Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”:

Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”

Dal 1700 coltivano in armonia con la natura. La famiglia Baruffaldi da generazioni abita e cura i frutti della terra nell’Oltrepo Pavese e produce vino naturale, “oltre il biologico” (come tengono a ribadire) con il marchio Castello di Stefanago, che prende il nome dalla stupenda tenuta a Fortunago. ”In realtà abbiamo sempre fatto così, questa è la nostra filosofia produttiva. Negli anni ’90 è poi arrivata la possibilità della certificazione  biologica e abbiamo aderito”.

Giacomo Baruffaldi completa il pensiero, perché non sia solo uno slogan, sottolineando che la “legge sul biologico è un compromesso”. Al ribasso, fa intendere. Ma nella loro tenuta, con quello che chiamano “vino naturale” si va oltre: “La solforosa è concessa dal disciplinare biologico fino a 150 milligrammi per litro, noi al massimo tocchiamo i 40! La definizione di vino naturale è ben più restrittiva rispetto alle norme della legge del biologico. Noi aderiamo all’associazione  VinNatur, che raggruppa le aziende che lavorano al naturale assumendone le regole”. Un manifesto di politica agricola: “L’associazione intende preservare l’individualità del vino dall’omologazione chimica che tecnologia e industrializzazione hanno portato nelle attività vitivinicole”.

Chiarissimo. Ma i Baruffaldi non sono dei “fondamentalisti rurali” che viaggiano su binari ideologici, sanno che il vino deve piacere, non è pura filosofia. E il loro vino, accudito con questo spirito quasi paterno, piace – ai consumatori e ai critici.

“La nostra azienda si estende su 140 ettari in un unico corpo, ma solo 20 ettari sono dedicati a vigneti, poi sono boschi, siepi, seminativi, in un equilibrio assoluto e a favore della biodiversità. La natura si auto difende senza bisogno di intervenire forzatamente con la chimica”, spiega Giacomo “l’umanista” di famiglia, mentre il fratello Antonio è agronomo ed enologo e la sorella Antonietta cura i rapporti con i clienti.

Il successo di questa azienda è proprio nelle radici, nelle tradizioni e nei legami familiari con i luoghi di produzione: “Siamo qui da generazioni, viviamo il territorio e questo ci permette di conoscerne la capacità produttiva e sapere dove poter impiantare e dove evitare di farlo”.  “Il vino si fa nel vigneto“, ricorda Giacomo parlandoci di un lavoro in vigna molto più attento del “convenzionale”, dove la tutela dell’ambiente è condizione necessaria.

Il mercato di Castello di Stefanago oggi è soprattutto estero, per l’80%. “In Italia l’attenzione per questi vini ha iniziato a manifestarsi solo da un paio d’anni. Il Giappone invece assorbe molto vino naturale e un altro mercato importante è quello USA, cosi come quello francese.  I francesi sono clienti importanti: il nostro patrimonio genetico è superiore, ma loro hanno tanta cultura del vino. I nostri vini finiscono soprattutto a Parigi, e qui le nazionalità dei clienti sono infinite…”.

Giacomo è comunque ottimista anche sul futuro del mercato italiano. “Sono sempre positivo, c’è un buon trend di crescita, continuiamo a investire. Credo molto nel mercato domestico, stiamo creando una nostra piccola rete di vendita che è in contino divenire: abbiamo iniziato a Roma e ora stiamo arrivando anche a Milano, dove si assiste ad una sorta di boom. Complice anche una certa ‘moda del vino’ che ha diffuso la cultura enologica a livelli mai visti prima. Paradossalmente è merito degli scandali alimentari che hanno aumentato la vigilanza, l’attenzione, la ricerca di un prodotto sano”.

Ma il futuro dell’azienda di famiglia viaggia anche nelle mani delle nuove generazioni. C’è Carlotta, figlia di Giacomo, con studi all’Accademia d’Arte, che si occupa di valorizzare artisticamente i prodotti del Castello. E poi Jacopo, che ha allargato il tiro e insieme ad Ambrogio produce birra cruda artigianale con il marchio Stuvenagh. Sempre nei terreni della tenuta di famiglia e sempre con la stessa filosofia: “La scelta di produrre birra – ci racconta – è nata molti anni fa ma realizzata solo dal 2014. I cereali che coltiviamo in azienda sono l’orzo, che utilizziamo come base per la nostra birra e i grani antichi da panificazione, poi aromi come coriandolo, zenzero e luppolo. Coltiviamo tutto senza l’utilizzo di prodotti chimici e rispettando ritmi naturali e biodiversità, uno degli obiettivi primari è la chiusura di filiera, che ci permetta di utilizzare materie prime nostre e sane. Al momento nella birra utilizziamo già il 50-60% di filiera locale, mentre i malti speciali arrivano da Germania e paesi anglosassoni. L’anno scorso abbiamo piantato le nostre prime piante di luppolo, ma purtroppo la siccità le ha uccise, ci riproviamo quest’anno sperando vada meglio“.

Da questa tenacia nascono birre a bassa gradazione dai nomi fantasiosi, ottime per la calura estiva, come la Lady Von Baiten “birra di segale da soma”, o la Duca di Cavedania, “birra gialla da bere a palla” o ancora la Volpe Spaziale, una IGA (Italian Grape Ale) che utilizza tra gli ingredienti il mosto d’uva e chiude il cerchio che unisce la tradizione vinicola di famiglia con la nuova avventura birraia.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende