Home » Bollettino Europa »Rubriche » Horizon 2020: 70 miliardi di euro per ricerca e innovazione. Opportunità per le PMI:

Horizon 2020: 70 miliardi di euro per ricerca e innovazione. Opportunità per le PMI

dicembre 2, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Parte Horizon 2020, il Programma quadro dell’UE a sostegno della ricerca e dell’innovazione. Avrà ufficialmente inizio il 1° gennaio 2014 e vanta un budget per il periodo 2014-2020 di 70,2 miliardi di Euro destinati a soggetti sia pubblici che privati. È stato approvato dal Parlamento Europeo con alcune modifiche che mirano ad incrementare il supporto alle PMI, rendere il settore scientifico più attraente  e, soprattutto, destinare maggiori fondi alla ricerca sull’energia non fossile. Un grande risultato se si pensa che è uno dei pochi capitoli di spesa del prossimo bilancio UE ad aver visto un incremento nello stanziamento economico.

Il più grande programma di ricerca mai promosso dall’Europa, in attesa del voto dagli Stati Membri, contiene tre principali capitoli. Il nuovissimo “Leadership industriale”, (22% del bilancio, 17 miliardi di Euro, 3,4 dei quali destinati alle PMI), che include nuovi investimenti nel campo della biotecnologia e della tecnologia spaziale, oltre all’accesso al capitale di rischio per le piccole e medie imprese. L’intento è quindi quello di accompagnare l’industria nello sviluppo di “processi innovativi”. Il secondo dal titolo “Eccellenza scientifica”, riguarda le sovvenzioni a singoli ricercatori e nuovi investimenti in tecnologie e formazione per i futuri scienziati, con particolare attenzione alla creazione di cluster di università e alla mobilità dei lavoratori (32% del bilancio 24 miliardi di Euro). Le restanti risorse, la maggioranza cioè 29 miliardi di Euro, saranno impiegate per la sezione denominata “Sfide per la società”. Un capitolo che ha come target settori multidisciplinari prevedendo nuovi investimenti nella sanità, sicurezza, libertà, energia, trasporti, agricoltura e progetti dedicati alle azioni sul clima.

Uno stanziamento complessivo che sale a 78,6 miliardi se si considerano ulteriori voci: 2,7 miliardi per l’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia, 1,6 miliardi per l’Euratom e 3,2 miliardi destinati ad altre istituzioni UE che si occupano di ricerca.

Insieme a Horizon 2020, il Parlamento Europeo ha approvato anche il Programma per la competitività delle imprese e PMI (Cosme) 2,3 miliardi di Euro di cui 1,4 saranno utilizzati per facilitare l’accesso al credito per le PMI attraverso garanzie su finanziamenti fino a 150 mila Euro.

Un’ulteriore novità riguarda la semplificazione nell’accesso e nella gestione dei bandi e la priorità per i progetti in grado di avere un impatto immediato sull’occupazione. E’ prevista anche l’istituzione di “Fast track to innovation“, una corsia preferenziale pensata per accorciare i tempi di realizzazione delle idee più innovative.
 La Commissione punta comunque a ridurre a un massimo di otto mesi il periodo tra la presentazione del progetto e il finanziamento.

Inoltre, la distribuzione delle risorse non prevede quote di fondi per ogni Paese. I fondi verranno erogati ai singoli progetti sulla base di una classifica stabilita da valutatori indipendenti. Il cofinanziamento da parte UE può arrivare al 100% dei costi diretti ammissibili per quanto riguarda la ricerca, al 70% per l’innovazione, a meno che non si tratti di ONG. Ogni bando avrà un termine di scadenza per la presentazione delle domande, che potranno essere formalizzate attraverso un portale unico. I primi bandi saranno ufficialmente lanciati l’11 dicembre.

In contemporanea, il Consiglio e il Parlamento europeo hanno approvato il 7° Programma di Azione Ambientale dell’UE , che guiderà le scelte politiche europee in materia di politica ambientale e climatica per i prossimi sette anni. Proposto dalla Commissione nel novembre 2012, il Programma individua nove obiettivi prioritari fino al 2020 che si possono riassumere nella protezione della natura e nel rafforzamento della resilienza ecologica, nel supporto alla crescita sostenibile a basso tenore di carbonio, nonché efficiente dal punto di vista delle risorse; e nella lotta alle minacce per la salute.

Il Programma stabilisce un quadro di riferimento per sostenere la realizzazione di questi obiettivi attraverso l’implementazione delle conoscenze scientifiche e il supporto agli investimenti, oltre ad una migliore attuazione della legislazione ambientale dell’UE. Ecco perché d’ora in avanti il 7° Programma e Horizon 2020 lavoreranno in stretta sinergia sia a livello nazionale che regionale. Non a caso, in questa occasione il Commissario all’Ambiente Potočnik ha dichiarato: “Sono molto lieto che il nuovo Programma sia stato approvato formalmente. Abbiamo tutti bisogno di renderci conto che la difesa ambientale e le sfide climatiche sono essenziali anche perché rappresentano un’opportunità di crescita a lungo termine e di benessere sociale. Lavorerò a stretto contatto con gli Stati membri, il Parlamento Europeo, le autorità regionali e locali, le imprese e le ONG per iniziare ad attuare il Piano così da raggiungere gli obiettivi ambiziosi che ci siamo prefissati entro il 2020 “.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende