Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi:

Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi

marzo 29, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Fiumi soffocati dal cemento, stretti tra autostrade e insediamenti industriali, violentati da decenni di attività estrattive senza limiti e con una sempre minore biodiversità. Non stanno tanto bene i nostri corsi d’acqua, vittime di una concezione dello sviluppo illimitato e senza attenzione per le ricadute ecologiche delle attività umane. Non solo quelle industriali, ma pure quelle turistiche ed agricole. Non sono bastate le due Direttive dell’Unione Europea – la direttiva quadro acque 2000/60 e la direttiva alluvioni 2007/60 - che mirano alla tutela dello stato naturale delle acque  e alla mitigazione dei rischi idraulici, ovvero esondazioni e inondazioni che negli ultimi anni hanno flagellato campagne e centri abitati.

Eppur, qualcosa, si muove. Sono diverse le azioni che hanno (ri)portato la vita nei nostri fiumi con una diminuzione delle fonti di inquinamento grazie a una gestione sostenibile dei corsi d’acqua. Modelli da studiare e replicare con interventi pilota. Questo l’obiettivo del progetto Hymo Cares che vede insieme 13 enti distribuiti in sei diversi Paesi europei.

Uno dei protagonisti del piano, cofinanziato dal Programma Interreg Spazio Alpino, è il CIRF che sta per Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale. “Ci sono le due direttive europee, ma l’applicazione concreta sul territorio spesso si scontra con la mancanza di modelli operativi condivisi. Abbiamo un’incoerenza tra scala nazionale e locale” spiega il direttore del centro Andrea Goltara che denuncia “la persistenza di alcuni falsi miti come la gestione dei sedimenti. Non vanno eliminati, anzi. I fiumi non sono solo acqua che scorre ma anche sedimenti trasportati e questi, gestiti in modo più naturale e riducendo alterazioni e discontinuità, rappresentino una risorsa importante in grado di garantire preziosi servizi eco sistemici, quali la mitigazione del rischio idrogeologico, la ricarica delle falde, il mantenimento di paesaggio e la biodiversità“.

C’è da rispettare la dinamica naturale dei fiumi. “Il progetto cerca una soluzione per trovare un equilibrio tra esigenze economiche ed ecologiche. I corsi d’acqua si possono gestire in modo adeguato solo con uno sguardo ampio che abbraccia l’intero bacino – sottolinea Goltara – Faccio un esempio concreto: se costruisco una diga si vedono gli effetti a valle solo dopo un decennio. L’abbassamento dell’alveo può essere il risultato della costruzione di impianti, di dighe che hanno alterato la dinamica del fiume. I danni che si creano con una gestione non sostenibile sono ecologici ma pure economici“. Serve una pedagogia degli interventi più adeguati.

In concreto il programma tende a far incontrare mondo scientifico e mondo politico-tecnico-amministrativo con i privati. “Pensiamo ai gestori degli impianti idroelettrici che hanno l’obbligo di gestire i sedimenti, ma non sanno come farlo nella pratica. Vogliamo sperimentare delle modalità di gestione attraverso il confronto tra esperti di diversi Paesi, grazie alle esperienze dei territori che hanno gestito in modo sostenibile i corsi d’acqua”.

Le buone pratiche non si trovano solo oltre i confini nazionali, ne abbiamo numerose anche in casa. C’è un grande capitale di esperienze, tutto da valorizzare, ad esempio, a Bolzano. La Provincia Autonoma è all’avanguardia nella sperimentazione concreta. Ne abbiamo parlato con Nicola Marangoni, che ci ha illustrato uno dei casi modello. Quello del torrente Aurino, che scorre nella nella Valle Aurina e dove “dal 2003, sono stati portati avanti alcuni interventi di riqualificazione per 16 km lineari. Uno dei più validi esempi di valorizzazione ecologica a livello nazionale e internazionale attraverso un approccio interdisciplinare“. Competenze diverse messe sul tavolo per un piano di gestione integrale.

Alcuni tratti del torrente fino agli anni ’70 erano sottoposti ad un’intesa attività estrattiva, con il prelievo di materiale ghiaioso. Dal 2003 via ai lavori attraverso “l’allargamento dell’alveo, l’abbassamento delle sponde e la riattivazione di rami laterali dismessi, l’innalzamento del fondo (compromesso da attività estrattiva) e costruzione di rampe con massi ciclopici”. Un intervento corposo, come spiega l’esperto: “Queste opere sono state orientate a modificare sezioni e profili in maniera irregolare in modo da ricreare sulle sponde e in alveo gli  habitat idonei all’avi fauna. Si sono usati massi ciclopici e tronchi di legno morto ancorati al fondo per ricreare delle nicchie per anfibi e pesci”. La vita che ritorna, grazie a competenza e buon senso ecologico.

Gian Basilio Nieddu






 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende