Home » Rubriche »Very Important Planet » “Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani:

“Harvest”: agricoltura dopata e caporalato nel nuovo docu-musical di Andrea Mariani

novembre 18, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Un giovane regista “d’inchiesta”, che ama scandagliare gli aspetti più controversi della green economy, delle fonti rinnovabili, e ora anche dell’agricoltura. Verità scomode, scavate con l’attenzione di un archeologo, per portare alla luce fatti poco o per nulla noti al pubblico. Si chiama Andrea Paco Mariani, ha 33 anni, è nato a Brescia ma il suo ultimo lavoro lo ha girato nell’Agro Pontino laziale e i protagonisti sono indiani. Agricoltori sikh sfruttati, che “si fanno” di sostanze pericolose per poter lavorare. Questa la trama di Harvest , l’ultimo documentario (ancora in fase di realizzazione), anzi docu-musical ad alto tasso sociale, che alza il sipario su un’agricoltura poco rispettosa dell’ambiente e dell’uomo.

D) Andrea, il tuo ultimo lavoro è girato in campagna, ma non c’è niente di bucolico in queste terre. I protagonisti sono “schiavi”, schiacciati dal sistema del caporalato, e la natura è maltrattata…

R) Quest’opera  non è solo un documentario, miscela anche fiction e musical, e nasce dall’urgenza di far conoscere e denunciare un fenomeno di duro sfruttamento che si verifica nelle nostre campagne. Nell’Agro Pontino, a soli 60 chilometri da Roma. I protagonisti sono degli indiani sikh che lavorano fino allo sfinimento e utilizzano parte della loro stessa retribuzione per acquistare sostanze che gli permettano di lavorare. Un sistema di doping per poter reggere la pressione richiesta dal datore di lavoro.

D) Tutta un’altra immagine rispetto alla campagna pace e tranquillità, e luogo dei ritmi naturali dell’immaginario collettivo…

R) Questa terra è stata occupata da una distesa di serre, un processo di industrializzazione spinto con la devastazione del territorio. Per dare alcune misure a Fondi c’è il più grosso mercato agroalimentare del Sud Europa. Nell‘Agro Pontino si spezza anche il ciclo stagionale, si esaspera e si stravolge tutto. Tradizionalmente per gli agricoltori l’inverno è un periodo più rilassante  rispetto all’estate, mentre, al contrario, nelle serre i turni sono più massacranti.

D) Quali sono le conseguenze del caporalato  sugli individui?

R) Abbiamo registrato uno sfruttamento che porta anche al deterioramento fisico, visti i ritmi di lavoro. Si registrano tanti suicidi, i sikh hanno un alto senso del pudore e questi meccanismi provocano umiliazioni che spesso portano a gesti estremi. Eppure il contesto in cui vivono, paradossalmente, non è degradato: non ci sono ghetti o baraccopoli. Vivono in normalissimi appartamenti con le loro famiglie. C’è speranza nei loro figli, che stanno diventando dei cuscinetti sociali perché aiutano i genitori a decifrare i contratti che firmano!

D) In passato ti sei già occupato di temi ambientali scomodi, in quali occasioni?

R) Nei mesi del referemdum sulle trivelle con Smk Videofactory abbiamo prodotto Quale Petrolio un lavoro  incentrato e sincronizzato sulla campagna referendaria. Lo stile era quello giornalistico, ma nonostante l’urgenza del tema abbiamo fatto un ottimo lavoro anche dal punto di vista tecnico. Nel 2014 ho girato Green Lies un documentario dedicato alla speculazione economico-finanziaria nella green economy, in particolare indagando i settori della geotermia, del fotovoltaico e dell’eolico. Abbiamo dimostrato che ci sono delle anomalie anche qui. Chiaramente non è tutto così, anzi c’è un grande valore sociale nella “rivoluzione verde” che coinvolge il campo energetico.

D) Il Cinema può portare ad una maggiore coscienza ambientale ?

R) Noi ci proviamo. Il cinema indipendente deve prendere parola sul sociale, quindi pure sulle tematiche ambientali. Usando quei linguaggi che permettono di portare alla luce storie ai margini e portano ad approfondire un problema. Condividiamo il  progetto  Harvest dal basso attraverso una piattaforma di crowdfunding per  la raccolta fondi. Smk Videofactory  è una casa di produzione indipendente che punta al sostegno popolare.

D) Quali sono secondo te le maggiori criticità ambientali del pianeta?

R) Non è facile stabilire una scala di priorità. Sicuramente all’origine dei grandi problemi ambientali c’è l’esasperazione della logica del profitto. Per esempio in Harvest il problema sociale è legato a quello ambientale. I ragazzi si ammalano, soffrono di patologie polmonari per via dell’ambiente di lavoro non proprio sicuro. Nelle serre fa molto caldo e si usano sostanze che bisogna maneggiare con cura. Quando qualcuno ha iniziato ad alzare la testa è finito in pronto soccorso, figuriamoci se c’è attenzione alla salute e all’ambiente…

D) Nel tuo quotidiano sei “ecologicamente responsabile”?

R) Ci sono tante contraddizioni nella nostra vita, bisogna stare attenti alle piccole cose quotidiane. Io cerco di farlo. Poi capisco, per esempio, che il discorso sul biologico è molto bello, da valorizzare, ma chi non riesce ad arrivare a fine mese spesso è quasi costretto a fare scelte dettate dalla condizione economica.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende