Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi:

Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi

marzo 29, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Fiumi soffocati dal cemento, stretti tra autostrade e insediamenti industriali, violentati da decenni di attività estrattive senza limiti e con una sempre minore biodiversità. Non stanno tanto bene i nostri corsi d’acqua, vittime di una concezione dello sviluppo illimitato e senza attenzione per le ricadute ecologiche delle attività umane. Non solo quelle industriali, ma pure quelle turistiche ed agricole. Non sono bastate le due Direttive dell’Unione Europea – la direttiva quadro acque 2000/60 e la direttiva alluvioni 2007/60 - che mirano alla tutela dello stato naturale delle acque  e alla mitigazione dei rischi idraulici, ovvero esondazioni e inondazioni che negli ultimi anni hanno flagellato campagne e centri abitati.

Eppur, qualcosa, si muove. Sono diverse le azioni che hanno (ri)portato la vita nei nostri fiumi con una diminuzione delle fonti di inquinamento grazie a una gestione sostenibile dei corsi d’acqua. Modelli da studiare e replicare con interventi pilota. Questo l’obiettivo del progetto Hymo Cares che vede insieme 13 enti distribuiti in sei diversi Paesi europei.

Uno dei protagonisti del piano, cofinanziato dal Programma Interreg Spazio Alpino, è il CIRF che sta per Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale. “Ci sono le due direttive europee, ma l’applicazione concreta sul territorio spesso si scontra con la mancanza di modelli operativi condivisi. Abbiamo un’incoerenza tra scala nazionale e locale” spiega il direttore del centro Andrea Goltara che denuncia “la persistenza di alcuni falsi miti come la gestione dei sedimenti. Non vanno eliminati, anzi. I fiumi non sono solo acqua che scorre ma anche sedimenti trasportati e questi, gestiti in modo più naturale e riducendo alterazioni e discontinuità, rappresentino una risorsa importante in grado di garantire preziosi servizi eco sistemici, quali la mitigazione del rischio idrogeologico, la ricarica delle falde, il mantenimento di paesaggio e la biodiversità“.

C’è da rispettare la dinamica naturale dei fiumi. “Il progetto cerca una soluzione per trovare un equilibrio tra esigenze economiche ed ecologiche. I corsi d’acqua si possono gestire in modo adeguato solo con uno sguardo ampio che abbraccia l’intero bacino – sottolinea Goltara – Faccio un esempio concreto: se costruisco una diga si vedono gli effetti a valle solo dopo un decennio. L’abbassamento dell’alveo può essere il risultato della costruzione di impianti, di dighe che hanno alterato la dinamica del fiume. I danni che si creano con una gestione non sostenibile sono ecologici ma pure economici“. Serve una pedagogia degli interventi più adeguati.

In concreto il programma tende a far incontrare mondo scientifico e mondo politico-tecnico-amministrativo con i privati. “Pensiamo ai gestori degli impianti idroelettrici che hanno l’obbligo di gestire i sedimenti, ma non sanno come farlo nella pratica. Vogliamo sperimentare delle modalità di gestione attraverso il confronto tra esperti di diversi Paesi, grazie alle esperienze dei territori che hanno gestito in modo sostenibile i corsi d’acqua”.

Le buone pratiche non si trovano solo oltre i confini nazionali, ne abbiamo numerose anche in casa. C’è un grande capitale di esperienze, tutto da valorizzare, ad esempio, a Bolzano. La Provincia Autonoma è all’avanguardia nella sperimentazione concreta. Ne abbiamo parlato con Nicola Marangoni, che ci ha illustrato uno dei casi modello. Quello del torrente Aurino, che scorre nella nella Valle Aurina e dove “dal 2003, sono stati portati avanti alcuni interventi di riqualificazione per 16 km lineari. Uno dei più validi esempi di valorizzazione ecologica a livello nazionale e internazionale attraverso un approccio interdisciplinare“. Competenze diverse messe sul tavolo per un piano di gestione integrale.

Alcuni tratti del torrente fino agli anni ’70 erano sottoposti ad un’intesa attività estrattiva, con il prelievo di materiale ghiaioso. Dal 2003 via ai lavori attraverso “l’allargamento dell’alveo, l’abbassamento delle sponde e la riattivazione di rami laterali dismessi, l’innalzamento del fondo (compromesso da attività estrattiva) e costruzione di rampe con massi ciclopici”. Un intervento corposo, come spiega l’esperto: “Queste opere sono state orientate a modificare sezioni e profili in maniera irregolare in modo da ricreare sulle sponde e in alveo gli  habitat idonei all’avi fauna. Si sono usati massi ciclopici e tronchi di legno morto ancorati al fondo per ricreare delle nicchie per anfibi e pesci”. La vita che ritorna, grazie a competenza e buon senso ecologico.

Gian Basilio Nieddu






 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende