Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Il buon senso a volte può essere rivoluzionario. Intervista a Renzo Macelloni:

Il buon senso a volte può essere rivoluzionario. Intervista a Renzo Macelloni

marzo 30, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Il buon senso, a volte, può davvero essere rivoluzionario”. Parola di Renzo Macelloni, presidente della Belvedere Spa, la società mista  pubblica e privata (il 64,05% delle quote appartengono al Comune di Peccioli, la restante parte ad un azionariato diffuso composto da cittadini di Peccioli e di altri paesi della Provincia di Pisa) che gestisce la discarica situata nella frazione pecciolese di Legoli. Un impianto di smaltimento sinonimo di corretta gestione dei rifiuti, con ricadute positive per  la comunità.

La discarica di Legoli, infatti, è stata una delle prime ad avere la certificazione europea EMAS. “Da un’emergenza ambientale” dice Macelloni, che è stato anche sindaco di Peccioli, “siamo riusciti  a creare un sistema di eccellenza: vicino a Peccioli esisteva una discarica, sul finire degli anni ’80, di fatto non gestita e pericolosa per l’ambiente, utilizzata anche dai Comuni limitrofi. Abbiamo affrontato di petto la questione, mettendo in sicurezza il sito ed assumendone la gestione, consapevoli anche delle polemiche. Poi, dopo un periodo di gestione diretta da parte del Comune di Peccioli, è nata la società Belvedere SpA, nel 1997, a cui il Comune ha affidato la gestione dell’impianto di smaltimento, con il compito di reinvestirne i proventi sul territorio. Belvedere ha creato un indotto che da’ lavoro a più di trecento persone, tra posti diretti ed indiretti “.

Le attività della SpA non si limitano alla gestione della discarica: fin dai primi anni ’90, è attivo anche un impianto di teleriscaldamento che fornisce acqua calda al paese di Legoli. Grazie al movimento di turbine azionate dal biogas, inoltre, si produce energia elettrica venduta ad Enel. Sono in fase di studio di fattibilità, poi, un sistema di pale eoliche posizionate sul crinale della discarica, l’utilizzo del biogas per gli automezzi (la sperimentazione è condotta insieme alla compagnia Beyfin), la raccolta dei rifiuti tramite robot spazzini, i Dust Cart, (un progetto avviato in collaborazione con il Comune di Peccioli e la Scuola Superiore di Studi e Perfezionamento Sant’Anna di Pisa) ma, soprattutto, la dissociazione molecolare dei rifiuti. Con un sistema termo-chimico, grazie alla combustione in assenza di ossigeno (pirolisi) e con temperature ridotte (400 gradi centigradi circa), si scompongono cioé i rifiuti che, così facendo, producono un gas di risulta, detto syngas, usato per muovere turbine e produrre energia termica ed elettrica. La discarica, quindi, diventerebbe un impianto industriale in grado di produrre energia.

Oltre alle sperimentazioni, Belvedere ha però all’attivo anche progetti che sono già realtà, addirittura replicati nei paesi vicini: è il caso del fotovoltaico popolare noto come “Un ettaro di cielo”: un grande impianto fotovoltaico da 1 MW finanziato con la sottoscrizione, da parte di circa 350 cittadini di Peccioli e non solo, di un prestito obbligazionario emesso da Belvedere SpA. E proprio Belvedere si occuperà della gestione finanziaria di un progetto analogo, attivo a breve, a pochi chilometri di distanza da Peccioli, nel Comune di Terricciola.

I cittadini di Peccioli (meno di cinquemila), godono  di tariffe ed imposte comunali agevolate e di molti servizi pubblici. Macelloni è consapevole delle peculiarità del “Sistema Peccioli”e del legame con il suo territorio: “Dobbiamo convivere con le contraddizioni, non tutto è replicabile, e certe cose sono possibili solo nelle piccole realtà. Tuttavia quello che abbiamo fatto è stato possibile perché abbiamo avuto il coraggio di fare scelte difficili, senza ideologismi, mirando a risolvere i problemi concreti del territorio, con cui abbiamo un rapporto addirittura di osmosi, da cui riceviamo stimoli e a cui volgiamo darne”.

Convinto che le maggiori risorse del territorio siano le risorse umane, infatti, Macelloni non si è accontentato di quanto fatto fin’ora e, insieme ai suoi collaboratori, ha ideato un percorso formativo di alto livello, pensato per i giovani pecciolesi dai 20 ai 35 anni, un “Ecomastergratuito, della durata di quattro mesi, avviato da Febbraio. “Si sono iscritti in 120, oltre le nostra aspettative”, ha commentato Macelloni, che ha definito il Master pienamente in linea con l’attività e lo spirito di Belvedere, quasi un atto dovuto verso la comunità e, nella giornata inaugurale, ha fatto una sorpresa ai partecipanti rivelando che la società ha intenzione di premiarne due o tre, che abbiano dimostrato maggiori capacità imprenditoriali:“Vogliamo investire sui giovani, ma come al solito alla nostra maniera, concretamente: i  più meritevoli saranno proposti all’assemblea dei soci di Belvedere SpA, in sede di rinnovo degli organi societari: avranno, quindi, la possibilità di entrare a far parte del Cda di Belvedere”.“L’alto numero di iscrizioni ricevute”- ha concluso Macelloni- “è segno che tra i giovani c’è bisogno di adeguata formazione e con questo Master vogliamo dare nuovi stimoli a un territorio perché non rimanga, per così dire, seduto, in tempi di difficoltà economica e ritrovi un senso imprenditoriale, nuove idee, ragionamenti a banda larga. Insomma vogliamo che i giovani di questo territorio siano consapevoli delle sue caratteristiche eccezionali, per un rapporto biunivoco con Belvedere, perché dalle idee nascano altre idee nuove per il futuro”.

Andrea Marchetti

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende