Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Guide ambientali: da 20 anni risposta alla “fame di natura”:

Guide ambientali: da 20 anni risposta alla “fame di natura”

maggio 14, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Da 20 anni rispondono alla “fame di natura” delle persone con escursioni guidate, passeggiate, visite, giornate formative, vacanze, esperienze sportive nel verde. Oggi le guide escursionistiche ambientali sono in Italia circa 5.000, distribuite un po’ in tutte le regioni e attive su diversi fronti, dall’educazione ambientale alla collaborazione con gli operatori turistici. Nel 2013 l’Associazione italiana guide ambientali (AIGAE), che ne raccoglie circa 2.000, ha festeggiato 20 anni di attività. Spesi soprattutto per far conoscere alle persone le bellezze del paesaggio, ma ricordare anche l’importanza della professionalità di questa figura, che deve unire alle conoscenze ambientali anche competenze comunicative, pedagogiche, scientifiche.

Fino a 20 anni fa in Italia era un lavoro che si faceva soprattutto in forma di volontariato”, racconta Filippo Camerlenghi, vice presidente dell’associazione e guida ambientale escursionistica da 25 anni. Poi, negli anni ’90 qualcosa nella società è cambiato: “E’ emersa una grossa ‘fame di natura’. E noi siamo stati una risposta alla domanda che veniva dalle persone. Ci siamo costituiti nello stesso periodo in cui è arrivata al successo la musica New Age e sono nate riviste come Oasis e Airone. In quegli anni  è emersa l’esigenza di creare una figura professionale, in grado di fornire un servizio di qualità e rispondere in modo adeguato alla domanda che arrivava da scuole, operatori turistici, singole persone appassionate di escursioni e ambiente”.

Una tendenza che negli ultimi anni ha ripreso velocità, visto che nel settore turistico l’unico segmento a crescere è quello delle vacanze natura: secondo l’XI Rapporto Ecotur presentato poche settimane fa, nel 2012 si è osservato un aumento delle presenze dell’1,5% rispetto al 2011, con un conseguente incremento del fatturato del 4%, rispetto ad un turismo tradizionale che invece ha visto le voci scendere rispettivamente del 3,5% e del 9,5%. E le previsione dei tour operator per il 2014 sono buone, visto che quasi sei operatori su 10 prevedono una crescita anche per l’anno in corso.

Dinamiche che sono anche legate, in un circolo virtuoso, all’attività ventennale delle guide: “Alle persone cerchiamo di trasmettere un messaggio di sostenibilità e corretto rapporto con la natura”, in modo da ridurre al minimo l’impronta lasciata dall’uomo durante una passeggiata nella foresta o un’immersione vicino a una scogliera. “Spieghiamo per esempio alle persone di non avvicinarsi ai cuccioli degli animali selvatici, perché questo comporterebbe il loro rifiuto da parte della madre, e di non raccogliere fiori e frutti, che dopo poche ore saranno appassiti: la soddisfazione deve venire dal riconoscere piante e animali in natura. Passiamo un messaggio educativo, ma anche sensoriale ed emozionale. L’idea è far capire che la natura è una buona ancora di salvezza”, continua Camerlenghi.

Così, la passeggiata guidata in montagna o la visita a un piccolo produttore di formaggio, diventa un modo per scoprire o riscoprire un territorio, entrare in contatto con la cultura di un luogo e le sue tradizioni, fruire di un paesaggio spesso vicino, ma sconosciuto e trovare nel contatto con la natura un modo nuovo di vivere il tempo libero, approfondire conoscenze e passioni. Vedi l’esperienza dell’associazione naturalistica lombarda Codibugnolo, fondata nel 2008 dalla guida ambientale Daniela Meisina insieme al marito: “L’idea era di trasferire le mie conoscenze del territorio alle persone, perché potessero riscoprirlo e appassionarsene. Oggi offriamo visite guidate nella natura che uniscono vari temi, dalla flora e fauna fino all’enogastronomia e l’etologia. Lavoriamo con scuole, famiglie, esperti, gruppi di adulti, ma anche aziende che ci chiamano per fare team building”, racconta Daniela, guida ambientale del parco del Ticino da più di dieci anni. A dimostrazione di come, anche un territorio molto antropizzato come quello lombardo possa regalare esperienze inaspettate di contatto diretto con la natura: “Da alcuni anni ci siamo specializzati in escursioni notturne, alla scoperta di rapaci, lupi, pipistrelli. Nel tempo, abbiamo visto cambiare l’atteggiamento delle persone: all’inizio c’era più che altro timore, adesso c’è interesse e curiosità”.

L’anno scorso la professione di guida ambientale è stata liberalizzata. Fino al 2013, c’era un percorso preciso: un corso regionale, poi un esame, il cui superamento dava l’abilitazione. “Oggi chiunque in teoria può mettersi sul mercato e i corsi di formazione oggi disponibili sono un po’ datati: partono dall’idea che per fare la guida basti sapere tutto sulla natura, mentre invece bisogna saper gestire un gruppo, essere capaci di richiamare l’attenzione delle persone e mantenerla, essere in grado di capire come cambiano le condizioni meteo”, spiega Camerlenghi. “Per questo, entro sei mesi l’AIGAE lancerà una propria proposta formativa. Vogliamo essere un punto di riferimento per questa professione in forte evoluzione”. Anche adesso, e forse ancora di più che negli anni ’90, la società è attraversata da cambiamenti profondi, e di persone in grado di guidarci nel paesaggio ci sarà sicuramente bisogno.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

giugno 20, 2018

Ubeeqo e ICS: la rivoluzione del microcarsharing per aziende e condomini

Ubeeqo, gestore di car sharing parte di Europcar Mobility Group, si è qualificato come operatore certificato di car sharing al bando indetto da ICS Iniziativa Car Sharing, una Convenzione di Comuni e altri Enti locali, sostenuto dal Ministero dell’Ambiente. Obiettivo di ICS è quello di promuovere e sostenere la diffusione del car sharing come strumento di [...]

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

giugno 19, 2018

Ad Affi l’impianto eolico diventa un investimento per i cittadini

Le imprese e le famiglie residenti ad Affi, in provincia di Verona, potranno partecipare al finanziamento dell’impianto eolico, della potenza complessiva di 4 MW, realizzato dalla multiutility locale AGSM nel 2017. L’operazione replica uno schema già adottato con successo per il vicino impianto eolico di Rivoli Veronese realizzato dalla stessa società nel 2013, e prevede un’emissione di obbligazioni (“Affi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende