Home » Campioni d'Italia »Rubriche » HUMANA, il valore sociale e ambientale di un abito usato:

HUMANA, il valore sociale e ambientale di un abito usato

gennaio 31, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Liberarsi dei vecchi jeans fuori taglia, del cappotto o di altri capi del guardaroba attraverso la filiera del riuso può provocare diversi effetti positivi sul nostro pianeta. A iniziare dalla riduzione dei costi economici ed ecologici legati alle discariche o all’incenerimento dei rifiuti. Se gli abiti poi sono in buone condizioni viene meno anche il senso del riciclo (inteso come processo industriale) per recuperare le fibre che, seppur lodevole, provoca comunque un impatto sull’ambiente. Per raggiungere l’obiettivo di una filiera tessile circolare in Italia serve però una piccola grande rivoluzione culturale rispetto ai paesi del Nord Europa, dove è consuetudine acquistare abiti usati e dove prosperano i negozi di seconda mano.

A cercare di sostenere, concretamente, questa rivoluzione nel Belpaese, ci prova dal 1998 la filiale nazionale di HUMANA People to People, l’organizzazione umanitaria di origine danese che nel 2016 ha raccolto abiti usati per oltre 20,3 milioni di chili, arrivati a 21 milioni nel 2017, grazie ai cittadini che li conferiscono in circa 5.000 contenitori collocati in 49 province. Un lavoro che coinvolge ben 1.180 partner, ovvero amministrazioni comunali, consorzi ed imprese del settore utilities.

All’associazione sono orgogliosi del metodo circolare che hanno contribuito a mettere in moto: “Più del 70% dei vestiti è riutilizzato in quanto tale. Il 25% circa è riciclato per recuperare le fibre e solo una minima parte, meno del 5%, è destinata al recupero energetico“. A fornire i numeri è la responsabile della comunicazione Stefania Tiozzo, che sottolinea le ottime performance in termini di impatto ambientale: “Nel 2016 la CO2 risparmiata è stata pari a 73,2 milioni di chili e nello stesso anno abbiamo permesso un risparmio di acqua di oltre 122 miliardi di litri“. Ma per tener fede alla multidimensionalità dello sviluppo sostenibile (come suggerisce l’economista e sociologo Ignacy Sachs), a Humana si rendicontano anche l’impatto economico – 3 milioni di euro risparmiati dalle amministrazioni pubbliche – e quello sociale, con 53 progetti di sviluppo sostenuti nel 2016, in particolare in Africa ed Asia, per un valore di 1,4 milioni di euro.

L’aspetto determinante dell’attività di Humana resta però la vendita degli abiti recuperati nei negozi. “Non è stato facile in Italia, ma complice la crisi e l’emergere di una maggiore sensibilità ambientale, negli ultimi  anni siamo cresciuti in modo esponenziale: allo storico negozio di Milano, aperto nel 2006,  dal 2014 se ne sono aggiunti altri 5. Abbiamo aperto anche a Roma e Torino. Tre sono dedicati al vintage, con abbigliamento degli anni 60/70/80/90 e altri tre li definiamo second hand essenzialmente con modelli della stagione precedente”. Stefania Tiozzo ci tiene a  sottolineare che la filosofia ambientale si tocca letteralmente con mano anche nell’arredamento: “E’ realizzato con materiali riciclati”. Sui negozi si punta molto perché la vendita al dettaglio permette di ottenere margini più alti e quindi “più risorse per i progetti”.

La scelta della vendita per raccogliere fondi fa parte della mission generale dell’organizzazione. Una parte degli abiti estivi, adeguati al contesto climatico, viene spedita infatti alle filiali africane: 1.322.500 chili nel 2016, divisi tra Mozambico, Zambia, Malawi ed Angola. Qui i vestiti sono venduti dalle consociate locali di HUMANA a prezzi contenuti. L’obiettivo è quello di rendere accessibili capi di buona qualità a prezzi ridotti, ma senza creare quell’assistenzialismo che si verificherebbe se gli abiti venissero regalati: “L’idea alla base della nostra filiera è di creare sviluppo e consentire l’avvio di un circuito economico virtuoso anche nei paesi africani. Gli abiti sono donati solo in casi di emergenza – discorso che vale anche in Italia – ma si preferisce vendere, creare occupazione e investire gli utili nei progetti di sviluppo”.

Al di là delle considerazioni umanitarie e delle riflessioni sui metodi della cooperazione internazionale, il metodo Humana ha un grande risvolto culturale e ambientale per il nostro Paese perché, come si diceva, promuove il consumo del “seconda mano” e dell’abito usato. La raccolta degli abiti usati, negli ultimi anni, ha riempito tuttavia le pagine della cronaca giudiziaria grazie a inchieste che hanno svelato traffici sporchi e affari poco trasparenti che hanno indignato i cittadini. Per questo a Humana Italia ci tengono a spiegare le caratteristiche del fenomeno: “Il cittadino deve essere consapevole e deve essere più attento nel capire a chi dona, così come tutte le amministrazioni che devono attuare controlli ferrei su tutta la filiera– sottolinea Tiozzo – La vera cooperazione la facciamo insieme”.

Un dato che spesso “destabilizza” le persone è, in realtà, proprio scoprire che gli abiti vengono venduti e non donati. “Ma per esperienza diretta – prosegue la responsabile comunicazione - una volta spiegato il meccanismo le persone si rendono conto della sensatezza di questo passaggio della filiera. Le persone di norma credono, per tradizione, che gli abiti conferiti nei contenitori vadano direttamente ai poveri. Il vestito venduto, invece, può essere uno strumento per ottenere risorse maggiori per realizzare diversi obiettivi“. Certamente è bene distinguere con attenzione tra gli operatori: c’è chi ha finalità commerciali (legittime se dichiarate), chi devolve piccolissimi importi ad associazioni (di cui appongono gli adesivi sui contenitori), ma che vengono usate come esca per attirare i donatori pur restando la finalità di lucro quella principale. E poi ci sono le cooperative che creano lavoro, spesso per categorie svantaggiate, e infine operatori come Humana o la Caritas che investono gli introiti in progetti sociali o ambientali. Serve dunque chiarezza e per questo Humana, conclude Tiozzo, “grazie alla propria filiera si impegna sempre a rispettare il mandato del cittadino che, con grande generosità, conferisce i propri indumenti nei nostri contenitori”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende