Home » Rubriche »Very Important Planet » “Ho visto cose…”. Il bestiario delle crudeltà umane e animali di Pietro del Re:

“Ho visto cose…”. Il bestiario delle crudeltà umane e animali di Pietro del Re

ottobre 28, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Pietro del Re, nato a Roma nel 1960, è una delle firme più note di Repubblica dove, sulle pagine degli Esteri, ha raccontato le più importanti guerre del pianeta: dalla ex Jugoslavia all’Iraq, dall’Afghanistan alla Libia. Un forte interesse per l’uomo e le sue sanguinose derive, ma – sin dai tempi della laurea in biologia a Parigi nel 1982 – anche per il mondo animale, in senso lato. Passione che lo ha portato a scrivere “Fratello orso, sorella aquila. Storie di animali e di chi li protegge“, bestiario della crudeltà umana verso gli animali. La sua ultima fatica letteraria è Cose viste. Storie di uomini e altri animali (Edizioni Laterza): dai cani randagi soppressi brutalmente in Romania alle bambine cambogiane vendute per una notte ai nuovi ricchi cinesi, dal massacro degli yazidi in Siria a quello degli elefanti in Africa, una presa diretta degli incredibili orrori visti con i propri occhi.

D) Pietro, nel tuo ultimo libro c’è tanto di autobiografico, di cose viste in prima persona e poi descritte con la tua penna “abituata al dolore”…

R) Questo nuovo libro parla di orrori e mi sono ispirato al mio lavoro giornalistico che mi porta in giro per il mondo a raccontare terribili conflitti. Ma c’è una guerra non meno sanguinaria: quella contro l’ambiente. La rappresento attraverso la testimonianza, mi limito a riportare i fatti. Il mondo va in una direzione sbagliata…

D) C’è qualche fatto di questo conflitto permanente contro l’ambiente che ti ha colpito particolarmente?

R) Il massacro delle balene che continua senza sosta. Pensa che la commissione internazioanle della caccia alla balena ha deciso di continuare questo scempio. Voglio ricordare anche la guerra contro gli elefanti in Africa: cinque anni fa dovevo andare dal Camerun al Nord della Nigeria, i nigeriani non mi davano il visto e ho scoperto un parco naturale sperduto dove si è perpetuata un’ ecatombe di elefanti. Uccisi dai bracconieri, che è più corretto definire ecoterroristi, visto che avevano elicotteri, bazooka, armi pesanti di ogni genere e calibro. Hanno sterminato una popolazione stanziale che si aggirava sui 350 esemplari. Capisco la licenza di uccidere un vecchio rinoceronte vicino alla morte, si può avere un guadagno da reinvestire, però, nel contesto della protezione ambientale… Un altro massacro ancora in atto è quello dei cani randagi in Romani, a Bucarest ci sono 500.000 cani che vengono presi e soppressi in condizioni barbare, abominevoli.

D) In questi casi non si capiscono nemmeno più i confini tra l’uomo e la bestia, viene fuori il peggio…

R) C’è un altro fatto, piccolo ma per me raccapricciante, che mi è rimasto in mente: l’ho vissuto a Gerusalemme, in un ristorante dove un gattino di pochi mesi elemosinava briciole di cibo tra i tavoli. Uno dei camerieri non ha gradito la sua presenza e gli ha dato un calcio, scaraventandolo contro un muro e uccidendolo… Una forma di violenza esagerata, inconcepibile.

D) Tanta violenza contro la natura nel mondo, da stare male… Ma anche in Italia hai visto cose del genere?

R) L’ambiente è devastato, lo sappiamo tutti, a parte piccole oasi dove ci sono degli eroi che combattono per la salvaguardia della natura. Si producono una quantità enormi di scempi. Pensa che siamo il paese, insieme alla Francia, con il numero più alto di cacciatori, molti di frodo. Io vivo una parte della mia vita in Olanda dove ci sono pochi cacciatori, si contano sulle dita di una mano. Si vede il risultato: nelle campagne c’è una quantità impressionante di uccelli, tanti cigni e papere; al contrario che da noi, dove molti cacciatori sparano anche ai merli e ai passeri! Un malcostume dilagante.

D) Cosa può aiutare a fermare e cambiare questi comportamenti: la scuola, articoli di denuncia, un libro?

R) Il ruolo della scuola è essenziale, l’individuo ecologicamente corretto lo devi formare da piccolo e l’ecologia deve diventare una politica individuale rispettosa dell’ambiente – e anche dei nostri consimili.

D) Ma a questo riguardo: ti è capitato di vedere persone che rispettano e amano gli animali e sono poi insensibili verso gli esseri umani?

R) Chi ha un cane o un gatto di norma è una persona rispettosa, diverso il caso di chi ha dieci cani da caccia o da tartufo e li tiene chiusi in gabbia. Si tratta di un altro tipo di rapporto dove l’animale è uno strumento di lavoro e nient’altro. Io ho una casa nelle montagne dell’Umbria e ho assistito a scene agghiaccianti, resiste un rapporto molto arcaico: il cane non entra mai dentro casa, il cane è legato alla catena, il cane quando non è più in grado di aiutare l’uomo può essere buttato…

D) Qual’è secondo te l’emergenza ambientale più grave e pericolosa per il nostro pianeta?

R) Il surriscaldamento globale perché ha delle conseguenze molteplici, dall’inquinamento atmosferico all’innalzamento della temperatura degli oceani. Una mina di cui si ignorano le possibili conseguenze…

D) Vedi anche qualche elemento di cambiamento in positivo che possa indurre ottimismo?

R) La consapevolezza dello stato pietoso in cui verte il pianeta è un fatto che coinvolge un gran numero di persone e siamo arrivati ad un punto in cui è troppo tardi per essere pessimisti è necessario rimboccarsi le maniche. Tutti quanti. Ci sono situazioni che richiedono azione, non possono aspettare. Un ultimo esempio: ho toccato con mano il degrado a Sumatra. Ci sono andato nel 1986 ed era coperta da una foresta impenetrabile, nel 2004 ho visto sconfinate piantagioni di olio di palma e nel 2014 era ridotta a piccolissime oasi circondate da risaie e dalle piantagioni di palma che hanno provocato l’invasione dei ratti e dei cobra perché molto ghiotti dei frutti…

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende