Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Greenpeace Italia: “niente candeline, accenderemo il sole a Lampedusa per festeggiare i 30 anni”:

Greenpeace Italia: “niente candeline, accenderemo il sole a Lampedusa per festeggiare i 30 anni”

giugno 30, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

C’è chi festeggia compleanni e anniversari con le tradizionali candeline e chi illuminando con energia pulita e rinnovabile case e paesi. Non poteva essere diversamente per un grande “Campione d’Italia” (ma pure mondiale) come l’associazione ecologista Greenpeace Italia, che per festeggiare trent’anni dalla parte dell’ambiente ha lanciato la campagna di crowdfundingAccendiamo il sole”, per regalare, finalmente, energia che non inquina ai cittadini di Lampedusa. Abbandonati dallo Stato perché l’isola – oltre a tutti i problemi che deve affrontare quotidianamente – non è collegata alla rete elettrica nazionale e va avanti con energia prodotta dal petrolio, sporca, inquinante e costosa.

Una festa utile, dunque quella dei 30 anni di Greenpeace Italia, che rappresenta  l’occasione per fare un bilancio sui risultati di una lunga storia di impegno civile dedicato a far diventare più sana, pulita e rispettosa la nostra società – a volte anche con brusche “terapie d’urto” e campagne sensazionali.

Dopo trent’anni di battaglie possiamo dire con forza che avevamo ragione noi, come dimostrano i  tanti traguardi che abbiamo tagliato. Con la conferenza di Parigi il tema clima è stato inserito nell’agenda politica mondiale, noi in Italia siamo riusciti a far cambiare la strategia energetica di Enel, la prima multinazionale di queste dimensioni a scegliere di andare verso politiche sostenibili ed energie rinnovabili“. Giuseppe Onufrio, Presidente italiano dell’associazione, vuole ricordare anche le tante battaglie portate avanti nel nostro paese “a iniziare dalle lotte contro il nucleare, l’inquinamento a Porto Marghera, le centrali a carbone. Non siamo stati soli, non siamo stati gli unici, ma sicuramente tra i protagonisti principali delle campagne a favore dell’ambiente“.

Un impegno che ha portato consenso come dimostrano i numeri dell’associazione: 77.000 sostenitori attivi, un migliaio di volontari organizzati e suddivisi in 30 gruppi locali, mezzo milione iscritti al sito Internet. Rispetto a quel luglio del 1986 quando David McTaggart, tra i fondatori di Greenpeace International, aprì l’ufficio nazionale a Roma l’esercito ambientale si è moltiplicato: “Nonostante la crisi economica gli italiani ci sostengono – sottolinea Onufrio – La scelta dell’Italia, 30 anni fa,  derivò dalla grande mobilitazione e solidarietà finanziaria degli italiani per l’acquisto di Rainbow Warrior II, la nave che sostituì Rainbow Warrior, affondata dai servizi segreti francesi in Nuova Zelanda“. Un altro contributo arrivò con la battaglia del referendum sul nucleare, vinto ed è uno dei pochi sul fronte ambientale, che si svolse nel 1987.

Lotta dura e senza paura, ma anche iniziative “gentili” a beneficio dell’ambiente, sempre nel segno della concretezza: “Abbiamo fornito ai cittadini abruzzesi, dopo il terremoto, degli impianti solari“. Il presidente ci tiene a sottolineare anche i risultati raggiunti nella campagna contro le sostanze tossiche nel ciclo produttivo tessile “in Italia ha avuto un grande riscontro, una grande eco. L’aspetto positivo non sono solo i risultati raggiunti con le grandi firme e le grandi marche, che hanno una maggiore capacità di intervenire nelle produzioni, ma gli accordi con le piccole aziende. E’ un motivo di orgoglio la collaborazione con il distretto tessile di Prato, una parte importante  della media e piccola industria che fa un pezzo di strada con noi, per una maggiore sostenibilità ambientale. La gran parte delle imprese sono di piccole dimensioni – spiega Onufrio – quindi il  traguardo tagliato è considerevole”.

La lotta dura e pura quindi paga, ma per festeggiare il compleanno Greenpeace  porta avanti un’ altra buona azione molto calma ma efficace: “Si tratta anche di un riconoscimento per Lampedusa e per tutte le isole minori costrette ad utilizzare energie che inquinano e che sono molto costose”, spiega il presidente, che denuncia anche il cortocircuito burocratico che ha impedito l’accesso ai fondi di finanziamento per un progetto di solarizzazione del tetto del palazzo comunale di Lampedusa, già  autorizzato e poi bloccato. La battaglia  per le energie rinnovabili e per la sostenibilità ambientale è ancora in salita, ma l’eta “matura” non sembra ridurre la grinta e l’entusiasmo di Greenpeace Italia!.

Gian Basilio Nieddu


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende