Home » Campioni d'Italia »Rubriche » GreenTech: giovani e specializzati, tra frigo solare e microalghe per la nutraceutica:

GreenTech: giovani e specializzati, tra frigo solare e microalghe per la nutraceutica

maggio 21, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Quando Giulio Santori, allora ricercatore dell’università Politecnica delle Marche e adesso lecturer in quella di Edimburgo, ha iniziato a progettare il suo Solar Ice Maker, ha pensato alla situazione dei villaggi africani, dove le campagne di vaccinazione sono essenziali, ma conservare i vaccini è molto difficile. I frigo non ci sono, e in ogni caso come farli funzionare in aree disconnesse dalla rete elettrica? Da qui l’idea di realizzare una macchina in grado di produrre freddo dal sole. Senza bisogno di carburanti, elettricità, frequente manutenzione. Da quel progetto ricerca, realizzato in collaborazione con l’Istituto di tecnologie avanzate per l’energia del Cnr di Messina, è nata la start up GreenTech, fondata insieme al collega Matteo Moglie, che invece è a capo della seconda anima dell’azienda, quella delle microalghe, indirizzate soprattutto alla nutraceutica e all’industria alimentare. Due settori diversi, ma entrambi molto promettenti in ottica green economy, che in GreenTech, ospitata nell’incubatore Jesi Cube, in provincia di Ancona, corrono paralleli.

Partiamo dal Solar Ice Maker, nata unendo le tecnologie a un aspetto più “umanitario”: “Un importante aspetto coinvolto negli gli aiuti al Terzo mondo è rappresentato dal mantenimento di una adeguata catena del freddo. (…) Per questo ultimamente si sono affermati in tali località macchine frigorifere a compressione di vapore condotte da motori a combustione interna alimentati da cherosene. La produzione del freddo attraverso compressione di vapore evidenzia numerosi limiti ed è fortemente sconsigliata in aree nelle quali non c’è presenza di rete elettrica. Altre tecnologie appaiono più applicabili ed in particolare quelle che fanno utilizzo di fonti di energia rinnovabile”, spiega Giulio Santori nel report di presentazione del progetto.

Da qui l’imput per creare una macchina ad alta tecnologia per la produzione del freddo tramite energia solare termica, che non ha bisogno di energia elettrica, perché il suo funzionamento si basa sul fenomeno fisico dell’adsorbimento, ossia sulle proprietà fisiche che hanno alcuni solidi di fissare sulla loro superficie delle molecole di gas. Grazie a cambiamenti di temperatura e di pressione, l’energia termica raccolta dal sole si trasforma in energia frigorifera con cui viene alimentato il SIM. “La semplicità dell’apparato lo rende di facile industrializzazione ed utilizzo per l’utente finale. Inoltre l’assenza di organi in movimento riduce la manutenzione. L’efficienza energetica è da considerare assoluta in quanto si utilizza una fonte gratuita quale l’energia solare. Icosti di una unità prodotta in serie risultano alquanto competitivi”. Il prototipo è perfettamente funzionante (andrebbe solo “rimpicciolito” per renderlo trasportabile e utilizzabile con più facilità) e potrebbe rappresentare una soluzione sostenibile anche per sostituire i sistemi refrigeranti “a compressione” con motore endotermico. “La macchina non deve essere pensata come sostituto di un frigorifero domestico per le nostre realtà. In un villaggio isolato dell’Africa, però, può diventare un punto per la conservazione collettiva di alimenti, oppure potrebbe essere usata in un parco naturale, per un piccolo punto di ristoro nella natura, evitando così i lavori per portare la rete elettrica in luoghi isolati”, aggiunge Matteo Moglie.

Al SIM, si aggiunge la produzione di microalghe. Se è vero che questi vegetali si stanno pian piano diffondendo tra le aziende italiane, nel caso di GreenTech è l’approccio ad essere particolarmente innovativo: “La domanda da cui siamo partiti – spiega Francesca Alberti, agronoma con un dottorato in Alimenti e salute – è come possiamo trasformare la CO2 e le acque di scarto in risorsa. Le alghe assorbono anidride carbonica e si nutrono di tutte le sostanze di cui si alimentano le piante, come l’azoto, e possono trasformare il problema in soluzione”. Gli usi delle microalghe possono essere diversi: “Si va dalla produzione di biocarburanti al settore molto promettente della nutraceutica e degli alimenti funzionali. Visto che sono in continuo aumento vegetariani e vegani, stiamo puntando per esempio sulla coltivazione della spirulina, alga utilizzata per il suo alto contenuto di calcio e proteine”.

La logica del team è fornire prodotti ad aziende alimentari e di integratori, che allo stesso tempo, grazie alle microalghe, potranno “alleggerire” la propria impronta ecologica compensandola con la CO2 assorbita da questi vegetali. L’idea, cioè, è prendere due piccioni con una fava: usare le alghe per produrre composti e principi attivi particolari, per esempio il betacarotene, e allo stesso tempo sfruttarne i servizi ecosistemici di assorbimento dell’anidride carbonica e di sostanze presenti in acque reflue che altrimenti andrebbero smaltite. “Utilizziamo la CO2 presente in atmosfera e stiamo collaborando con un’azienda del territorio per sperimentare l’uso di acque reflue per far crescere le alghe. Pensiamo per esempio alle acque di vegetazione, scarto della produzione dell’olio: sono ricche di polifenoli, con proprietà antiossidanti, ma il loro smaltimento è complesso”.

Oggi ai due grandi progetti di GreenTech lavorano 12 persone: sette giovani – età media 30 anni – provenienti dal mondo della ricerca accademica e molto specializzati, e cinque docenti dell’università politecnica delle Marche. Mentre proseguono le sperimentazioni, il team è in cerca di investitori interessati all’industrializzazione del SIM e a finanziare lo sviluppo della produzione di microalghe su larga scala.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende