Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC:

Gruppo Marengo: la rivoluzione dell’”abito energetico sartoriale” passa da ASPEC

aprile 4, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Fine inverno, casa vuota da riscaldare in attesa del rientro dei proprietari. La giornata è mite, il fotovoltaico crea energia che il sistema intelligente utilizza per scaldare, attraverso una pompa calore, due camere, altro non si può. Poi entra in scena la caldaia tradizionale ed inizia il riscaldamento con l’altra fonte di energia “complementare”, il gas. Infine, ancora con energia generata dal fotovoltaico si fa funzionare la lavastoviglie, nel momento giusto del “picco” di produzione. E’un semplice esempio che ci aiuta a introdurre la tecnologia di Alba SystemGruppo Marengo di Alba, in Piemonte – che sta acquisendo fette di mercato, sia in ambito industriale che civile, per la sua capacità di ottimizzare al meglio l’uso delle diverse fonti di energie generate in una casa o in uno stabilimento produttivo.

Merito dell’intelligenza artificiale applicata alla gestione dell’energia. In altri termini gli stessi principi che regolano la cosiddetta “industria 4.0″ – l’utilizzo della robotica e del digitale per ottimizzare i processi produttivi – vengono utilizzati per la gestione delle fonti energetiche e la loro integrazione anche in ambito domestico. Perché sul budget di una famiglia – anche se pochi ci pensano – la spesa energetica pesa percentualmente molto più che su un budget aziendale!

A farcelo notare è Massimo Marengo, figlio di Silvano, che nel 1960 ha fatto nascere l’azienda. E che si sofferma, nella nostra chiacchierata, anche sul ruolo attuale delle fonti rinnovabili: fondamentali, ma ancora bisognose di essere “ibridate”. L’amministratore delegato del gruppo albese, per spiegare meglio il concetto, utilizza il confronto tra auto elettrica e auto ibrida: la prima, ad oggi, non garantisce ancora di “tagliare tutti i traguardi” rispetto alla seconda, perché le manca autonomia. “Ma – prosegue Marengo -  più la tecnologia avanza più si utilizzerà il motore elettrico rispetto a quello termico“.

In attesa dei passaggi storici si deve intanto lavorare pragmaticamente per garantire il minor spreco energetico: “Il nostro core business è utilizzare tutte le tecnologie energetiche esistenti rendendole intelligenti”. Il Gruppo Marengo non è più da tempo un’impresa di impianti elettrici – né un mero installatore di impianti fotovoltaici (nonostante il marchio Albasolar sia molto conosciuto) – è un laboratorio di ricerca e innovazione nel quale gli ingegneri lavorano a fianco degli operai dell’officina e dove si sviluppano prodotti e brevetti a marchio proprio, come i rivoluzionari ASPEC IndustryASPEC Home.

Un esempio concreto: “Serve il cogeneratore? Lo costruiamo noi in officina e lo integriamo nel processo produttivo connettendo tutte le apparecchiature che producono energia con il nostro software” ovvero in tre parole: “Realizziamo abiti sartoriali energetici sulle esigenze dei clienti, che sono molto diversi: in ambito industriale spaziamo da chi fa panettoni alle mozzarelle. Noi ingegnerizziamo i processi, integriamo le diverse fonti di produzione. Siamo costruttori…”.

Il concetto di integrazione è basilare per Marengo, che ribadisce: “Leghiamo l’impianto fotovoltaico con il cogeneratore, li colleghiamo tutti al processo produttivo”. E qui entra in scena il software Aspec “che prende le decisioni economiche più convenienti. Il processo produttivo richiede la materia prima energetica, il sistema intelligente sceglie la fonte più economica. Il nostro punto di forza e che la decisione viene presa in tempo reale”. Ecco cosa si intende, concretamente, quando si parla di domotica energetica o industria 4.0.

E il sistema funziona, come hanno capito alcuni grandi brand nazionali. E’ di pochi giorni fa la notizia che la Elah-Dufour-Novi ha siglato un accordo con il Gruppo Marengo per costruire un nuovo impianto di cogenerazione di ultima generazione. Un progetto importante, ma non l’unico nel portafoglio del gruppo albese, che comprende nomi come GAI (leader delle macchine imbottigliatrici) o Ferrero Mangimi.

La strada per far comprendere i benefici agli imprenditori e alle famiglie non è però sempre in discesa: “C’è difficoltà in Italia a fare capire l’innovazione tecnologica. Si è molto avanti sul macchinario, mentre dal punto di vista dell’energia c’è ancora molto da fare. Molti imprenditori non sanno cosa sia la cogenerazione, c’è necessità di fare cultura e di informarli sui sistemi più innovativi. E’ necessario ottimizzare i processi dell’Industira 4.0. Noi all’interno dell’azienda continuiamo a far dialogare, sempre meglio, le diverse tecnologie: dalla caldaia al frigo.”

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende