Home » Bollettino Europa »Rubriche » I ministri europei raggiungono l’intesa sulla pesca, ora la palla passa al Parlamento:

I ministri europei raggiungono l’intesa sulla pesca, ora la palla passa al Parlamento

maggio 20, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Al grido di “give fish a chance”, la scorsa settimana fuori dalla sede del Consiglio Ue a Bruxelles è andata in scena la protesta di diverse organizzazioni ambientaliste. L’occasione è stata quella del meeting su agricoltura e pesca che, soprattutto se quest’ultimo tema, ha tenuto impegnati i leader dei Paesi membri, tra i quali la neo ministra per le Politiche agricole Nunzia De Girolamo. Infatti, mentre sul marciapiede pescatori issati sopra ad un camion trasformato per l’occasione in una nave attiravano la curiosità dei passanti, all’interno dell’edificio era in corso il vertice dei ministri che dovevano, insieme, trovare un compromesso sulla riforma della Politica comune della pesca (PCP).

Dopo due giorni e una notte di discussioni, i negoziati sono finalmente giunti al termine. L’intesa, cui si è opposta solo la Svezia, prevede una riduzione progressiva al 5% dei “rigetti” in mare del pescato non commercializzabile rispetto al 7% precedentemente indicato. Si tratta di tutte le forma di vita marina pescate diverse dalle prede intenzionali, che vengono ributtate in mare. Sono considerati “scarti” e comprendono gli esemplari della specie ricercata la cui taglia non è conforme, più altre specie che non si mangiano o non hanno mercato, specie vietate o a rischio d’estinzione. Alcuni pesci, inoltre, sono rigettati unicamente perché il peschereccio non ha la licenza per portarli a terra, o perché non c’è spazio sull’imbarcazione.

La riforma del settore dovrebbe trovare applicazione progressiva a partire dal primo gennaio 2014, cominciando dalle specie oceaniche, mentre saranno in vigore per quelle del Mediterraneo e del Mar Nero solo dal primo gennaio 2017. Nel 2015 il divieto riguarderà le specie del Baltico, e da inizio 2016 quelle del mare del Nord e delle acque nord e sudoccidentali. Sono inoltre state previste alcune esenzioni: una autorizza i rigetti del 9% delle catture i due primi anni di entrata in vigore delle nuove norme, che nei due successi scende all’8% e poi al 7% nella fase finale. E’ stata inoltre introdotta la possibilità di usare comunque i pesci sbarcati per fini caritativi. Con l’obiettivo di garantire uno sviluppo il più sostenibile possibile delle attività economiche ad esso legate, la presidenza di turno irlandese punta a formalizzare l’accordo entro la fine di maggio. ”Spero di essere alla vigilia di un’intesa definitiva sulla riforma della politica della pesca” ha detto il ministro irlandese Simon Coveney. La palla passa ora al Parlamento Europeo. L’intesa raggiunta dal Consiglio dovrà, infatti, essere discussa dagli Eurodeputati che, fino ad ora, si sono sempre espressi in favore dell’introduzione di un divieto assoluto ai “rigetti” in mare.

Si tratta di una vittoria per le associazioni di ambientalisti che da tempo chiedono la fine di questa pratica per ripopolare le acque marine. Oltre alla questione dei rigetti, la riforma della pesca affronta anche la regionalizzazione e delle dimensioni delle flotte nazionali. Per la prima volta si tiene in considerazione la pesca artigianale che rappresenta l’80% dei pescherecci di meno di 12 metri e il 70% dei posti di lavoro.

L’ultimo Consiglio non si è, tuttavia, concentrato solo sulla pesca, ma i ministri hanno riflettuto anche sul futuro dell’agricoltura biologica europea. I ministri hanno dichiarato che ci vuole più ambizione in un settore dove la domanda supera ampiamente l’offerta. Il biologico per crescere, ha sottolineato il Consiglio, ha bisogno di chiarimenti e semplificazione e anche di essere incluso nelle attuali proposte di riforma della Pac, valutando se ci sono ulteriori possibilità di fornire sostegni finanziari. Con un punto fermo: il divieto assoluto di impiegare Ogm nelle produzioni bio. Il Consiglio europeo ricorda, infine, che ”la Commissione ha incluso nel suo programma di lavoro per il 2013 l’adozione di una proposta legislativa per la revisione del regolamento sulla produzione biologica”. All’esecutivo di Bruxelles i ministri hanno suggerito alcuni interventi precisi. Per esempio, la riduzione al minimo delle eccezioni nei regolamenti con più flessibilità nell’applicare le norme di produzione. Segue poi l’adozione di un sistema efficiente attraverso l’attribuzione univoca delle responsabilità e sanzioni armonizzate su tutto il territorio UE. Si invita, inoltre, a varare linee guida per garantire un’equa concorrenza e il corretto funzionamento del mercato interno dei prodotti bio. Migliorando i meccanismi per facilitarne il commercio internazionale e assicurando che le procedure d’importazione non creino svantaggi agli operatori europei. Valutando, infine, la fattibilità dei certificati d’importazione elettronici per rafforzare le procedure di controllo alle frontiere. L’ultimo suggerimento riguarda invece l’incoraggiamento al consumo bio anche tramite l’informazione on-line e campagne specifiche.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende