Home » Rubriche »Very Important Planet » I have a “green”dream. Ecco il sogno di Riccardo Iacona:

I have a “green”dream. Ecco il sogno di Riccardo Iacona

settembre 24, 2010 Rubriche, Very Important Planet

Riccardo Iacona, Courtesy of claudiocaprara.irI have a dream: marciapiedi di prato, giardini ovunque e balconi traboccanti di fiori e di piante”. Riccardo Iacona, giornalista e autore per Rai3 di Presa Diretta, uno dei programmi d’inchiesta più seguiti della tv (3 milioni di spettatori), sogna per la sua città, Roma, un’invasione di ossigeno e vegetazione. Impossibile? Lui dice di no e spiega perché.

D) Per lavoro non sta mai fermo, su e giù per l’Italia a girare reportage. Ma quando torna nella Capitale come la trova? Sporca, inquinata o, tutto sommato, vivibile?

R) Roma è una città straordinaria dal punto di vista della vegetazione. Parchi enormi, sia in centro che in periferia. Non c’è grande strada che non abbia la sua lunga fila d’alberi ad ombreggiare il cemento, prendiamo il Lungo Tevere ad esempio, una zona pazzesca. Peccato che poi sia molto inquinata, di quello smog che si sente in gola quando cammini o vai in bicicletta.

D) Quindi servirebbe investire di più in piste ciclabili?

R) Servirebbe moltissimo. Il modello è Parigi: quanto ha creduto nella mobilità sulle due ruote e quanto è più avanti di noi… Ma il mio piccolo sogno sarebbe costruire a Roma marciapiedi di prato al posto che in cemento, trasformarla in un gigantesco giardino. Ci sarebbe più umidità, respireremmo meglio e daremmo lavoro a un sacco di giardinieri!

D) Ci sembra poco probabile…

R) Non credo sia impossibile tecnicamente. Ci sarà pure un modo per studiare banchine drenanti che tengano bene quando piove - forse anche meglio dell’asfalto, che è un moltiplicatore dei danni? Pensiamo a quante foglie intasano le fogne con le alluvioni. Se solo potessimo ridistribuirle qua e là per rinverdire un po’ le nostre strade e le nostre case…

D) Se diventasse assessore all’ambiente del Comune di Roma rivoluzionerebbe il verde pubblico, abbiamo capito. Ma sul fronte trasporti? Funziona tutto bene?

R) No, certo. E’ proprio il trasporto il grande problema della città. Confrontiamoci con Milano: lì ci sono ormai da anni zone off limits alle auto. Si sono attrezzati bene con la metropolitana. Non parliamo di Londra o, torno a citarla, Parigi. Avanti anni luce. Se io fossi un politico a Milano farei un patto con i cittadini: entro 15 anni niente più auto, porterei qui più ossigeno che sulle montagne.

D) Bello sognare, ma la realtà è ben altra. Neanche riusciamo a far funzionare le ZTL per poche ore al giorno. Secondo lei, a quale paese dobbiamo ispirarci per migliorare?

R) Alla Germania. Lo dico perché la conosco bene, ho appena girato lì una parte della mia inchiesta sul nucleare. Ma anche i paesi scandinavi sono all’avanguardia. Non hanno un raggio di sole e usano meglio di noi le energie rinnovabili. E noi? Torniamo al nucleare e neanche abbiamo più il partito dei verdi, la rappresentanza politica in Parlamento che si dovrebbe interessare ai problemi dell’ambiente. In Italia partiamo da un vantaggio evidente: abbiamo il sole, il mare, le coste battute dal vento. Ma quanto siamo lontani dagli obiettivi del 20-20-20, il pacchetto clima previsto dall’Unione Europea!

D) Che ne pensa del decreto Ronchi che impone, per legge, di privatizzare la gestione dell’acqua?

R) E’ una cosa terribile. La solita privatizzazione all’italiana per cui si dovrebbe liberalizzare il mercato e invece si dà solo il destro al clientelismo politico, al malfunzionamento, all’aumento dei costi per i cittadini. Se con la precedente legislazione i comuni erano liberi di scegliere il modo che ritenevano migliore per gestire le risorse idriche, ora il controllo da parte dei privati è imposto per legge. Risultato? Nei consigli comunali non si parlerà più di acqua, entrerà in un cono d’ombra, unica verifica finale le nostre bollette.

D) Il problema non è però che ci sono delle realtà in cui la gestione pubblica non ha funzionato, altre in cui invece ha dimostrato di funzionare benissimo?

R) Certo. Esempio fra tutti Milano: società virtuosissima e tutta pubblica. Il decreto Ronchi è un atto di forza, l’ennesima dimostrazione della poca democrazia sostanziale che c’è nel nostro Paese.

D) Il Governo ha anunciato di voler costruire in Italia 8 nuove centrali. Nella sua inchiesta sul nucleare andata in onda domenica scorsa, lei intervista un importante epidemiologo tedesco che dimostra una realtà inquietante: nelle zone limitrofe alle centrali aumenta di 3 volte il rischio di leucemia per i bambini. Stiamo facendo una scelta sciagurata?

R) Non sono ideologicamente contrario al nucleare. I paesi che ce l’avevano ne hanno tratto il buono. Ora, visti gli enormi costi di manutenzione anche da spente, la difficoltà di smaltire i rifiuti e la pericolosità, si stanno riconvertendo alle energie alternative. Prendiamo ancora una volta il caso Germania. Il governo Merkel potrebbe anche cadere su questo: i tedeschi sono profondamente contrari all’ulteriore sfruttamento dell’energia atomica. La Cancelliera, comunque, ha promesso di far slittare in avanti lo spegnimento definitivo delle centrali, ma nel frattempo di raccogliere soldi da usare in futuro per le rinnovabili. E mentre gli altri smantellano, noi torniamo adesso al nucleare, investendo in centrali che saranno pronte se va bene fra 15 anni. Assurdo.

D) Veniamo a lei e alla sua realtà quotidiana. Che rapporto ha con l’ambiente naturale? Cammina in montagna, ama il mare?

R) Ora che mi ci fa pensare mi viene la tristezza…Non ricordo l’ultima volta che ho avuto un contatto con la natura! Nell’ultimo anno neanche un giorno di vacanza. Quindi niente mare, che adoro, niente giornate sotto l’ombrellone a leggere. Sono stato un velista in passato, molti anni sull’Atlantico. La scorsa estate ho portato mio figlio a fare un corso d’immersione all’Argentario.

D) Temperatura d’inverno in casa sua?

R) Fa sempre freddo. Sto via per giorni e capita che quando torno debba puntare il riscaldamento al massimo. Purtroppo nella casa in cui vivo non ci sono ancora sistemi di riscaldamento intelligente, non si riesce a risparmiare un granchè.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

gennaio 23, 2017

Bardonecchia promuove l’Ecoskipass: treno + sci costa meno!

Dal lunedì al venerdì (escluso il periodo di Pasqua dal 24 al 29 marzo) tutti coloro che si recheranno a sciare nella stazione piemontese di Bardonecchia, utilizzando i treni in partenza da Torino potranno ritirare l’”ecoskipass” al prezzo speciale di 26€, anziché 36€. Sarà sufficiente presentare il biglietto del treno all’ufficio skipass di Piazza Europa (proprio di fronte [...]

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

gennaio 20, 2017

Air-gun, gli spari che danneggiano fauna marina, pesca e turismo. Consegnata la petizione per ricorso al TAR

Ieri a Roma, presso la sede di rappresentanza della Regione Puglia, la Presidente di Marevivo Rosalba Giugni e il Presidente della Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio, hanno consegnato ufficialmente, al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il testo della petizione lanciata a dicembre da Marevivo e che ha già raccolto, sulla piattaforma Change.org, 45 mila firme nel [...]

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

gennaio 20, 2017

P&G annuncia il primo flacone di shampoo con plastica riciclata raccolta sulle spiagge

La multinazionale Procter & Gamble ha annunciato ieri che Head & Shoulders, il proprio brand n. 1 al mondo per lo shampoo, produrrà il primo flacone riciclabile al mondo, nel settore hair care, realizzato con una percentuale fino al 25& di plastica proveniente dalla raccolta sulle spiagge. In partnership con gli esperti di TerraCycle – [...]

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

gennaio 17, 2017

A Rimini tornano i “Giardini d’Autore”

“Giardini d’Autore“, la mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini, presso il Parco Federico Fellini, location dal fascino intramontabile, per l’edizione di primavera 2017, in programma dal 17 al 19 marzo. La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia. Un appuntamento [...]

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

gennaio 17, 2017

Italia Nostra su Parco Alpi Apuane: “Bisogna tutelare un ecosistema unico al mondo”

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, in Toscana, è nato nel 1985 in seguito a una proposta di legge di iniziativa popolare per tutelare dagli scempi estrattivi una catena montuosa unica al mondo, impervia e affacciata sul mare, con una biodiversità eccezionale (vede la presenza del 50% delle specie vegetali riconosciute in Italia, 28 habitat [...]

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

gennaio 16, 2017

“Presidente Trump, ci sorprenda!”. La campagna ambientalista per sensibilizzare il nuovo inquilino della Casa Bianca

Venerdì 20 gennaio, in concomitanza con l’insediamento alla Casa Bianca del nuovo presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, i presidenti di alcune associazioni ambientaliste italiane si ritroveranno in Piazza Barberini a Roma, per presentare la campagna “Surprise us, President Trump!”. La Campagna nasce, come azione “preventiva”, a seguito delle preoccupazioni destate, tra gli ambientalisti di [...]

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

gennaio 13, 2017

AAA Provvedimenti Attuativi Cercasi. Il ritardometro di Assorinnovabili per pungolare la politica

La normativa c’è ma non è applicabile. Questa è oggi la situazione nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Risultato? Se ne parla tanto, i politici si riempono la bocca di “green”, ma lo stallo rischia di danneggiare gravemente l’intero comparto delle rinnovabili e dell’efficienza energetica. Le regole, spiega Assorinnovabili, dunque ci sono, ma mancano [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende