Home » Bollettino Europa »Rubriche » Horizon 2020: 70 miliardi di euro per ricerca e innovazione. Opportunità per le PMI:

Horizon 2020: 70 miliardi di euro per ricerca e innovazione. Opportunità per le PMI

dicembre 2, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Parte Horizon 2020, il Programma quadro dell’UE a sostegno della ricerca e dell’innovazione. Avrà ufficialmente inizio il 1° gennaio 2014 e vanta un budget per il periodo 2014-2020 di 70,2 miliardi di Euro destinati a soggetti sia pubblici che privati. È stato approvato dal Parlamento Europeo con alcune modifiche che mirano ad incrementare il supporto alle PMI, rendere il settore scientifico più attraente  e, soprattutto, destinare maggiori fondi alla ricerca sull’energia non fossile. Un grande risultato se si pensa che è uno dei pochi capitoli di spesa del prossimo bilancio UE ad aver visto un incremento nello stanziamento economico.

Il più grande programma di ricerca mai promosso dall’Europa, in attesa del voto dagli Stati Membri, contiene tre principali capitoli. Il nuovissimo “Leadership industriale”, (22% del bilancio, 17 miliardi di Euro, 3,4 dei quali destinati alle PMI), che include nuovi investimenti nel campo della biotecnologia e della tecnologia spaziale, oltre all’accesso al capitale di rischio per le piccole e medie imprese. L’intento è quindi quello di accompagnare l’industria nello sviluppo di “processi innovativi”. Il secondo dal titolo “Eccellenza scientifica”, riguarda le sovvenzioni a singoli ricercatori e nuovi investimenti in tecnologie e formazione per i futuri scienziati, con particolare attenzione alla creazione di cluster di università e alla mobilità dei lavoratori (32% del bilancio 24 miliardi di Euro). Le restanti risorse, la maggioranza cioè 29 miliardi di Euro, saranno impiegate per la sezione denominata “Sfide per la società”. Un capitolo che ha come target settori multidisciplinari prevedendo nuovi investimenti nella sanità, sicurezza, libertà, energia, trasporti, agricoltura e progetti dedicati alle azioni sul clima.

Uno stanziamento complessivo che sale a 78,6 miliardi se si considerano ulteriori voci: 2,7 miliardi per l’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia, 1,6 miliardi per l’Euratom e 3,2 miliardi destinati ad altre istituzioni UE che si occupano di ricerca.

Insieme a Horizon 2020, il Parlamento Europeo ha approvato anche il Programma per la competitività delle imprese e PMI (Cosme) 2,3 miliardi di Euro di cui 1,4 saranno utilizzati per facilitare l’accesso al credito per le PMI attraverso garanzie su finanziamenti fino a 150 mila Euro.

Un’ulteriore novità riguarda la semplificazione nell’accesso e nella gestione dei bandi e la priorità per i progetti in grado di avere un impatto immediato sull’occupazione. E’ prevista anche l’istituzione di “Fast track to innovation“, una corsia preferenziale pensata per accorciare i tempi di realizzazione delle idee più innovative.
 La Commissione punta comunque a ridurre a un massimo di otto mesi il periodo tra la presentazione del progetto e il finanziamento.

Inoltre, la distribuzione delle risorse non prevede quote di fondi per ogni Paese. I fondi verranno erogati ai singoli progetti sulla base di una classifica stabilita da valutatori indipendenti. Il cofinanziamento da parte UE può arrivare al 100% dei costi diretti ammissibili per quanto riguarda la ricerca, al 70% per l’innovazione, a meno che non si tratti di ONG. Ogni bando avrà un termine di scadenza per la presentazione delle domande, che potranno essere formalizzate attraverso un portale unico. I primi bandi saranno ufficialmente lanciati l’11 dicembre.

In contemporanea, il Consiglio e il Parlamento europeo hanno approvato il 7° Programma di Azione Ambientale dell’UE , che guiderà le scelte politiche europee in materia di politica ambientale e climatica per i prossimi sette anni. Proposto dalla Commissione nel novembre 2012, il Programma individua nove obiettivi prioritari fino al 2020 che si possono riassumere nella protezione della natura e nel rafforzamento della resilienza ecologica, nel supporto alla crescita sostenibile a basso tenore di carbonio, nonché efficiente dal punto di vista delle risorse; e nella lotta alle minacce per la salute.

Il Programma stabilisce un quadro di riferimento per sostenere la realizzazione di questi obiettivi attraverso l’implementazione delle conoscenze scientifiche e il supporto agli investimenti, oltre ad una migliore attuazione della legislazione ambientale dell’UE. Ecco perché d’ora in avanti il 7° Programma e Horizon 2020 lavoreranno in stretta sinergia sia a livello nazionale che regionale. Non a caso, in questa occasione il Commissario all’Ambiente Potočnik ha dichiarato: “Sono molto lieto che il nuovo Programma sia stato approvato formalmente. Abbiamo tutti bisogno di renderci conto che la difesa ambientale e le sfide climatiche sono essenziali anche perché rappresentano un’opportunità di crescita a lungo termine e di benessere sociale. Lavorerò a stretto contatto con gli Stati membri, il Parlamento Europeo, le autorità regionali e locali, le imprese e le ONG per iniziare ad attuare il Piano così da raggiungere gli obiettivi ambiziosi che ci siamo prefissati entro il 2020 “.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende