Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC:

Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC

aprile 4, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Fine inverno, casa vuota da riscaldare in attesa del rientro dei proprietari. La giornata è mite, il fotovoltaico crea energia che il sistema intelligente utilizza per scaldare, attraverso una pompa calore, due camere, altro non si può. Poi entra in scena la caldaia tradizionale ed inizia il riscaldamento con l’altra fonte di energia “complementare”, il gas. Infine, ancora con energia generata dal fotovoltaico si fa funzionare la lavastoviglie, nel momento giusto del “picco” di produzione. E’un semplice esempio che ci aiuta a introdurre la tecnologia di Alba SystemGruppo Marengo di Alba, in Piemonte – che sta acquisendo fette di mercato, sia in ambito industriale che civile, per la sua capacità di ottimizzare al meglio l’uso delle diverse fonti di energie generate in una casa o in uno stabilimento produttivo.

Merito dell’intelligenza artificiale applicata alla gestione dell’energia. In altri termini gli stessi principi che regolano la cosiddetta “industria 4.0″ – l’utilizzo della robotica e del digitale per ottimizzare i processi produttivi – vengono utilizzati per la gestione delle fonti energetiche e la loro integrazione anche in ambito domestico. Perché sul budget di una famiglia – anche se pochi ci pensano – la spesa energetica pesa percentualmente molto più che su un budget aziendale!

A farcelo notare è Massimo Marengo, figlio di Silvano, che nel 1960 ha fatto nascere l’azienda. E che si sofferma, nella nostra chiacchierata, anche sul ruolo attuale delle fonti rinnovabili: fondamentali, ma ancora bisognose di essere “ibridate”. L’amministratore delegato del gruppo albese, per spiegare meglio il concetto, utilizza il confronto tra auto elettrica e auto ibrida: la prima, ad oggi, non garantisce ancora di “tagliare tutti i traguardi” rispetto alla seconda, perché le manca autonomia. “Ma – prosegue Marengo -  più la tecnologia avanza più si utilizzerà il motore elettrico rispetto a quello termico“.

In attesa dei passaggi storici si deve intanto lavorare pragmaticamente per garantire il minor spreco energetico: “Il nostro core business è utilizzare tutte le tecnologie energetiche esistenti rendendole intelligenti”. Il Gruppo Marengo non è più da tempo un’impresa di impianti elettrici – né un mero installatore di impianti fotovoltaici (nonostante il marchio Albasolar sia molto conosciuto) – è un laboratorio di ricerca e innovazione nel quale gli ingegneri lavorano a fianco degli operai dell’officina e dove si sviluppano prodotti e brevetti a marchio proprio, come i rivoluzionari ASPEC IndustryASPEC Home.

Un esempio concreto: “Serve il cogeneratore? Lo costruiamo noi in officina e lo integriamo nel processo produttivo connettendo tutte le apparecchiature che producono energia con il nostro software” ovvero in tre parole: “Realizziamo abiti sartoriali energetici sulle esigenze dei clienti, che sono molto diversi: in ambito industriale spaziamo da chi fa panettoni alle mozzarelle. Noi ingegnerizziamo i processi, integriamo le diverse fonti di produzione. Siamo costruttori…”.

Il concetto di integrazione è basilare per Marengo, che ribadisce: “Leghiamo l’impianto fotovoltaico con il cogeneratore, li colleghiamo tutti al processo produttivo”. E qui entra in scena il software Aspec “che prende le decisioni economiche più convenienti. Il processo produttivo richiede la materia prima energetica, il sistema intelligente sceglie la fonte più economica. Il nostro punto di forza e che la decisione viene presa in tempo reale”. Ecco cosa si intende, concretamente, quando si parla di domotica energetica o industria 4.0.

E il sistema funziona, come hanno capito alcuni grandi brand nazionali. E’ di pochi giorni fa la notizia che la Elah-Dufour-Novi ha siglato un accordo con il Gruppo Marengo per costruire un nuovo impianto di cogenerazione di ultima generazione. Un progetto importante, ma non l’unico nel portafoglio del gruppo albese, che comprende nomi come GAI (leader delle macchine imbottigliatrici) o Ferrero Mangimi.

La strada per far comprendere i benefici agli imprenditori e alle famiglie non è però sempre in discesa: “C’è difficoltà in Italia a fare capire l’innovazione tecnologica. Si è molto avanti sul macchinario, mentre dal punto di vista dell’energia c’è ancora molto da fare. Molti imprenditori non sanno cosa sia la cogenerazione, c’è necessità di fare cultura e di informarli sui sistemi più innovativi. E’ necessario ottimizzare i processi dell’Industira 4.0. Noi all’interno dell’azienda continuiamo a far dialogare, sempre meglio, le diverse tecnologie: dalla caldaia al frigo.”

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

febbraio 3, 2020

Annuncio Easy Jet: Wright Electric verso il primo aereo elettrico da 186 posti

La compagnia aerea europea easyJet ha diffuso l’annuncio del suo partner americano, Wright Electric, sull’avvio del programma di sviluppo di un motore per aereo elettrico da 186 posti, denominato Wright 1. A questo scopo Wright Electric sta progettando sistemi elettrici con potenza nell’ordine dei megawatt che saranno necessari per permettere agli aerei elettrici da 186 posti di [...]

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

febbraio 2, 2020

Riscoprire la “Carta di Gubbio”. Italia Nostra rilancia la valorizzazione dei centri storici

Il 30 gennaio si è concluso il primo seminario dell’associazione Italia Nostra dedicato alla “Carta di Gubbio” del 1960, voluto dal consigliere nazionale Marina Foschi e dal presidente della sezione di Bologna Jadra Bentini, in vista del Convegno Nazionale di settembre con cui l’associazione vuole ricordare i 60 anni di un documento ancora attualissimo, che nasceva per affermare l’importanza [...]

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

gennaio 30, 2020

“Artic Expedition”: viaggio elettrico in Tesla fino ai -30° di Capo Nord

Lunedì 20 gennaio 2020 è partita dal Tesla Store di Peschiera Borromeo (MI) la missione “Arctic Expedition”, organizzata da ​Tesla Club Italy ​, il 1° club Tesla italiano, con il canale YouTube ​ElektronVolt Italia.​ Un viaggio 100% elettrico – a bordo di una Tesla Model 3 Long Range – con condizioni climatiche estreme, verso l’estremità [...]

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende