Home » Bollettino Europa »Rubriche » I Verdi francesi sbancano alle elezioni ma dicono “no” al nuovo Governo:

I Verdi francesi sbancano alle elezioni ma dicono “no” al nuovo Governo

aprile 7, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Le ultime elezioni amministrative francesi non rimarranno nella storia solo per il successo segnato dal Front National – il partito di estrema destra guidato da Marine Le Pen – che mette a segno una vittoria storica conquistando 10 città. Anche il partito dei verdi d’Oltralpe, Europe Écologie – Les Verts (EELV), infatti, si è attestato tral’11 e il 12% a livello nazionale, espugnando 27  comuni con più di 1.000 abitanti e strappando Grenoble al Partito Socialista (PS). Contrariamente a quanto riportato dalla stampa italiana (con la sola eccezione di Monica Frassoni su Huffington Post) sono loro il vero “terzo partito” di Francia!

Inutile dire che, ancora più appassionante della corsa alle urne e dello spoglio che decreta vincitori e vinti, sono gli scenari che si aprono subito dopo. La corsa alle alleanze, le poltrone che saltano i nuovi volti politici, i soliti noti. E la Francia durante la settimana appena trascorsa non ha fatto eccezione.

Dopo che il partito “della Rosa nel Pugno” ha incassato una batosta senza precedenti, perdendo 151 amministrazioni con più di 10.000 abitanti, François Hollande si è visto costretto a nominare un nuovo Governo. Alla guida Manuel Valls, l’esponente della destra socialista che, almeno secondo i sondaggi, sembra però piacere molto alla gauche. A questo punto è cominciato come d’obbligo il toto-ministri per scoprire la nuova compagine dell’esecutivo francese post-rimpasto. Da segnalare un nome su tutti, quello di Ségolène Royal nominata Ministra dell’Ambiente dello Sviluppo Sostenibile e dell’Energia. L’ex candidata alle elezioni presidenziali del 2007 si è già messa al lavoro ed il giorno dopo il suo insediamento ha annunciato la sua intenzione di rispolverare lo spinoso dossier “ecotassa” che tra gli autotrasportatori aveva provocato un forte movimento di protesta ,i cosiddetti “Berretti Rossi”.

L’Ecotassa per mezzi pesanti (TPL), è una tassa chilometrica che ha come obiettivi principali la riduzione degli impatti ambientali del trasporto su strada delle merci e l’erogazione di risorse per lo sviluppo e la manutenzione delle infrastrutture di trasporto. Interessa tutti i veicoli adibiti al trasporto merci con peso superiore a 3,5 tonnellate che circolano sui 15.000 chilometri della rete stradale nazionale e dipartimentale francese, i quali la pagano attraverso il sistema Telepass. La storia di questa misura è davvero bizzarra. Sospesa per ben tre volte – sarebbe dovuta, infatti, entrare in vigore il 20 luglio 2013, poi il 1 ottobre, poi il 1 gennaio 2014 – è stata ulteriormente rimandata dall’ormai ex Governo intimorito dalle violente proteste attorno ad un ulteriore carico fiscale. Tuttavia, se la riforma venisse davvero approvata – da notare che la Royal ha già cautamente fatto marcia indietro dicendo che il tema è stato riportato in auge per ristabilire un dialogo attorno ad esso - lo Stato potrebbe recuperare 900 milioni di Euro all’anno.

I temi ambientali intrecciano la storia politica della Francia anche da un altro punto di vista. Nel discorso alla Nazione che ha seguito la pesante sconfitta elettorale, il Presidente Hollande ha parlato, infatti, di energia. Ha confermato che tra il 2025 e il 2028 l’elettricità di origine nucleare sarà ridotta del  75% (e non del 50%), che verranno chiuse le centrali nucleari più vecchie e le energie rinnovabili saranno fortemente incrementate. Il tutto è contenuto in un progetto di legge sulla transizione energetica che sarà presentato in Consiglio dei Ministri a giugno. Obiettivi ambiziosi che chi meglio di esponenti politici del partito dei Verdi potrebbero aiutare a realizzare? Tutti si aspettavano, infatti, la partecipazione di Europe Écologie – Les Verts al nuovo Governo, alla luce anche della brillante performance elettorale. E la proposta del nuovo premier Vals non si è fatta attendere, ai Verdi è stato offerto esattamente il Ministero incaricato di mettere in pratica la transizione energetica. Ma, colpo di scena, proprio mentre Monsieur le Président distruggeva il mito del nucleare francese, l’ufficio esecutivo dell’ EELV approvava a maggioranza la decisione di non entrare nel neonato Esecutivo.  A questo punto il partito si è spaccato e tra le voci più critiche per quanto riguarda la decisione c’è il deputato verde François-Michel Lambert che, a dir poco furioso, ha definito “una follia” il voto del suo Partito evidenziando l’enorme frattura tra i parlamentari e le istanze dei dirigenti.  Lambert ha, infatti, confermato che 12 deputati Verdi su 15, e 9 senatori su 10 si sono pronunciati per rimanere al Governo. Tuttavia, hanno prevalso le questioni personali e i conti in sospeso con il PS. “Sono sconvolto dall’immaturità del mio Partito”, ha poi sentenziato.

Dall’altro lato Emmanuelle Cosse, la segretaria nazionale, ha spiegato che i Verdi francesi forniranno un “appoggio esterno vigilante”. E ha aggiunto: “Gli ecologisti sosterranno senza dubbi il Governo ogni volta che s’impegnerà sulla strada del progresso e dell’ecologia, ma si opporranno quando quest’ultima non sarà all’ordine del giorno”. È proprio il fatto di avere tenuto – e di tenere ancora – in secondo piano le tematiche green che la Cosse non perdona ai Socialisti. “Dal 2012 i Verdi hanno fatto la scelta di partecipare al cambiamento e al Governo sulla base di un mandato preciso. Questa collaborazione ha permesso dei progressi su un certo numero di temi (soprattutto alloggi e sviluppo) ma anche il fallimento su alcune lotte emblematiche, dal gas di scisto agli Ogm”, ha sottolineato la segretaria. Certo è che, al di là dell’incompatibilità delle idee delle varie parti, la scelta di “restare a guardare” ha il sapore di una strategia messa abilmente in campo in vista delle elezioni europee di maggio. Rimanere ai margini della bufera che sta oggi attraversando la sinistra francese potrebbe, infatti, aumentare le chances dei Verdi sul palcoscenico UE.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende