Home » Bollettino Europa »Rubriche » I biocarburanti infiammano la Settimana Europea della Mobilità:

I biocarburanti infiammano la Settimana Europea della Mobilità

settembre 16, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

È bufera sui biocarburanti. Il Parlamento Europeo ha approvato il limite all’uso di quelli di prima generazione nell’UE. Si tratta del tipo di biocarburanti che ha origine da colture alimentari (come mais, colza, olio di palma) e che non dovrà superare il 6% del consumo finale di energia nel settore dei trasporti entro il 2020, rispetto all’obiettivo del 10% della legislazione vigente. Mentre viene inserito un nuovo target del 2,5% per i biocarburanti di seconda generazione, quelli prodotti da alghe, scarti e rifiuti. Una decisione controversa che ha visto l’Assemblea di Strasburgo spaccata quasi a metà.

Non solo i rappresentanti politici europei, del resto, non sono unanimi nel giudizio su questi tipi di carburante. Per molte associazioni ambientaliste  la decisione del Parlamento non è stata abbastanza forte, per i produttori di biodiesel, al contrario, si tratta di una scelta che invia un segnale sbagliato ai cittadini.

Da una parte, quindi, chi considera la decisione un compromesso a causa del quale aumenteranno la povertà e i disastri ambientali (poiché, dicono i contrari, pur riconoscendo il danno dei biocarburanti alle colture alimentari, L’Europa decide di continuare a sostenerli dal punto di vista finanziario). Dall’altra parte della barricata il mondo dell’industria, secondo il quale l’UE non può permettersi di mettere a rischio 220mila posti di lavoro basandosi solo sulla questione del “cambio indiretto di destinazione d’uso dei terreni”.

A gettare benzina sul fuoco arriva poi uno studio americano presentato dallo European Biodiesel Board che rivela l’inadeguatezza dei modelli scientifici applicati dalla Commissione UE nell’ambito della valutazione dell’impatto dei biocarburanti sui terreni.

La ricerca dal titolo: “Land use change greenhouse gas emissions of european biofuel policies utilizing the Global trade analysis project (Gtap)sostiene, infatti, che le emissioni indirettamente provocate dai campi coltivati per la produzione di biocarburanti (Iluc, Indirect Land Use Change) sono il 95% in meno di quelle calcolate dall’Ifpri, International food policy research institute, per conto della Commissione. Gli Iluc calcolati usando l’ultima versione del Gtap sarebbero molto meno di quelli calcolati dall’Ifpri nel 2011. Nello specifico, per quanto riguarda il biodiesel si registra un valore di 2,33gCO2eq/MJ, a fronte dell’attuale 55g Co2 eq/MJ assegnato dalle ricerche di Bruxelles. La grande discrepanza è dovuta, secondo lo studio, soprattutto a una migliore comprensione dell’uso della terra, del rendimento dei raccolti e dell’uso delle foreste nell’Unione Europea, Canada e Usa.

La divergenza dei risultati riapre dunque, ancora una volta, la questione della validità scientifica dell’Iluc per decidere la politica dei biocarburanti. Ma sembra costituire anche una non trascurabile base scientifica a favore dei produttori di biocarburante che, dopo la decisione del Parlamento Europeo, si sono espressi definendo “semplicistiche” le conclusioni relative all’Iluc.

La polemica sui biocarburanti, neanche a farlo apposta, tiene banco proprio nella Settimana che Bruxelles dedica alla Mobilità. Al grido di “Clean air – It’s your move!”, la European Mobility Week dal 16 al 22 settembre coinvolgerà più di duemila città europee. Quest’anno la campagna sarà dedicata alla sensibilizzazione circa l’impatto dei trasporti sulla qualità dell’aria per migliorare la salute e il benessere dei cittadini puntando a modificare il loro approccio alla mobilità urbana. Il traffico è infatti, come noto, una fonte crescente di inquinamento atmosferico, in particolare quando si tratta di particolato e biossido di azoto. Le autorità locali hanno quindi la responsabilità di sviluppare le strategie di trasporto urbano in grado di soddisfare la domanda di mobilità, proteggere l’ambiente, migliorare la qualità dell’aria e rendere la città un posto migliore in cui vivere. Anche alla luce del fatto che l’edizione 2013 della Settimana Europea della Mobilità coincide con l’Anno Europeo dell’Aria.

Centrale l’accento posto sull’importanza delle nostre scelte quotidiane, su quei piccoli gesti che, tuttavia, possono fare la differenza. Ma i cittadini non possono nulla se al fianco della loro volontà non ci sono opzioni di trasporto alternative o incentivi verso forme di mobilità a minore impatto ambientale.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende