Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Guide ambientali: da 20 anni risposta alla “fame di natura”:

Guide ambientali: da 20 anni risposta alla “fame di natura”

maggio 14, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Da 20 anni rispondono alla “fame di natura” delle persone con escursioni guidate, passeggiate, visite, giornate formative, vacanze, esperienze sportive nel verde. Oggi le guide escursionistiche ambientali sono in Italia circa 5.000, distribuite un po’ in tutte le regioni e attive su diversi fronti, dall’educazione ambientale alla collaborazione con gli operatori turistici. Nel 2013 l’Associazione italiana guide ambientali (AIGAE), che ne raccoglie circa 2.000, ha festeggiato 20 anni di attività. Spesi soprattutto per far conoscere alle persone le bellezze del paesaggio, ma ricordare anche l’importanza della professionalità di questa figura, che deve unire alle conoscenze ambientali anche competenze comunicative, pedagogiche, scientifiche.

Fino a 20 anni fa in Italia era un lavoro che si faceva soprattutto in forma di volontariato”, racconta Filippo Camerlenghi, vice presidente dell’associazione e guida ambientale escursionistica da 25 anni. Poi, negli anni ’90 qualcosa nella società è cambiato: “E’ emersa una grossa ‘fame di natura’. E noi siamo stati una risposta alla domanda che veniva dalle persone. Ci siamo costituiti nello stesso periodo in cui è arrivata al successo la musica New Age e sono nate riviste come Oasis e Airone. In quegli anni  è emersa l’esigenza di creare una figura professionale, in grado di fornire un servizio di qualità e rispondere in modo adeguato alla domanda che arrivava da scuole, operatori turistici, singole persone appassionate di escursioni e ambiente”.

Una tendenza che negli ultimi anni ha ripreso velocità, visto che nel settore turistico l’unico segmento a crescere è quello delle vacanze natura: secondo l’XI Rapporto Ecotur presentato poche settimane fa, nel 2012 si è osservato un aumento delle presenze dell’1,5% rispetto al 2011, con un conseguente incremento del fatturato del 4%, rispetto ad un turismo tradizionale che invece ha visto le voci scendere rispettivamente del 3,5% e del 9,5%. E le previsione dei tour operator per il 2014 sono buone, visto che quasi sei operatori su 10 prevedono una crescita anche per l’anno in corso.

Dinamiche che sono anche legate, in un circolo virtuoso, all’attività ventennale delle guide: “Alle persone cerchiamo di trasmettere un messaggio di sostenibilità e corretto rapporto con la natura”, in modo da ridurre al minimo l’impronta lasciata dall’uomo durante una passeggiata nella foresta o un’immersione vicino a una scogliera. “Spieghiamo per esempio alle persone di non avvicinarsi ai cuccioli degli animali selvatici, perché questo comporterebbe il loro rifiuto da parte della madre, e di non raccogliere fiori e frutti, che dopo poche ore saranno appassiti: la soddisfazione deve venire dal riconoscere piante e animali in natura. Passiamo un messaggio educativo, ma anche sensoriale ed emozionale. L’idea è far capire che la natura è una buona ancora di salvezza”, continua Camerlenghi.

Così, la passeggiata guidata in montagna o la visita a un piccolo produttore di formaggio, diventa un modo per scoprire o riscoprire un territorio, entrare in contatto con la cultura di un luogo e le sue tradizioni, fruire di un paesaggio spesso vicino, ma sconosciuto e trovare nel contatto con la natura un modo nuovo di vivere il tempo libero, approfondire conoscenze e passioni. Vedi l’esperienza dell’associazione naturalistica lombarda Codibugnolo, fondata nel 2008 dalla guida ambientale Daniela Meisina insieme al marito: “L’idea era di trasferire le mie conoscenze del territorio alle persone, perché potessero riscoprirlo e appassionarsene. Oggi offriamo visite guidate nella natura che uniscono vari temi, dalla flora e fauna fino all’enogastronomia e l’etologia. Lavoriamo con scuole, famiglie, esperti, gruppi di adulti, ma anche aziende che ci chiamano per fare team building”, racconta Daniela, guida ambientale del parco del Ticino da più di dieci anni. A dimostrazione di come, anche un territorio molto antropizzato come quello lombardo possa regalare esperienze inaspettate di contatto diretto con la natura: “Da alcuni anni ci siamo specializzati in escursioni notturne, alla scoperta di rapaci, lupi, pipistrelli. Nel tempo, abbiamo visto cambiare l’atteggiamento delle persone: all’inizio c’era più che altro timore, adesso c’è interesse e curiosità”.

L’anno scorso la professione di guida ambientale è stata liberalizzata. Fino al 2013, c’era un percorso preciso: un corso regionale, poi un esame, il cui superamento dava l’abilitazione. “Oggi chiunque in teoria può mettersi sul mercato e i corsi di formazione oggi disponibili sono un po’ datati: partono dall’idea che per fare la guida basti sapere tutto sulla natura, mentre invece bisogna saper gestire un gruppo, essere capaci di richiamare l’attenzione delle persone e mantenerla, essere in grado di capire come cambiano le condizioni meteo”, spiega Camerlenghi. “Per questo, entro sei mesi l’AIGAE lancerà una propria proposta formativa. Vogliamo essere un punto di riferimento per questa professione in forte evoluzione”. Anche adesso, e forse ancora di più che negli anni ’90, la società è attraversata da cambiamenti profondi, e di persone in grado di guidarci nel paesaggio ci sarà sicuramente bisogno.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende