Home » Rubriche »Very Important Planet » “Hanno sempre ragione gli animali”. Intervista a Melissa P.:

“Hanno sempre ragione gli animali”. Intervista a Melissa P.

novembre 5, 2010 Rubriche, Very Important Planet

courtesy of ComicsblogNon più solo scrittrice. Melissa Panarello, nota a tutti come Melissa P., la ragazzina che a 18 anni vendeva 3 milioni di libri con il suo “Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire”, oggi di anni ne ha 25 e da qualche mese ha esordito anche come conduttrice tv, su La7, al fianco dell’istrionica Victoria Cabello.

Tradita da un filo di emozione, si prepara per la diretta televisiva. Non la sua, quella di Santoro: ieri sera è stata invitata ad Anno Zero, su Rai 2, in qualità di “esperta” di erotismo in età adolescenziale. Provocatoria e autorevole ospite, è stata chiamata a commentare i più recenti scandali a sfondo sessuale della politica. Ma tra “falsi perbenismi” e “forvianti imposizioni sociali”, come dice, la soluzione per ricucire il rapporto lacerato tra uomo e natura lei sembra averla trovata. Sta nel corpo, che sa, sente, guida l’essere umano verso i desideri autentici.

La teoria dell’amore che fa da sfondo al suo ultimo libro, “Tre” (Einaudi, 172 pp., € 16,00), è un invito alla poligamia.

D) Melissa, hanno forse ragione gli animali, che seguono le “leggi di natura” e si accoppiano liberamente, senza i vincoli della morale?

R) Hanno sempre ragione gli animali. Noi umani dovremmo affidarci a loro nella gestione del corpo. La società non è più abituata a comprendere i propri desideri. Segue l’istinto, che spesso è cattivo. L’unica salvezza è tirarsi fuori da un’imposizione sociale e culturale molto forte, che imbriglia la nostra sessualità con categorie morali. Sfuggire ai condizionamenti del Vaticano e comandare il proprio corpo liberamente. Fare tutto ciò che vogliamo, nel rispetto dell’altro.

D) Una libertà preadamitica… Ma come la mettiamo con la gelosia, sentimento negativo, assai diffuso tra gli uomini? Le regole del mondo animale non insegnano a gestirla…

R) Non credo che l’essere umano sia nato geloso. Questo è piuttosto un retaggio culturale. Come lo è il tradimento, che non è nient’altro che mancanza di lealtà nei confronti dell’altro. Se sei single oppure fai sesso con 10 persone, l’importante è che tu sia libero. Il traditore non è chi va a letto con altri, ma chi nasconde al compagno il proprio desiderio.

D) Ci spieghi meglio… Il tradimento è lecito, basta denunciarlo?

R) Ancora una volta, dobbiamo imparare dagli animali. Siamo curiosi, noi uomini: pretendiamo di governare i rapporti in modo territoriale, cioè di essere monogami. Ma sbagliamo. Gli animali sono territoriali solo durante la riproduzione. Se devono fliare, instaurano col compagno o la compagna un rapporto esclusivo. Dopodichè, quando il dovere è finito, coltivano altre forme di piacere. Il mio messaggio è: viviamo il corpo liberamente. Non fraintendete, non sono i bassi istinti quelli da seguire. E’ il desiderio autentico.

D) Ci fa l’esempio di qualche situazione in cui ritrova, oggi, questo modello amoroso del “desiderio autentico”?

R) Guardandomi intorno, direi che lo constato ben poco. Non certo nei vari episodi agli onori della cronaca degli ultimi tempi, nei vari “bunga bunga” party. In quei festini erotici non c’è neanche l’ombra del desiderio autentico del piacere che io intendo. Lì non c’è eros, si tratta solo di uno scambio di favori.

D) Non le sembra che il soddisfacimento del piacere faccia più rima con “progresso”, piuttosto che con “natura”? Viviamo nella società del “tutto e subito”, anche l’amore è condizionato da queste dinamiche.

R) Infatti io sono contraria al progresso, rappresenta l’involuzione. Non possiedo neppure un’automobile. Mi sposto a piedi o con i mezzi pubblici, per quanto posso.

D) E’ una convinta ambientalista?

R) Cerco di non sprecare, nel rispetto dell’ambiente. Vivo in coppia, in una casa molto calda: accendiamo il riscaldamento un’ora al giorno, neanche tutti i giorni. Non vorrei fare brutta figura, ma anche con la doccia risparmio: non faccio la doccia sette giorni su sette. Preferisco concedermi un bagno due o tre volte a settimana. Sicuramente, questo mi permette di consumare molta meno acqua. E poi, quelli del bagno, sono i momenti in cui i miei gatti sono più felici. Soprattutto uno, che, ammetto, è un felino anomalo: ama tuffarsi e giocare nella vasca con me.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende