Home » Rubriche »Very Important Planet » “Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani:

“Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani

novembre 18, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Un giovane regista “d’inchiesta”, che ama scandagliare gli aspetti più controversi della green economy, delle fonti rinnovabili, e ora anche dell’agricoltura. Verità scomode, scavate con l’attenzione di un archeologo, per portare alla luce fatti poco o per nulla noti al pubblico. Si chiama Andrea Paco Mariani, ha 33 anni, è nato a Brescia ma il suo ultimo lavoro lo ha girato nell’Agro Pontino laziale e i protagonisti sono indiani. Agricoltori sikh sfruttati, che “si fanno” di sostanze pericolose per poter lavorare. Questa la trama di Harvest , l’ultimo documentario (ancora in fase di realizzazione), anzi docu-musical ad alto tasso sociale, che alza il sipario su un’agricoltura poco rispettosa dell’ambiente e dell’uomo.

D) Andrea, il tuo ultimo lavoro è girato in campagna, ma non c’è niente di bucolico in queste terre. I protagonisti sono “schiavi”, schiacciati dal sistema del caporalato, e la natura è maltrattata…

R) Quest’opera  non è solo un documentario, miscela anche fiction e musical, e nasce dall’urgenza di far conoscere e denunciare un fenomeno di duro sfruttamento che si verifica nelle nostre campagne. Nell’Agro Pontino, a soli 60 chilometri da Roma. I protagonisti sono degli indiani sikh che lavorano fino allo sfinimento e utilizzano parte della loro stessa retribuzione per acquistare sostanze che gli permettano di lavorare. Un sistema di doping per poter reggere la pressione richiesta dal datore di lavoro.

D) Tutta un’altra immagine rispetto alla campagna pace e tranquillità, e luogo dei ritmi naturali dell’immaginario collettivo…

R) Questa terra è stata occupata da una distesa di serre, un processo di industrializzazione spinto con la devastazione del territorio. Per dare alcune misure a Fondi c’è il più grosso mercato agroalimentare del Sud Europa. Nell‘Agro Pontino si spezza anche il ciclo stagionale, si esaspera e si stravolge tutto. Tradizionalmente per gli agricoltori l’inverno è un periodo più rilassante  rispetto all’estate, mentre, al contrario, nelle serre i turni sono più massacranti.

D) Quali sono le conseguenze del caporalato  sugli individui?

R) Abbiamo registrato uno sfruttamento che porta anche al deterioramento fisico, visti i ritmi di lavoro. Si registrano tanti suicidi, i sikh hanno un alto senso del pudore e questi meccanismi provocano umiliazioni che spesso portano a gesti estremi. Eppure il contesto in cui vivono, paradossalmente, non è degradato: non ci sono ghetti o baraccopoli. Vivono in normalissimi appartamenti con le loro famiglie. C’è speranza nei loro figli, che stanno diventando dei cuscinetti sociali perché aiutano i genitori a decifrare i contratti che firmano!

D) In passato ti sei già occupato di temi ambientali scomodi, in quali occasioni?

R) Nei mesi del referemdum sulle trivelle con Smk Videofactory abbiamo prodotto Quale Petrolio un lavoro  incentrato e sincronizzato sulla campagna referendaria. Lo stile era quello giornalistico, ma nonostante l’urgenza del tema abbiamo fatto un ottimo lavoro anche dal punto di vista tecnico. Nel 2014 ho girato Green Lies un documentario dedicato alla speculazione economico-finanziaria nella green economy, in particolare indagando i settori della geotermia, del fotovoltaico e dell’eolico. Abbiamo dimostrato che ci sono delle anomalie anche qui. Chiaramente non è tutto così, anzi c’è un grande valore sociale nella “rivoluzione verde” che coinvolge il campo energetico.

D) Il Cinema può portare ad una maggiore coscienza ambientale ?

R) Noi ci proviamo. Il cinema indipendente deve prendere parola sul sociale, quindi pure sulle tematiche ambientali. Usando quei linguaggi che permettono di portare alla luce storie ai margini e portano ad approfondire un problema. Condividiamo il  progetto  Harvest dal basso attraverso una piattaforma di crowdfunding per  la raccolta fondi. Smk Videofactory  è una casa di produzione indipendente che punta al sostegno popolare.

D) Quali sono secondo te le maggiori criticità ambientali del pianeta?

R) Non è facile stabilire una scala di priorità. Sicuramente all’origine dei grandi problemi ambientali c’è l’esasperazione della logica del profitto. Per esempio in Harvest il problema sociale è legato a quello ambientale. I ragazzi si ammalano, soffrono di patologie polmonari per via dell’ambiente di lavoro non proprio sicuro. Nelle serre fa molto caldo e si usano sostanze che bisogna maneggiare con cura. Quando qualcuno ha iniziato ad alzare la testa è finito in pronto soccorso, figuriamoci se c’è attenzione alla salute e all’ambiente…

D) Nel tuo quotidiano sei “ecologicamente responsabile”?

R) Ci sono tante contraddizioni nella nostra vita, bisogna stare attenti alle piccole cose quotidiane. Io cerco di farlo. Poi capisco, per esempio, che il discorso sul biologico è molto bello, da valorizzare, ma chi non riesce ad arrivare a fine mese spesso è quasi costretto a fare scelte dettate dalla condizione economica.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende