Home » Bollettino Europa »Rubriche » I biocarburanti infiammano la Settimana Europea della Mobilità:

I biocarburanti infiammano la Settimana Europea della Mobilità

settembre 16, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

È bufera sui biocarburanti. Il Parlamento Europeo ha approvato il limite all’uso di quelli di prima generazione nell’UE. Si tratta del tipo di biocarburanti che ha origine da colture alimentari (come mais, colza, olio di palma) e che non dovrà superare il 6% del consumo finale di energia nel settore dei trasporti entro il 2020, rispetto all’obiettivo del 10% della legislazione vigente. Mentre viene inserito un nuovo target del 2,5% per i biocarburanti di seconda generazione, quelli prodotti da alghe, scarti e rifiuti. Una decisione controversa che ha visto l’Assemblea di Strasburgo spaccata quasi a metà.

Non solo i rappresentanti politici europei, del resto, non sono unanimi nel giudizio su questi tipi di carburante. Per molte associazioni ambientaliste  la decisione del Parlamento non è stata abbastanza forte, per i produttori di biodiesel, al contrario, si tratta di una scelta che invia un segnale sbagliato ai cittadini.

Da una parte, quindi, chi considera la decisione un compromesso a causa del quale aumenteranno la povertà e i disastri ambientali (poiché, dicono i contrari, pur riconoscendo il danno dei biocarburanti alle colture alimentari, L’Europa decide di continuare a sostenerli dal punto di vista finanziario). Dall’altra parte della barricata il mondo dell’industria, secondo il quale l’UE non può permettersi di mettere a rischio 220mila posti di lavoro basandosi solo sulla questione del “cambio indiretto di destinazione d’uso dei terreni”.

A gettare benzina sul fuoco arriva poi uno studio americano presentato dallo European Biodiesel Board che rivela l’inadeguatezza dei modelli scientifici applicati dalla Commissione UE nell’ambito della valutazione dell’impatto dei biocarburanti sui terreni.

La ricerca dal titolo: “Land use change greenhouse gas emissions of european biofuel policies utilizing the Global trade analysis project (Gtap)sostiene, infatti, che le emissioni indirettamente provocate dai campi coltivati per la produzione di biocarburanti (Iluc, Indirect Land Use Change) sono il 95% in meno di quelle calcolate dall’Ifpri, International food policy research institute, per conto della Commissione. Gli Iluc calcolati usando l’ultima versione del Gtap sarebbero molto meno di quelli calcolati dall’Ifpri nel 2011. Nello specifico, per quanto riguarda il biodiesel si registra un valore di 2,33gCO2eq/MJ, a fronte dell’attuale 55g Co2 eq/MJ assegnato dalle ricerche di Bruxelles. La grande discrepanza è dovuta, secondo lo studio, soprattutto a una migliore comprensione dell’uso della terra, del rendimento dei raccolti e dell’uso delle foreste nell’Unione Europea, Canada e Usa.

La divergenza dei risultati riapre dunque, ancora una volta, la questione della validità scientifica dell’Iluc per decidere la politica dei biocarburanti. Ma sembra costituire anche una non trascurabile base scientifica a favore dei produttori di biocarburante che, dopo la decisione del Parlamento Europeo, si sono espressi definendo “semplicistiche” le conclusioni relative all’Iluc.

La polemica sui biocarburanti, neanche a farlo apposta, tiene banco proprio nella Settimana che Bruxelles dedica alla Mobilità. Al grido di “Clean air – It’s your move!”, la European Mobility Week dal 16 al 22 settembre coinvolgerà più di duemila città europee. Quest’anno la campagna sarà dedicata alla sensibilizzazione circa l’impatto dei trasporti sulla qualità dell’aria per migliorare la salute e il benessere dei cittadini puntando a modificare il loro approccio alla mobilità urbana. Il traffico è infatti, come noto, una fonte crescente di inquinamento atmosferico, in particolare quando si tratta di particolato e biossido di azoto. Le autorità locali hanno quindi la responsabilità di sviluppare le strategie di trasporto urbano in grado di soddisfare la domanda di mobilità, proteggere l’ambiente, migliorare la qualità dell’aria e rendere la città un posto migliore in cui vivere. Anche alla luce del fatto che l’edizione 2013 della Settimana Europea della Mobilità coincide con l’Anno Europeo dell’Aria.

Centrale l’accento posto sull’importanza delle nostre scelte quotidiane, su quei piccoli gesti che, tuttavia, possono fare la differenza. Ma i cittadini non possono nulla se al fianco della loro volontà non ci sono opzioni di trasporto alternative o incentivi verso forme di mobilità a minore impatto ambientale.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende