulle perdite delle reti pubbliche di approvvigionamento si potrebbe risparmiare fino al 50%. Ma poichè circa un terzo dell’acqua per uso domestico finisce, letteralmente, nello scarico, è importante anche l’azione individuale. A partire dall’utilizzo del getto ridotto, la doccia al posto della vasca da bagno, non lasciar scorrere l’acqua quando si lavano i denti, non riempire completamente il bollitore ma immettervi solo la quantità di acqua necessaria, utilizzare il ciclo economico di lavatrice e lavastoviglie, e solo a pieno carico. Senza dimenticare che raccogliere l’acqua piovana per innaffiare e lavare l’auto fa risparmiare fino al 50% del consumo domestico di acqua.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende