Home » Campioni d'Italia »Rubriche » GreenBox: il sensore di “ecodriving” per i campionati automobilistici:

GreenBox: il sensore di “ecodriving” per i campionati automobilistici

maggio 28, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Con i prezzi dei carburanti alle stelle e l’aumento della coscienza ecologica, le tecniche di guida sostenibile stanno diventando via via più popolari sulle nostre strade. Ma che succede nelle gare automobilistiche, dove l’obiettivo principale è andare veloci e vincere la competizione? Mentre nella Formula 1 la nuova stagione si è aperta con un limite ai consumi – la soglia è di massimo 100 chili di benzina per ogni gara – un progetto nato dal portale Ecomotori.net prova a introdurre il concetto di ecodriving nei Campionati Energie Alternative. Quelle gare automobilistiche ufficiali cioè riservate ai veicoli ibridi, elettrici, alimentati a energie rinnovabili o comunque meno inquinanti (a metano e Gpl). “In questi campionati, a cui dal 2012 partecipiamo con un nostro racing team, fino a qualche anno fa si veniva valutati sia per i consumi, sia per il rispetto del regolamento. La Federazione internazionale dell’automobile (FIA) ha poi valutato di non riuscire a valutare i consumi delle auto, e dunque questo parametro è rimasto solo come requisito per l’ammissione, ma non viene più monitorato durante la gara”, spiega Nicola Ventura, responsabile di Ecomotori.net. Il team del portale però, che aveva già una divisione Lab per studiare soluzioni di guida sostenibile, inizia a pensare a una strada alternativa e a marzo scorso nasce l’idea di GreenBox: “E’ una scatola nera pensata in ottica green, per la telemetria ecologica. Vogliamo proporre a FIA e CSAI (Commissione Sportiva Automobilistica Italiana) un modo nuovo di intendere le competizioni sportive, portando al centro il pilota e il suo comportamento di guida”.

GreenBox è un piccolo dispositivo wireless che, grazie a particolari sensori, monitora diversi parametri e invia i dati a un server. “Analizza per esempio accelerate e frenate brusche, l’uso del cambio, a che numero di giri si cambia marcia, il carico del motore, l’uso del freno motore, per quanto tempo il motore rimane fermo. Alla fine tutti questi valori vengono riuniti nell’indice di ecodriving”, continua Ventura. Un sistema che permetterebbe agli organizzatori di avere costantemente una classifica in tempo reale dei partecipanti e del loro stile di guida.

“La prima fase del progetto, durata circa un anno, è stata dedicata all’analisi dei parametri di telemetria, utili per definire lo stile di guida, e allo sviluppo di un hardware dedicato”. Completato il prototipo grazie alla collaborazione di Ecomotori Lab con Engicom, società specializzata nella consulenza per il risparmio energetico, Green Box ha esordito qualche settimana fa all’EcoRally San Marino-Città del Vaticano. “Abbiamo raccolto una grande mole di dati, e altri li raccoglieremo all’inizio di giugno all’Ecorally di Bolzano, mentre all’Ecorally del Sestriere vorremmo portare in sperimentazione diverse GreenBox”. I dati serviranno poi per perfezionare il prototipo, arrivando a concludere il progetto entro fine anno con la messa a punto anche dell’indice di Ecodriving. Al progetto lavorano oggi cinque persone, tra ingegneri e piloti impegnati nella sperimentazione su strada. Una volta completata, la scatola verde potrà essere usata anche in contesti diversi: “Può servire per monitorare il comportamento alla guida di qualunque automobilista, oppure per valutare lo stile di guida di piloti anche in gare diverse al Campionato Energie Alternative”, dice Ventura. Anche perché, da uno stile all’altro, i risparmi possono essere notevoli: secondo il progetto Ecoguida promosso da Euromobility, per esempio, adottando un decalogo di semplici azioni si può arrivare a ridurre i consumi di carburante del 25%.

Ma come la stanno prendendo FIA e CSAI? Invasione di campo o piccola rivoluzione? “Il delegato tecnico della FIA, Carlos Funes, ci ha chiesto di preparare un report dettagliato sul progetto e lo ha già diffuso tra i colleghi della commissione Energie alternative. Funes ci ha anche detto che il progetto rispecchia completamente la filosofia della FIA per quanto riguarda i consumi e le energie alternative. Questo interesse rafforza il nostro progetto e l’idea di far diventare l’ecodriving un nuovo parametro di riferimento dei campionati green”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende