Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC:

Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC

aprile 4, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Fine inverno, casa vuota da riscaldare in attesa del rientro dei proprietari. La giornata è mite, il fotovoltaico crea energia che il sistema intelligente utilizza per scaldare, attraverso una pompa calore, due camere, altro non si può. Poi entra in scena la caldaia tradizionale ed inizia il riscaldamento con l’altra fonte di energia “complementare”, il gas. Infine, ancora con energia generata dal fotovoltaico si fa funzionare la lavastoviglie, nel momento giusto del “picco” di produzione. E’un semplice esempio che ci aiuta a introdurre la tecnologia di Alba SystemGruppo Marengo di Alba, in Piemonte – che sta acquisendo fette di mercato, sia in ambito industriale che civile, per la sua capacità di ottimizzare al meglio l’uso delle diverse fonti di energie generate in una casa o in uno stabilimento produttivo.

Merito dell’intelligenza artificiale applicata alla gestione dell’energia. In altri termini gli stessi principi che regolano la cosiddetta “industria 4.0″ – l’utilizzo della robotica e del digitale per ottimizzare i processi produttivi – vengono utilizzati per la gestione delle fonti energetiche e la loro integrazione anche in ambito domestico. Perché sul budget di una famiglia – anche se pochi ci pensano – la spesa energetica pesa percentualmente molto più che su un budget aziendale!

A farcelo notare è Massimo Marengo, figlio di Silvano, che nel 1960 ha fatto nascere l’azienda. E che si sofferma, nella nostra chiacchierata, anche sul ruolo attuale delle fonti rinnovabili: fondamentali, ma ancora bisognose di essere “ibridate”. L’amministratore delegato del gruppo albese, per spiegare meglio il concetto, utilizza il confronto tra auto elettrica e auto ibrida: la prima, ad oggi, non garantisce ancora di “tagliare tutti i traguardi” rispetto alla seconda, perché le manca autonomia. “Ma – prosegue Marengo -  più la tecnologia avanza più si utilizzerà il motore elettrico rispetto a quello termico“.

In attesa dei passaggi storici si deve intanto lavorare pragmaticamente per garantire il minor spreco energetico: “Il nostro core business è utilizzare tutte le tecnologie energetiche esistenti rendendole intelligenti”. Il Gruppo Marengo non è più da tempo un’impresa di impianti elettrici – né un mero installatore di impianti fotovoltaici (nonostante il marchio Albasolar sia molto conosciuto) – è un laboratorio di ricerca e innovazione nel quale gli ingegneri lavorano a fianco degli operai dell’officina e dove si sviluppano prodotti e brevetti a marchio proprio, come i rivoluzionari ASPEC IndustryASPEC Home.

Un esempio concreto: “Serve il cogeneratore? Lo costruiamo noi in officina e lo integriamo nel processo produttivo connettendo tutte le apparecchiature che producono energia con il nostro software” ovvero in tre parole: “Realizziamo abiti sartoriali energetici sulle esigenze dei clienti, che sono molto diversi: in ambito industriale spaziamo da chi fa panettoni alle mozzarelle. Noi ingegnerizziamo i processi, integriamo le diverse fonti di produzione. Siamo costruttori…”.

Il concetto di integrazione è basilare per Marengo, che ribadisce: “Leghiamo l’impianto fotovoltaico con il cogeneratore, li colleghiamo tutti al processo produttivo”. E qui entra in scena il software Aspec “che prende le decisioni economiche più convenienti. Il processo produttivo richiede la materia prima energetica, il sistema intelligente sceglie la fonte più economica. Il nostro punto di forza e che la decisione viene presa in tempo reale”. Ecco cosa si intende, concretamente, quando si parla di domotica energetica o industria 4.0.

E il sistema funziona, come hanno capito alcuni grandi brand nazionali. E’ di pochi giorni fa la notizia che la Elah-Dufour-Novi ha siglato un accordo con il Gruppo Marengo per costruire un nuovo impianto di cogenerazione di ultima generazione. Un progetto importante, ma non l’unico nel portafoglio del gruppo albese, che comprende nomi come GAI (leader delle macchine imbottigliatrici) o Ferrero Mangimi.

La strada per far comprendere i benefici agli imprenditori e alle famiglie non è però sempre in discesa: “C’è difficoltà in Italia a fare capire l’innovazione tecnologica. Si è molto avanti sul macchinario, mentre dal punto di vista dell’energia c’è ancora molto da fare. Molti imprenditori non sanno cosa sia la cogenerazione, c’è necessità di fare cultura e di informarli sui sistemi più innovativi. E’ necessario ottimizzare i processi dell’Industira 4.0. Noi all’interno dell’azienda continuiamo a far dialogare, sempre meglio, le diverse tecnologie: dalla caldaia al frigo.”

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende