Home » Rubriche »Very Important Planet » Il cantautore Gianmaria Testa: “E’ ora di una rivoluzione ambientalista”:

Il cantautore Gianmaria Testa: “E’ ora di una rivoluzione ambientalista”

febbraio 11, 2011 Rubriche, Very Important Planet

testa“Senti che vento tormenta le vele e le gomene delle navi nei porti, prigioniere, senti che vento tira dal mare e s’attacca alle onde e le infuria. Vento, vento da naufragare”. Già nei primi versi di Manacore, uno dei pezzi più poetici ed evocativi del grande cantautore piemontese Gianmaria Testa, riesci a respirare tutta la libertà della sua musica. Via i legacci e ogni schiavitù dalla banalità, dal quotidiano. Si vola anche dentro a una stanza, ad ascoltare i suoi brani. Che sanno di partenza, di tramonto, di un viaggio lento verso orizzonti lontani. Cullati dalla risacca delle onde del mare, che spesso ricorre nei suoi testi.

E noi, come conchiglie della battigia, prendiamo volentieri il insieme a lui. Che è ispirato da un’etica rigorosa e rispettosa, anche e soprattutto quando si tratta dei problemi dell’ambiente e delle strade da percorrere per tutelarlo.

Testa è nato in provincia di Cuneo, in una famiglia di agricoltori in cui era vivissimo l’amore per la musica e per il canto, ma ha praticato per anni la professione di capostazione ferroviario. Ha studiato da autodidatta. Ha debuttato nel ’93 e in pochi anni ha raggiunto il cuore di milioni di fan. Tanto da suonare nei più importanti teatri d’Italia. Attualmente è impegnato, insieme a Giuseppe Battiston nella tournée per lo spettacolo 18.000 giorni – Il pitone, scritto da Andrea Bajani, con la regia di Alfonso Santagata (produzione Fuorivia e Teatro Stabile).

D) Gira per l’Italia, ma poi torna sempre a casa, in provincia, in estrema campagna.  E’ per questo attaccamento alla terra che non ha mai pensato di trasferirsi in città?

R) Sì, vivo vicino ad Alba. Se posso non mi muovo, adoro la frazione piccolissima in cui sono nato, la casina che mio padre affittava. La mia famiglia mi ha cresciuto con il culto della terra. Io stesso ho fatto il contadino in passato: dovunque c’è un pezzo di terreno mi sento a casa. Non è uno slogan da parvenu, fa parte della mia genesi. Non voglio dire che non mi piacciono le città, ma sono luoghi in cui mi perdo. In campagna invece mi ritrovo.

D) Parlando di centri urbani, quali le sembrano più accoglienti?

R) Dovendo scegliere, mi butterei su città dalle misure enormi. Mi offrono la possibilità di disperdermi.

D) Qualche esempio?

R) La fredda Berlino, ma anche New York o Roma. Tra quelle di media dimensione Bologna, Tolosa, le città della Francia del Sud come Montpellier, di cui m’incantano la luce e i colori.

D) Ha mai lavorato in qualcuna di queste?

R) No. Perché scrivere canzoni, con il tempo, ha richiesto la necessità di essere in luoghi consueti. Ho l’esigenza di guardarmi attorno e dire “sono nel mio posto”. E’ difficile per me, ad esempio, scrivere in un hotel. La finalizzazione delle idee esige quotidianità. Comunque, se potessi scegliere, mi trasferirei in riva al Mediterraneo. Sono un fan del Mediterraneo. Magari in un posto tranquillo. Noi piemontesi siamo sempre stati un po’ orfani di mare. Lo sentiamo, ma non lo vediamo mai. E questa bellissima catena che ci gira attorno è protettiva, ma anche incombente. Il mare, invece, ha orizzonti larghi che ci lasciano pensare di più.

D) Negli ultimi anni le coste dell’Italia sono andate incontro a una progressiva cementificazione. Troppo spesso si specula sulla natura, pensiamo alla Sardegna. Occorre un appello a una coscienza ambientale “dal basso” per arginare questi fenomeni?

R) Ho l’impressione che dagli anni ’70 siamo tornati molto indietro. Ciascuno di noi deve sensibilizzarsi di più, rendendosi conto ad esempio che è portatore di un peccato originale, nel momento in cui guida un’automobile e inquina. Io mi metto nel mucchio dei motorizzati automuniti peccatori della società occidentale. Tuttavia, le scelte che contano le prendono gli alti vertici durante i summit mondiali. Se a Kyoto, per citarne uno, non riescono neppure a mettersi d’accordo per diminuire le emissioni di co2 perché al tal paese non conviene, qualunque nostra battaglia sarà destinata a rimanere isolata.

D) Le rivolte sociali del futuro non saranno dunque più politiche, ma ambientaliste?

R) Ci sono studi precisi che dicono che le prossime guerre si combatteranno per l’acqua. E saranno più feroci di quelle già accadute per il petrolio. Il rischio si aggrava poi quando, in paesi come il nostro, si pensa di privatizzare le risorse idriche. E’ un’imbecillità, ma ci vogliono convincere che ne verrà un beneficio per tutti. La proprietà privata di beni che utilizzano tutti finisce per arricchire solo chi riesce ad accaparrarsi le fonti. E’ una regola che vale sempre, perfino per internet, che è l’acqua delle nostre menti.

D) Come ci si può difendere?

R) Per contrastare qualsiasi bugia bisogna fare una sorta di resistenza nelle piazze. Non mollare completamente. Verranno tempi migliori anche passando attraverso un momento duro e complicato come questo. D’altronde, la nostra generazione di asperità non ne aveva forse ancora mai incontrate veramente.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

giugno 29, 2017

A Torino i veicoli elettrici ora entrano gratis nella ZTL

A Torino, i possessori di veicoli dotati di alimentazione elettrica pura potranno richiedere e ottenere il permesso ZTL Blu-A a titolo gratuito, anche se non rientrano nelle categorie attualmente autorizzate. Sono i frutti di un “provvedimento ponte” approvato martedì 27 giugno dalla giunta di Chiara Appendino, nel quadro di una revisione generale delle modalità di accesso alla ZTL [...]

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende