Home » Rubriche »Very Important Planet » “Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani:

“Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani

novembre 18, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Un giovane regista “d’inchiesta”, che ama scandagliare gli aspetti più controversi della green economy, delle fonti rinnovabili, e ora anche dell’agricoltura. Verità scomode, scavate con l’attenzione di un archeologo, per portare alla luce fatti poco o per nulla noti al pubblico. Si chiama Andrea Paco Mariani, ha 33 anni, è nato a Brescia ma il suo ultimo lavoro lo ha girato nell’Agro Pontino laziale e i protagonisti sono indiani. Agricoltori sikh sfruttati, che “si fanno” di sostanze pericolose per poter lavorare. Questa la trama di Harvest , l’ultimo documentario (ancora in fase di realizzazione), anzi docu-musical ad alto tasso sociale, che alza il sipario su un’agricoltura poco rispettosa dell’ambiente e dell’uomo.

D) Andrea, il tuo ultimo lavoro è girato in campagna, ma non c’è niente di bucolico in queste terre. I protagonisti sono “schiavi”, schiacciati dal sistema del caporalato, e la natura è maltrattata…

R) Quest’opera  non è solo un documentario, miscela anche fiction e musical, e nasce dall’urgenza di far conoscere e denunciare un fenomeno di duro sfruttamento che si verifica nelle nostre campagne. Nell’Agro Pontino, a soli 60 chilometri da Roma. I protagonisti sono degli indiani sikh che lavorano fino allo sfinimento e utilizzano parte della loro stessa retribuzione per acquistare sostanze che gli permettano di lavorare. Un sistema di doping per poter reggere la pressione richiesta dal datore di lavoro.

D) Tutta un’altra immagine rispetto alla campagna pace e tranquillità, e luogo dei ritmi naturali dell’immaginario collettivo…

R) Questa terra è stata occupata da una distesa di serre, un processo di industrializzazione spinto con la devastazione del territorio. Per dare alcune misure a Fondi c’è il più grosso mercato agroalimentare del Sud Europa. Nell‘Agro Pontino si spezza anche il ciclo stagionale, si esaspera e si stravolge tutto. Tradizionalmente per gli agricoltori l’inverno è un periodo più rilassante  rispetto all’estate, mentre, al contrario, nelle serre i turni sono più massacranti.

D) Quali sono le conseguenze del caporalato  sugli individui?

R) Abbiamo registrato uno sfruttamento che porta anche al deterioramento fisico, visti i ritmi di lavoro. Si registrano tanti suicidi, i sikh hanno un alto senso del pudore e questi meccanismi provocano umiliazioni che spesso portano a gesti estremi. Eppure il contesto in cui vivono, paradossalmente, non è degradato: non ci sono ghetti o baraccopoli. Vivono in normalissimi appartamenti con le loro famiglie. C’è speranza nei loro figli, che stanno diventando dei cuscinetti sociali perché aiutano i genitori a decifrare i contratti che firmano!

D) In passato ti sei già occupato di temi ambientali scomodi, in quali occasioni?

R) Nei mesi del referemdum sulle trivelle con Smk Videofactory abbiamo prodotto Quale Petrolio un lavoro  incentrato e sincronizzato sulla campagna referendaria. Lo stile era quello giornalistico, ma nonostante l’urgenza del tema abbiamo fatto un ottimo lavoro anche dal punto di vista tecnico. Nel 2014 ho girato Green Lies un documentario dedicato alla speculazione economico-finanziaria nella green economy, in particolare indagando i settori della geotermia, del fotovoltaico e dell’eolico. Abbiamo dimostrato che ci sono delle anomalie anche qui. Chiaramente non è tutto così, anzi c’è un grande valore sociale nella “rivoluzione verde” che coinvolge il campo energetico.

D) Il Cinema può portare ad una maggiore coscienza ambientale ?

R) Noi ci proviamo. Il cinema indipendente deve prendere parola sul sociale, quindi pure sulle tematiche ambientali. Usando quei linguaggi che permettono di portare alla luce storie ai margini e portano ad approfondire un problema. Condividiamo il  progetto  Harvest dal basso attraverso una piattaforma di crowdfunding per  la raccolta fondi. Smk Videofactory  è una casa di produzione indipendente che punta al sostegno popolare.

D) Quali sono secondo te le maggiori criticità ambientali del pianeta?

R) Non è facile stabilire una scala di priorità. Sicuramente all’origine dei grandi problemi ambientali c’è l’esasperazione della logica del profitto. Per esempio in Harvest il problema sociale è legato a quello ambientale. I ragazzi si ammalano, soffrono di patologie polmonari per via dell’ambiente di lavoro non proprio sicuro. Nelle serre fa molto caldo e si usano sostanze che bisogna maneggiare con cura. Quando qualcuno ha iniziato ad alzare la testa è finito in pronto soccorso, figuriamoci se c’è attenzione alla salute e all’ambiente…

D) Nel tuo quotidiano sei “ecologicamente responsabile”?

R) Ci sono tante contraddizioni nella nostra vita, bisogna stare attenti alle piccole cose quotidiane. Io cerco di farlo. Poi capisco, per esempio, che il discorso sul biologico è molto bello, da valorizzare, ma chi non riesce ad arrivare a fine mese spesso è quasi costretto a fare scelte dettate dalla condizione economica.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende