Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Guardie Ecologiche Volontarie: da più di 30 anni un silenzioso presidio dell’ambiente:

Guardie Ecologiche Volontarie: da più di 30 anni un silenzioso presidio dell’ambiente

agosto 27, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Pochi lo sanno, ma da più di 30 anni sono un presidio sul territorio: controllano, monitorano, informano, proteggono. Le GEV, le Guardie Ecologiche Volontarie sono state istituite per la prima volta in Lombardia nel 1980, e  a seguire in Piemonte, Liguria, Marche, Umbria, Emilia Romagna, poi al Sud. Nel 2005 sono arrivate  in Campania.

Anche se è difficile far calcoli precisi – le GEV sono coordinate a livello locale, al massimo regionale – oggi sono attive in Italia almeno 3.500 persone. Nate sull’onda della prima grande sensibilizzazione di massa alle problematiche ambientali, con il disastro di Seveso e poi il referendum sulle centrali nucleari, le GEV (o GAV, Guardie Ambientali Volontarie, in alcune regioni) sono composte da cittadini che mettono a disposizione gratuitamente un po’ del loro tempo libero per azioni di educazione, tutela ambientale, informazione, prevenzione e vigilanza.“Una guardia ecologica è un agente volontario di polizia e un pubblico ufficiale che procede all’accertamento di illeciti di natura amministrativa comminando sanzioni. Accerta l’identità dei possibili trasgressori e può procedere al sequestro, quando necessario e consentito”, spiega il presidente di Federgev Valerio Minarelli. L’associazione riunisce i gruppi di GEV sparsi in tutta Italia, ma regolati da leggi regionali. “Per diventare guardia ecologica si segue un corso organizzato dalla Regione e si supera poi un esame. Dopo il buon esito della prova, la pubblica amministrazione, attraverso decreti prefettizi, attribuisce i poteri di pubblico ufficiale ai volontari”. Poteri limitati, ovviamente, a quando sono in servizio.

Ma qual è l’identikit della guardia ecologica? “Buona parte delle GEV sono pensionati, in molti casi persone che sono andate in pensione presto. E poi ci sono persone che lavorano, ovviamente con meno tempo libero a disposizione, e studenti. Difficile dare dati precisi sulla componente femminile: in Emilia Romagna, unica regione in cui è stata condotta un’indagine sulla composizione dei gruppi, le donne sono il 33%”.

I settori di attività sono tanti, e ognuno poi si specializza in un campo preciso: “Le GEV fanno educazione ambientale e informazione, partecipano a operazioni di protezione civile in caso di emergenze e calamità naturali, vigilano sul rispetto di alcune normative ambientali. Nei parchi naturali, per esempio, fanno rispettare il regolamento; nei parchi urbani controllano soprattutto la corretta conduzione dei cani. Partecipiano anche alla vigilanza su caccia, pesca, raccolta funghi e tartufi, accensione dei fuochi nei boschi”. Uno dei settori in cui è sempre più richiesto l’intervento delle guardie ecologiche è quello dei rifiuti: “Facciamo controlli sull’abbandono, ma collaboriamo con i Comuni anche per vigilare sul corretto conferimento della differenziata nella raccolta porta a porta”.

Mancando una legge quadro nazionale, le GEV esistono solo dove l’amministrazione regionale ha provveduto con norme ad hoc. E la situazione, comunque, non è omogenea: “Al Sud, per esempio, in diversi casi c’è la legge, ma poi non sono mai stati organizzati i corsi per diventare guardie volontarie, oppure solo pochi. La stessa organizzazione varia da luogo a luogo: in Piemonte e Lombardia, la figura viene formata e poi messa a disposizione degli enti territoriali, mentre in Toscana, Emilia Romagna e Marche alle GEV è richiesto di costituirsi come associazioni, che poi si relazionano con gli enti attraverso specifiche convenzioni per le diverse attività di vigilanza”.

Dopo un periodo di crescita, sia per i bilanci regionali sempre più sofferenti, sia per il poco amore di solito nutrito verso chi è responsabile di attività di controllo, si osserva una contrazione: “Le GEV sono una risorsa a basso costo. Potrebbero essere usate di più di quanto succede oggi. Invece l’Emilia Romagna, per esempio, da due anni a questa parte ha ridotto il budget per le guardie ecologiche. E ci sono regioni con grandi patrimoni naturali, come Veneto, Trentino Alto Adige, Sicilia e Sardegna, che le Gev non le hanno mai istituite”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende