Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » I crimini dei bracconieri vengono sempre alla luce, anche se non c’è luna:

I crimini dei bracconieri vengono sempre alla luce, anche se non c’è luna

dicembre 18, 2012 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Con il racconto “Anche se non c’è la luna” di Giovanni Contarino, vincitore a parimerito nella Sezione Racconti Adulti, prosegue la pubblicazione dei testi premiati nella prima edizione del concorso letterario su tema naturalistico “Michele Lessona”.

Le ricerche erano in corso, quando la campana della chiesa del villaggio batté le sei. Il sole abbandonava la valle e la montagna porgeva la sua ombra ai tetti delle case.

Guardie forestali e uomini del paese setacciavano da alcune ore il bosco, là dove la luce del sole lotta ogni giorno per farsi spazio tra gli alberi secolari.

Elia era andato col padre di mattina presto a mettere in ordine il deposito degli attrezzi, una cascina che si trovava in prossimità del bosco, a circa trecento metri dalla loro casa. Di lì poi si era allontanato.

“E non è ancora tornato”. Questo aveva detto suo padre agli uomini della forestale, mentre teneva per mano la moglie che guardava la montagna in silenzio.

“Non capisco perché la gente non viene mai quassù. Se lo facesse ci sarebbero meno persone arrabbiate in giro e il mio papà non dovrebbe litigare con tutti nel negozio. Invece stanno tutti a casa a guardare la tivù e a bere vino, poi escono e si mettono a parlare di quello che ha fatto o non ha fatto la figlia di quello o di quell’altro e litigano, litigano, litigano tutti. Che palle. Che ne dici, Goccia? Non ho ragione? Qua è bellissimo. Certo, dirai, infatti l’hai scelto come casa tua. Chissà da quanto tempo sei qua. Anche tu sei bellissimo, sai? Non avevo mai visto così da vicino un animale come te e anche se te ne stai su quella roccia così distante, sei comunque più vicino di quanto io non sia mai stato a un lupo.

Come va lassù? Cosa vedi da lì? Io da qui vedo il villaggio, vedo il tetto di casa mia e la piazza dove vado a giocare. Certo a quest’ora saranno tutti preoccupati, ma non è la prima volta che sparisco per un paio d’ore. Poi torno, lo sanno. Sono grande ormai, ho dodici anni e mezzo e so cavarmela perfettamente.

Goccia, dai, perché non vieni più vicino? Lo so che per te è già tanto avvicinarti così, però dai, vieni più vicino, dai. Non ti faccio niente.

E pensare che secondo le favole, che mi raccontavano da piccolo, dovrei essere io ad avere paura di te. Dai, Goccia, vieni qui, ti do un po’ di pane. Lo so, lo so che tu vuoi la carne, però quella non ce l’ho. Avevo un po’ di salame nel panino e te l’ho già tirato, ma tu non l’hai voluto. Dai, Goccia. Siamo amici, vero?”

La campana aveva appena battuto le nove, quando una guardia forestale, attraversando una radura sotto la luce della luna, notò qualcosa di strano vicino a una grande roccia e trovò, nascosto sotto degli arbusti, il corpo di Elia. Vicino a lui c’erano due rami spezzati, macchiati di sangue, e più a destra il suo berretto. Un solco mostrava che il corpo era stato trascinato per qualche metro e tutto intorno furono individuati due tipi diversi di impronte  adulte.

All’ingresso della radura c’erano brandelli di stoffa, probabilmente di pantaloni, e un guanto mezzo coperto dalle foglie. Vicino a quello un paio di cartucce.

“Ok, Goccia. Dimmi che sabato prossimo ti troverò di nuovo lì, su quella roccia, promettimelo. Ti porterò una bistecca e io mangerò un panino, così pranzeremo insieme. Siamo amici io e te. Ci conto. Adesso vado a casa, ho una gran fame e nessuna voglia di sentire i rimproveri della Mamma. Papà se ne sarà già  beccato qualcuno, tipo che non mi ha tenuto d’occhio, che mi ha permesso di allontanarmi, ecc. Lo sai come sono le mamme, no? Anche tu l’hai avuta una mamma. Chissà se ti rimproverava. Aveva la stessa macchia a forma di goccia, che hai tu sul muso? Magari ce l’aveva tuo padre. Anche io e mio padre abbiamo una cosa in comune, questa fossetta sul mento. La vedi? Ce l’aveva anche mio nonno.

Goccia, me lo fai un regalo? Mi fai un bell’ululato anche se non c’è la luna? Dai, ulula, Goccia. Dai! Così, Goccia, uuuuuuuuu! Così!”

Passarono quattro giorni prima che i due assassini venissero arrestati, grazie al ritrovamento del corpo di un lupo nella cantina della casa di uno dei due e dei pantaloni dell’altro in un cassonetto. In paese si diceva che erano anni che cercavano di incastrarli, perché avevano ucciso almeno una trentina di lupi, ma nessuno era mai riuscito a beccarli con le mani nel sacco. Per prenderli c’era voluto Elia, che quella mattina si era trovato nel punto mediano fra l’errore partorito dalla canna del loro fucile e il muso bianco del suo amico.

Giovanni Contarino

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

aprile 19, 2018

LaF TV: una speciale programmazione “green” per l’Earth Day 2018

laF, il canale satellitare del gruppo editoriale Feltrinelli (Sky 139) dedica all’Earth Day di domenica 22 aprile una speciale rassegna a tema “green”, che accompagnerà l’intero daytime di programmazione. Alle 10.55 il documentario “Spira Mirabilis” di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, vincitore del Green Drop Award alla 73ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, esplora i concetti di immortalità e rigenerazione [...]

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

aprile 17, 2018

Global Energy Prize Summit: al Politecnico di Torino il confronto sul mix energetico del futuro

Al Politecnico di Torino arriva la settima edizione del Global Energy Prize Summit. Il 18 aprile scienziati di importanza mondiale, politici ed esperti del settore di otto nazioni si incontreranno all’Energy Center, dalle 9.30 alle 13.00, per discutere delle più urgenti questioni riguardanti energia e clima nella conferenza “Modelisation & simulation of energy mix in [...]

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

aprile 14, 2018

Le tre anime “green” di Vinitaly 2018: Bio, Vivit e Fivi

Vini biologici, biodinamici, artigianali, a Vinitaly 2018 – in programma dal 15 al 18 aprile – ogni espressione dell’enologia “ecologica” trova il suo spazio espositivo e commerciale. Anche quest’anno saranno due gli spazi speciali nel Padiglione 8 (quello più “green” del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati): VinitalyBio e Vivit – Vite Vignoioli Terroir. A [...]

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

aprile 10, 2018

Green Mobility: il presente dell’elettrico nella visione di Legambiente

Una mobilità a emissioni zero, capace di garantire qualità dell’aria e salute, controllo del cambiamento climatico e in grado di innescare meccanismi virtuosi di green economy. Infrastrutture efficienti e mezzi sicuri per cittadini liberi di muoversi, tutti, più di oggi, anche se sempre meno “proprietari” del mezzo. Non è uno scenario futuribile, ma il domani alle [...]

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

aprile 4, 2018

Morini Rent: ecco i primi van elettrici per la logistica “zero emission” di PMI e privati

Morini Rent – il gruppo italiano fondato a Torino, che opera dal 1949 nel settore del noleggio di auto, veicoli commerciali e isotermici – arricchisce da oggi la propria offerta allargando la flotta di 2.600 mezzi con i Van Ɛ-Morini Full Electric. Morini Rent metterà dunque a disposizione dei propri clienti i Van Citroën Berlingo [...]

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

aprile 3, 2018

ANIE Rinnovabili: nei primi mesi 2018 crescono fotovoltaico e idroelettrico

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili – l’associazione di Confindustria che raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti e quelle fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione nei settori del fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico – nei primi due mesi del 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e [...]

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

marzo 27, 2018

Banca Etica e FS Italiane insieme per riqualificare le stazioni ferroviarie dismesse

Il finanziamento e l’attuazione di progetti per la riqualificazione e il riuso sociale, ambientale e culturale di circa 450 stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse del network di Rete Ferroviaria Italiana. Questi i temi del Protocollo d’intesa firmato ieri a Milano da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane e da [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende