Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”:

Il biologico del Castello di Stefanago, tra vini naturali e “volpi spaziali”

Dal 1700 coltivano in armonia con la natura. La famiglia Baruffaldi da generazioni abita e cura i frutti della terra nell’Oltrepo Pavese e produce vino naturale, “oltre il biologico” (come tengono a ribadire) con il marchio Castello di Stefanago, che prende il nome dalla stupenda tenuta a Fortunago. ”In realtà abbiamo sempre fatto così, questa è la nostra filosofia produttiva. Negli anni ’90 è poi arrivata la possibilità della certificazione  biologica e abbiamo aderito”.

Giacomo Baruffaldi completa il pensiero, perché non sia solo uno slogan, sottolineando che la “legge sul biologico è un compromesso”. Al ribasso, fa intendere. Ma nella loro tenuta, con quello che chiamano “vino naturale” si va oltre: “La solforosa è concessa dal disciplinare biologico fino a 150 milligrammi per litro, noi al massimo tocchiamo i 40! La definizione di vino naturale è ben più restrittiva rispetto alle norme della legge del biologico. Noi aderiamo all’associazione  VinNatur, che raggruppa le aziende che lavorano al naturale assumendone le regole”. Un manifesto di politica agricola: “L’associazione intende preservare l’individualità del vino dall’omologazione chimica che tecnologia e industrializzazione hanno portato nelle attività vitivinicole”.

Chiarissimo. Ma i Baruffaldi non sono dei “fondamentalisti rurali” che viaggiano su binari ideologici, sanno che il vino deve piacere, non è pura filosofia. E il loro vino, accudito con questo spirito quasi paterno, piace – ai consumatori e ai critici.

“La nostra azienda si estende su 140 ettari in un unico corpo, ma solo 20 ettari sono dedicati a vigneti, poi sono boschi, siepi, seminativi, in un equilibrio assoluto e a favore della biodiversità. La natura si auto difende senza bisogno di intervenire forzatamente con la chimica”, spiega Giacomo “l’umanista” di famiglia, mentre il fratello Antonio è agronomo ed enologo e la sorella Antonietta cura i rapporti con i clienti.

Il successo di questa azienda è proprio nelle radici, nelle tradizioni e nei legami familiari con i luoghi di produzione: “Siamo qui da generazioni, viviamo il territorio e questo ci permette di conoscerne la capacità produttiva e sapere dove poter impiantare e dove evitare di farlo”.  “Il vino si fa nel vigneto“, ricorda Giacomo parlandoci di un lavoro in vigna molto più attento del “convenzionale”, dove la tutela dell’ambiente è condizione necessaria.

Il mercato di Castello di Stefanago oggi è soprattutto estero, per l’80%. “In Italia l’attenzione per questi vini ha iniziato a manifestarsi solo da un paio d’anni. Il Giappone invece assorbe molto vino naturale e un altro mercato importante è quello USA, cosi come quello francese.  I francesi sono clienti importanti: il nostro patrimonio genetico è superiore, ma loro hanno tanta cultura del vino. I nostri vini finiscono soprattutto a Parigi, e qui le nazionalità dei clienti sono infinite…”.

Giacomo è comunque ottimista anche sul futuro del mercato italiano. “Sono sempre positivo, c’è un buon trend di crescita, continuiamo a investire. Credo molto nel mercato domestico, stiamo creando una nostra piccola rete di vendita che è in contino divenire: abbiamo iniziato a Roma e ora stiamo arrivando anche a Milano, dove si assiste ad una sorta di boom. Complice anche una certa ‘moda del vino’ che ha diffuso la cultura enologica a livelli mai visti prima. Paradossalmente è merito degli scandali alimentari che hanno aumentato la vigilanza, l’attenzione, la ricerca di un prodotto sano”.

Ma il futuro dell’azienda di famiglia viaggia anche nelle mani delle nuove generazioni. C’è Carlotta, figlia di Giacomo, con studi all’Accademia d’Arte, che si occupa di valorizzare artisticamente i prodotti del Castello. E poi Jacopo, che ha allargato il tiro e insieme ad Ambrogio produce birra cruda artigianale con il marchio Stuvenagh. Sempre nei terreni della tenuta di famiglia e sempre con la stessa filosofia: “La scelta di produrre birra – ci racconta – è nata molti anni fa ma realizzata solo dal 2014. I cereali che coltiviamo in azienda sono l’orzo, che utilizziamo come base per la nostra birra e i grani antichi da panificazione, poi aromi come coriandolo, zenzero e luppolo. Coltiviamo tutto senza l’utilizzo di prodotti chimici e rispettando ritmi naturali e biodiversità, uno degli obiettivi primari è la chiusura di filiera, che ci permetta di utilizzare materie prime nostre e sane. Al momento nella birra utilizziamo già il 50-60% di filiera locale, mentre i malti speciali arrivano da Germania e paesi anglosassoni. L’anno scorso abbiamo piantato le nostre prime piante di luppolo, ma purtroppo la siccità le ha uccise, ci riproviamo quest’anno sperando vada meglio“.

Da questa tenacia nascono birre a bassa gradazione dai nomi fantasiosi, ottime per la calura estiva, come la Lady Von Baiten “birra di segale da soma”, o la Duca di Cavedania, “birra gialla da bere a palla” o ancora la Volpe Spaziale, una IGA (Italian Grape Ale) che utilizza tra gli ingredienti il mosto d’uva e chiude il cerchio che unisce la tradizione vinicola di famiglia con la nuova avventura birraia.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende