Home » Rubriche »Very Important Planet » Hervé Barmasse, i cambiamenti climatici visti dalle vette della Terra:

Hervé Barmasse, i cambiamenti climatici visti dalle vette della Terra

dicembre 11, 2015 Rubriche, Very Important Planet

L’aria di montagna l’ha respirata già nella culla Hervé Barmasse, valdostano, nato il 21 dicembre 1977, il giorno più corto dell’anno, da una madre all’ottavo mese di gravidanza perché aveva “fretta di vedere il panorama”, come racconta nella sua autobiografiaLa montagna dentro“. Barmasse, da molti considerato uno dei maggiori alpinisti italiani del momento, è “figlio d’arte”, erede di una famiglia che può vantare ben quattro generazioni di guide alpine. Il padre Marco è un’autorità riconosciuta in fatto di scalate e missioni internazionali, Hervé ha aperto nuove vie sulle Alpi, in Pakistan e in Patagonia. L’obiettivo però non è solo la conquista delle vette, ma anche la massima attenzione alle condizioni dell’ambiente circostante e alle comunità che vivono nelle montagne più alte del mondo.

D) Hervé oltre che in Italia hai fatto esperienze in Pakistan, Patagonia e Cina. In particolare hai “sciolto l’enigma” del Cerro Piergiorgio. In un mondo dove tutto è conosciuto, è possibile ancora l‘avventura?

R) Conoscere attraverso il proprio lavoro, attraverso le proprie emozioni è una condizione unica. Non bastano i droni, i video oppure le pagine di un libro a spiegare quello che si vive in diretta. Nel mondo, nonostante lo sviluppo della tecnologia, c’è ancora molto da scoprire. Anche nelle Alpi dove tutte le vette sono state conquistate da secoli è possibile aprire nuove vie. Serve creatività. Questo il senso del progetto ”Exploring the Alps“ che ho iniziato nel 2011 con l’apertura di nuove vie sul Cervino, sul Monte Bianco e sul Monte Rosa.

D) In tanti mettono in discussione il surriscaldamento del Pianeta, ma una tua impresa – sul ghiacciaio Hielo Continental in Patagonia – non è andata a buon fine proprio per gli effetti del cambiamento climatico. In quali altre spedizioni hai notato impatti ecologici negativi? Come valuti la situazione sulle Alpi?

R) Quella è stata una situazione evidente: dal 1986 al 2009 c’è stata una diminuzione di 300 metri dello spessore del ghiaccio. Ma basta affacciarsi sull’uscio di casa e vedere che non ci sono più i due metri di neve di una volta nel nostro giardino. Anche la situazione delle Alpi è abbastanza chiara e tangibile. Poi naturalmente ci sono forti interessi economici che arrestano le necessarie azioni sul fronte della lotta al cambiamento climatico e al surriscaldamento della terra…

D) Hai organizzato il primo corso per portatori d’alta quota aperto anche alle donne alla Shimshal Climbing School in Pakistan. Come mai questa iniziativa?

R) Sono molto orgoglioso di questo progetto perché è partito da un’esigenza espressa direttamente dalla comunità locale. E’ merito di una guida pakistana Qudrat Ali che ha chiesto il nostro aiuto. In questo modo è stato possibile, in un paese con la cultura del Pakistan, rendere protagoniste della montagna anche le donne, Non è un passaggio scontato. Su questo fronte fa tanto l’Aga Khan, qui in Italia conosciuto soprattutto per la Costa Smeralda, che attraverso la sua fondazione investe risorse per migliorare la condizione delle donne di quella parte del Pakistan vicina alla Cina – ma opera anche in altre parti del mondo – aiutando le ragazze a studiare e conquistare così sempre maggiore autonomia.

D) Quali sono i gesti quotidiani che fai per rispettare l’ambiente?

R) In Montagna viene d’istinto, vista le bellezza dei luoghi, raccogliere le cose che qualcuno abbandona lungo i sentieri. Ma sono tante le azioni che faccio e si possono fare quotidianamente nella nostra vita quotidiana. Io per esempio cerco di tenere sotto i 20 gradi la temperatura di casa, si può stare sui 17. Poi non stare con il motore acceso davanti al rosso lungo i semafori, fare la raccolta differenziata…

D) Qual è secondo te l’emergenza ambientale più preoccupante?

R) In questi giorni c’è la “settimana del clima”. Chiaro che i nostri comportamenti quotidiani ecologicamente sostenibili se sommati per miliardi di persone provocano un impatto positivo, ma sono necessarie ed urgenti le scelte delle grandi istituzioni, dei governi per dare una svolta fondamentale alla politica sulla riduzione delle emissioni nocive.

D) Le spedizioni alpinistiche hanno un impatto negativo sull’ambiente della montagna?

R) Nel corso degli anni è maturata una forte coscienza ambientale. In particolare in quei paesi dove il fenomeno è sviluppato si agisce in modo preventivo attraverso norme e altri interventi come la richiesta di cauzioni che vengono restituite solo quando si riportano alla base i rifiuti. In ogni caso non sono questi i veri problemi ambientali, sono necessari interventi a livello globale con l’azione dei governi.

D) Ti occupi di divulgazione ambientale?

R) Partecipo a manifestazioni dedicate alla Montagna ma in tali contesti è naturale anche affrontare il tema ambiente. In particolare è necessario partire dalla scuola per educare le nuove generazioni a comportamenti ecologicamente responsabili.

Gian Basilio Nieddu


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende