Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi:

Hymo Cares: parte da Bolzano il progetto europeo per rinaturalizzare i fiumi

marzo 29, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Fiumi soffocati dal cemento, stretti tra autostrade e insediamenti industriali, violentati da decenni di attività estrattive senza limiti e con una sempre minore biodiversità. Non stanno tanto bene i nostri corsi d’acqua, vittime di una concezione dello sviluppo illimitato e senza attenzione per le ricadute ecologiche delle attività umane. Non solo quelle industriali, ma pure quelle turistiche ed agricole. Non sono bastate le due Direttive dell’Unione Europea – la direttiva quadro acque 2000/60 e la direttiva alluvioni 2007/60 - che mirano alla tutela dello stato naturale delle acque  e alla mitigazione dei rischi idraulici, ovvero esondazioni e inondazioni che negli ultimi anni hanno flagellato campagne e centri abitati.

Eppur, qualcosa, si muove. Sono diverse le azioni che hanno (ri)portato la vita nei nostri fiumi con una diminuzione delle fonti di inquinamento grazie a una gestione sostenibile dei corsi d’acqua. Modelli da studiare e replicare con interventi pilota. Questo l’obiettivo del progetto Hymo Cares che vede insieme 13 enti distribuiti in sei diversi Paesi europei.

Uno dei protagonisti del piano, cofinanziato dal Programma Interreg Spazio Alpino, è il CIRF che sta per Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale. “Ci sono le due direttive europee, ma l’applicazione concreta sul territorio spesso si scontra con la mancanza di modelli operativi condivisi. Abbiamo un’incoerenza tra scala nazionale e locale” spiega il direttore del centro Andrea Goltara che denuncia “la persistenza di alcuni falsi miti come la gestione dei sedimenti. Non vanno eliminati, anzi. I fiumi non sono solo acqua che scorre ma anche sedimenti trasportati e questi, gestiti in modo più naturale e riducendo alterazioni e discontinuità, rappresentino una risorsa importante in grado di garantire preziosi servizi eco sistemici, quali la mitigazione del rischio idrogeologico, la ricarica delle falde, il mantenimento di paesaggio e la biodiversità“.

C’è da rispettare la dinamica naturale dei fiumi. “Il progetto cerca una soluzione per trovare un equilibrio tra esigenze economiche ed ecologiche. I corsi d’acqua si possono gestire in modo adeguato solo con uno sguardo ampio che abbraccia l’intero bacino – sottolinea Goltara – Faccio un esempio concreto: se costruisco una diga si vedono gli effetti a valle solo dopo un decennio. L’abbassamento dell’alveo può essere il risultato della costruzione di impianti, di dighe che hanno alterato la dinamica del fiume. I danni che si creano con una gestione non sostenibile sono ecologici ma pure economici“. Serve una pedagogia degli interventi più adeguati.

In concreto il programma tende a far incontrare mondo scientifico e mondo politico-tecnico-amministrativo con i privati. “Pensiamo ai gestori degli impianti idroelettrici che hanno l’obbligo di gestire i sedimenti, ma non sanno come farlo nella pratica. Vogliamo sperimentare delle modalità di gestione attraverso il confronto tra esperti di diversi Paesi, grazie alle esperienze dei territori che hanno gestito in modo sostenibile i corsi d’acqua”.

Le buone pratiche non si trovano solo oltre i confini nazionali, ne abbiamo numerose anche in casa. C’è un grande capitale di esperienze, tutto da valorizzare, ad esempio, a Bolzano. La Provincia Autonoma è all’avanguardia nella sperimentazione concreta. Ne abbiamo parlato con Nicola Marangoni, che ci ha illustrato uno dei casi modello. Quello del torrente Aurino, che scorre nella nella Valle Aurina e dove “dal 2003, sono stati portati avanti alcuni interventi di riqualificazione per 16 km lineari. Uno dei più validi esempi di valorizzazione ecologica a livello nazionale e internazionale attraverso un approccio interdisciplinare“. Competenze diverse messe sul tavolo per un piano di gestione integrale.

Alcuni tratti del torrente fino agli anni ’70 erano sottoposti ad un’intesa attività estrattiva, con il prelievo di materiale ghiaioso. Dal 2003 via ai lavori attraverso “l’allargamento dell’alveo, l’abbassamento delle sponde e la riattivazione di rami laterali dismessi, l’innalzamento del fondo (compromesso da attività estrattiva) e costruzione di rampe con massi ciclopici”. Un intervento corposo, come spiega l’esperto: “Queste opere sono state orientate a modificare sezioni e profili in maniera irregolare in modo da ricreare sulle sponde e in alveo gli  habitat idonei all’avi fauna. Si sono usati massi ciclopici e tronchi di legno morto ancorati al fondo per ricreare delle nicchie per anfibi e pesci”. La vita che ritorna, grazie a competenza e buon senso ecologico.

Gian Basilio Nieddu






 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende